13 Maggio 2019, 09.58
Villanuova s/C
Genitori in Formazione

«Serve autorevolezza per aiutarli a crescere»

di Giuseppe Maiolo

Ultimo incontro del percorso “Genitori in forma-zione”. Alle 20,30 presso la Sala del Consiglio comunale di Villanuova s/C, Matteo Lancini, psicologo e psicoterapeuta, affronterà un tema estremamente importante per i genitori


A Matteo Lancini, presidente del Minotauro di Milano, docente universitario e autore di numerose pubblicazioni fra cui una dal titolo “Abbiamo bisogno di genitori autorevoli. Aiutare gli adolescenti a diventare adulti”, (ed. Mondadori) ho posto alcune domande in merito all’argomento di stasera.

Di adolescenza oggi si parla quasi sempre in termini problematici.  Ma secondo te, Matteo, gli adolescenti che abbiamo attorno stanno così male?
Mi vien da dire che non tutti i ragazzi stanno male, ma quelli che oggi esprimono un disagio lo vivono in modo diverso in quanto ha meno a che fare con la trasgressione e molto di più con la delusione. Crescono nella famiglia che è “quella della madre virtuale”, come sono solito chiamarla io. Una madre che spinge i figli verso una forte socializzazione, sprona a fare tante attività e ad avere tanti amici così che loro non possano fare alcuna esperienza di solitudine.
Inoltre questi adolescenti vivono all’interno di una società mass-mediatica, dove il successo, la popolarità, la competizione e l’individualismo hanno avuto il sopravvento.

Dicevi che il loro modo di manifestare il disagio è diverso...
Sì, abbiamo nuove modalità espressive e dunque i sintomi del disagio si manifestano con la necessità di un anestetico e di un antidolorifico. Così almeno sembra funzionare oggi l’assunzione delle sostanze. Poi vi è un aumento tra gli adolescenti di pratiche autolesive in particolare quella del tagliarsi o del ritiro.  Alcuni ad esempio spariscono  dalle scene in una sorta di suicidio sociale, come se il disagio legato alla delusione e alla vergona portasse più ad attaccare più il “sé” che l’altro.

Vien da dire però, parafrasando un po’ Arthur Miller, che “sono tutti figli nostri”. Li abbiamo cresciuti in un certo modo e non possono far altro…
In effetti nel libro provo a spiegare proprio questo. Gli adolescenti di oggi hanno seguito il mandato genitoriale e le aspettative di madri e padri. A questi dico che ora è venuto il tempo di rinnovare i modelli educativi e adattarli alle caratteristiche dei nuovi adolescenti. Perché a me pare che in Italia la scuola e la famiglia abbiano svolto il ruolo di adultizzare l’infanzia e infantilizzare l’adolescenza, spacciando tutto questo per autorevolezza. Ne consegue che i ragazzi delusi e scontenti, o più ancora angosciati dalla complessità della società, si rivolgano ad “agenzie” che non hanno un mandato educativo, come gli amici che adesso un maggiore potere orientativo, agli influencer, agli youtuber, o a chi può offrire loro forme e sguardi di sostegno per la realizzazione di sé e del futuro.

Vuoi dire che da parte dei genitori è necessario riprendere in mano il timone?

Non si tratta di far ricorso semplicemente ai famosi “no che aiutano a crescere”, ai paletti che delimitano i confini. Questi, peraltro, non possono essere piantati a 14 anni. Perché un genitore così non è credibile né autorevole se prima ha costruito un sistema in cui chiedeva al figlio di essere sempre in contatto virtuale con lui, gli ha regalato il telefonino a 8 anni, gli ha mostrato quanto è bello essere ripresi fin dall’asilo alla recita di fine anno e gli ha detto che è importante essere espressivi e avere tanti amici. Non è credibile quando poi d’un colpo gli chiede di spegnere il cellulare, iniziare a sottomettersi, perdere ogni creatività e pensare a Internet solo come un pericolo che produce dipendenza.

Gli interventi educativi autorevoli sono altri?
Certo. Non è dicendo a un adolescente di spegnare il telefonino e limitare i videogiochi che li facciamo crescere, quando oggi anche il Papa apre un profilo twitter, le suore di clausura comprano on line e qualsiasi area di lavoro ha a che fare con Internet. In questo modo stiamo facendo finta di essere autorevoli, o meglio stiamo cercando di spostare le nostre angosce sull’adolescenza in modo che noi possiamo continuare a far quello che vogliamo e loro no!

Ma allora proviamo a dire in poche parole cos’è l’autorevolezza?
Declinandola in questa adolescenza, per me l’autorevolezza è smetterla di pensare che si possa controllare un soggetto che è cresciuto relazionale. Vuol dire invece offrirgli un ascolto e una relazione attenta e non troppo angosciata, dove il primo passaggio è quello di non chiedergli più “Come è andata oggi a scuola?”  e cominciare a dire “Come va in Internet?” Perché è importante la vita virtuale. Ricordiamoci che sono state le nostre angosce a farci dire che il mondo reale è pericoloso e che ci hanno spinto a chiudere i giardinetti e a far restare in casa i figli i quali, nel frattempo, hanno sviluppato più esperienze virtuali.

Che fare però con i rischi della rete?
Famiglia e scuola non possono pensare unicamente di limitare quel mondo mentre, viceversa, dovrebbe essere fornita ai ragazzi un’adeguata educazione digitale e offerto loro il riferimento autorevole e competente dell’adulto. Non è pensabile che la famiglia di oggi non conosca la vita virtuale e gli interessi di un figlio adolescente e non sappia dove sia quando naviga in Internet. Una volta quando un ragazzo era fuori gli adulti sapevano sempre dov’era, se stava con la sua ragazza o in biblioteca o stava facendo una rapina. Oggi dobbiamo ricordarci che Internet non è un’esperienza a se stante in quanto tutte le ricerche e tutti gli studiosi che si occupano di questo ci dicono che non c’è più differenza tra vita reale e vita virtuale.

Però l’autorevolezza degli adulti non passa solo attraverso Internet.
No. L’altro aspetto è prendersi in carico il futuro dei giovani Ad esempio la scuola dovrebbe mettere in piedi più modelli cooptativi e meno di controllo. Dovrebbe esserci una scuola capace di ingaggiare e coinvolgere l’adolescente facendolo sentire protagonista nel processo formativo. Sappiamo che la gran parte dei lavori futuri è ancora da inventare ma nello stesso tempo abbiamo la certezza che l’industria dei videogiochi costituisce l’unico lavoro certo per le nuove generazioni. Non a caso in Inghilterra e in Francia, Stato e scuola investono una quantità di miliardi per preparare le future generazioni a una società dove tutti videogiocano.

Tu però parli anche di educazione al fallimento. Che intendi?

È un altro aspetto dell’autorevolezza.  Interessa sia la famiglia che la scuola quello di educare al senso del fallimento. Che non vuol dire far fare unicamente l’esperienza della bocciatura. Educare al fallimento vuol dire costruire un vero sé attraverso degli inciampi che devono essere superati e consentire all’adolescente di sperimentare la fragilità e la fatica. Serve in ogni caso che il genitore sia testimone del problema del figlio e la sua funzione sia quella di aiutarlo a risolvere le difficoltà. Però come la famiglia dovrebbe capire che le punizioni non servono più a nulla, anche la scuola dovrebbe comprendere che la bocciatura non rafforza gli adolescenti fragili, caso mai li allontana.

Giuseppe Maiolo
Università di Trento
www.officina-benessere.it


Aggiungi commento:
Vedi anche
10/12/2015 07:54:00

Matteo Faberi risponde L’ultimo appuntamento del ciclo di incontri GENITORI IN FORMAzione si tiene questo giovedì 10 dicembre alle 20,30 nella sala consiliare di Villanuova s/C.  Relatore il dott. Matteo Faberi, psicologo dell’infanzia che vive e opera a Salò

12/10/2010 07:00:00

Questi giovani sempre connessi I ragazzi: la comunicazione e le relazioni su internet: ne parla questa sera il dott. Matto Lancini a Villanuova nell’ambito di “Genitori in formazione”.

23/02/2019 08:00:00

Genitori in formazione, focus sull'educazione Tornano a Villanuova sul Clisi a partire da mercoledì 27 febbraio gli incontri sui temi dell’educazione e del rapporto genitori-figli con noti esperti di livello nazionale

17/02/2020 10:55:00

Quando anche i genitori tornano a scuola La presentazione del libro “Organizzati e felici” del noto pedagogista Daniele Novara, in programma questo martedì sera – 18 febbraio - a Villanuova, farà da apripista ai due incontri della Scuola Genitori di Gavardo

27/05/2014 14:22:00

La famiglia allargata e i figli soli Questa sera a Villanuova per la serie Genitori in formazione un incontro con la scrittrice e giornalista Isabella Bossi Fedrigotti sul tema delle famiglie plurime



Altre da Villanuova s/C
04/07/2020

«Dalla soffitta alla strada», torna il mercatino degli hobbisti

Con la Fase 3 riprende da questa domenica 5 luglio anche il mercatino di antiquariato, modernariato, collezionismo e hobbistica di Villanuova sul Clisi

25/06/2020

Auto contro scooter

Un quindicenne che viaggiava in sella ad uno scooter è finito all’ospedale, per fortuna con pochi danni, dopo essersi scontrato con un’auto

24/06/2020

Estate a Villanuova

C'è tempo fino al 30 giugno per iscrivere i propri figli al Cred o al Mini Cred promossi dal Comune di Villanuova dal 6 luglio al 14 agosto. Ecco qualche informazione

23/06/2020

Mancata precedenza

Sul rondò a Villanuova un motociclista si è trovato la strada sbarrata da un suv. E ci è finito addosso

23/06/2020

Mafia al nord, condannato anche un villanovese

L'uomo avrebbe partecipato all'atto intimidatorio che diede origine all'indagine riguardante estorsioni e minacce con l'aggravante del metodo mafioso

17/06/2020

Presi

Tre giovani di Gavardo sono stati individuati e denunciati per un furto avvenuto lo scorso 14 aprile ai danni della Co-Pre di Bostone

16/06/2020

Nuove tracce nel giallo Mantovani, vicina la svolta

Dalle analisi dei Ris di Parma è emerso un nuovo dato legato ad un profilo genetico maschile che potrebbe portare a breve alla conclusione delle indagini sull’omicidio di Jessica Mantovani

13/06/2020

Si ribalta dentro lo svincolo

Brutta avventura quella vissuta da una 22enne che nottetempo si è ribaltata all’interno dello svincolo della “Fibbia”, a Villanuova sul Clisi

08/06/2020

La gran trota del Chiese

Attesa ripagata alla grande, quella di Cristian, di Villanuova, che è riuscito a tirar fuori dalle acque del fiume di casa un magnifico esemplare

05/06/2020

Delitto Mantovani, tracce ematiche riconducibili ad un indagato

I Ris di Parma hanno evidenziato un collegamento tra il sangue di un uomo mischiato a quello della vittima e le tracce di dna nell'auto di uno dei due indagati. Prosegue l'indagine