Skin ADV
Lunedì 21 Agosto 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    







20.08.2017 Paitone

19.08.2017 Vobarno Roè Volciano

19.08.2017 Bione

19.08.2017 Idro

19.08.2017 Giudicarie

20.08.2017 Casto

19.08.2017 Mura

20.08.2017

19.08.2017 Garda






10 Agosto 2017, 07.30
Vobarno
Terzo settore

Fondazione Falck, la minoranza puntualizza

di Gruppo consiliare Insieme per Vobarno
Il gruppo consiliare Insieme per Vobarno ha scritto una lettera al sindaco con la richiesta di una convocazione urgente del consiglio comunale sulle questioni riguardanti la Rsa vobarnese, nella quale mette in evidenza le problematiche dei rapporti col CdA e della gestione della struttura

Pubblichiamo integralmente la lettera che il gruppo consiliare Insieme per Vobarno ha scritto al sindaco e per conoscenza alla giunta comunale e al CdA della Fondazione I.R. Falck in merito alle questioni riguardanti il Cda e la gestione della struttura, con la richiesta di una convocazione urgente del consiglio comunale per discutere della Rsa vobarnese.


____________________________________________________________

Vorremmo tornare con alcune riflessioni sulla situazione della Fondazione alla luce dell'incontro del 24 luglio u.s, e non solo. Premesso che è stato un incontro indetto dall'Amministrazione e non un semplice "gesto di gentilezza" nei confronti di nessuno e nemmeno un contentino dato alla minoranza. Quel che ci ha colpito fin dall'inizio e stato l'atteggiamento arrogante di alcuni componenti il CdA, che a più riprese hanno invocato gli articoli dello statuto per rivendicare chissà quale autonomia nei confronti dell'Amministrazione.

Gli statuti vanno sempre rispettati, ma se usati come clava qualche problema si pone. Se si passa dal confronto preventivo sulle scelte rilevanti della fondazione, all'invocazione dello statuto, poiché questo incarico e di nomina del Sindaco sarà opportuno adeguare lo statuto in modo che con chiarezza si evidenzi che il CdA, dopo adeguato confronto, assume direttive in campo socio-sanitario espresse dall'amministrazione.

Va precisato che il CdA non è proprietario delle quote della onlus; questa regola non scritta è negli anni stata la modalità con cui si è agito, anche alla luce della poco "simpatica" conclusione anticipata del mandato del precedente CdA. Affermare questo principio vale per l'oggi e per il futuro a prescindere da chi amministrerà. Del resto basta osservare le direttive del Comune di Gavardo, rispetto alla propria fondazione, e quel che vale a Gavardo può valere anche a Vobarno. Il Presidente lo sa sicuramente e se non fosse così non si capirebbe il perché delle nomine in capo al Sindaco se poi non c'è potere di intervento da parte dell'Amministrazione. Onori e oneri vanno di pari passo.

Se il patto tra gentiluomini non funziona, meglio regole cogenti per tutti. Ma per restare al merito, si fa presente che l'adesione al consorzio, decisa prima dell'incontro, oltre a essere un atto di cattivo gusto nei suoi confronti e in quelli dell'Amministrazione, pone qualche problema di autonomia (stavolta sì) della nostra fondazione. Infatti la mission del consorzio è di un'ampiezza tale che va oltre le economie di scala sugli acquisti e francamente non si capisce cosa c'entri con le finalità della nostra fondazione di offrire servizi sempre migliori agli ospiti che sono persone fragili. Inoltre non Le sarà sfuggito un particolare e cioè, che il Presidente del Consorzio è anche Presidente della Fondazione di Gavardo, dove il signor Salvadori è dipendente in qualità di direttore amministrativo e contemporaneamente è presidente a Vobarno.

Crediamo che la scelta strategica sia chiara e proprio per questi livelli di conflitto di interesse, la questione andava analizzata prima dell'adesione al consorzio considerato che tutta l'urgenza spiegata non esisteva. Tra l'altro dopo le scelte di ATS sulla gestione dei cronici, dubito che altre Fondazioni aderiscano al consorzio. Con stupore apprendiamo la notizia, tra l'altro confermata dalla stampa locale con dichiarazioni del sindaco di Manerba, dell'assegnazione alla nostra Fondazione del progetto di gestione del residence le Farfalle di Manerba. Questa scelta, che non ci risulta sia stata oggetto di confronto preventivo con l'amministrazione, è di gravità inaudita per la disinvoltura con cui si intendono utilizzare le risorse accumulate nel tempo dalla Fondazione. Sono soldi provenienti dalle rette che pagano gli ospiti, in parte anche di provenienza pubblica e andrebbero spesi sul territorio per migliorare i servizi, di cui c'è bisogno, o alleggerirne il peso sulle famiglie. Così si rischia di trasformare la fondazione in un’impresa immobiliare che non è proprio la mission della Fondazione. Si potrebbe anche in questo caso richiamare lo statuto là dove afferma "...entro tre mesi dall'insediamento il Cda presenterà il programma che vorrà sviluppare...". Ma il nodo è altro.

Riteniamo che questo fatto sia di una tale gravità da incrinare il rapporto fiduciario con l'Amministrazione, che può portare anche alla messa in discussione del Presidente e del Direttore Amministrativo. Per questo urge un consiglio comunale che abbia al centro queste questioni. Vi è un altro problema rilevato negli ultimi tempi e in itinere tutt'ora: il continuo ricambio di personale, soprattutto infermieristico a partire dai collaboratori più professionalizzati e di lunga esperienza, cui si aggiungono le dimissioni del Direttore Sanitario e dell'unico medico assunto a tempo indeterminato.

Avevamo già sollevato l'anno scorso l'anomalia che tutti gli infermieri erano in regime di libera professione. Oggi si scopre che cercano altri posti di lavoro e che un lavoro così impegnativo e gravoso non è adeguatamente remunerato, c'è un organico ridotto all'osso e c'è un servizio ADI non equamente distribuito. Si può fingere che le motivazioni delle dimissioni siano tutte per ragioni personali, tuttavia si riscontra un malessere diffuso e quando il numero aumenta in continuazione, significa che il problema esiste e va affrontato. L'eccellenza della nostra fondazione era garantita proprio dal fatto di avere il personale stabilizzato che dava certezze alla struttura e tranquillità agli ospiti. Se non è più così occorre indagare sulle cause che producono tale situazione e rimuoverle.

Occorre avere un Direttore Sanitario assunto in pianta organica e che le sue funzioni e ruolo siano previste nello statuto. Ad ognuno le proprie competenze e responsabilità. La fondazione non è una azienda qualsiasi ma è erogatrice di servizi alla persona. Occorre investire nella struttura completando con investimenti la strumentazione in dotazione ad ogni camera, così da portare anche la parte vecchia al livello di quella nuova, riducendo peraltro la fatica per ospiti e operatori. Tra l'altro rispetto all'avanzo di bilancio sarebbero cifre modeste. Aspettavamo la presentazione di un programma che per statuto doveva avvenire entro i 3 mesi dall'insediamento del nuovo CdA, invece si paventano scelte rilevanti e non prioritarie senza nessun confronto.

Non è sufficiente liquidare la partita "l'importante è che facciano", perché la fondazione ha una storia che viene da lontano, è nel cuore dei vobarnesi ed è obiettivo di tutta l'amministrazione operare per il bene degli ospiti, compreso se ve ne fossero le condizioni di ridurre le rette. Ci auguriamo che su queste osservazioni ci sia la volontà di discutere e di risolvere le questioni, a partire dalla conferma della nostra richiesta di una convocazione urgente e straordinaria del consiglio comunale, prima che scadano i termini di assegnazione definitiva del bando di Manerba, che discuta e definisca gli obiettivi di politica socio-assistenziale cui è chiamata al rispetto anche la Fondazione.


Gruppo consiliare Insieme per Vobarno
Paolo Barbiani
Valentina Albertini
Renato Simoni
Ernesto Cadenelli

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID73274 - 10/08/2017 23:17:55 (skyrunner968)
Che il sig.Salvadori torni al suo paese, cosa c'entra con Vobarno?..


ID73278 - 11/08/2017 16:29:56 (Prometeo79) Sarà tempesta?
Intanto sembrerebbe che oggi il Vicepresidnete Piccinelli si sia dimesso dal CDA della Fondazione... la puzza di bruciato, o di marcio, comincia a sentirsi anche a Gavardo ormai... Direi che è ora che l'Amministrazione ci metta la faccia, sempre che ne sia capace, e spieghi il perchè di tutte queste scelte!...dalla nomina di Salvadori, al bando per Manerba, all'adesione al Consorzio con Gavardo, al disinteresse verso i soldi dei cittadini Vobarnesi: chi ha scelto? perchè? quali interessi in gioco? e di chi? Adesso vogliamo risposte concrete. E prese di responsabilità.


ID73286 - 13/08/2017 16:55:00 (turk182) c'è del marcio in Danimarca..
A dirla tutta è un po' che a Gavardo si sente puzza di bruciato relativamente alla "Fondazione la Memoria" da quando tolsero l'obbligatorietà della Laurea proprio per permettere la nomina di Salvadori Alessandro come Direttore Amministrativo. Pure strana a qualche gavardese era parsa la nomina anche dell'architetto vobarnese Maurizia Fossati. Il famoso "scambio di favori" mai meglio precisati con Gavardo di cui parlava il Sindaco di Vobarno ora si concretizza, qui ci sono in ballo progetti in grande da milioni di euro su cui si vogliono mettere le mani. Magari a Vobarno potrebbe anche arrivare anche un altro acquisto da Gavardo se le cose dovessero andare in un certo modo, la voce circola insistente. Possibile che i cittadini di Vobarno siano ciechi e sordi come i gavardesi?


ID73307 - 14/08/2017 22:51:41 (maxero)
Turk182 Sindaco anche a Vobarno?A parte gli scherzi da gavardese sono interessato a sapere quale sarà il prossimo acquisto. Faccia il nome su dai. Un po' di coraggio.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
30/06/2007 00:00:00
La difesa del sindaco A Vobarno non si è fatta attendere la reazione del sindaco alle accuse della minoranza dopo le dimissioni del Cda della Casa di riposo «Irene Rubini Falck».

02/07/2014 06:58:00
Irene Rubini Falck Onlus, un plauso agli amministratori Caro Direttore, qualche giorno fa la Fondazione I.R.Falck- Rsa di Vobarno ha inaugurato il nuovo centro prelievi che subentra migliorandone la qualità e l'ambiente al vecchio centro comunale...

25/06/2007 00:00:00
Beghe interne alla Casa di Riposo Dimissioni a catena alla Casa di riposo «Irene Rubini Falck» di Vobarno. Ad andarsene i tre membri della maggioranza in seno al Cda. La minoranza accusa: «Così rischiano gli investimenti»

29/05/2009 00:10:00
La Casa di riposo pensa al futuro Questi i programmi di riammodernamento della Rsa vobarnese. La Fondazione Falck chiederà alla Regione l’accredito per altri quaranta posti letto

11/08/2017 09:59:00
Ancora sulla Irene Rubini Falck In merito alle questioni ancora aperte sulla Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, ci scrive anche l'ex presidente Pierenzo Faberi. Pubblichiamo volentieri




Altre da Vobarno
19/08/2017

Contro il palo della luce

Forse un attimo di distrazione. Fatto sta che una ragazza alla guida di un'auto, mentre percorreva la Provinciale IV al confine fra Roè Volciano e Vobarno, è finita contro a un palo
(5)

18/08/2017

La zucchina di Papù

Esperimento di agricoltura transcontinentale perfettamente riuscito quello che ha portato delle speciali piante di zucchine indiane a crescere rigogliose lungo le pendici dell’Agna, a Vobarno

17/08/2017

Il primo di Elisabeth

Tanti auguri alla piccola Elisabeth, di Vobarno, che proprio oggi, giovedì 17 agosto, spegne la sua prima candelina


11/08/2017

Ferragosto in campagna con... menu fantasia

L’agriturismo BioBio’ a Vobarno propone per il ferragosto un menu fantasia, dove troverete DI TUTTO UN PO’:  un buffet fresco, ma gustoso con prodotti tipici e biologici; verdure, salumi, carni, formaggi e tanto altro

11/08/2017

Ancora sulla Irene Rubini Falck

In merito alle questioni ancora aperte sulla Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, ci scrive anche l'ex presidente Pierenzo Faberi. Pubblichiamo volentieri
(1)

09/08/2017

Preoccupati per i destini della Fondazione

Egregio sig. Direttore, siamo un gruppo di famigliari degli ospiti della Fondazione I.R.Falck di Vobarno e vorremmo sottoporre alla sua cortese attenzione alcune problematiche sorte in seguito alle dimissioni del cda uscente e con la nomina del nuovo, da poco insediato (1)

08/08/2017

Mezzo secolo per William

Tanti auguri a William, di Collio di Vobarno, che proprio oggi, 8 agosto, compie 50 anni

08/08/2017

Simone diventa maggiorenne

Tanti auguri a Simone Salvi, di Vobarno, che proprio oggi, martedì 8 agosto, compie i suoi primi 18 anni (1)

04/08/2017

Malinteso

Con lo scooter contro un'auto. E' successo a Vobarno, fra la rotonda che porta alla tangenziale e la galleria per Roè. Sembra a causa di un malinteso (2)




01/08/2017

«Quella schiuma arriva dal lago»

Le ripetute segnalazioni, anche da noi registrate in questi giorni, in merito alla presenza di “liquami” nelle acque del Chiese a partire da Vobarno, avrebbero una spiegazione. Ai lettori: segnalate ogni volta anche al 1515 (4)

Eventi

<<Agosto 2017>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia