Skin ADV
Domenica 23 Settembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Lucchetti

Lucchetti

di Pier Angiola Belli



21.09.2018 Gavardo Valsabbia

21.09.2018 Gavardo

22.09.2018 Vestone Valsabbia

21.09.2018 Villanuova s/C

21.09.2018 Pertica Bassa Valsabbia

22.09.2018 Roè Volciano

22.09.2018

21.09.2018 Prevalle

21.09.2018 Val del Chiese

21.09.2018 Sabbio Chiese






07 Aprile 2018, 09.44
Vobarno
Sulle scuole di Vobarno 2 - Lettere

«Quando la progettualità è assente»

di Ernesto Cadenelli
«Un antico detto orientale recita “I saggi non dicono tutto quello che pensano, ma pensano tutto ciò che dicono”. Non pare essere questa la modalità con la quale opera la giunta vobarnese...»

...Infatti quanto si sta verificando negli ultimi due anni attorno al polo scolastico ne è l'esempio lampante.

Nel 2016, senza interloquire con nessuno, viene presentato il progetto per installare una centrale biomasse davanti all'ingresso della scuola media. Dopo critiche e sollevazione popolare l'idea viene cassata.
Sarebbe costato un milione di euro e avrebbe creato non pochi problemi a partire da quelli ambientali.

Tra le alternative veniva indicato, da noi “Insieme per Vobarno”, l'efficientamento energetico dei due edifici, elementari e medie, al fine di ottenere un considerevole risparmio sulle spese di riscaldamento.

Nel 2017 la giunta ha presentato un progetto di partecipazione a un bando regionale che prevedeva un finanziamento per efficientare la scuola media pari a 2,5 milioni di euro, di cui metà a fondo perduto (metà invece prestito da restituire).

Dando il nostro parere favorevole, in consiglio comunale, ci permettemmo di suggerire a giunta e sindaco l'idea di predisporre un progetto di studio per la sistemazione di tutto il polo scolastico (che è situato in centro al paese), anche da realizzare negli anni futuri con gradualità sulla base delle risorse che si renderanno reperibili.

Progetto che avrebbe dovuto includere ex-Itis (sul cui tetto c'è ancora amianto, nonostante le segnalazioni fatte), la ex casa Forini acquistata dal Comune col nostro voto favorevole e un'eventuale soluzione per la scuola materna statale che oggi è frequentata da oltre 100 bambini.

Mai avremmo pensato che il primo progetto, ormai acquisito anche in termini di finanziamento, venisse messo in stan-by, per partecipare ad un secondo bando, questa volta per la sistemazione antisismica delle scuole medie, che se ammesso, porterebbe l'investimento complessivo a circa 6,5 milioni di euro.

Valesse la regola del 50% a fondo perduto e del 50% da restituire, per il Comune si tratterebbe di un'indebitamento di oltre 3,2 milioni di euro a medio termine.

Essendo l'impegno finanziario fuori dalla portata delle casse comunali, ecco il coniglio uscito dal cilindro: accorpare scuole elementari e medie in un unico edificio.
Il tutto deciso nelle segrete stanze della giunta, senza interlocuzione con nessuno.

Ma come sostenere questa mirabolante tesi?
Col motivo più ricorrente di questi tempi, mettere ansia, preoccupazione e paura nella popolazione, con la teoria che gli edifici sono in uno stato di preoccupante pericolosità per l'integrità dei bambini e di chi vi opera.

Più di una volta il sindaco,
ma a ruota altri assessori, nel corso dell'assemblea del 29 marzo u.s. si sono sperticati in affermazioni del tipo “Le scuole elementari sarebbero già dovute essere chiuse per i rischi cui sono sottoposte".
Oppure, "se avessi un figlio non lo manderei in quella scuola". Oppure, "noi non ci sentiamo di scegliere quali bambini sia meglio tutelare, se delle elementari o delle medie.”

Sono affermazioni di una tale gravità che non possono essere sottaciute, anzi bisognerebbe andare a una verifica di fondo.
Se le scuole sono davvero così malmesse, vanno chiuse subito con ordinanza del sindaco, diversamente bando alle strumentalizzazioni e ci si sieda a discutere l'opzione migliore, prima di procedere con gli appalti.
Anche perché i bambini dovrebbero comunque, secondo tale tesi, stare in stato di rischio almeno per altri 3 anni.

La cosa più sorprendente, che però non sfiora minimamente i nostri amministratori, è che di questi propositi, non hanno parlato con nessuno, ma proprio nessuno!
Non in consiglio comunale, non con il corpo docente delle due realtà, né con il comitato dei genitori. Anzi fino a pochi mesi erano ancora presi con la centrale a biomasse!

Solo la denuncia pubblica, tramite volantino, che abbiamo fatto come opposizione, ha sortito l'effetto di una grande presenza all'assemblea e la presentazione di osservazioni/preoccupazioni di insegnanti e genitori praticamente unanimi, sulle ricadute negative di una tale pensata sulle attività didattiche della scuola a partire dagli spazi (aula magna, numero aule insufficiente, aule per i quasi 40 alunni diversamente abili, una sola palestra, per indicare i principali). 

Per dirla in dialetto una soluzione per cui comunque il 10 nel 5 non ci entra. Stiamo parlando di circa 650 bambini tra le due realtà.
L'investimento è di tale entità che, senza ottenere i risultati auspicati sul piano delle esigenze didattiche, comunque  per almeno 20 anni a Vobarno il capitolo scuole è chiuso, quale sia l'evoluzione della natalità.

Altro che atteggiamenti prevenuti,
la questione è seria dal punto di vista didattico, dal punto di vista di un investimento elevato che non si rivela risolutivo del problema scolastico vobarnese.
Una scuola adeguata alle esigenze didattiche dei ragazzi è la priorità assoluta che vogliamo sottolineare, in questo condividendo le osservazioni pertinenti che vengono dall'interno del mondo scolastico, docenti e genitori in primis.

Pensare che avendo vinto le elezioni, è lecito fare ciò che si vuole, è davvero un brutto difetto e sopratutto è sbagliato perché induce a errori clamorosi come in questo caso.

Presentarsi all'assemblea con due foto, di una porta del cesso consunta o di una turca rotta, non gioca a favore di una amministrazione che non trova alcune migliaia di euro all'anno per migliorie nell'ambito delle scuole elementari che sono lì da 100 anni e non danno segni particolari di cedimento.

A ruota segue una seconda priorità che interessa l'intera comunità.
Facciamo osservare che in questi anni di giunta Lancini si sono buttati via parecchi soldi.

Il progetto biomasse sarà costato qualcosa o no?

Il trasloco del comune, improvvisato e anch'esso non discusso, è costato compresi i vari spostamenti dell'anagrafe e le migliorie dell'edificio ex-secoval oltre 120.000 euro.
Il vecchio palazzo, dopo che il sindaco aveva dichiarato solennemente la temporaneità dello spostamento, costerà circa 600.000 euro (vero della regione, ma sempre pubblici sono!), senza che ad oggi si sia detto chiaramente quale sarà la destinazione.
Per noi deve tornare sede del Comune, ma il rischio che resti vuoto per anni c'è.

E' inoltre in programma il rifacimento dei marciapiedi di via Garibaldi per circa 150.000 euro (a chi serviranno poi?), potrebbero essere risorse da destinare subito a primi interventi sulle scuole elementari.

Vorremmo far notare come con queste scelte della giunta, da p.zza Ferrari fino alle scuole medie sarebbe una sequela di palazzi e case vuote, condannati all'usura del tempo e dei fattori climatici con un'evidente morte del paese.

Cosa si penserebbe di fare per un loro recupero e utilizzo?
Forse si pensa, tra qualche anno crisi permettendo, alla possibilità di una gigantesca speculazione edilizia? Chiediamo anche ai soci di “far rivivere Vobarno” di dire la loro, poiché questa ipotesi è il contrario degli obiettivi sui quali si sono impegnati con tanto fervore.

Noi preferiamo che le scuole restino in centro al paese e che questa idea dell'accorpamento elementari-medie venga abbandonata.
Faremo di tutto perché questa idea si faccia strada.
Come hanno suggerito alcuni interventi quella sera, si proceda con l'investimento sulle medie; si predisponga un progetto per le elementari e con questo si vada alla ricerca di fondi. Non tutto deve finire con la primavera del 2019.

Ernesto Cadenelli
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75708 - 07/04/2018 16:16:19 (Zanoni Claudio) Zanoni Claudio
Non potevo aspettarmi nulla di diverso. Consono al loro stile. In così lunga lettera traspare poca verità. La risposta su progetto dell’accorpamento delle scuole è già pronta e verrà pubblicata a tempo opportuno. Progetto biomassa è stato valutato e poi abbandonato senza alcun costo.La via Garibaldi è da tempo in lunga agonia, difficilmente si ritrova una zona cosi degradata in tutto il paese. Non è un problema insorto in questi ultimi quattro anni ma dovuto a un perdurante disinteresse da parte delle Amministrazioni precedenti a questa zona (di qua del Chiese), a vantaggio di altre (di là del Chiese).Non capisco poi cosa può fare l’associazione Facciamo Rivivere Vobarno


ID75709 - 07/04/2018 17:44:03 (sentinella) A corto di argomentazioni???
Trovo cambiato invece il suo stile sig. Zanoni...Ci ha sempre abituati a lunghi sermoni ampiamente documentati...Non è che non sappia che pesci pigliare??


