27 Novembre 2015, 06.41
Vobarno
Lettere

Traslocati

di Insieme per Vobarno

Il municipio di Vobarno non è più nel palazzo storico adiacente al Ponte Vecchio, nei giorni scorsi è stato spostati nell'ex palazzo "Secoval" e in parte nello stabile che ospita anche la biblioteca. In una lettera ecco il punto di vista della minoranza in Consiglio


Il trasloco del Comune è cosa fatta.
Capannelli di vobarnesi tra la Piazzetta e Largo Donatori di Sangue commentano quotidianamente il “fattaccio”: il vuoto creato dall’abbandono del centro storico è ora ben visibile.

Quasi lo si tocca con mano: tapparelle abbassate, bandiere ammainate in fretta e furia e collocate indegnamente sulle scale d’emergenza del nuovo edificio; poche le persone che frequentano il ponte vecchio e il vecchio centro del paese: spettacolo tristissimo, adatto a questa fine di novembre.
Che i 630 firmatari della petizione contro lo spostamento avessero ragione?

Potrà sembrare banale, ma è nostra convinzione che più i cittadini possono raggiungere a piedi i luoghi dei servizi, più il paese vive. Nel nostro caso si aumenta solo il traffico di auto e l'inquinamento.
Adesso qualcuno si rende conto di un degrado che è appena iniziato.
Qualcuno accenna a dietrologie, come spesso capita con le vicende della politica: staremo a vedere.

Secondo noi l’interpretazione di quanto è accaduto è assai più semplice
: IMPROVVISAZIONE.
Sulle fasi di progettazione e realizzazione del trasferimento sono circolati aneddoti davvero divertenti; ma l'argomento è troppo serio per riproporli qui.
Siamo riusciti a salvare la Biblioteca e questo è un grande merito della nostra azione.

Per il resto, basta che i vobarnesi facciano una visita alla nuova sede degli uffici (in primis quelli demografici!) per rendersi conto se davvero valeva la pena svuotare i palazzi storici per questa sistemazione abborracciata.

Riassumiamo.

L'anagrafe è più distante di prima dal resto degli uffici comunali; nei locali degli uffici demografici manca letteralmente il ricircolo dell'aria (anzi, a ben vedere, c'è la “presa diretta”, visto che in pratica la distanza del bancone dalla strada è minima); manca la sala d'attesa e il rispetto della privacy.

L'accesso ai servizi sociali
avviene attraverso la scala di emergenza, che dovrebbe normalmente servire come via di fuga in caso di calamità; si tratta – andate a vederla! -  scala in ferro difficilmente “scalabile” dalle persone anziane e pericolosa nei mesi invernali.
Per arrivarci c'è un percorso esterno che pare più l'ingresso di un cantiere edile che non quello del municipio.

In alcuni uffici, data la dimensione e la disposizione dell’arredo, gli operatori bisogna cercarli tra i mobili. E' vero c'è un parcheggio grande (anche se in parte proprietà di privati);  ci stanno anche i “camions”.

Diciamocela tutta: anche in Largo Donatori di Sangue i posti auto non mancavano.
Ancora: conseguentemente a questa scelta, Vobarno non possiede più alcuna saletta per riunioni di piccoli gruppi: o la biblioteca o il teatro comunale; ma con tariffe d’ utilizzo proibitive per tante associazioni che non hanno disponibilità di contributi economici.
Si tratta, non nascondiamocelo, di un limite enorme alla partecipazione alla vita pubblica per le oltre ottanta associazioni esistenti.

Il nostro gruppo di minoranza aveva avanzato più di una proposta pur di evitare questo scempio, la cui macchia resterà indelebile per il Sindaco e la Giunta.
Avevamo proposto in primis di rinviare tutto di alcuni mesi, di riprendere in mano il progetto esistente (in parte già attuato con le migliorie al tetto e interne, con parecchi soldi spesi), ragionare su alcune modifiche e spostare meno uffici possibili durante i lavori. Non accolta.
Poi proponemmo di riqualificare il piano terra dei portici anche affittando gli spazi purtroppo ormai vuoti, nell'ex-farmacia ricevere il pubblico, fare l'ascensore e interventi collegati.
Niente da fare!

Infine proponemmo uno scambio di uso dei locali della “Casa delle Associazioni” con i locali dove oggi sono trasferiti gli uffici. Le associazioni, che usano poco gli spazi, avrebbero avuto sistemazione più ampia e vicina alla biblioteca, gli uffici del comune avrebbero migliorato la loro disposizione restando nel centro storico.
Proposta non accolta.

Quel che è evidente è che le premesse da cui è partita la Giunta, ovvero l’accorpamento degli uffici e la maggior efficienza nonché un ipotetico risparmio, non si sono minimamente realizzati.
Quel che è chiaro è che non c'è stato alla base di questa scelta nessun ragionamento su quale paese disegnare per il futuro: IMPROVVISAZIONE!
Hanno dovuto inventarsi la provvisorietà del trasloco, per giustificare tutto.

Noi su questo li incalzeremo: per noi il Comune deve tornare dov'era e in tempi ragionevoli; prima che il degrado e l'usura del tempo rovini del tutto gli stabili.
Ci auguriamo per i vobarnesi che la Giunta trovi i finanziamenti sufficienti per poter ristrutturare e tornare.
Intanto però - è bene saperlo -, si son spesi tanti euro per il trasloco (vedremo il conto finale), e si pagherà un canone di affitto di 20.000 euro l'anno.
Saremo alla fine del triennio abbondantemente sopra i 120.000 euro.
Con questa cifra si poteva fare subito l'ascensore nel vecchio palazzo, accendendo un piccolo mutuo.

Quel che sorprende è che la Lega
, così legata alle tradizioni e al territorio non abbia battuto ciglio sulla vicenda, pur essendo stata decisiva nella vittoria elettorale.

Abbiamo sentito supporter dell'amministrazione teorizzare che chi vince le elezioni può fare ciò che vuole; ma in democrazia non è sempre così: bisogna a volte saper ascoltare anche gli altri.

I simboli della comunità vobarnese, diceva uno del gruppetto, sono da sempre IL PONTE, IL COMUNE, LA CHIESA , IL CAMPANILE: perché cambiare?
 
Vobarno, 23 settembre 2015
Gruppo consiliare Insieme per Vobarno




Commenti:
ID62799 - 27/11/2015 08:01:19 - (Beppe56) - Lo squallore avanza...

È' proprio il caso di dire: "facciamo rivivere Vobarno" e il suo centro storico, uno squallore irreversibile...

ID62801 - 27/11/2015 08:56:32 - (hunter) -

ma in tutti gli anni che nella stanza dei bottoni ci siete stati voi cosa avete fatto per riqualificare la sede comunale ????.....visto che avete un sacco di soluzioni allo spostamento perchè non le avete attuate voi in passato???

ID62802 - 27/11/2015 10:17:55 - (And75) - Prima Bugia...

Insieme per Vobarno... Se le vostre spie inviate a curiosare e cercare testimonianze tra i dipendenti comunali "fedelissimi" avessero speso qualche minuto in più per effettuare un sopralluogo esplorativo più accurato, si sarebbero accorte che gli uffici dei servizi sociali hanno due entrate, la principale in fondo al corridoio del piano primo (raggiungibile anche con l'ascensore), subito dopo la segreteria, e la seconda dalla scala esterna, che è stata pensata per garantire la privacy di chi non volesse passare attraverso gli altri uffici per raggiungerlo... Gli improvvisati siete voi, accecati dall'odio e dal pregiudizio...

ID62804 - 27/11/2015 11:39:00 - (ubaldo) - Per And75

Bastava dire che si erano sbagliati e che c'era anche un'altro ingresso per rispondre adeguatamente alle accuse di improvvisazione. Altrimenti si rischia non solo di fare la figura di essere "accecati dall'odio e dal pregiudizio", ma si inasprisce inultilmente il confronto. Spero che lei, And75, non sia un amministratore.

ID62806 - 27/11/2015 12:08:49 - (And75) - Caro direttore...

Io non sono un Amministratore, e mi permetta, non bastava fare una precisazione... Anche perché questa era solo una delle inesattezze elencate nella lettera della minoranza, ma siccome non ho tutta la mattina per rispondere punto per punto, ho scritto la cosa più lampante, in attesa di aver più tempo per smentire puntualmente anche il resto. Tipo smentire il merito di cui si fregiano per aver "salvato" la biblioteca, basato sull'acquisizione che io giudico impropria di una planimetria provvisoria redatta dal tecnico comunale e del tutto "non ufficiale", che può essere venuta in loro possesso solamente da qualche da me citato "fedelissimo" impiegato comunale... Tale planimetria, in virtù della sua provvisorietà, è stata oggetto di variazione, con il posizionamento dell'ufficio anagrafe in un locale ritenuto più idoneo rispetto a quanto ipotizzato nella prima stesura...

ID62807 - 27/11/2015 12:18:23 - (Beppe56) -

Caro direttore gli Amministratori hanno i loro portavoce fedeli...

ID62808 - 27/11/2015 12:48:29 - (And75) - Esatto, caro Beppe56

Ambasciator non porta pena... l'importante è essere informati prima di scrivere... E comunque la qualifica giusta è: Responsabile della Comunicazione. E, tengo a precisare, a titolo gratuito... Non essendoci più il giornalino "Vobarno Notizie", pagato da tutti ma ai tempi utilizzato come strumento di propaganda dalla vecchia maggioranza, ci si arrangia come si può, commentando sotto agli articoli che contengono imprecisioni o utilizzando il web ed i social network...

ID62809 - 27/11/2015 12:49:47 - (ubaldo) - Una precisazione, due precisazioni...

Guardi And75, non mi permetterei mai di entrare nella diatriba se sia meglio lo spostamento o altro, oppure sulle le modalità con cui è avvenuto. Men che meno su meriti e demeriti di questo o di quell'altro gruppo consiliare. Vallesabbianews ospita tutti i pareri senza timore. Il mio intervento, se non si era capito, era sul metodo. E ribadisco: un conto è dire la propria opinione e condividere coi lettori di vallesabbinews informazioni il più possibile corrette. Un conto è accusare altri di essere "accecati dall'odio e dal pregiudizio" e poi comportarsi proprio così, per altro senza firmarsi con nome e cognome (anche questo è un parere). Sono ben contento che lei non sia un amministratore esono convinto che ne gioveranno tutti i vobarnesi.

ID62810 - 27/11/2015 12:51:21 - (ubaldo) - Responsabile della comunicazione?

Sarebbe lei And75? Auguri.

ID62811 - 27/11/2015 13:27:39 - (manolito) - ci sono stato stamattina

ed essendo la prima volta mi sono perso... Ho incontrato l'impiegata dello stato civile nel palazzetto della ragioneria... E meno male... Per non parlare dello stato di degrado in cui versa lo stabile... Babba bia!!

ID62812 - 27/11/2015 13:28:26 - (And75) - precisazioni sulla precisazione...

Io non ho mai detto di non odiare e di non avere pregiudizi sui componenti della minoranza... ma, i pregiudizi diventano mano mano certezze col passare del tempo e con l'acquisizione di informazioni e dei fatti attuali e passati. Quanto all'odio, lo ritengo un sentimento troppo grande per riservarlo a delle persone che se pur male, stanno eseguendo il ruolo per cui sono stati eletti perdendo sonoramente le elezioni... d'altra parte non l'ho vista schierarsi in mia difesa quando in un precedente articolo, un anonimo commentatore mi ha dato dell'acido e del "tirapiedi borioso ed arrogante"... Sarebbe stato bello se lei avesse la stessa solerzia che ha nel richiamare me, che non ho offeso personalmente nessuno o quella che mette sugli articoli di lode all'aggregazione della polizia locale, anche nel far rispettare i miei post. Firmato: Andrea Magri

ID62813 - 27/11/2015 13:40:38 - (ubaldo) - Grazie signor Andrea

...delle precisazioni. Il mio era un consiglio sul metodo, vedo che lei non ha saputo coglierlo. Ne farò tesoro e rinnovo i miei auguri a lei e all'Amministrazione che l'ha scelta come Responsabile della comunicazione.

ID62814 - 27/11/2015 14:52:55 - (And75) - Grazie a Lei, Direttore...

Ho colto perfettamente il suo consiglio sul metodo, ma si sa, non essendo io un giornalista professionista, talvolta mi faccio prendere dal fervore che le informazioni volutamente (o per pressapochismo)imprecise mi provocano... Ed ho colto anche l'ironia nei suoi auguri a me ed all'Amministrazione, a meno che non fossero quelli di Buon Natale...

ID62819 - 27/11/2015 23:25:02 - (Transilvania66) - dura la sconfitta

Gruppetto di minoranza ma tutte queste belle idee perché non le avete messe in atto quando il comune era governato dalle vostre idee e lo avete governato per decenni perdonate rovina per decenni

ID62824 - 28/11/2015 12:37:48 - (And75) - Che bello il web... si ritrova sempre tutto..

Nel 2009 il precedente sindaco dichiarava di aver stanziato 400mila euro per sistemare (di nuovo) il tetto e per, udite udite, realizzare l'ascensore... Credo che qualcosa non abbia funzionato... Pressapochismo? improvvisazione? parole al vento? meno male che c'è vallesabbianews a rinfrescarci la memoria... http://www.vallesabbianews.it/notizie-it/(Vobarno)-Acqua-dal-tetto,-lavori-in-vista-nel-municipio-7735.html

Aggiungi commento:
Vedi anche
01/07/2015 07:30:00

Municipio di Vobarno: 630 firme per il no Questo giovedi alle ore 20.30 in biblioteca a Vobarno, si terrà un’assemblea dedicata alla sistemazione del municipio. Si scontreranno l'ipotesi di sistemare il vecchio e quella di cambiare sede

03/11/2015 10:05:00

Il municipio trasloca Si svolgeranno da mercoledì 4 a venerdì 6 novembre le operazione di trasferimento degli uffici comunali di Vobarno, dallo storico municipio all’ex sede di Secoval in piazza Marina Corradini

15/12/2015 08:38:00

Il futuro del vecchio municipio Arrivano cinquecentocinquantamila euro, fondi della Protezione civile, per sistemare dal punto di vista strutturale il vecchio edificio comunale di Vobarno

10/06/2015 06:35:00

Lascia o sistema C'è lo spostamento del municipio dalla sede attuale a Piazza Marina Corradini, nelle intenzioni dell'Amministrazione vobarnese. I dubbi della minoranza in un emendamento al bilancio

18/12/2015 07:05:00

A proposito di contentezza Ci scrive la minoranza vobarnese in Consiglio, scegliendo le nostre pagine (ma allo stesso modo la distribuzione di un volantino) per far gli Auguri di Buone Feste ai concittadini e manifestare il proprio pensiero sulle novità che riguardano il vecchio municipio



Altre da Vobarno
29/06/2020

Anna e Mario, insieme da 57 anni

Felicitazioni per Anna e Mario, di Vobarno, che in questi giorni hanno festeggiato il loro 57 anno di matrimonio

28/06/2020

Lettera indiscreta al legislatore

In questi giorni abbiamo toccato il punto più basso della nostra giustizia: un sistema clientelare per le nomine delle cariche più importanti dello Stato

26/06/2020

Scuola dell'infanzia San Giorgio di Vobarno: «per una pedagogia della vicinanza»

Anche la scuola materna vobarnese nel periodo di emergenza sanitaria ha adottato la didattica a distanza, cercando di creare una rete con i bambini e le loro famiglie

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia

24/06/2020

Estate in Riserva

È la proposta estiva del Comune di Vobarno per i bambini dai 6 agli 11 anni: quattro settimane alla Riserva Naturale Sorgente Funtanì

18/06/2020

Fondi per la prevenzione incendi

Sono quelli che riceverà l’Istituto d’istruzione superiore “Perlasca” per riqualificare il sistema antincendio delle due sedi di Idro e Vobarno

17/06/2020

Riapre lo sportello My City Point

Da questo giovedì 18 giugno torna a disposizione dei cittadini di Vobarno lo sportello di assistenza per i servizi comunali

12/06/2020

Rischio idrogeologico, fondi per frane e smottamenti

Anche alcuni Comuni valsabbini sono fra i destinatari di fondi regionali per la messa in sicurezza del reticolo idrico minore e ripristino di dissesti potenzialmente pericolosi

11/06/2020

La Pompegnino Mountain Running diventa «Virtual Soft»

Nel fine settimana nel quale era programmata la manifestazione, la Libertas Vallesabbia propone a tutti i runner appassionati di corsa in montagna una sfida virtuale

10/06/2020

LAFRE, vent'anni a lavorar lamiere

Un traguardo, quello della famiglia Freddi, da festeggiare progettando il raddoppio del capannone, quello che apre su via Penella a Vobarno