Skin ADV
Martedì 25 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






El capel de or dei Balarì

El capel de or dei Balarì

di Rita Treccani



23.02.2020 Valsabbia Provincia

23.02.2020 Bagolino

25.02.2020 Bagolino Valsabbia

24.02.2020 Bagolino

23.02.2020 Salò Valsabbia Garda

23.02.2020

23.02.2020 Barghe Valsabbia

23.02.2020 Vobarno

24.02.2020 Villanuova s/C

24.02.2020 Agnosine






11 Febbraio 2020, 16.53
Vobarno
Lettere

«Accostamento inopportuno»

di red.
All'unanimità per Liliana Segre, con la minoranza assente per Nidia Cernecca, il Consiglio comunale vobarnese ha deciso di assegnare la duplice cittadinanza onoraria. Ecco su questa vicenda la riflessione di alcuni ragazzi

Non c’è peggior modo di ragionare su fatti storici che quello di distorcerli, perché anche i fatti reali vengono stravolti da quelli falsati.
Affiancare Liliana Segre (oggi simbolo dello sterminio ebraico e della violenza cieca nei confronti del diverso,) a Nidia Cernecca (che si fa portavoce delle vicende Istriane di fine guerra) è inqualificabile.
Un goffo tentativo di equiparare le due vicende storiche e di dare pari peso alle due testimoni.

Ci basta citare pochi fatti storici che contraddicono in modo inequivocabile le narrazioni che vengono proposte in iniziative come quelle di Vobarno (ci si limita ai fatti di cui si parla, autunno 1943, nella zona di Pisino, ove il 2 ottobre si racconta sia stato orribilmente ucciso il padre di Cernecca - fatto mai appurato e con una narrazione, a detta di storici, inverosimile):

1) Il 12 settembre i partigiani Jugoslavi hanno combattuto per fermare un treno diretto in un campo di concentramento germanico con 400 marinai italiani (siamo dopo l’8 settembre) della scuola CREM catturati a Pola, che furono liberati e assistiti (testimonianza N.Feresini), mentre i tedeschi furono uccisi. Questo pochi giorni prima di quello che chiamano “genocidio” a Pisino.
Possiamo quindi dire che odiavano gli italiani in quanto tali?

2) Quel territorio era in piena guerra, a fasi alterne sotto il controllo dei nazi-fascisti che avevano la mano pesante e i fatti di quei giorni vanno letti e verificati in quel contesto: ne risultano diversi punti assolutamente improbabili.

3) La signora Cernecca non è definibile testimone, essendo al tempo piccola, ed avendo assorbito e poi riportando i racconti degli adulti del suo contesto, e in seguito è stata strumentalizzata da interessi politici ben precisi.

4) La famiglia Cernecca non era vicina al regime Fascista?
Quando furono a Gargnano lo zio era capitano della Guardia confinaria al seguito di Mussolini e la zia era insegnante dei figli del Duce. (C. Cernigoi) Non si danno questi incarichi, a quei tempi, a chi non fosse fidato.

La faziosità della presenza della Cernecca è eclatante: l’incontro programmato alla scuola di primo grado ha come titolo: “La storia dei confini orientali 1943-1975. ieri, oggi e domani: persecuzioni esodo e conseguenze storiche”, come se quegli episodi cominciassero nel 1943 e non nelle politiche di segregazione fasciste e nella pulizia etnica adottata sistematicamente dagli italiani contro quelle popolazioni nei 23 anni precedenti.

Alla piccola Nidia, strumentalizzata allora come dopo
, faranno scrivere una lettera di auguri pasquali a Mussolini (che alleghiamo) molto ossequiosa ove nulla fa emergere, pur citando l’Istria, come siano stati testimoni di fatti tanto tragici.
Un'altra bambina ha scritto una lettera, un discorso che ha avuto modo di pronunciare al parlamento Europeo pochi giorni fa e che ha lasciato un segno indelebile nelle coscienze dei popoli europei che hanno saputo, dovuto e voluto fare i conti col proprio passato.

“Coltivare la Memoria è ancora oggi un vaccino prezioso contro l'indifferenza e ci aiuta, in un mondo così pieno di ingiustizie e di sofferenze, a ricordare che ciascuno di noi ha una coscienza e la può usare.” Liliana Segre Bruxelles 2020.
Lei, bambina, ha vissuto le conseguenze di quelle politiche delle scelte prese e ha voluto in questi anni, col suo esempio e la sua esperienza raccontare cosa sono state quelle politiche.

Quindi non è possibile ed è assolutamente inopportuno accostare le due vicende
come ha fatto il Comune di Vobarno attribuendo la doppia cittadinanza alla sig.ra Segre e alla sig.ra Cernecca.

Ricordare le vittime civili delle guerre, di ogni nazionalità, ricordare eventi cruenti ingiustificabili è necessario, ma solo se con criterio.
Lo si deve fare partendo dalla guerra e dai contesti politici, senza i quali nulla di tutto quello che vogliamo ricordare sarebbe accaduto.

Lettera firmata

Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
11/02/2020 09:56:00
Cittadinanza onoraria per Nidia Cernecca Esule istriana e figlia di una vittima, la professoressa parteciperà ad entrambi gli incontri in programma domani – mercoledì 12 febbraio – a Vobarno per commemorare i martiri delle foibe. In serata le verrà attribuita la cittadinanza onoraria


20/02/2020 07:51:00
Egregio signor sindaco In merito alla serata di conferimento della cittadinanza onoraria vobarnese alla signora Nidia Cernecca, ci scrivono alcuni cittadini vobarnesi. Una lettera aperta che chiede al sindaco di prendere posizione


08/04/2019 07:32:00
Il giorno del verdetto Questa sera il Consiglio comunale di Salò delibererà in merito alla richiesta del consigliere Stefano Zane di revocare la cittadinanza onoraria al duce

17/11/2017 11:50:00
Lupi di Toscana, castellani ad honorem Lo scorso fine settimana a Firenze il conferimento della cittadinanza onoraria all’associazione che ricorda i combattenti del corpo toscano nel corso delle Grande Guerra nelle Giudicarie

06/05/2018 07:00:00
Cittadinanza onoraria per i «magnifici cinque» Nel corso di un consiglio comunale straordinario a Sabbio Chiese è stata attribuita la cittadinanza onoraria a cinque uomini di scienza, arte e cultura



Altre da Vobarno
23/02/2020

Falsa traccia

Segue una traccia, ma non è un sentiero. E quando arriva ad un traliccio è quasi buio e non sa più da che parte andare. L’hanno ritrovato gli uomini del Soccorso alpino

21/02/2020

«Le stagioni in città»

Andrà in scena questo sabato, 22 febbraio, al Teatro comunale di Vobarno la lettura teatrale di Viandanze Teatro, nell’ambito della stagione teatrale organizzata in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura


21/02/2020

Alcione Tours 2, con AIB per formarsi e fare rete

Da circa due anni tra le realtà associate ad AIB c’è anche la nota agenzia di viaggi di Vobarno, che vede nell’appartenenza al circuito un’opportunità di formazione, crescita e creazione di nuovi contatti



 

21/02/2020

Quattro candeline per Marta

Buon compleanno a Marta Boninsegna, di Collio di Vobarno, che oggi, 21 febbraio, spegne 4 candeline


20/02/2020

Alimentazione e nutrizione

Alla Cascina San Zago di Salò, questo sabato 22 febbraio, un convegno "Ecm" dedicato a medici di medicina generale e specialisti. "Targato" Synlab Santa Maria


20/02/2020

Egregio signor sindaco

In merito alla serata di conferimento della cittadinanza onoraria vobarnese alla signora Nidia Cernecca, ci scrivono alcuni cittadini vobarnesi. Una lettera aperta che chiede al sindaco di prendere posizione


16/02/2020

E la rotonda?

Che quello sia un punto pericoloso è risaputo. Dal Comune più progetti, l’ultimo un mese fa, ma a dare l’ok, che non arriva, dev’essere Anas

14/02/2020

Polisportiva Vobarno, il derby è valsabbino

Le ragazze della Nuova Bstz Omsi Polisportiva Vobarno si sono fatte valere sabato scorso, a Caionvico, contro la formazione dell'Atlantide

13/02/2020

«Sono indignato per quanto è stato scritto»

Gentile redazione di “Valle Sabbia News”, mi sia permesso rispondere alla triste "Lettera firmata", del giorno 11 c.m., attribuita ad “alcuni ragazzi” e, secondo me, attribuibile anche ad alcuni suggeritori che ragazzi non sono più

13/02/2020

Girone d'andata, la parola al coach

Al termine del girone d’andata la Nuova Bstz- Omsi Polisportiva Vobarno si piazza al 5° posto del girone G della Serie D regionale. Il punto dell’allenatore Luca Taiola

Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia