Skin ADV
Domenica 24 Settembre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    





Tramonto a Livorno

Tramonto a Livorno

di Carla Cicoli



23.09.2017 Salò

23.09.2017 Bagolino Anfo Valsabbia

23.09.2017 Agnosine

23.09.2017 Odolo Valsabbia

23.09.2017 Idro Bagolino

24.09.2017 Vestone Garda

22.09.2017 Vestone

22.09.2017 Valsabbia Garda Provincia

24.09.2017 Gavardo

22.09.2017 Salò






25 Marzo 2016, 15.00
Vestone
Mostre

Non solo «Immaginare il sacro»

di Leretico
Sabato scorso, 19 marzo 2016, davanti a un pubblico numeroso e in un certo senso inaspettato, si è aperta una mostra importante per Vestone e la Vallesabbia: "Immaginare il sacro"

Un incipit con belle parole del vice-presidente della neonata associazione "Via Gliesenti 43" Gianfausto Salvadori e del professor Vasco Prati, già Presidente della storica associazione Artisti Bresciani.
Introduzione ad un tema, indubbiamente impegnativo come quello del sacro, la cui declinazione nella mostra vestonese tocca alcuni artisti bresciani del Novecento.
Nomi importanti, fatti rivivere per il visitatore capace di ascoltare, osservando, la musica della bellezza.

In me, conoscitore vago dell'arte pittorica, viene da giustapporre la parola "sacro" alla parola "arte", poi ne cerco invece le reciproche relazioni: ne viene che "sacro" contiene la radice indoeuropea SAC-SAK-SAG che indica l'attaccare, l'aderire, l'avvincere, il portare con sé la divinità; radice unita alla radice ariana AR, che significa il mettersi in moto, il muoversi.

SAC-AR diventa SACER e poi SACRO, nell'ultima versione della lingua romanza italiana.
"Sacro" significherebbe in sintesi ciò che si muove e quindi trasforma il portatore, l'aderente alla divinità.
Uno scontro insomma, che richiama quell'immagine di "squartamento" presente in tutti i racconti fondativi delle più diverse civiltà antropologiche dell'orbe terraqueo. All'inizio c'è sempre un fratturarsi del Dio, un corpo che si fa in brani, spezzato. Una distruzione derivante da chi promuove il movimento (AR) contro l'inflessibile (SAC) che tenta di resistere.

La vita, poiché vuole essere vita, provoca la distruzione del Dio, dell'inflessibile.

E insieme provoca il sentimento dell'obbligo di restituzione: il sacrificio. Quest'ultimo è sempre un restituire ciò che si è colpevolmente tolto al Dio: sacrificare è infatti il sacrum-facere, ossia il rendere sacro ciò che, con umile pentimento, si vuole restituire a Dio.

La radice AR si trova nella parola "arte", traduzione possibile dal greco "techne". La parola "arte" implica inoltre il concetto di "poiesis", ossia di "produzione": un fare che oggettivizza l'espressione della tecnica, l'arte appunto. Ma "poiesis" è anche poesia, parola in cui si manifesta la potenza più evocativa e creativa dell'uomo.

Se dunque mettiamo a confronto la parola "arte" con la parola "sacro", ne viene l'idea di un conflitto tra l'uomo, massima espressione tecnica, artistica, e il divino, quell'immutabile inflessibile a cui è stata strappata, da cui si è guadagnata con efferatezza, la vita. Con l'arte si restituisce, si sacrifica, si rende con sofferenza a Dio ciò che gli è stato sottratto.
E così, nell'arte di "Immaginare il sacro", troviamo le due facce di questa dinamica: la sofferenza del soggetto ritratto, da un lato, nel sacrificio dell'autore, dall'altro.

Ma la mostra vestonese non è solo rivolta al sacro, è anche espressione di religiosità. Ci sono quadri bellissimi come quelli di Giovanni Tabarelli o Oscar Di Prata che manifestano pienamente tale idea.
Siamo nel religioso, non nel rapporto diretto con Dio, espresso dal sacro. Siamo nella relazione indiretta, mediata, articolata nel legame che unisce i gruppi, la comunità. È un vivere insieme lo spirito del divino, all'opposto dello spirito mistico che investe l'eremita nel suo immediato e doloroso incontrare Dio.

"Religione" è parola che viene dal latino: RE-LIGARE. Composta dalla particella RE, la quale accenna alla frequenza, e dal verbo LIGARE, tenere insieme. "Religione" è ciò che tiene insieme la comunità attraverso la frequenza, il rito.
La religione è strumento, medium, con cui la comunità parla con Dio, e Dio risponde, "rivela" attraverso il "verbum" il suo Vangelo, ossia la Verità.
Tuttavia le due diverse nature, del "sacro" e della "religione", sembrano testimoni di un'ulteriore evoluzione che parte da quella radice AR e da ciò che in essa alberga sin dall'inizio: il movimento, la trasformazione.

Persino Dante e Manzoni, nonostante abbiano sottomesso la loro "arte" alla superiore incommensurabile Rivelazione, non rifiutano il mezzo espressivo della "poiesis", della poesia, anzi ne fanno cosa straordinaria.
Non sanno che il movimento, il divenire in quanto "poiesis", l'arte come tecnica, sono destinati a distruggere definitivamente quell'Immutabile a cui, nella tradizione, si rendeva merito con il sacrificio.

La modernità che passa per ogni anfratto, con folate di fredda violenza,
entra anche in "Via Glisenti 43" e noi la sentiamo e ci aggrappiamo alla bellezza che ivi abbiamo intravisto come un faro nel buio.
Ci aggrappiamo sperando regga il peso dell'angoscia, quella sì ineluttabile, che si intravede terrea al di là del confine che ci separa dal paradiso della tecnica. Scrive Dostoevskij: "la bellezza salverà il mondo", e un po' ci crediamo, ci vogliamo credere, se passando ci soffermiamo in "Via Glisenti 43".

Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa





Commenti:

ID65118 - 26/03/2016 10:02:35 (Dru) molto bene
questo scritto sancisce un passaggio fondamentale in Vallesabbianews. un oltrepassare oserei dire. Siamo così certi che il mondo vada salvato? questa la domanda che sorge dalle parole così magnificamente espresse da Leretico.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno


07/03/2014 07:55:00
La democrazia dell'espulsione Si definisce paradossale quella proposizione che sembra contraddittoria, perché contro il senso comune, ma si rivela infine sorprendentemente vera

12/07/2014 06:22:00
Aspettative Mondiali, delusioni bestiali E' il gioco delle aspettative a rendere più o meno bruciante una delusione calcistica come quella subita dai brasiliani. Ed è sempre l'impatto emotivo a generare conseguenze macroeconomiche


23/06/2014 06:18:00
Yara: il mostro è servito La madre di Massimo Giuseppe Bossetti, visti i risultati dell'analisi sul DNA del figlio, ha dichiarato che ha conosciuto Giuseppe Guerinoni, ma non carnalmente



Altre da Vestone
24/09/2017

Salvato agnello in un dirupo

Dei flebili belati hanno attirato l’attenzione di due agenti della Polizia Provinciale della stazione di Vestone in servizio sui monti di Magasa che hanno recuperato un agnellino finito in un burrone

22/09/2017

Giacinto Cargnoni, «Tra sacro e profano»

Molti richiami al territorio valsabbino e in particolare alle amate Pertiche nelle ultime opere dell’artista bresciano nella mostra personale che sarà inaugurata questo sabato 23 settembre a Vestone

20/09/2017

Cambio della guardia al C7

Conclusa l’era governata da Roberto Betta, durata 22 anni, la guida del Comprensorio passa a Roberto Monera

17/09/2017

70 anni per Ivars

Più di trecento a Gargnà ieri, per festeggiare i 70 anni dell’Ivars, storica azienda valsabbina fondata da Pietro Giulio Ebenestelli nel 1947 (1)

10/09/2017

Le 96 primavere di nonno Dino

Tanti auguri a Dino Marchesi, di Vestone, che oggi, 10 settembre, raggiunge la soglia delle 96 primavere


09/09/2017

«Socialvalsability», ultimi giorni per candidare i progetti

Lunedì 18 settembre alle ore 13 scade il termine per la consegna dei progetti del concorso ideato da Banca Valsabbina per premiare le associazioni che operano sul territorio. Alle prime tre associazioni classificate un premio da 10mila euro

08/09/2017

Albertini a San Martino di Castrozza da campione

Per il pilota vestonese, con quattro vittorie su quattro gare, basterebbe anche solo partire, ma l’intento è quello di fare cinquina nel rally in calendario questo fine settimana in Trentino (1)



08/09/2017

Valsir per la scuola dell'Infanzia

C'è una gradita sorpresa alla scuola dell'Infanzia di Vestone, a disposizione dei bimbi in questo inizio di anno scolastico, un nuovo arredo per la sala da pranzo, offerto da Valsir alla fine dello scorso anno


07/09/2017

Il tempo e l'anima

L’appuntamento di questo sabato alle 17, nella sala espositiva di Via Glisenti 43 a Vestone, è con le opere di Floriana e Giorgio Melzani

07/09/2017

Il cervo va all'asta

90 chilogrammi eviscerato e privo di pelle, il cervo maschio di tre anni abbattuto e abbandonato da un bracconiere l’altro giorno fra Vestone e Pertica Bassa, va all’incanto (2)

Eventi

<<Settembre 2017>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia