Skin ADV
Giovedì 21 Settembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


L'alba sul mar...

L'alba sul mar...

di Antonella Di Simine



19.09.2017 Vobarno

19.09.2017 Gavardo Vallio Terme Villanuova s/C

19.09.2017 Lavenone

20.09.2017 Vestone Barghe Valsabbia

19.09.2017 Vobarno

20.09.2017 Valtenesi

19.09.2017 Odolo

20.09.2017 Prevalle

20.09.2017 Idro

20.09.2017 Valsabbia






09 Luglio 2017, 06.51
Vobarno Bagolino Anfo Lavenone Valsabbia
La nostra storia

Quando passò il vicerè

di Beppe Biati
Sulla visita in Valle Sabbia di Ranieri Giuseppe Giovanni Michele Francesco Geronimo d'Asburgo, arciduca d'Austria (Pisa, 30 settembre 1783 – Bolzano, 16 gennaio 1853), primo viceré del Lombardo-Veneto

Luglio 1823: numerosi patrioti bresciani si trovano in carcere a Milan; una nuova retata della sospettosa polizia austriaca è in corso.
Al delegato provinciale di Brescia, il giorno 15, mediante dispaccio, viene comunicata la visita del vicerè Ranieri: una visita di passaggio, ma tale da mettere in notevole apprensione le autorità locali, che devono provvedere agli alloggi e ai ricevimenti; l’augusta coppia ed il loro corteo devono trovare sul loro percorso strade agevoli.

La Valle Sabbia, a quel tempo, avrebbe presentato solo strade dissestate se il vice-delegato provinciale non si fosse affrettato a disporre che venisse tolto indilatamente qualunque siasi disordine.

Ed ecco che ingegneri, periti, impresari, operai sono invitati ad ispezionare le strade e ad eseguire i lavori suggeriti. Se nella borghese Salò si raccomanda di far assicurare le ante delle boteghe contro il muro (…) per dare alle strade tutta la sua larghezza in piena libertà, lungo le strade della agricola Valle Sabbia, a sicurezza del passaggio degli Augusti personaggi e il loro seguito, non deve ritrovarsi alcun carro sugli stradali stessi.

Inoltre, nel tronco delle Baracche, da Tormini a Vobarno, nella discesa vicino all’osteria del Cavara, sarà bene che si vada con precauzione trovandosi la strada alquanto elevata sopra i laterali fondi e senza barricata. 

Il tratto di strada, all’interno di Lavenone, poi, è ancora in corso di costruzione, ma per il 25 luglio, giorno del passaggio, deve essere ultimato.

Sotto la Rocca d’Anfo
una frana ha ostruito la strada. Toccherà alla Deputazione del Comune provvedere a rimuovere il materiale in fretta e in modo tale da allargare la carreggiata.

Sulla strada di Bagolino occorre mettere dei ripari in vari punti e soprattutto allargare i due risvolti nei zic zac vicini al ponte Prada.
Si è provveduto anche agli alloggi: a Salò presso l’albergo Valudari, a Bagolino nelle case Benini, Bazzani e Salvadori.

Il deputato comunale di Bagolino, Zanetti, non dissimula le sue preoccupazioni: chiede precise istruzioni alla Delegazione provinciale, sottopone il programma dei festeggiamenti, si angustia oltre il lecito: …trattandosi che il paese manca di pesci e d’ogni altro genere adatto alla tavola delle Auguste LL. AA. E del loro seguito e che non riuscirebbe di farne alcuna provvista se non impegnandone per mercoledì prima di mezzogiorno, prima cioè che ne venga fatto il trasporto dal lago d’Idro e da quello di Garda alla città (si domanda) in quale quantità e di quale qualità si debba provvedere tanto del pesce, come d’altri generi affinchè non accada che si creda fornito questo comune d’ogni cosa e d’ogni comodo quando invece vi manca tutto tranne che di buttiri e di altri commestibili grossolani.

Il giorno della visita è giunto.
Da Anfo i vicereali si degnano di prendere la nuova strada che, con sommo dispendio, ha aperto il ricco e importante comune di Bagolino per mettersi in comunicazione col resto della valle e quindi anche con Salò e Brescia.

Giunti al torrente Caffaro visitano i lavori del nuovo ponte in pietra che poggiando dall’una falda del monte all’altra deve con un solo arco sovrastare ad enorme altezza alle acque del torrente che ivi precipitano in un profondissimo burrone.

A Bagolino, dopo la visita al molino e al forno fusorio comunale, assistono alla fabbricazione dell’acciaio e alla costruzione dei vomeri. La sera, davanti alla casa Benini dove il vicerè e il suo seguito hanno preso alloggio, vedesi in carattere d’immensa dimensione la cifra delle LL. AA., resa scintillante dalla variata e copiosa illuminazione.

Il 27 mattina i vicereali si recano a collocare la prima pietra dell’arco del ponte sul Caffaro (sotto la quale sono poste diverse monete d’oro e d’argento con l’effigie del sovrano) e coronare i voti della Deputazione e della popolazione col permettere che il nuovo ponte venga onorato col nome di Ranieri.

Di ritorno da Bagolino, solo una breve visita a Vobarno alle grandi officine Fossa, ove si eseguiscono importanti lavori in ferro ed in rame anche in servizio della I. R. Marina di Venezia.

La fugace visita è terminata
. I deputati comunali tirano un largo respiro, la Delegazione provinciale  uno ancor più lungo, qualche cospiratore manda uno sberleffo in più.

(A cura di Giuseppe Biati)
 
P.S. 
A proposito di regali visite in Valle Sabbia, oltre cent’anni dopo, nel 1926, un’altra delegazione, di altra monarchia, “solca”, con i nuovi mezzi della modernissima meccanizzazione, questo suggestivo territorio. 

Era la delegazione del principe Umberto di Savoia.
Questa fulminea visita è consegnata alla storia (quella fortunatamente con la “s” minuscola) da un’epigrafe collocata in quella occasione (ma poi tolta nel 1943) nella Piazza Principe di Piemonte, nel borgo di Lavenone.

Recita:
“QUI
DOVE OPEROSITA’ DI POPOLO FORTE
ESPRIME ITALICA VIRTU’
IL PRINCIPE UMBERTI DI SAVOIA
SOSTO’
E PRODIGANDO CONFORTO E PREMIO
AGLI UMILI LAVORATORI
REGALMENTE SORRISE
31 AGOSTO 1926 ANNO IV”
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID72683 - 09/07/2017 15:14:57 (bernardofreddi)
W la Repubblica, decisamente. Almeno Berlusconi, Salvini o Renzi non si degnano di onorarci della Loro Augusta Presenza, ma vengono semplicemente a cercare il nostro consenso.


ID72708 - 10/07/2017 18:55:44 (genpep)
no. no caro bernardofreddi, magari dovesse passare per la valle qualche vicer, forse si tapperebbe qualche buca o addirittura udite udite asfalterebbero



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
31/05/2016 16:18:00
«Quando una famiglia ci tiene» Accoglienza familiare, affido, affido diurno o part-time… per ogni storia una storia diversa. Da oggi anche sotto l’egida della Comunità montana di Valle Sabbia

29/06/2015 07:43:00
Il maglio del rame e i sapori di una volta La fucina del rame sul torrente Abbioccolo era una delle strutture dedite alla lavorazione del ferro censite a Lavenone dal Catasto Lombardo Veneto del 1852

08/04/2009 00:00:00
Le new entries del Museion di Bolzano Il Museion, museo d’arte moderna e contemporanea di Bolzano, che merita una visita anche solo per la sua architettura, da alcune settimane presenta gli acquisti più recenti della sua collezione.

05/12/2015 18:00:00
Passa per Nozza l'innovazione in Valle Sabbia Dalla Banda Ultra Larga alla gestione associata, passando per la Rocca d’Anfo. Il ruolo della Comunità montana di Valle Sabbia, col supporto di Secoval

09/07/2015 07:04:00
Un Centro studi sulla Brigata Perlasca L’Istituto superiore della Valle Sabbia a fare da supporto logistico, i cultori di storia a fornire direttive, passione conoscitiva e studio



Altre da Bagolino
17/09/2017

E' arrivata la neve

Ringraziamo il lettore che questa domenica mattina ha documentato per noi l'arrivo della neve sul Cornone del Blumone. Non siamo ancora in autunno che pare già cominciato l'inverno


13/09/2017

Inizio bagosso per l'anno scolastico provinciale

L’anno scorso era toccato a Provaglio Valsabbia di ospitare l’inaugurazione dell’anno scolastico a livello provinciale. Ieri tutti erano a Bagolino

12/09/2017

Sostituite quel ponte

Novità sulla "rotonda quadrata" di Ponte Caffaro: il vecchio ponte di confine verrà smantellato e ricostruito da un'altra parte. Al suo posto verrà edificata una nuova struttura, più ampia e robusta
(16)

09/09/2017

In Maniva la festa degli Amici di Cima Caldoline

Gli Amici di Cima Caldoline si ritrovano in Maniva domenica 10 settembre per l'appuntamento annuale con il raduno presso la Capanna Tita Secchi

09/09/2017

Concorso «Crea il tuo libro», la Casa di Riposo di Bagolino sbaraglia tutti

Il libro più gradito dal pubblico è stato quello presentato dal Servizio Animazione della Casa di Riposo di Bagolino, dal titolo "La casa antica", realizzato su tavole di legno

08/09/2017

A Ponte Caffaro la «Madona del palpacül»

Si terrà questa domenica, 10 settembre, a Ponte Caffaro la tradizionale fiera della Madonna dell’Aiuto, le cui bancarelle attirano ogni anno diverse centinaia di visitatori (1)

07/09/2017

In due a gambe all'aria

Non è chiaro come sia potuto accadere e certo questa volta non sarebbe a causa dell’asfalto consunto: due i motociclisti finiti in terra nel percorrere una curva lungo la Sp 669. Aggiornamento ore 7:30
(3)



07/09/2017

Il tempo e l'anima

L’appuntamento di questo sabato alle 17, nella sala espositiva di Via Glisenti 43 a Vestone, è con le opere di Floriana e Giorgio Melzani

06/09/2017

Domenica la 4ª scalata al Gaver

Si terrà questa domenica la 4ª scalata al Gaver, gara non competitiva da effettuarsi in mountain bike, bici da strada o running. Si parte alle ore 10 da Bagolino

03/09/2017

Prima neve in Alta Valle del Caffaro

L'estate sembrerebbe davvero finita, almeno guardando questa fotografia scattata questa domenica mattina da un nostro lettore, che ritrae il rifugio Tita Secchi al lago della Vacca col Cornone di Blumone a fare da sfondo


Eventi

<<Settembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia