Skin ADV
Giovedì 22 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    





22.02.2018 Vallio Terme Giudicarie

20.02.2018 Vobarno Valsabbia

20.02.2018 Preseglie

20.02.2018 Barghe

20.02.2018 Vestone Gavardo Valsabbia

21.02.2018 Giudicarie

21.02.2018 Idro Vobarno Sabbio Chiese Villanuova s/C Garda

22.02.2018 Valsabbia Muscoline

21.02.2018 Vobarno Valsabbia

21.02.2018 Gavardo






11 Agosto 2017, 09.59
Vobarno
Lettere

Ancora sulla Irene Rubini Falck

di Pierenzo Faberi
In merito alle questioni ancora aperte sulla Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, ci scrive anche l'ex presidente Pierenzo Faberi. Pubblichiamo volentieri

Ho letto un breve comunicato stampa sul quotidiano locale “Bresciaoggi” del 2 Agosto 2017 nel quale si afferma che “la Fondazione Falck di Vobarno è l'aggiudicataria temporanea per la gestione dell'ex residenza per anziani le Farfalle di Manerba”.
La notizia così come pubblicata mi lascia alquanto perplesso.

L'importo della base d'asta iniziale è di 1 milione e 170 mila euro per nove anni a cui, mi sembra di capire, si aggiunge l'1% dell'offerta al rialzo, con opzione per altri nove anni.      

La mia perplessità non è tanto dovuta all'importo, anche se considerevole, quanto al modo con cui arrivano queste notizie e alle domande che ne conseguono e che restano in attesa di risposte.
Quali sono gli obiettivi, le finalità di un investimento del genere? Quali vantaggi porta e porterà alla Fondazione Falck e alla comunità vobarnese? La gente di Vobarno ne sa qualcosa o sta subendo passivamente le decisioni di chi è appena arrivato e forse non conosce la nostra realtà?

Ho lasciato la Fondazione da tre anni ormai e ho sempre ritenuto opportuno non intervenire per rispetto del lavoro degli altri.
Ora ci troviamo di fronte a una decisione preconfezionata che forse poche persone conoscono. Eravamo abituati a confrontarci, a discutere proposte, iniziative, progetti, specialmente se comportavano impegni di un certo valore.

Non ho nessuna intenzione di far polemica, vorrei solo capire se ciò che è frutto di un impegno collettivo e pluriennale, costituito con pazienza e tanta buona volontà di tutti coloro che hanno vissuto la realtà della nostra Casa di Riposo (ospiti, familiari, parenti,volontari, personale e amministratori), viene utilizzato responsabilmente per il bene degli ospiti di oggi e di domani della nostra Fondazione.
Se è così ne sono ben felice.

Sono convinto però che la Fondazione è patrimonio della Comunità vobarnese e quindi gli investimenti, con i soldi di Vobarno, si devono fare a Vobarno per ampliare e migliorare i servizi a favore delle persone fragili e bisognose.
Forse mi sbaglio, ma allora fatemi capire dove sbaglio e perché.

Quando abbiamo concluso il mandato in Fondazione nel mese di luglio del 2014, oltre ad un consistente deposito bancario di circa un milione e mezzo di euro (che nel corso di questi tre anni è stato raddoppiato, nonostante ci fosse chi ci accusava di voler fare utili, ma sappiamo bene che buona parte derivano dagli accantonamenti per TFR e per ammortamenti), abbiamo lasciato incompiuta una parte del progetto datato 2009, discusso, condiviso e presentato in vari incontri alla popolazione, che prevedeva due fasi:

-  la prima è stata realizzata dal 2010 al 2012: ospita l'attuale centro diurno, il nucleo sole e quello delle cure intermedie (ex post-acuti che assicura alla Fondazione un contributo annuo di 860.000,00 euro dopo una laboriosa ed impegnativa sperimentazione durata due anni);

-  la seconda, quella incompiuta a causa della impossibilità (allora) di demolire i rustici perché vincolati dalla Sovrintendenza.
Ma il progetto c'era e c'è ancora se lo si vuol considerare.

Ora mi chiedo perché si scopre tutto a cose fatte e non coerenti con quanto progettato a suo tempo?
Ci si rende conto che con la disponibilità finanziaria attuale si può costruire qui a Vobarno un nucleo di residenzialità per anziani?   
Ci siamo dimenticati che il primo nucleo della struttura è stato costruito con il determinante contributo della popolazione e grazie all'impegno dei volontari che, dopo aver suddiviso il paese per zone, frazioni comprese, raccoglievano casa per casa le quote necessarie per il pagamento delle rate semestrali del mutuo?

L'Amministrazione Comunale, maggioranza e minoranza, cosa ne pensa?
Cosa ne pensano gli amici volontari e tutte le associazioni che operano in Vobarno e contribuiscono alla soluzione dei tanti problemi sociali dei vobarnesi?

Mi rendo conto che c'è il rischio di sollevare un “polverone” come si suol dire, ma sono sicuro che una corretta informazione possa giovare a tutti e credo che un sereno e ponderato confronto sia necessario anche per il bene della nostra Fondazione che ha sempre riscosso apprezzamenti e stima per il suo operato: dagli abitanti, dagli ospiti, dai familiari, dalle autorità e dagli Organi preposti alla Vigilanza e al controllo.

Resto in attesa di gradite spiegazioni e chiarimenti e con stima porgo cordiali saluti.       

Pierenzo Faberi

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID73277 - 11/08/2017 16:23:57 (Prometeo79) Risposte!
Sono domande a cui la Giunta deve dare assolutamente risposte... il pensiero che si stia svendendo il patrimonio accumulato e la Fondazione per soli interessi politici e di amicizia è ormai una certezza. Vorrei sentire la voce del Sindaco e soprattutto dell'Assessore Formisano, perchè fino ad ora ho sentito solo la minoranza provare a sollevare questioni e dubbi... Vogliamo risposte e, come dice Faberi, i soldi dei cittadini di Vobarno devono essere investiti a Vobarno. Se la Giunta non sa o non vuole dare risposte allora c'è una sola soluzione: tutti a casa! Sindaco e Assessore!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/06/2014 07:14:00
Il «testamento» del presidente Prossimo alla scadenza del suo mandato, Pierenzo Faberi, presidente della Fondazione Irene Rubini Falck, ha ripercorso a grandi linee le tappe del suo impegno. Una sorta di testamento


15/07/2015 08:12:00
Porte aperte alla casa di riposo Di fronte all´imminente ritorno del caldo africano, la casa di riposo Irene Rubini Falck di Vobarno tende la mano agli anziani e a chi soffre l´afa

02/07/2014 06:58:00
Irene Rubini Falck Onlus, un plauso agli amministratori Caro Direttore, qualche giorno fa la Fondazione I.R.Falck- Rsa di Vobarno ha inaugurato il nuovo centro prelievi che subentra migliorandone la qualità e l'ambiente al vecchio centro comunale...

12/08/2014 07:21:00
Rubini Falck: nuovo Cda con polemica Accuse di incompetenza, di mancato rispetto delle regole democratiche e di inaffidabilità. Il rinnovo del Cda della Fondazione Irene Rubini Falck di Vobarno, voluto dalla nuova amministrazione comunale, sta creando non pochi malumori

27/10/2017 11:36:00
Aperto il bando, dopo le dimissioni del presidente Scadranno alle ore 12 del prossimo 7 novembre, i termini per presentazione delle candidature per far parte del Cda della Fondazione Irene Rubini Falck



Altre da Vobarno
21/02/2018

Cinque valsabbini per l'espresso migliore

Ci sono anche tre studenti dell’alberghiero dell’Istituto “Perlasca” di Idro e due del “Caterina de Medici” di Gardone Riviera al talent show dedicato al caffè, in scena nel corso di Golositalia alla Fiera di Montichiari

21/02/2018

Quando il «voi» diventa «noi»

Si è conclusa la stagione sciistica con la Polisportiva Vobarno, unica Polisportiva Valsabbina che include sciatori disabili, in un’esperienza ricca di soddisfazioni e portatrice di novità
(1)

20/02/2018

Ultimo viaggio per Domenico Fappani

Sono stati fissati per questo mercoledì alle 14:30, partendo dall’abitazione in via Prainè a Carpeneda per la parrocchiale dedicata a Santa Margherita di Scozia, i funerali di Domenico Fappani. Aveva 91 anni e si è occupato a lungo della comunità vobarnese (1)

20/02/2018

Zabbeni lascia la prima squadra

Dopo due stagioni e mezzo di collaborazione, si interrompe il rapporto tra la sezione Volley della Polisportiva Vobarno e coach Fabiano Zabbeni e del suo secondo Simone Randisi.

20/02/2018

Il «Gruppo Stella» di Carpeneda si rinnova

Dopo circa trent’anni il segretario storico Egidio Ronchi lascia, Il suo posto viene preso da Cristina Bianchi. Modifiche allo Statuto e nuovo Cda

20/02/2018

Scritte oltraggiose

Ce ne sono almeno due nella galleria Carpeneda, lungo la Variante alla 237 del Caffaro, fra le uscite di Vobarno e di Carpeneda
(7)

17/02/2018

«La psicanalisi non è una psicoterapia»

Poco partecipato ma estremamente interessante il terzo incontro del ciclo “Il ritorno di Freud” che si è svolto lo scorso giovedì, 15 febbraio, in biblioteca a Vobarno

17/02/2018

Quattro Comuni ai blocchi di partenza

Tra lunedì 19 e sabato 24 febbraio, in Valle Sabbia, i Comuni di Vallio Terme, Vobarno, Paitone e Serle abbracceranno la sfida del “porta a porta”

16/02/2018

«Il piacere di mettersi in piazza»

Si terrà il prossimo lunedì, 19 febbraio, a Prevalle la prima delle attività formative in tema di prevenzione del gioco d’azzardo dedicate ai genitori nell’ambito del progetto sulle ludopatie della Comunità Montana

16/02/2018

«Non sparate sul postino»

Il Gruppo Teatrale RìDÒ in collaborazione con l'associazione Rio de Oro presenta la brillante commedia di Derek Benfield che andrà in scena domani, sabato 17 febbraio, al Teatro comunale di Vobarno

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia