Skin ADV
Sabato 18 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




16.08.2018 Roè Volciano

16.08.2018 Val del Chiese Storo

17.08.2018 Idro Bagolino Anfo

16.08.2018 Bagolino Val del Chiese Storo

17.08.2018 Vestone

16.08.2018 Idro Treviso Bs Capovalle

17.08.2018 Bagolino

16.08.2018 Garda

17.08.2018 Vestone

17.08.2018



22 Luglio 2017, 09.13
Vobarno Valsabbia
Poliambulatorio Santa Maria

Cura la cataratta

di Andrea Bottoli
Torna a vedere i colori della vita! Ai tuoi occhi non sfuggira’ piu’ un dettaglio
 
La cataratta è l’opacizzazione del cristallino, lente naturale che permette di mettere a fuoco sulla retina i raggi luminosi paralleli provenienti da un oggetto posto all’infinito.
Non necessariamente è sinonimo di vecchiaia: di solito interessa gli ultracinquantenni, ma alcuni fattori possono anticiparne l’insorgere, come ad esempio nei diabetici, nei pazienti che fanno un uso prolungato di farmaci come cortisone, chemioterapici; oppure dopo ferite, traumi oculari gravi o altre malattie oculari
 
SINTOMI DELLA CATARATTA
 
Il sintomo più comune è l’annebbiamento della vista.
È come se avessimo un velo sull’occhio: inutile quindi sbattere ripetutamente le palpebre per rimuoverlo o pulire le lenti degli occhiali credendole appannate!

Diventa più difficile distinguere gli oggetti collocati negli ambienti poco luminosi e se siamo sottoposti ad una luce intensa (abbagliamento) proviamo una sensazione di fastidio (fotofobia).
Inoltre appaiono degli aloni attorno alle sorgenti luminose. I colori ci sembrano meno vivaci e in molti casi si ha la comparsa (o se già presente, l’aumento) della miopia.

Quando l’opacità del cristallino diventa molto densa non siamo più in grado di distinguere gli oggetti; in fasi molto avanzate possiamo avere la perdita anche totale della vista che però potrà essere pienamente recuperata dopo l’intervento chirurgico.
Individuati i sintomi, sarà compito del medico specialista oculista, dopo un accurato esame dell’occhio, valutare le nostre reali condizioni.
 
CURA DELLA CATARATTA: ASPORTAZIONE DEL CRISTALLINO
 
Quando il cristallino si opacizza la visione diventa sfuocata e deve essere sostituito con una lente artificiale con caratteristiche simili a quello naturale.
L’ intervento chirurgico di cataratta può essere praticato indipendentemente dal grado di opacizzazione del cristallino quando impedisca al paziente di svolgere le normali attività quotidiane.
Dopo la chirurgia della cataratta, se non sono presenti altre patologie oculari,  le probabilità di ottenere un miglioramento della vista sono eccellenti (superiori al 97%).
 
L’asportazione del cristallino è una tecnica che permette di correggere non solo la cataratta, ma anche i difetti della vista quali la miopia, l’ipermetropia e più recentemente, con l’entrata in uso delle lenti toriche, anche l’astigmatismo.
L’operazione consiste nella estrazione della lente naturale dell’occhio (cristallino) trasparente o parzialmente opacizzata e nella contemporanea introduzione di una lente artificiale (IOL) capace di correggere il difetto di vista pre-esistente. 

L’intervento di cataratta è di bassissimo impatto per il paziente in termini di dolore, riabilitazione post intervento, tempo necessario.
E’ l’intervento chirurgico più eseguito al mondo ed in Italia: se ne fanno circa 500 mila ogni anno. Mettiamo a disposizione dei pazienti i mezzi per ringiovanire la propria vista e sentirsi performanti come quando avevano 20 anni nei casi.

I pazienti che dopo i 50 anni presentano problemi nella visione da vicino hanno adesso a disposizione nuove possibilità tecnologicamente sicure e durature per correggere tutti i loro difetti di vista.
La nuova frontiera della chirurgia oculistica è quindi la sostituzione del cristallino naturale con uno artificiale, del tutto trasparente e assolutamente duraturo nel tempo.

Con due grandi vantaggi: si risolve il difetto refrattivo e si previene un intervento di cataratta che si sarebbe reso necessario più avanti negli anni.
Siamo passati dalla chirurgia della cataratta refrattiva alla chirurgia refrattiva del cristallino trasparente. La nuova diagnosi è quindi intermedia ed è appunto quella di un cristallino che già presenta qualche deficit, senza però mostrare opacità ancora significativamente invalidanti per il paziente.

Oltre a risolvere quindi problemi di opacita’ importanti , attualmente, dopo un esame accurato, e’ possibile in pazienti ultra 50enni, impiantare lenti intrazoculari che correggono la visione per lontano, la visione intermedia e la visione per vicino, garantendo finalmente al paziente l’indipendenza dagli occhiali.
 

Gli occhi sono la nostra finestra sul mondo: ci svelano la realtà, permettono di orientarci e ci guidano alla scoperta di ciò che ci circonda.
I tempi sono maturi perché i nostri pazienti abbiano il diritto di non accontentarsi di un prodotto mediocre e cerchino per sé stessi il massimo che la vita possa offrire loro.

 Dr. Andrea Bottoli
Medico Chirurgo Oculista
Istituto Clinico San Rocco (Ome)
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
14/09/2017 10:45:00
Ecografia 3D/4D in gravidanza Da questo mese di settembre è possibile effettuare questo tipo di ecografia anche presso il Poliambulatorio Santa Maria di Vobarno

24/01/2017 15:45:00
Dopo le grandi abbuffate… facciamo un controllo Il periodo natalizio da sempre rappresenta una vera e propria sfida alla nostra “linea” e più in generale al nostro desiderio di mantenere un buono stato di salute

05/02/2017 17:00:00
Psicogeriatria per la Valsabbia Un servizio rivolto all’adulto che invecchia: prevenzione, promozione e cura dell’invecchiamento patologico. Per il mede di febbraio, al Santa Maria, screeneng gratuiti

13/06/2017 10:00:00
Santa Maria Assunta di Vobarno Dopo aver visitato la nota Rocca di Sabbio Chiese, proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta della chiesa parrocchiale di Vobarno, dedicata a Santa Maria Assunta, ricca di arte e di storia.

16/01/2017 15:50:00
Speciale Inverno: i bambini e la febbre La febbre del bambino è il principale motivo di allarme per i genitori e ricorso a consulenza medica. Vediamo un po' come si manifesta e come bisogna comportarsi, tenendo conto che la febbre può essere un prezioso alleato



Altre da Valsabbia
18/08/2018

Addio al partigiano Felice

Mura Savallo è in lutto. Questo sabato mattina è spirato Felice Fiori, eroe della Resistenza. Il 3 giugno scorso aveva festeggiato il raggiungimento del secolo di vita

17/08/2018

Appuntamenti del weekend

Ecco una ricca selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana post ferragostano in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

15/08/2018

Storia semi-seria del pelo inquietante

Un’attitudine sempre più diffusa nella società moderna, soprattutto tra i più giovani, è la lotta senza quartiere contro il pelo (2)

11/08/2018

Adrenalina pura, anche senza le gambe

La neve come se fosse asfalto, il monosci come la moto, per piegare al limite facendo i conti con velocità, traiettorie e aderenza. Dopo il terribile incidente, Alessia Polita ha ritrovato in Valle Sabbia la gioia della competizione


10/08/2018

Appuntamenti del weekend

Ricco programma di eventi, spettacoli e concerti per questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e in provincia 

08/08/2018

Tuoni, fulmini e saette

Anche il territorio valsabbino è stato interessato, nei primi mesi del 2018, dall’aumento dei fenomeni temporaleschi e del numero di fulmini caduti 


07/08/2018

Contributi per la Valle Sabbia

Fondazione Comunità Bresciana, con il contributo di istituzioni e aziende private, mette a disposizione 100.000 euro per progetti legati al sociale, alla cultura, all’istruzione e alla conservazione del patrimonio

04/08/2018

«La mia terra ha buona voce»

C’è tempo fino al prossimo 30 settembre per partecipare con racconti, poesie o fotografie all’ottava edizione del concorso letterario proposto dall’associazione culturale Agape 

02/08/2018

Alberi monumentali e secolari in Valle Sabbia

A una ventina d’anni dall’ultimo censimento, le Guardie Ecologiche Volontarie della Valle Sabbia hanno effettuato una nuova ricognizione degli alberi monumentali e secolari della valle



01/08/2018

«Famiglie al museo» fa tappa a Bagolino e Capovalle

Gli appuntamenti della rassegna in programma nelle giornate di venerdì 3 e sabato 4 agosto avranno come sfondo la Casa Museo di Habitar in Sta Terra e il Museo dei Reperti Bellici 

Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia