Skin ADV
Martedì 20 Novembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








19.11.2018 Vestone Capovalle Valsabbia

19.11.2018 Valsabbia Provincia

18.11.2018 Salò Valsabbia Garda

19.11.2018 Idro

18.11.2018 Storo

20.11.2018 Casto Valsabbia

19.11.2018 Casto Serle

19.11.2018 Vobarno

18.11.2018 Vestone Valsabbia

19.11.2018 Villanuova s/C Provincia



16 Aprile 2018, 08.13
Vobarno
Lettere

Ma quella scuola è sicura o no?

di Carlo Panzera
Pubblichiamo una nuova lettera che riguarda i progetti di accorpamento delle scuole vobarnesi, che l'Amministrazione vorrebbe concludere alla svelta, adducendo opportunità finanziarie e ragioni di sicurezza

Caro Direttore,

sono a chiederLe ospitalità per esprimere alcune brevi e parziali considerazioni in merito al progetto di accorpamento delle scuole primaria e secondaria di primo grado che l’Amministrazione comunale di Vobarno intende attuare e che, ancora una volta, sta infiammando il dibattito e gli animi della comunità vobarnese.

La prima considerazione attiene proprio alle modalità con le quali si affronta una problematica che, ben oltre l’aspetto tecnico-aministrativo, investe elementi identitari di una comunità.

La Piazza del Paese, il Palazzo Municipale, le Scuole dell’obbligo, così come l’Oratorio e la Chiesa, sono luoghi nei quali diverse generazioni sono transitate, ogni vobarnese le ha vissute e ne conserva un ricordo, le ha letteralmente “a cuore”; sono cioè il tessuto urbano che ha plasmato l’identità della nostra comunità.

Trattarli come semplici involucri, edifici anonimi da trasformare all’occorrenza senza il benché minimo coinvolgimento dei cittadini, significa mortificare il vissuto di una comunità, cancellarne il passato e, provocando divisioni e fratture, pregiudicarne la coesione ed il futuro.

Si pensi, per citare un precedente, al positivo percorso partecipativo seguito alla fine degli anni ‘90 prima di procedere alla demolizione di una parte dell’insediamento Falck, altro elemento identitario di Vobarno; centinaia di anziani operai ed impiegati hanno attraversato quei capannoni con l’emozione negli occhi, orgogliosi protagonisti di quella storia industriale, cittadini partecipi della loro trasformazione.

Per questo riterrei importante promuovere una fase di dialogo e ascolto della cittadinanza, rendendola informata e partecipe, coinvolgendola nella decisione sul futuro della Scuola elementare intitolata a Giorgio Enrico Falck.

La seconda considerazione riguarda la scadenza dei bandi di finanziamento.
Poiché dei tre interventi previsti, ovvero l’efficientamento energetico dell’involucro, l’adeguamento sismico delle strutture e l’accorpamento delle due scuole, solo i primi due beneficiano di contribuzione pubblica, peraltro parziale, é possibile predisporre due distinti progetti che seguano autonomi percorsi autorizzativi: il primo, per l’adeguamento energetico ed il miglioramento sismico, da presentare entro i termini previsti dal bando, ed il secondo, relativo all’accorpamento e da finanziare con risorse proprie, da separare dall’adeguamento sismico per sottoporlo ad un confronto pubblico con il coinvolgimento diretto degli operatori del settore.

Una fase di riflessione sul futuro di quel plesso, sugli interventi tecnicamente ed economicamente sostenibili, sulle sue potenzialità in relazione al bisogno di una scuola aperta e partecipata che Vobarno esprime; ma anche adeguata alle possibili evoluzioni del mondo scolastico ed alla sua organizzazione, a cominciare dall’eventuale introduzione della cosiddetta “settimana corta” o di un diverso dimensionamento delle classi.

A tal proposito suggerirei la consultazione del sito dell’Istituto Nazionale Documentazione Innovazione Ricerca Educativa (indire.it) nella parte dedicata agli spazi educativi per la scuola del terzo millennio (il modello 1+4).

Dunque, qualche mese in più per discutere ed approfondire, non pregiudicherebbe in alcun modo la partecipazione ai bandi pubblici di finanziamento e non farebbe perdere alcuna opportunità all’Amministrazione comunale.
Al contrario, favorirebbe la condivisione, evitando contrapposizioni tanto più inopportune se aventi ad oggetto il cuore educante di una comunità, ovvero la Scuola. 

La terza ed ultima considerazione attiene al tema della incolumità di alunni, insegnanti e genitori che operano all’interno della Scuola Elementare G. E. Falck.
L’evento sismico del novembre 2004 provocò lesioni non strutturali all’edificio, determinando solo il distacco di una parte degli intonaci dei soffitti di alcune aule.

L’edificio venne temporaneamente chiuso per accertamenti e riaperto già nei giorni successivi dopo che ben sei ingegneri (un libero professionista, tre incaricati della Protezione civile della Regione Lombardia, il Direttore del Dipartimento Infrastrutture della Provincia di Grosseto ed un responsabile dei Vigili del Fuoco del Comando di Modena) in seduta congiunta e dopo un minuzioso sopralluogo durato un’intera giornata, ne avevano accertato le condizioni di sicurezza.

Nei mesi successivi, durante la pausa estiva, furono poi rimossi precauzionalmente tutti gli intonaci dei soffitti, benché privi di lesioni, e sostituiti con pannelli sospesi.

A conclusione degli interventi, furono quindi eseguite ulteriori verifiche, affidate ad altro ingegnere libero professionista, mediante prove di carico dei solai, al fine di accertarne la conformità.

Ciò detto, in tema di sicurezza non sono ammesse superficialità e pressapochismi: se sono effettivamente intervenuti nuovi elementi di criticità tali da far temere per l’incolumità delle persone, chi di dovere dichiari lo stabile inagibile e lo chiuda immediatamente.

Se così non è, tranquillizzi l’utenza e si astenga dall’utilizzare irresponsabilmente l’argomento sicurezza per avvalorare scelte amministrative aventi ben altre finalità.

Ringraziando per l’ospitalità, rivolgo a Lei ed ai suoi lettori un cordiale saluto.
Vobarno, 15 aprile 2018

Carlo Panzera

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75833 - 16/04/2018 13:39:26 (passacaglia) Grazie
Da sempre le idee possono essere condivisibili o meno. Il garbo e la signorilità (in questo caso particolare nello scrivere) stanno invece al di sopra di qualsiasi idea e qui sono evidenti, alla bella mostra di ogni lettore. Accantonando le varie disquisizioni attorno ad un progetto partito nel peggiore dei modi, resta per ora un fondamentale nodo su cui anche il sig.Panzera punta il dito con decisione: la sicurezza. Ci sono problemi gravi? Il sindaco chiuda la scuola primaria e metta veramente al sicuro noi insegnanti e i nostri alunni. Non instilli senza ragione il seme della paura per permettere alla sua amministrazione di continuare imperterriti sulla strada avviata. Oppure dia ragione delle sue affermazioni con i fatti.


ID75835 - 16/04/2018 16:32:54 (tiger68) ben detto
concordo pienamente con quanto detto da passacaglia,e questo scritto mi fa ancor di piu rimpiangere il vecchio sindaco che è sempre stato una persona saggia politicamente molto corretta!


ID75844 - 18/04/2018 12:30:00 (sentinella) L'IMPORTANZA DELLE PAROLE
Concordo anche io con Passacaglia; in questo scritto si coglie chiaramente la differenza tra chi parla con cognizione di causa , con dati alla mano, con proposte concrete e possibili vie da percorrere e chi invece agisce con "pressapochismo" e arroganza mancando di rispetto alla comunit Vobarnese e agli elettori. Non sufficiente vincere le elezioni per fare ci che si vuole; il confronto ma soprattutto la trasparenza devono sempre essere alla base della vita amministrativa di un paese.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/07/2018 17:22:00
La giunta si fermi e si confronti In merito all'accorpamento delle scuole vobarnesi, dopo aver rilevato la presa di posizione del Comitato genitori, riceviamo anche questa lettera


21/04/2018 07:42:00
Scuola insicura? Tutti pronti a discutere nel merito del progetto di accorpamento di Elementari e Medie a Vobarno. Ma sulla sicurezza no e se quell'edificio è instabile, i ragazzini bisogna portarli via subito. Il sindaco: «Pronti a farlo»


26/03/2018 10:55:00
Una scuola unica per Vobarno Sarà presentato giovedì 29 marzo in un’assemblea pubblica dall’Amministrazione comunale vobarnese il progetto di riqualificazione e di accorpamento della scuola Primaria e Secondaria di primo grado

31/03/2018 08:29:00
Vobarno: l'accorpamento delle scuole non piace Ma l'Amministrazione comunale insiste: «Abbiamo a cuore la sicurezza di insegnanti e alunni ed abbiamo fondi per sistemare un solo stabile»


18/05/2018 10:33:00
«No all'accorpamento degli ambulatori» Grazia Castellini, coordinatrice territoriale per le valli Giudicarie di Agire per il Trentino, contraria all’ipotesi di accorpamento degli ambulatori della Valle del Chiese ventilata dai vertici della sanità trentina



Altre da Vobarno
20/11/2018

Al di sotto delle aspettative

Peggior Vobarno della stagione in questa 6^ giornata di campionato che perde malamente a Lallio contro una diretta concorrente a pari punti in classifica.

19/11/2018

La lunga storia della Chiesa di Alvar Aalto a Riola

Questo mercoledì sera al cinema di Vestone la proiezione del docufilm del regista valsabbino Roberto Ronchi e di Mara Corradi sulla costruzione dell'unica opera italiana di uno dei più grandi maestri del Movimento Moderno

19/11/2018

L'annata storica del 1984

Un’occasione per rivedersi e festeggiare al gran completo alla festa di classe dei nati nel 1984 di Vobarno andata in scena sabato sera (1)

18/11/2018

Il destino della Biblioteca Civica Vobarnese

Stimolato dal contributo del prof. Fabrizio Galvagni, anche l’ex sindaco Carlo Panzera dice la sua sul destino della biblioteca di Vobarno (4)

18/11/2018

Volley Vobarno, vantaggio sprecato

Partita dalla doppia faccia per il Vobarno che disputa i primi due set da manuale, ma si fa rimontare malamente dalle bergamasche sprecando una vittoria alla propria portata

14/11/2018

Verso una biblioteca del futuro

Una bella collaborazione quella nata tra il Sistema bibliotecario e il Fablab valsabbino, che ha dato vita ad una serie di laboratori gratuiti nelle biblioteche del territorio. Tutte le informazioni e come partecipare 

14/11/2018

La vaca grisa e la biblioteca de Boaren

“I dis mia che ‘na vaca l’è grisa se la gh’a mia almeno en pel!”: non si dice che una mucca è grigia se non ha almeno un pelo (grigio). Così recita un vecchio proverbio bresciano... (3)

13/11/2018

La guerra alpina nel bresciano

Questo mercoledì sera a Vobarno una conferenza dedicata alla Prima guerra mondiale nel bresciano e sull’impiego degli Alpini sul fronte dell’Adamello

10/11/2018

Scontro in Variante

Lo scontro fra due auto è avvenuto poco fuori dalla galleria Prada, dalla parte di Sabbio Chiese. Strada chiusa per più di due ore. Grave un 27 enne di Sabbio Chiese (8)

08/11/2018

«A tutela della pubblica incolumità»

Troppi incidenti, anche gravi, sotto la galleria Prada, lungo la Variante alla 237 del Caffaro, fra i territori di Sabbio Chiese e Vobarno. Il sindaco Luscia prende carta e penna e si rivolge a Provincia e Prefettura
(16)



Eventi

<<Novembre 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia