Skin ADV
Martedì 11 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










09.12.2018 Paitone

10.12.2018 Roè Volciano

09.12.2018 Gavardo

11.12.2018 Agnosine Sabbio Chiese Valsabbia

11.12.2018 Gavardo

09.12.2018 Gavardo

09.12.2018 Idro Bagolino Anfo Valsabbia

11.12.2018 Bagolino

10.12.2018 Bagolino

10.12.2018 Roè Volciano Salò






11 Aprile 2018, 16.04
Vobarno
Amministrazioni

«A noi piace molto»

di red.
Replica la maggioranza in municipio a Vobarno torna sulle critiche da noi rilevate in merito alla scelta della giunta di accorpare Elementari e Medie in un unico stabile, più risparmioso e sicuro

Nella querelle innescata dalle scelte amministrative vobarnesi in merito all'edilizia scolastica, si inserisce anche il gruppo di maggioranza Uniti per Cambiare che sostegne l'azione del sindaco Lancini.

Ecco la lettera pervenuta ieri in redazione:

«Abbiamo letto l’articolo pubblicato il 31 marzo scorso e non ci troviamo per niente d’accordo sui vari aspetti esposti.
Era evidente che un gruppo di persone tra il pubblico, rappresentava la delegazione degli insegnanti, alcuni dei quali, con atteggiamenti preparati a dovere per opporsi a tutto ciò che veniva presentato.

Le osservazioni avanzate erano state stilate ancor prima di vedere il progetto ed erano incentrate su un unico problema, lo spazio, l’aspetto della sicurezza non era stato minimamente considerato, come se la vita e l’incolumità dei fruitori di quegli edifici non contasse nulla.

Purtroppo gli eventi sismici non sono prevedibili né per quanto riguarda il momento in cui si potrebbero manifestare e neppure per la loro intensità.
Sembra che non abbiamo imparato nulla dagli eventi disastrosi manifestatisi in questi ultimi due anni nella nostra sì bella Italia, ma purtroppo a elevato rischio sismico ed è storia recente ciò che si è verificato anche  nella nostra zona.

Il progetto presentato è molto bello
, ben studiato, con ambizioni veramente invidiabili, con due ali, per scuole medie e elementari, ben separate l’una dall’altra.
Gli spazi sono subordinati a vincoli ben precisi, ma nel progetto sono stati ben sfruttati e studiati con particolare dovizia, dimostrando scelte strategiche, frutto di  riflessioni e considerazioni tecniche non comuni.

La palestra, attualmente strutturata su un solo piano, verrà demolita e sostituita da un nuovo edificio a due piani, al piano terreno si collocherà la palestra vera e propria, ed il piano superiore  verrà sfruttato per recuperare volumi preziosi.
È previsto un campo di pallavolo che verrà attrezzato e coperto con una struttura prefabbricata, destinato ad essere anche la seconda palestra.

Non è assolutamente vero che le aule saranno piccole, avranno misure adeguate.
L’utilizzo del seminterrato, peraltro già in uso, non presenterà alcun tipo di problema poiché tutto l’edificio sarà attrezzato con ventilazione controllata per prelevare aria direttamente dall’esterno per rinnovare e purificare quella degli ambienti interni.
Saranno comunque, quelle del seminterrato, aule luminose destinate a utilizzi secondari ed occupate dagli alunni per tempi più contenuti.

I due ingressi di accesso all’edificio sono ben separati
come pure gli spazi destinati alla ricreazione per mantenere divisi gli studenti dei due percorsi scolastici.
Per il parcheggio si utilizzerà probabilmente tutto il cortile delle attuali scuole elementari e gli insegnanti dovranno semplicemente attraversare la strada.

C’è ancora tempo per arrivare al progetto definitivo, nel frattempo si faranno incontri con il dirigente scolastico, con un rappresentante del corpo insegnanti e del comitato genitori per trovare soluzioni e condividere scelte migliorative.

Non possiamo permetterci di perdere questa opportunità, in attesa di una ipotetica occasione futura, ed anche se alla minoranza la scelta non è piaciuta, ma era ovvio che fosse così, il progetto  deve comunque  proseguire, perché questa è l’unica soluzione perseguibile per coniugare l’aspetto educativo con quello della sicurezza e non trascurabile pure l’aspetto economico.
Tutti dovremo impegnarci per renderla, con giusta razionalità, anche realizzabile.

Aspettare non vuol dire risolvere i problemi,
anzi….potrebbe significare perdere un’opportunità per evitarne di peggiori e magari anche irreparabili.
Gli edifici sono ormai troppo attempati, gli impianti sono da rifare e le perizie commissionate da questa amministrazione su entrambi gli immobili per valutarne la sicurezza sismica non permettono di sottovalutare il problema.

L’Amministrazione di maggioranza Uniti per Cambiare con Sindaco Giuseppe Lancini.

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75777 - 11/04/2018 23:00:27 (passacaglia) Chiarimento
Come insegnante della scuola primaria di Vobarno immaginavo o meglio speravo che dal nostro documento precostituito, cioè preparato prima dell’incontro e condiviso con tutti i docenti, emergesse che fino a quel momento non avevamo mai visto il progetto. Pertanto non ci siamo permessi di criticarlo ma abbiamo ricordato all’amministrazione (visto che non ci è mai stato chiesto di farlo) quali sono gli attuali spazi a disposizione e quanti benefici essi apportino al nostro modo di fare scuola, permettendoci di lavorare a gruppi per il potenziamento o il recupero delle abilità. Abbiamo espresso consenso alla riqualificazione ed adeguamento energetico della scuola secondaria e contrarietà solo all’accorpamento dei due ordini di scuola. Questo per varie ragioni didattiche ed educative e non di meno per l’immutata volumetria dell’edificio che dovrebbe accogliere altre 17 aule (grandi...?...).


ID75778 - 11/04/2018 23:01:03 (passacaglia) continua
Non ci è nemmeno passato per la testa che la nostra scuola primaria (con i pregi e difetti di un edificio datato e per certi versi trascurato) non fosse sicura. Quindi perché dismetterla? Immaginiamo tuttora che se ci fossero seri problemi in tal senso forse saremmo stati da tempo avvisati. In effetti ora dopo le dichiarazioni dell’amministrazione stiamo seriamente cominciando a preoccuparci. Eppure anche oggi eravamo a scuola, noi e i bambini. E stando al progetto lo saremo per altri 2-3 anni. Non ci resta che incrociare le dita allora!


ID75779 - 12/04/2018 08:57:14 (VENTONORD11) Avanti cosi'
Faccio i complimenti a questa amministrazione che risolve finalmente il problema scuole e relativa sicurezza antisismica.Che centra poi il parere degli insegnanti ? Quelli in materia sono ignoranti ( ignorano le norme ) , loro devono insegnare bene e basta . Cosi pure gli studenti , tra 5 anni nessuno di loro sara' li', devono solo studiare.Se faccio casa mia , e pago pure , decido per le cose estetiche , ma il resto decide geometra e ingegnere che firmano il progetto !!!!E poi la giunta e' stata eletta dalla popolazione e quindi quelli e solo quelli decidono cosa fare.Questo avviene solo nel settore pubblico ( sbagliando ), nessuna azienda privata chiede pareri a dipendenti fornitori per nuova costruzione. Se si vuole il consenso al 100% e' impossibile fare. Ci sara' sempre qualcuno che non e' d'accordo.


ID75790 - 13/04/2018 02:43:28 (cardinale) Sciatteria
Sciatteria. Mai visto tanta tracotanza e magra dialettica in poche righe. Linguaggio di una prepotenza fascista, becera e antidemocratica... Avanti così che l'ignoranza avanza.... "Quelli" sono ignoranti... Si ricordi "un bel tacer non fu mai scritto". Ci pensi dovrebbe tornarle molto utile... (pare di scuola salviniana)...


ID75791 - 13/04/2018 08:10:45 (VENTONORD11) Ignorare
La parola ignorante , nonostante la credenza sua e comune , è sbagliata ,non e' una offesa , significa da enciclopedia Treccani : ignorante agg. e s. m. e f. [dal lat. ignorans . Che non conosce una determinata materia, che è in tutto o in parte digiuno di un determinato complesso di nozioni: essere ign. di chimica, di grammatica, ecc.Come vede dire che gli insegnanti sono ignoranti in campo urbanistico/progettuale/civilistico/antisismico e' solo la verita'. Lei sa in quante materie sono ignorante io : tantissime , probabilmente piu' di lei. Ecco perché spesso ci si rivolge ad uno specialista : geometra , ingegnere ,cardiologo etc Per il resto sbaglia ancora il mio cervello non e' legato a nessun partito , sono critico con tutti quando serveRipeto , se per fare una scuola a norma serve il 100% dei consensi non si fa piu', come avviene in Italia per molti progetti. Ok al dialogo ed alle osservazioni, se pertinenti , spesso pero' vi sono dei NON VA BENE


ID75792 - 13/04/2018 08:16:36 (VENTONORD11) Ignorare
precostituiti , o per partito preso , o solo perché non sono a me comodi , o solo perché io mi ritengo piu' bravo di loro , o solo perché sono dell'opposizione , o solo perché la nuova scuola mi e' piu' scomoda etc etc.Prima di dare giudici , si deve fare come in tutte le cose , una attenta ANALISI , cioe' guardo bene dentro cio' che voglio giudicare.Prima di parlare , bisogna far lavorare il cervello


ID75793 - 13/04/2018 08:33:26 (FilippoIppo) Ignorante
E' certamente chi pensa che dei tecnici sappiano meglio degli insegnanti su come funziona meglio una scuola e di quali spazi abbia bisogno. Lei VENTONORD11 avrà pur fatto progettare casa sua ad altri, ma su spazi consoni a quelle che sono le sue esigenze abitative. Altrimenti lei non è solo ignorante, ma anche fesso.


ID75795 - 13/04/2018 09:04:14 (VENTONORD11) Fesso lo tenga per lei
Fesso lo tenga per lei. Non mi conosce non ha parametri per valutarmi e da' giudizi.Classico esempio di persona superficialeQuando facciamo casa nostra , possiamo decidere piu' cose , se voglio il tetto in legno o no , se faccio un ingresso o 1/2 bagno piu' grande , 3 camere se la zona giorno e' aperta o con stanze separate , la qualita' dei materiali per serramenti pavimenti etc. E cosi' ho fatto .Ma vede non decido io i paranmetri di altezza delle solette , l'apertura minima delle finestre , i calcoli dei cementi armati etc, Lei forse da ignorante avra' fatto da se abusivamente il tutto , come molti , al primo terremoto grado 5 le viene giu' tutto.A me no perché mi sono affidato dove necessario a geometra/ingegnere.Poi la vasca idromassaggio l'ha scelta mia moglie !! In una scuola i parametri sono ancora piu' stringenti , dimensioni aule , etc etc , ma chi deve decidere , gli insegnanti ? gli studenti ?Ma non dica fesserie !!


ID75796 - 13/04/2018 09:15:50 (FilippoIppo) Caro VENTONORD11
I parametri per cui lei sarebbe un fesso, li ho espressi per bene e mi sono rifatto a quanto da lei affermato nei suoi commenti precedenti. E' lei invece che da agli altri del suo, senza conoscermi affatto, visto che afferma che io abbia fatto costruzioni abusive. La questione è semplice: come lei ha indicato il numero e la dimensione delle stanze di cui aveva bisogno, dimostrandosi così tutt'altro che fesso (prima aveva dichiarato tutt'altro), lo stesso lo deve fare chi in una scuola ha il compito di far crescere serenamente e con profitto (scolastico) schiede di ragazzini, che non sono certo geometri, ingegneri o architetti. Mi spieghi ora: come mai, lei che fesso non è, vuol considerare fessi gli insegnanti?


ID75797 - 13/04/2018 09:38:04 (VENTONORD11) Caro FilippoIppo
Gli insegnanti non sono fessi , sono ignoranti in materia edilizia/urbanistica/calcoli cementi armati etc.Saranno invece molto bravi ( spero ) nelle materie che insegnano. Vorrei che lei capisca , come molti altri , che invadere senza le conoscenze ambiti riservati ad altri , e' un male tipico italiano. Se segue il calcio , a sentire la gente al bar , ci sono 20 milioni di italiani piu' bravi del CT attuale . Ma se guarda parlano di calcio e tattica , persone che non hanno mai visto la palla. Cosi' e' in altri ambiti. Lasciamo invece che ognuno operi nel settore specifico per cui hanno fatto scuola/universita' , non invadiamo il campo altrui senza cognizioni. Ho rispetto per insegnanti ed alunni. Ma devono fare e decidere in altri ambiti.


ID75799 - 13/04/2018 10:04:04 (FilippoIppo) Caro VENTONORD11
Ignorante è lei se pensa che gli esperti in materia urbanistica lo siano anche nelal didattica: come lei ha scelto come devono essere disposte le stanze di casa sua, perchè è lei che ci abita dentro, allo stesso modo chi si occupa di didattica è in perfettamente in grado di dare indicazioni sugli spazi necessari in una scuola per potervi insegnare nel migliore dei modi. Nessun insegnante andrà mai a questionare sulle misure del ferro nelle solette, ma sulla didattica gli esperti sono loro. Ogni paragone col calcio, specie di questi tempi, è decisamente fuorviante. e ora vada a rileggersi il suo primo commento e mi dica, sinceramente, se se la sente ancora di sottoscriverlo interamente.


ID75800 - 13/04/2018 10:39:34 (UN SORRISO) un bel tacere non fu mai scritto
La didattica (dal greco ???????, cio "insegnare"), indica la teoria e la pratica dell'insegnamento. Si pu dividere in didattica generale, che riguarda i criteri e le caratteristiche generali della pratica educativa, e in didattica speciale che riguarda invece i singoli insegnamenti o le diverse caratteristiche (et, capacit ...)per cui FilippoIppo non a niente a vedere co le metrature delle aule e la loro efficienza la sua organizzazione mi creda sono 25 anni che lavoro nella scuola a fianco dei Docenti per cui conosco il mondo scolastico nella Sua completezza e nella sua complicanza per cui magari prima di scrivere e di parlare bisogna conoscere perch un tacere non fu mai scritto.


ID75801 - 13/04/2018 10:45:32 (FilippoIppo) x UN SORRISO
25 anni? E in tutto questo tempo lei sarebbe diventato esperto in didattica senza imparate l'uso corretto delle h? E dice a me che farei meglio a starmene zitto? Ma mi faccia il piacere.


ID75802 - 13/04/2018 10:53:12 (UN SORRISO) poverino
"Poverino che sei uomo" lo sai che si pu sbagliare quando si scrive sulla tastiera ma cerca di capire il succo di quello che ho voluto dire e trasmetterti io ti ho solo scritto il significato della parola "didattica" niente pi ma vedo che nella tua arroganza di sapere ancora una volta hai perso l'occasione di un bel tacere magari cercando di riflettere sulla parola didattica.


ID75803 - 13/04/2018 11:07:27 (FilippoIppo) x UN SORRISO
E allora andiamo al succo, ma solo dopo che della pagina di Wikipedia dove lei ha copiato solo le prime due righe, è arrivato fino in fondo, così vede bene di cosa si occupa la didattica.


ID75804 - 13/04/2018 11:59:48 (UN SORRISO) non sono andato
Non sono andato su Wikipedia ma chiudiamo qui il discorso non ho tempo da perdere con gli ottusi buone cose salute e pace il mio augurio fatto con sincerit.


ID75805 - 13/04/2018 12:12:50 (FilippoIppo) X UN SORRISO, lei è un bugiardo
Ecco cosa riportano le prime righe di Wikipedia alla voce "didattica": «La didattica (dal greco διδάσκω, cioè "insegnare"), indica la teoria e la pratica dell'insegnamento. Si può dividere in didattica generale, che riguarda i criteri e le caratteristiche generali della pratica educativa, e in didattica speciale che riguarda invece i singoli insegnamenti o le diverse caratteristiche (età, capacità specifiche, ambiente) dei soggetti dell'apprendimento.». Esattamente il suo copia-incolla. Io sarò ottuso, che detto da lei è un complimento, lei è certamente un bugiardo.


ID75807 - 13/04/2018 14:11:08 (UN SORRISO) IO SONO ANDATO IN GoOGLE
Bugiardo lo tenga per lei io l'ho trovato in Google punto e basta comunque smettiamo questa diatriba tenga le sue idee terminiamo qu e tanto bene in umilt.


ID75808 - 13/04/2018 14:17:28 (passacaglia) ignorante senza ignorare
In effetti, quando VENTONORD11 dice che ignoriamo certe cose (riguardo la progettazione, i vincoli, le metrature, ecc.. non ha torto. È vero. Io sono un insegnante e quello cerco di fare al meglio, non l'architetto o il progettista. Che sia possibile farci stare nella cubatura esistente altre 17 aule è cosa data per fattibile e certa dal progettista. Solo uno stolto o chi non conosce (magari non gli interessa) le esigenze didattiche degli insegnanti e di conseguenza degli alunni (un ingegnere ad esempio non conosce ciò perché non è un docente) ignorerà però che questo porterà ad un drastico, anche se consentito, ridimensionamento nel numero e nella grandezza degli spazi e ciò avrà sicuramente delle ripercussioni didattiche. Gli insegnanti sanno benissimo che non hanno titolo per decidere molte cose ma sanno che un dialogo a monte non può che rendere migliore e condiviso un progetto, anche nel caso questo


ID75809 - 13/04/2018 14:17:59 (passacaglia) ancora
Ma lasciamo per un momento in parte il progetto. L’unica cosa di cui noi insegnanti stiamo seriamente cominciando a preoccuparci, dopo le dichiarazioni rilasciate dall’amministrazione all’incontro e sulla stampa di questi giorni è: ma la scuola dove ora lavoriamo e i bambini vanno è sicura? Dalle dichiarazioni sembra proprio di no. Allora ne prenderemmo atto e ci adegueremmo a spazi limitati e ristretti pur di stare tranquilli e sicuri tutti (docenti compresi). E mi chiedo ancora: ma perché, in ragione di questa non sicurezza, non veniamo immediatamente allontanati e la scuola primaria non viene chiusa? Ci vogliono al sicuro, si o no? Fra tre anni? Oltre ad incrociare le dita consiglio tante belle preghierine nel frattempo, a qualsiasi dio ci si rivolga.


ID75810 - 13/04/2018 14:21:21 (passacaglia) manca un pezzo
Chiedo scusa manca un pezzo al commento precedente quello sopra: Gli insegnanti sanno benissimo che non hanno titolo per decidere molte cose ma sanno che un dialogo a monte non può che rendere migliore e condiviso un progetto, anche nel caso questo dovesse per motivi tecnici portare a dei sacrifici negli spazi.


ID75813 - 14/04/2018 03:45:48 (Zanoni Claudio) Zanoni Claudio
Invito chi fosse interessato ad aprire questo Link http://www.indire.it/2005/06/15/un-ambiente-che-diventa-apprendimento/


ID75831 - 16/04/2018 11:18:11 (ulisse46) AUTOGOAL
Clamoroso autogoal



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
12/08/2018 08:00:00
Fondi per l'edilizia scolastica Anche alcuni comuni valsabbini fra i beneficiari dei contributi regionali per l’edilizia scolastica per interventi di riqualificazione e messa a norma

05/08/2014 09:56:00
Un concorso di idee per la Scuola elementare Sarà presto demolito l'edificio delle scuole elementari di Storo, vecchio di 58 anni. Prenderà il suo posto una nuova struttura, più moderna e confacente alle esigenze attuali


09/08/2014 08:00:00
Sei progetti per le scuole valsabbine Cinque comuni valsabbini hanno ottenuto i fondi del piano del Governo #scuolesicure per interventi in sei istituti scolastici

15/05/2018 08:46:00
«E i genitori cosa ne pensano?» Il Comitato Genitori dell'Istituto Comprensivo di Vobarno organizzano per le 20:30 di questo venerdì 18 maggio, nell'aula magna delle Medie, una serata per raccogliere opinioni sulla prospettiva di accorpamento di Medie ed Elementari


30/08/2016 08:00:00
Manutenzione straordinaria per le medie Arriveranno nelle casse del Comune di Serle 90 mila euro dal Ministero dell’Istruzione per un intervento di edilizia scolastica per la scuola secondaria di primo grado “Aldo Moro”



Altre da Vobarno
11/12/2018

Ottima prova per la Polisportiva Vobarno

Le valsabbine hanno battuto per 3 a 2 le atlete del Volley Villongo affrontando una partita lunga e difficile 

11/12/2018

Autonomia? Fino a che punto?

Sul tema dei Cda delle Onlus, messo in evidenza dal "caso" della "La Memoria" di Gavardo, dice la sua anche Ernesto Cadenelli
(1)

09/12/2018

Per i più piccoli arriva «Gnomo Nasone»

La stagione teatrale vobarnese propone per questa domenica pomeriggio uno spettacolo teatrale per bambini con la compagnia «Il Nodo Teatro»

06/12/2018

Riconoscimenti agli studenti meritevoli

Borse di studio per gli studenti della scuola secondaria di 2° grado e riconoscimenti ufficiali per i laureati saranno consegnati questo venerdì sera al Teatro Comunale dall’amministrazione comunale di Vobarno

06/12/2018

Il lavoro oggi e domani

Si è concluso alle Medie di Villanuova sul Clisi, il tour di tre serate organizzato dal Comitato di zona Aib Garda e Valle Sabbia in altrettante scuole

05/12/2018

Fa freddo, in classe non ci si può stare

Centinaia di studenti sono rimasti fuori dalle aule all’Itis Perlasca di Vobarno, dove da giorni molti caloriferi sono inesorabilmente freddi (3)

04/12/2018

Doppio incontro con Innocente Foglio

Il popolare poeta e saggista, che da tempo vive a Torino, ma è orginario di Bagolino, incontrerà al mattino gli studenti delle "Medie" e la sera l'intera cittadinanza. A Vobarno. Tema "Le disabilità"


04/12/2018

Volley Vobarno vince e convince

Il Vobarno ci prende gusto e confeziona un altro 3-0 casalingo questa volta nel derby contro il Palazzolo

03/12/2018

Libertas Vallesabbia, un anno da incorniciare

Si è concluso il primo lustro per la società sportiva Libertas Vallesabbia, animata dall’incontenibile Paolo Salvadori. Atleti, amici, sponsor e autorità pubbliche, si sono ritrovati a Pompegnino di Vobarno (1)

02/12/2018

Scontro alla Corona

Aveva probabilmente il sole negli occhi l’autista del camioncino che lungo la Provinciale IV fra Vobarno e Roè Volciano ha tagliato la strada a un pensionato con la Panda



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia