11 Dicembre 2019, 16.17
Vobarno
Eco del Perlasca

Sciopero «del freddo» al Perlasca

di Luca Ferrari

La mattina del 10 dicembre 2019 si è tenuto uno sciopero dell’Istituto G. Perlasca di Vobarno riguardante la questione del riscaldamento. Il fatto ha suscitato molte critiche. Ecco alcune testimonianze e anche la mia opinione


Come ogni giorno gli studenti sono sparsi nel parcheggio di fronte alla scuola, purtroppo già da qui si nota la presenza di molti meno alunni rispetto al solito.
Col passare del tempo si iniziano a vedere i primi studenti entrare dal cancello poiché non interessati allo sciopero o comunque non autorizzati dai propri tutori, molti altri invece, fra quelli partecipanti allo sciopero, si sono direttamente allontanati dal luogo della manifestazione.

Nonostante la circolare rilasciata il 9 dicembre dalla Dirigente scolastica, in cui esplicitava che il problema si sarebbe risolto a breve e che lo sciopero dunque sarebbe stato immotivato, sono rimasti un numero minimale ed esiguo di studenti, fra cui UNO SOLO dei 6 membri della lista “UnITIS”, nonché rappresentante d’Istituto Andrea Scalvini frequentante la 4^AI.

Dopo circa 15 minuti, è uscita dal cancello la Dirigente scolastica assieme ad una docente, avvenimento che ha fatto dileguare praticamente tutte le già pochissime persone presenti, riducendo il numero dei manifestanti a meno di una decina.
Anche qui si enuncia la “serietà” di questa manifestazione.

Per precisare, questa protesta sarà durata forse 30 minuti, facendo sembrare il tutto una presa in giro.

Ora però, vediamo cosa ne pensano gli alunni di altre classi.

- Anonimo 1 (4ME): “All'interno della scuola non c'è buona comunicazione, i rappresentanti sono intervenuti all'ufficio tecnico, che non ha comunicato nulla alla preside, avremmo dovuto mandare una mail magari.

Lo sciopero è completamente sbagliato! La causa è giusta ma l'atto è sbagliato: non è la concezione corretta di sciopero.
È protesta, che bisogna fare con la presenza che non c'è stata. In conclusione una cosa di questo genere è inconcepibile, anche se potremmo aver suscitato qualcosa alle orecchie di chi era l'obbiettivo.

Questo non è segno di partecipazione, bensì di immaturità e di mancanza di senso del dovere.
Concludo con una domanda che ha un intento provocatorio: “Serve ogni anno arrivare a questo punto per risolvere un problema?”

- Anonimo 2: “È stato, dal mio punto di vista, organizzato molto velocemente, ne sono venuto a conoscenza lunedì 9 dicembre.
Dato il suo svolgimento non penso sia andato come doveva andare, visto che, comunque, solo il Rappresentante d'Istituto Scalvini ha avuto il coraggio di parlare direttamente alla Preside”

- Anonimo 3 (3AE): “Secondo me è stata una presa in giro nei nostri confronti, nei confronti dei docenti e della Dirigente scolastica. Non c'è stato neanche un minimo di interesse da parte nostra, poiché alcuni erano al bar, altri sono rimasti direttamente a casa e alcuni sono entrati in classe”

- Anonimo 4: “Lo sciopero avrebbe avuto senso solo se le persone non fossero scappate, creando un confronto diretto con la professoressa e la Preside.
Inoltre è insensato l'accanimento di alcuni professori sugli studenti, nel senso: questi professori, pur sapendo dello sciopero, si sono accaniti su di essi. Protestare è un diritto degli studenti, se c'è un problema, e nessuno può negarlo.

Quello che è successo, compresa la circolare, è stato percepito come un incitamento alla lesione dei diritti degli studenti.
Lo sciopero è stato fatto, ma non ha avuto molto impatto, anzi.
Di certo la Preside è apparsa comprensiva e ha accettato lo sciopero alla fine”

Per concludere, penso che questo fallimento sia dovuto al relativo disinteresse di noi studenti, alla disorganizzazione, all’incoerenza di alcune persone e alla mancanza di senso del dovere e di unione.



Vedi anche
09/01/2016 09:53:00

Aule fredde, studenti in sciopero Studenti dell’Istituto Perlasca di Idro fuori dalla scuola questa mattina per protestare contro il malfunzionamento del riscaldamento che lascia le aule al gelo

19/10/2010 14:09:00

Sciopero bianco al Perlasca Tutto rientrato al Perlasca di Idro, dove luned mattina gli studenti non sono potuti entrare in classe a causa del freddo.

11/11/2016 06:16:00

In strada con le coperte Singolare manifestazione quella degli studenti del Perlasca di Vobarno, alle prese con noie tecniche all’impianto di riscaldamento

05/12/2018 11:26:00

Fa freddo, in classe non ci si può stare Centinaia di studenti sono rimasti fuori dalle aule all’Itis Perlasca di Vobarno, dove da giorni molti caloriferi sono inesorabilmente freddi

15/12/2018 08:35:00

Pigiama «frozen» Sedici gradi in aula, diciassette gradi al massimo in corridoio, queste le temperature registrate nei giorni scorsi all’Istituto Perlasca di Idro. E gli studenti hanno scelto lo sciopero



Altre da Vobarno
03/08/2020

Ciao Roberto

Amici e colleghi di Fondital vogliono ricordare con stima e amicizia il caro amico Roberto Bernardelli, scomparso domenica 2 agosto

30/07/2020

La riforma che non arriverà mai

In questi giorni si vedono processioni di pensionati con cartellette variopinte fare la coda ai patronati

24/07/2020

Gli 80 di nonno Angelo

Buon compleanno a nonno Angelo Bertelli, di Pompegnino di Vobarno, che oggi, 24 luglio, compie 80 anni

23/07/2020

Produzione, ambiente ed energia

952,6 milioni di euro. E’ il fatturato del Gruppo Silmar nel 2019. Bene anche la ripresa nel “dopocovid”. In tre anni investiti dal Gruppo più di 200 milioni di euro

13/07/2020

9 candeline per Patrick

Tanti auguri a Patrick, di Collio di Vobarno, che oggi, 13 luglio, spegne 9 candeline

10/07/2020

Famiglie con figli lasciate indietro

«Le scrivo perché a seguito della comunicazione ricevuta stamattina, si specifica che le famiglie non residenti a Roè Volciano non potranno più usufruire del servizio mensa», così ci scrive un lettore di Vobarno. Pubblichiamo volentieri

29/06/2020

Anna e Mario, insieme da 57 anni

Felicitazioni per Anna e Mario, di Vobarno, che in questi giorni hanno festeggiato il loro 57 anno di matrimonio

28/06/2020

Lettera indiscreta al legislatore

In questi giorni abbiamo toccato il punto più basso della nostra giustizia: un sistema clientelare per le nomine delle cariche più importanti dello Stato

26/06/2020

Scuola dell'infanzia San Giorgio di Vobarno: «per una pedagogia della vicinanza»

Anche la scuola materna vobarnese nel periodo di emergenza sanitaria ha adottato la didattica a distanza, cercando di creare una rete con i bambini e le loro famiglie

25/06/2020

Fondi per il Terzo settore

Anche numerose realtà socio-sanitarie ed educative valsabbine beneficeranno dei contributi del bando di Fondazione della Comunità Bresciana nell’ambito di AiutiAMObrescia