13 Febbraio 2020, 17.49
Vobarno Valsabbia
Lettere

«Sono indignato per quanto è stato scritto»

di Paolo Maggi

Gentile redazione di “Valle Sabbia News”, mi sia permesso rispondere alla triste "Lettera firmata", del giorno 11 c.m., attribuita ad “alcuni ragazzi” e, secondo me, attribuibile anche ad alcuni suggeritori che ragazzi non sono più

 
Sono indignato per quanto è stato scritto perché offende, a mio avviso, la memoria di Giuseppe Cernecca, padre della signora Nidia alla quale Vobarno ha voluto conferire la cittadinanza onoraria, trucidato il 3 ottobre 1943 durante torbidi a Pisino (Istria).

I “ragazzi” scriventi si scagliano contro la distorsione dei fatti storici.
Bene, sappiano che essa viene realizzata quando, come hanno fatto loro, i fatti storici non vengono circostanziati. Scarnissimi sono, ad esempio, nella lettera i riferimenti documentali e ciò non depone a favore della verità storica.

Cominciamo con una disamina che vorremmo puntuale: viene scritto che l'uccisione del povero Cernecca è, a detta di storici (chi?) inverosimile. Vi fa, tuttavia, riferimento il Presidente Mattarella nel suo discorso ufficiale per il Giorno del Ricordo appena trascorso.
E' anche lui male informato? Crede in cose inverosimili contraddette dagli storici? E sì che ho sempre pensato che le massime cariche del nostro Stato disponessero di fonti autorevoli. Evidentemente mi sbagliavo.

Si sviluppano poi quattro punti ai quali rispondo così:

1) Si fa capire che i partigiani titini
non odiassero gli italiani in quanto tali, dal momento che soccorsero nostri militi che stavano per essere deportati in Germania nel settembre 1943.
In quell'episodio formazioni partigiane non si mostrarono avverse agli italiani, ma in tanti altri episodi sì e ciò era funzionale ad un disegno di azzeramento della presenza italiana in quelle zone, fortemente voluto e perseguito dal maresciallo Tito.

Deliri di un nostalgico? Non direi, visto che la Commissione congiunta storico-culturale Italiano-Slovena, che ha lavorato dal 1993 al 2000, scrive: ”Tali avvenimenti ... appaiono in larga misura il frutto di un progetto politico preordinato” (Rapporto finale dei lavori 1993-2000; R.Pupo, La tragedia delle foibe).

Tra l'altro, a sostegno di una certa tendenza ad “amare” gli italiani, a guerra finita i nostri militari che fuggivano dalla Germania passando dalla Jugoslavia vennero arrestati di nuovo e costretti a lavorare duramente.

2) Si parla di punti assolutamente improbabili
nella narrazione della Cernecca, ma non li si evidenzia e ciò non appartiene al lavoro dello storico.

3) Si afferma che la Cernecca non può essere definita una teste
perché a quei tempi era piccola (è nata nel 1936).
Questo, a mio giudizio, è un bene perché almeno non ebbe a vedere di persona lo scempio che venne fatto al corpo del padre, il cui cadavere venne disperso.
A dir il vero qualcuno la denunziò anche per diffamazione e falsa testimonianza, accuse da cui venne prosciolta il 23/10/2007.

4) Si tenta di mettere in cattiva luce la Cernecca suddetta dicendo che quando venne a Gargnano durante la RSI un suo zio era al seguito del Duce e una sua zia faceva la maestra ai figli del dittatore.
E' questa una colpa? In un'Italia che era stata largamente fascista per tutto il Ventennio?
Penso che si debbano vergognare d'essere stati fascisti quegli italiani che si macchiarono d'atrocità e non chiunque avesse a quei tempi professato il fascismo.
La zia maestra, tra l'altro, a guerra finita verrà epurata per due anni con l'interdizione dalla docenza.

Si dice, aggiungo,
nella lettera che la Cernecca è faziosa perché nelle scuole presenta i fatti a partire dal 1943 e non dalle “politiche di segregazione fasciste e [di] pulizia etnica adottata sistematicamente dagli italiani contro quelle popolazioni nel 23 anni precedenti”.
Non si considera che la signora in questione è parte offesa ed è esule.
Penso si possa perdonare ad un esule di trattare le cose con un occhio più puntato su ciò che ebbe a patire e, comunque, l'Italia non realizzò pulizie etniche di nessun genere ai confini orientali.

Posso accettare la critica di una certa politica semi-segregazionista in alcune zone istriane e giuliane.
Il nazionalismo, il fascismo e una certa voglia di revanscismo per le “truffe” subite dalla nostra diplomazia a Londra (ricordo che all'Italia erano stati promessi molti territori jugoslavi che poi entrarono nel Regno dei Serbi, Croati e Sloveni della dinastia Karageorgevic) non agevolarono i rapporti tra i vari gruppi e tnici dello scenario balcanico.

Si accusa, ancora, la Cernecca
di essere stata sempre strumentalizzata e si cita una sua letterina infantile di auguri al Duce.
Caspita, i “ragazzi” della lettera sono molto ben imboccati, pardon... informati!
Da quando è parte del lavorìo di ricostruzione storica la lettera augurale di una bimba al capo del fascismo?
Se ne scrivevano a tonnellate in Italia! (G. Raucci, Caro Duce).
Che valore vogliamo attribuirvi?

Da ultimo, non si intende accettare l'accostamento
tra la signora Cernecca e la senatrice Segre, ma lo si fa nella lettera contrapponendole come bambine perché una scrisse gli auguri al Duce mentre l'altra ha tenuto poco tempo fa un impressionante, e commovente aggiungo io, discorso al Parlamento Europeo.

Allora chiedo
: se dite che è inqualificabile accostare le due donne perché qui lo fate? Voi potete, altri no?
O gli accostamenti sono inqualificabili quando non vi fanno comodo e diventano, invece, accettabili quando corroborano le vostre tesi?

Non obietto nulla su quella che viene definita “inopportuna”, cioè la contestuale attribuzione della cittadinanza onoraria vobarnese a Cernecca e Segre solennizzando così Giorno della Memoria e Giorno del Ricordo.
Questo è un giudizio squisitamente politico e, si sa, ognuno la vede a modo suo. Non condivido, ma comprendo e rispetto.

La vostra lettera, cari “ragazzi”,
si tinge molto di rosso, un rosso ideologico che non ha nulla di cui vantarsi nei confronti del nazismo e del fascismo se non per averli sconfitti entrando a Berlino nel maggio 1945 e per il numero di morti che ha fatto, purtroppo di molto superiore a quello delle due dittature europee che ci precipitarono nella Seconda guerra mondiale. Benedetta anche dai Russi comunisti che la vinsero, con gli Alleati, ma la iniziarono anch'essi attaccando la Finlandia e la Polonia nel 1939 e privando di un'indipendenza da pochissimo raggiunta gli stati baltici.

Ah, dimenticavo, massacrando anche i quadri dell'Armata Nazionale Polacca (foresta di Katyn) incolpandone i nazisti.

Cordiali saluti. Prof. Paolo Maggi, Vallio Terme



Vedi anche
11/10/2018 05:59

A favore dell’idea sul reddito di cittadinanza Gentile direttore, vorrei confutare quanto scritto nella lettera dal sig. Ferroni sul tema del reddito di cittadinanza in quanto ritengo che l’idea di fondo, sulla quale si basa la manovra fiscale del governo, sia la chiave per far ripartire l’economia reale

18/05/2014 12:27

STAI ZITTA! Mi chiamo Sabina Ettacani e sono la moglie di Federico Ferroni che, qualche giorno fa, ha chiesto di pubblicare su Vallesabbianews la lettera intitolata “Ma quanto vale un lago?”

04/03/2012 09:19

Gavardo: l'assessore risponde «Le chiedo gentilmente spazio nella sua rubrica per rispondere alla lettera al Direttore di sabato 3 marzo titolata “Dove sono gli aiuti alle famiglie?”.

13/02/2019 07:29

Meno business e più amore per l'ambiente Vorrei con la presente rispondere almeno in parte al sig. Sindaco di Salò e a quanto da lui dichiarato nella lettera pubblicata dal Giornale di Brescia, che mi ha lasciato alquanto perplesso ed amareggiato...

06/10/2014 15:19

Sportello affitti, l'assessore gavardese risponde «Gentilissimo Direttore, le chiedo gentilmente spazio per rispondere alla lettera firmata da una mia concittadina, in merito la scelta operata dall'amministrazione di Gavardo di non aderire allo "sportello affitto"»



Altre da Valsabbia
14/08/2020

Festa dell'Assunta, la «Pasqua dell'estate»

Non ci saranno quest’anno le sagre di paese in occasione del Ferragosto, ma non mancheranno le celebrazioni presso i santuari mariani e le diverse parrocchiali dedicate all’Assunzione di Maria

14/08/2020

Weekend di Ferragosto

Avrei voluto, come lo scorso anno, segnalarvi sagre, feste, concerti e fuochi d'artificio sul Garda ma quest'anno non sarà così. Alcuni eventi però sono possibili, in osservanza delle norme anti-Covid, e di questi parliamo volentieri.

14/08/2020

«Al passo del Chiese», tappa al lago d'Idro

Sono giunti ieri sera stanchi ma soddisfatti i partecipanti al “Cammino al passo del Chiese”. Tante le persone incontrate lungo il tragitto

13/08/2020

«Al passo del Chiese» arriva in Valsabbia

Nella terza tappa del cammino lungo il Chiese, ieri Mirko Savi e i suoi accompagnatori sono passati da Gavardo per giungere a Roè Volciano da dove oggi ripartiranno per Idro

10/08/2020

Ciao dottore

Felice Mangeri, lo straordinario diabetologo che ha curato centinaia di pazienti con percorsi innovativi, non c’è più. Aveva 60 anni

09/08/2020

Un cammino di crescita e consapevolezza

È terminata con una traversata in battello da Riva a Salò il trekking “terapeutico” sull’Alto Garda con gli educatori della coop. Area per 12 ragazzi che si trovano in regime di “messi alla prova” dal Tribunale dei Minorenni

08/08/2020

In cammino al passo del Chiese

Prenderà il via lunedì 10 agosto da Acquanegra sul Chiese per giungere domenica 16 agosto in Val di Fumo il percorso a tappe di Mirko Savi e altri 4 suoi amici per lanciare un messaggio di salvaguardia del fiume Chiese

08/08/2020

Un nuovo corso per Oss a prezzo agevolato

Il prossimo 24 agosto al via il nuovo corso di formazione per Operatori socio sanitari promosso da CMVS, Valle Sabbia Solidale, Solco Brescia e Consorzio Laghi presso l'ex centrale di Barghe, un’iniziativa a sostegno della ripartenza occupazionale post Covid-19

07/08/2020

Alle superiori lezioni in aula a rotazione

Due settimane in classe e due a casa, con l'ormai consolidata didattica a distanza. È l'ipotesi su cui si lavora per la riapertura delle scuole a settembre, unitamente ad ingressi scaglionati e aumento delle corse dei mezzi pubblici

07/08/2020

Scuole verso la riapertura, in campo le risorse statali

I fondi stanziati con il Decreto rilancio e i Pon per l'edilizia leggera aiuteranno gli istituti bresciani a ripartire con le dovute misure dopo l'emergenza sanitaria. Contributi in arrivo anche per diversi Comuni valsabbini