ID75710 - 07/04/2018 19:02:28 (Prometeo79) Loro?
Vedo che questa lettera è firmata con nome e cognome. Ma lei Zanoni, parla di "loro"... Loro chi? la minoranza? i cittadini in disaccordo? mi pare si faccia di tutta l'erba un fascio qui...Davvero a corto di argomentazioni; risponde a biomasse, marciapiedi, parla di vecchie amministrazioni, ma nessuna parola sul tema scuole. A tempo opportuno dice lei... e quando sarebbe? i cittadini mi sembra che volessero risposte adesso!e poi, nessuna parola sulla serata assembleare, in cui sindaco e vicesindaco con arroganza e maleducazione tacciavano i cittadini e urlavano come in un mercato? è questa la democrazia che Le piace? Io c'ero all'assemblea, e non è stata una bella figura vedere un'amministrazione comunale trattare in quel modo i suoi cittadini (elettori)!


ID75715 - 08/04/2018 10:09:02 (classe74) classe49
far rivivere vobarno potrebbe fare molto. intanto non avallando questi medodi di confronto (sic!) coi cittadini.Secondo dire qualcosa non solo su S.Faustino, ma anche sul vuoto incredibile che si sta creando nel centro del paese con l'abbandono e la dismissione di palazzi storici.Sui marciaoiedi di via garibaldi, che è vero sono in disordine,faccio notare però che sono più importanti gli interventi di miglioria delle elementari, dove ci sono 400 bambini, che un marciapiede di una strada purtroppo vuota, dove esiste un solo negozio......


ID75736 - 10/04/2018 00:50:54 (Zanoni Claudio) Zanoni Claudio
Aspettavo proprio una risposta di questo tipo per fare da cornice a questa lettera. I palazzi storici, che poi è solo uno, è in avanzato restauro e si trova proprio di fronte ad un angusto slargo, così fu definita piazza Ferrari, per giustificare la scelta fatti anni fa, di spostare la sede del Comune in Piazza della Pace, che poi non è neppure riuscita. Per quanto riguarda la via Garibaldi, non si chiede come mai è rimasta una sola attività? È proprio la mia, forse perché sono un superstite, un predestinato o l’Highlander della via. Forse perché vedo le cose sotto un’altra ottica e quindi per i parcheggi mi sono già organizzato. Ho comprato apposta l’Albergo Italia per farmene in tutta autonomia senza pretendere favori da qualcuno.


ID75737 - 10/04/2018 00:51:54 (Zanoni Claudio) Zanoni Claudio
Da ottico vedevo già che qualcuno sarebbe arrivato a rinfacciare questo. Solo i miopi come lei (anonimo) non sono in grado di vedere che risistemare il marciapiede e renderlo parcheggiale, forse può fare ripartire alcune attività. Le attività creano movimento, ristrutturazione ed è proprio l’opposto ottenuto dalla scelta scellerata di togliere i parcheggi della via Garibaldi condannandola al nulla. A sostegno di questo basta vedere come è messa la via Migliorini, dove i parcheggi abbondano. Con 140.000 € non mette in sicurezza le scuole elementari ma forse può essere l’occasione per ridare linfa ad una via. Non posso pensare che un miope possa vedere un marciapiede e gli effetti positivi che questo può dare.


ID75747 - 10/04/2018 16:12:18 (classe74) classe49
vobarno è pieno di parcheggi, ormai quasi vuoti, largo donatori, ex aree dismesse (bar ferriera) e sede municipale.Da un'associazione come la sua mi aspetterei che suggerisca ai suoi clienti due passi a piedi che fanno bene alla salute e riducono il colesterolo. Se per far rivivere vobarno, bisogna entrare in auto nei negozi, allora non ci siamo. E' tutto un bluff!!! Poi se lei vuol farseli privatamente è libero di farlo, ma non chiedere alla collettività questo onere. 140.000 euro di qua, 120.000 di là, la cifra comincia a diventare interessante per un progetto sulle elementari....


ID75756 - 10/04/2018 20:59:27 (Zanoni Claudio) Zanoni Claudio
Te la canti e te la suoni da solo anonimo. Certo che se lavoro vengono a piedi, ma sa lei quanto possono influire i percheggi per mantenere viva una via. Io personalmente non chiedo nulla, mi arrangio a mantenere la mia sopravvivenza. Forse la via Garibaldi ha bisogno di un intervento per tornare a rivivere. Va bene tutto ma poi non insistano nel dire che il centro si sta svuotando. Per quanto riguarda le scuole elementari si leggerà la imminente pubblicazione su questo sito. Qui chiudo perché probabilmente non ho il suo tempo a disposizione come lei ne ha.


ID75841 - 17/04/2018 15:39:02 (tiger68) convengo
Anche durante la presentazione del porta a porta il sindaco è stato arrogante con i cittadini ..vorrebbe che tutti approvassero e tacessero alla faccia della democrazia cosi anche alla riunione per le scuole .. chi non la pensa come loro deve tacere! Ma dove siamo... dov'è la democrazia? Siamo in balia di provetti dittatori che ci stanno riempiendo di debiti dei quali magari in futuro non ne saranno più responsabili in quanto spero non vengano più rieletti. In risposta al signor Zanoni voglio dire che si faccia un giro per Vobarno e vedrà che di vie messe peggio della via Garibaldi ce ne sono tantissime a cominciare dalla strada principale che va dal centro verso Collio ...ormai uguale ad una pista di motocross ..se non ci crede provi a farla in bicicletta! Ma tanto sono sicuro che anche in questo caso dirà che anche queste considerazioni si aspettava.....io invece aspetto con ansia le nuove elezioni comunali sperando di poter scacciare la


ID75842 - 17/04/2018 15:43:33 (tiger68) segue
peggior amministrazione che il mio paese abbia mai avuto.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/04/2018 16:04:00
«A noi piace molto» Replica la maggioranza in municipio a Vobarno torna sulle critiche da noi rilevate in merito alla scelta della giunta di accorpare Elementari e Medie in un unico stabile, più risparmioso e sicuro


05/05/2015 14:00:00
Non solo multe Anche l’attività di prevenzione nelle “corde” degli agenti della Locale della Valle Sabbia. E si comincia dalla scuola

15/05/2018 08:46:00
«E i genitori cosa ne pensano?» Il Comitato Genitori dell'Istituto Comprensivo di Vobarno organizzano per le 20:30 di questo venerdì 18 maggio, nell'aula magna delle Medie, una serata per raccogliere opinioni sulla prospettiva di accorpamento di Medie ed Elementari


24/05/2015 08:30:00
Arte contemporanea tra i banchi Sperimentazione artistica a Villanuova sul Clisi. Mercoledì scorso l'intervento fra i banchi delle scuole Elementari e Medie condotto da otto artisti contemporanei, nel fine settimana la mostra all'Italmark coi lavori dei ragazzi


06/05/2017 09:19:00
Valsir e le scuole di periferia L'azienda valsabbina ha finanziato con 75 mila euro un progetto di innovazione scolastica che ha portalo lim e computer in tutte le classi di Elementari e Medie di Anfo, Bagolino, Capovalle, Idro Ponte Caffaro e Treviso Bresciano



Altre da Vobarno
20/09/2018

Avviso pubblico dal Comune di Vobarno

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico del Comune di Vobarno per l'avvio del procedimento relativo alla variante puntuale (2^ variante) al Piano dei servizi del Piano di governo del territorio

20/09/2018

Precisazione sul concerto commemorativo Anfo - Bondo

Nel corso del Concerto per la pace andato in scena alla Rocca d'Anfo non è stato colto l'appello per la pace e la non violenza sottoscritto dai quattro corpi musicali


18/09/2018

Autunno in biblioteca

Avrà inizio nel fine settimana la rassegna autunnale organizzata dalla Biblioteca comunale di Vobarno per intrattenere i piccoli lettori con attività e letture 


18/09/2018

Malore per strada a 100 anni

Vittima un uomo che ha già compiuto il secolo di vita e che i familiari stavano già trasportando in auto al Pronto soccorso di Gavardo

17/09/2018

Arresto per spaccio

Nei guai un 35enne di origine albanese fermato a Toscolano dai carabinieri locali in collaborazione coi colleghi di Vobarno
  (1)

17/09/2018

Quando la quotidianità non premia, bisogna osare

Dal Polivalente all'Istituto di Valle e poi al futuro, con quali prospettive e progettualità? Se lo chiede e ce lo chiede il professor Alfredo Bonomi con questa disanima che lancia il cuore oltre l'ostacolo
(2)

15/09/2018

Sul sentiero del bosco incantato

È in programma per domani – domenica 16 settembre – l’ultima uscita stagionale del Gruppo Escursionisti della Polisportiva Vobarno 

15/09/2018

L'anno scolastico è iniziato, con le sue problematiche

L'anno scolastico è iniziato regolarmente in tutti gli istituti, scuole elementari comprese... anche a Vobarno


14/09/2018

L'atletica giovanile ritorna in Valle Sabbia

L’Asd Libertas Vallesabbia dopo molti anni riporta l'Atletica Giovanile a Vobarno e in Valle Sabbia (1)

05/09/2018

Peppino Faccinato è «andato avanti»

Si terranno questo giovedì mattina a Vobarno i funerali dell’ex capogruppo delle Penne nere, che con i suoi alpini ha costruito la bella sede del gruppo



Eventi

<<Settembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia