Skin ADV
Martedì 18 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








E' passato un fulmine

E' passato un fulmine

di Gianfranco Fenoli





03 Maggio 2018, 06.56
Vestone Barghe Valsabbia
Eco del Perlasca

25 Aprile, a Vestone c'eravamo anche noi

di Redazione Perlasca
Da una decina d’anni gli studenti del Perlasca presenziano alla commemorazione insieme alle rappresentanze dei comuni di Media e Alta Valle Sabbia, pronunciando l’orazione ufficiale

Invitati dall’amministrazione comunale di Vestone, anche quest’anno gli studenti del Perlasca hanno avuto l’opportunità di esprimere il proprio pensiero sul senso del 25 Aprile.

Questa volta l’orazione ufficiale è stata pronunciata da Andrea Nolli, frequentante la 3ª Liceo, mentre Ikram El Majdoubi ha declamato la poesia “La libertà” di Paul Elouard.

Riportiamo il discorso integrale:


Buongiorno a tutti, sono Andrea, uno studente di terza liceo, iscritto all’Istituto Perlasca di Idro.
Sono molto onorato di essere qui, ma al tempo stesso, come ben potete vedere voi stessi, sono molto emozionato e forse anche un po' spaventato.
Del resto non mi capita spesso di essere incaricato di tenere un discorso ufficiale di fronte ad un pubblico attento e numeroso, come oggi!

Quando sono stato investito di questo ruolo,
ho accettato con gioia perché nel 25 aprile e nel suo alto valore simbolico io credo, anche se, e ciò mi spiace, molti giovani sottovalutano i riti commemorativi come questo e ritengono che ormai siano superati.
Molti di noi infatti non pensano sia utile rievocare avvenimenti accaduti in un tempo lontano perché fanno parte ormai di uno “ieri” remoto, dunque obsoleto, per chi vive solo l’oggi.

Per prepararmi meglio a questo mio discorso
, ho cercato di riflettere sul senso di questa ricorrenza e ho capito che commemorare non è rispolverare una vecchia fotografia in bianco e nero al solo scopo di ridare luce alla cornice, limitandoci cioè ad osservarla dall’esterno, con una certa apatia, solo per adempiere a un dovere.

Commemorare richiede di più,
esige partecipazione emotiva; se- cioè- non lasciamo entrare nella nostra sfera intima la voce di quelle persone che non ci sono più, se non le ascoltiamo mentre parlano, decidono, tremano di paura di fronte alle scelte non potremo mai capire il perché agirono così.
 
Commemorare ci proietta direttamente dentro il quadro, ci costringe a pensare, ad ascoltare e forse è proprio questa fatica che ci rende scettici nei confronti della formalità rituale.
E’ più facile infatti avvicinarsi alla storia come a qualcosa che, avendo perso la dimensione del presente, appare più staccata; la si studia e basta.
Più impegnativo è invece interpretarla, perché ci costringe a fare domande ai protagonisti, a cogliere nelle loro risposte un po’ di noi stessi, a leggervi gli stessi dubbi, le stesse aspettative, le stesse paure.
 
Io ho avuto modo sin da bambino di conoscere la storia del partigiano Ippolito Boschi, detto Ferro, nato a Barghe, il mio paese; ho partecipato in più occasioni alla sua commemorazione e ogni volta mi sono sentito emozionato.

Ogni volta che ne sento parlare, io lo immagino uno di noi; Ferro non è infatti solo un nome scritto sulla pagina di storia locale, ma un ragazzo valligiano.
Se lo volessi cercare lo potrei trovare anche oggi, nel gruppo di giovani che si radunano nella strada per discutere di politica.

Solo che lui, a differenza di altri suoi compagni,
non rimase indifferente di fronte al male della storia e prese posizione; si mise cioè contro il più forte, non si adeguò a quella che sarebbe stata la garanzia di sicurezza: fingere di non vedere. No, lui scelse di opporsi.

Disse NO, così non va. IO QUESTO NON LO ACCETTO.
Benché fosse consapevole del rischio che stava correndo, opponendosi al regime, decise di intervenire.
Il finale di questa storia lo conoscete anche voi; quell’incursione all’ospedale di Salò, per sottrarre il compagno di brigata, Renato, ai fascisti gli costò la vita.
Forse agì senza pensare troppo, nell’incoscienza tipica di chi è giovane, ma lo fece; sentì che bisognava fare qualcosa e subito, o la storia avrebbe fatto il suo corso.

E grazie all’impegno e alla coerenza di altri uomini e donne, come lui, oggi possiamo godere del bene più prezioso, la libertà, quella che consente a tutti di imparare, di conoscere, di confrontarci, di discutere e anche di litigare.
Se penso a quanto sia costata in termini di vite umane e di sacrifico la mia libertà, mi sento estremamente grato a tutti quelli che, con il loro agire, hanno piantato un seme in una terra arida.
Quel seme sarebbe poi diventato democrazia.

E’ triste però ammettere che la percezione del reale valore di questo principio ogni tanto, tra noi giovani, sembra vacillare.
Noi siamo nati liberi e la libertà per noi è una realtà scontata; la stessa Costituzione, che trova la sua linfa proprio nella Resistenza, ci protegge e ci tutela da quando siamo nati; siamo talmente pervasi di libertà che ci permettiamo persino di abusarne.
 Addirittura confondiamo libertà con anarchia, credendo che libero sia colui che può fare ciò che vuole, ma libertà non ha il sapore amaro dell’egoismo, anzi.

La libertà è rispetto, è collaborazione, è legalità, è inclusione, è generosità.
La libertà ci fa crescere, non ci limita, non ci soffoca come invece fa un qualunque regime totalitario. Certo, essa chiede molto a ciascuno di noi in termini di consapevolezza, di autocontrollo, di rispetto ma è troppo preziosa. Come un gioiello, splendido eppur così delicato.

Basta poco per perderla, lo vedo ogni giorno al notiziario della tv o sulla rete, lo leggo spesso sui giornali.
Mi fa paura l’idea che in alcuni paesi, ancora oggi, le libertà vengano soffocate con la forza; mi sconvolge l’idea che le voci dei dissidenti siano ancora fatte tacere con la tortura.

Più ci penso e più mi convinco che la vera libertà è l’unico lusso che, in tempo di crisi come l’attuale, ci è indispensabile per progredire e per crescere.

Per questo tutti noi siamo chiamati a difenderla, politici inclusi.

Per questo oggi dobbiamo essere lieti e festeggiare, perché il dono che abbiamo ricevuto da coloro che sono caduti nella guerra di Liberazione lo esige.

Onore, dunque, a questi resistenti e Buon 25 aprile a tutti.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG









Vedi anche
05/10/2017 16:15:00
A Barbaine in ricordo dei «ribelli per amore» Si rinnova questa domenica, 8 ottobre, l’annuale incontro a Barbaine di Livemmo in commemorazione dei caduti della Brigata “Giacomo Perlasca”. Il raduno è alle ore 9.30 in piazza a Livemmo

28/04/2017 19:31:00
Sulle ali della Libertà In occasione delle celebrazioni del 25 aprile, a Vestone sono intervenuti anche i ragazzi del Perlasca: Marco Sanvitti, che frequenta la Terza Liceo e che fa parte della banda musicale di Vestone, e Silvia Cappa, della quale riportiamo integralmente il discorso

11/11/2016 06:16:00
In strada con le coperte Singolare manifestazione quella degli studenti del Perlasca di Vobarno, alle prese con noie tecniche all’impianto di riscaldamento

09/10/2015 09:00:00
A Barbaine l'omaggio ai «Ribelli per amore» Domenica presso la chiesa di Sant’Andrea di Barbaine di Livemmo, la commemorazione dei caduti della Brigata “Perlasca” nel settantesimo anniversario della Liberazione

07/10/2016 17:20:00
La memoria alberga a Barbaine Torna puntuale anche quest’anno nella seconda domenica di ottobre la commemorazione dei caduti della Brigata “Perlasca” presso la chiesa di Sant’Andrea di Livemmo



Altre da Valsabbia
18/12/2018

45° Concorso Presepi MCL

C’è tempo fino al 23 dicembre per iscriversi al tradizionale Concorso Presepi MCL, quest'anno giunto al traguardo della 45° edizione

18/12/2018

Monosci a Madonna di Campiglio

Riparte la stagione sciistica e ripartono i corsi di sci organizzati dall'associazione Vallesabbia Sporthand sulle piste delle Dolomiti di Brenta

17/12/2018

Montagna area strategica

In occasione dei festeggiamenti per il 70esimo compleanno, Confartigianato ha chiamato i suoi a raccolta, venerdì scorso, nell'aula magna del Polivalente di Idro


17/12/2018

La cultura del buon cibo...a tavola

All'Agriturismo BIOBIO’ che apre in località Biò in  via Abbio a Vobarno, per Natale e per Capodanno, trovi i piatti della tradizione, rigorosamente preparati con materie prime di produzione nostrana


16/12/2018

L'albero più bello 2018

A Grande richiesta, il concorso su quale sia l'albero più bello, quest'anno raddoppia, prevedendo un premio per gli alberi "di gruppo" e un altro premio per quelli "casalinghi". C'è tempo fino alla mezzanotte di giovedì 20 dicembre per partecipare con la fotografia del proprio albero. Vedi il regolamento.


16/12/2018

Avis, un nuovo anno di donazioni

Con i migliori auguri ai volontari e a tutti voi per le prossime festività, le Avis valsabbine comunicano le date delle donazioni per il 2019


15/12/2018

Buon Natale da Avis

Per esprimere veramente la summa del significato più profondo del donare, del donarsi, un semplice ma significativo racconto
(1)

15/12/2018

La Ferrari come Secoval

Maurizio Arrivabene e Riccardo Adami, direttore ed ingegnere di gara della Rossa nazionale, a Idro hanno confrontato modalità di lavoro e sogni, gestione della tecncologia e umanità. Con Secoval, l'azienda di servizi pubblici della Valle Sabbia, che corre per vincere


14/12/2018

Poste rilancia nei piccoli Comuni

Anche una rappresentanza di amministratori valsabbini a Roma per l’incontro di Poste Italiane per presentare nuovi servizi nei Comuni sotto i 5 mila abitanti (2)


13/12/2018

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia