Skin ADV
Mercoledì 17 Ottobre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








15.10.2018 Salò Valsabbia Garda

15.10.2018 Vobarno

16.10.2018 Gavardo

15.10.2018 Vestone

16.10.2018 Serle

15.10.2018 Val del Chiese Storo

15.10.2018 Preseglie

15.10.2018 Vobarno

15.10.2018 Gavardo

16.10.2018 Valsabbia



16 Novembre 2017, 07.25
Vobarno
Memoria 1

Ricordo di Andrea Barbiani

di Carlo Panzera
Mi ha sempre colpito, della personalità di Andrea Barbiani, il contrasto, netto, tra la mitezza dei suoi modi, quasi una ritrosia nell’apparire, e la profondità, la acutezza del suo essere e del suo agire...

Quella sua capacità di esprimere in poche battute, magari in dialetto, spesso a bassa voce, pensieri profondi, che magari al momento non coglievi, ma che poi ti frullavano in testa per giorni, ti imponevano una riflessione, mettevano a nudo tutta la fragilità di convinzioni magari troppo superficialmente abbracciate.

Tutto ciò non era ovviamente casuale, non nasceva dal nulla: era il frutto di un lavoro, di una fatica, di una passione mai dismessa per la lettura, la conoscenza, lo studio, l’approfondimento: quella sua abitudine quasi maniacale di archiviare ogni cosa, ritagli di giornali, interventi, semplici riflessioni che, a loro volta, ne sollecitavano altre ancora.

Nella sua lunga vita ha ricoperto prestigiose cariche pubbliche, amministrative e politiche; Sindaco di Vobarno, Presidente della Comunità Montana di Valle Sabbia, Assessore provinciale. Ma anche autorevole dirigente politico della Democrazia Cristiana provinciale e lombarda.

E’ stato insomma, come si suol dire,  un protagonista di alto profilo ai vertici della vita politica e amministrativa.

Eppure non era un uomo di potere.
E non era percepito come un uomo di potere.

Ed infatti il suo prestigio, la sua autorevolezza intellettuale e morale, non sono venuti meno quando, forse troppo presto, ha cessato di rivestire una carica, un ruolo pubblico, magari per l’ansia di un indistinto rinnovamento e di un giovanilismo spesso poi rivelatisi fini solo a se stessi.

Ma del resto Andrea non aveva bisogno di un incarico, di essere “qualcuno”, per darsi da fare; mite, certo, ma aveva una forte consapevolezza di sé.

Amante della musica, ha saputo trasmetterla a centinaia di persone, fondando un’associazione, promuovendo decine di eventi. Facendo comunità.

Amante della cultura, anche scientifica, ha fondato il gruppo intitolato, non a caso, a Giorgio La Pira, che da 15 anni è attivo e anima gli autunni vobarnesi, con eventi e personalità che ci invitano ad alzare lo sguardo, ad  interrogarci sui grandi temi della contemporaneità, che è cosa diversa dalla quotidianità.

Andrea non aveva bisogno di una carica perché è stato sempre animato da passione civile autentica, sostenuto da idealità solide: il senso di responsabilità verso gli altri, l’agire per il bene comune, l’attenzione ai più deboli.

Alle persone deboli, prima di tutto. Certo.

In verità alle persone tutte, che sollecitava instancabilmente a partecipare alla vita comunitaria, ad esserne protagonisti e non spettatori passivi.

Ma anche ai territori deboli, marginali.

Quella  sua speciale attenzione per la montagna, che ha amato: non solo percorrendone i tanti sentieri, le piste innevate, i rifugi in quota, ma anche rappresentandone le istanze e le giuste rivendicazioni in tante occasioni, in tutti i tavoli ed i livelli istituzionali cui ha potuto accedere.

E’ rimasto fedele ai suoi ideali per tutta la vita, anche quando il trasformismo dilagava e, con suo stupore, veniva premiato.

Non ha mai amato lo scontro e le asprezze della lotta politica, amava il dialogo, aveva fiducia nel dialogo, amava ascoltare i giovani, ai quali si rivolgeva con toni pacati, anche nell’epoca della politica urlata e spesso volgare.

Forse anche per questo, o altro ancora, nonostante i quarant’anni di frequentazione, io non sono mai riuscito a dargli del “TU”.

A volte è strano: si disprezza la politica ed i politici, salvo poi riscoprirne le virtù nei momenti più dolorosi, quando una persona ci lascia.

E Andrea lascia certo un vuoto incolmabile tra i suoi cari: mancherà alla famiglia che abbraccio e che ringrazio per avermi concesso il privilegio di salutarlo.

Ma lascia un vuoto profondo anche nella comunità vobarnese tutta, che ha amato e servito, e che anche per questo, come si vede, gli è riconoscente.

E dai, adesso, finalmente, ce la posso fare, a darti del Tu.

Ciao Andrea, che la terra ti sia lieve.

Carlo Panzera

.Parole pronuncite da Carlo Panzera ai funerali di Andrea Barbiani

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/11/2017 11:13:00
L'addio ad Andrea Barbiani Se n'è andato in punta di piedi Andrea Barbiani, che in Valle tutti conoscono per i suoi trascorsi amministrativi non solo vobarnesi e per le tante proposte culturali. Pubblichiamo volentieri il saluto di Gian Antonio Girelli


14/11/2017 08:16:00
Un minuto di silenzio E’ stato chiesto dal sindaco Giuseppe Lancini all’inizio del Consiglio comunale, per onorare la figura di Andrea Barbiani

14/11/2017 07:49:00
A ricordo di Andrea Barbiani Riceviamo e pubblichiamo volentieri il tratteggio che di Andrea Barbiani fa il 97enne Mario Antolini Musón, uomo di cultura e storico delle Giudicarie. Si erano conoscuti un paio di anni fa e si erano a vicenda apprezzati


16/11/2017 07:22:00
«Carissimo Andrea» Solo poche parole per dire al Signore “Grazie”. Grazie per averlo dato alla sua Famiglia, Famiglia che hai lasciato come testamento della tua vita...

05/04/2014 08:37:00
«Insieme per Vobarno» sceglie Barbiani E' ufficiale: sarà Paolo Barbiani, attuale assessore alle Politiche sociali e presidente della Conferenza dei Sindaci del Distretto a guidare la compagine amministrativa uscente di Vobarno




Altre da Vobarno
15/10/2018

Un solo punto all'esordio

Avvio “turbolento” per le valsabbine che scendono al Palavobs contratte e forse troppo emozionate di fronte ad un folto pubblico.

15/10/2018

Pronta la nuova sala di stagionatura

In tanti ieri hanno raggiunto al cooperativa sociale “Ai Rucc e dintorni” di Vobarno per l’inaugurazione della nuova sala di stagionatura dei formaggi

14/10/2018

Rubinelli in corsa per il titolo

Il giovane pilota di Collio di Vobarno, del Team Tre Laghi 2 di Vestone, su Ktm 65 proverà ad aggiudicarsi entrambi i titoli ancora in palio

13/10/2018

«Ma vi sembra giusto?»

Da Vobarno arriva un grido di dolore per le sorti di Martina, una capretta capretta uccisa dai cani in battuta al cinghiale. Non in mezzo al bosco, ma in un recinto vicino alle abitazioni
(31)

12/10/2018

Atletica leggera giovanile, a Vobarno si fa sul serio

Sono iniziati nel centro sportivo di Vobarno i corsi di atletica leggera per i bambini e ragazzi organizzati dalla Libertas Vallesabbia. Iscrizioni ancora aperte (2)

11/10/2018

A Vobarno per parlare di acqua pubblica

Questa sera - giovedì - per iniziativa del Comitato Referendario Acqua Pubblica Valle Sabbia, Mariano Mazzacani sarà a Vobarno, in Biblioteca comunale, per approfondire il tema della gestione delle risorse idriche


11/10/2018

Congratulazioni dottoressa Marta

Tanti complimenti a Marta Zabbeni di Vobarno, che martedì 9 ottobre si è laureata in "Scienze e tecniche delle attività motorie preventive ed adattate" presso l'Università degli Studi di Brescia con un bel 110 e lode (2)

11/10/2018

Nuova sala stagionatura per i «Rucc»

Domenica 14 ottobre il taglio del nastro. I nuovi ambienti permetteranno un salto di qualità nella produzione casearia della storica cooperativa sociale vobarnese

10/10/2018

«Cammini di Pace»

È “Fare il bene in libertà” il tema di questa sedicesima edizione della rassegna organizzata dal Gruppo “Giorgio La Pira” di Vobarno con il Centro pastorale “Don G. Frascadoro”. Il primo appuntamento questo venerdì, 12 ottobre 

08/10/2018

Volley Vobarno, la prima squadra riparte in Serie D

La neo-costituita Nuova Bstz-Omsi Polisportiva Vobarno, che esordirà nel Campionato regionale tra qualche giorno, è stata presentata lo scorso sabato al Palazzetto dello Sport di Vobarno 



Eventi

<<Ottobre 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia