Skin ADV
Lunedì 16 Luglio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






Spiaggia e mare blu di Amantea

Spiaggia e mare blu di Amantea

di Gianfranco Fenoli


25 Marzo 2016, 15.00
Vestone
Mostre

Non solo «Immaginare il sacro»

di Leretico
Sabato scorso, 19 marzo 2016, davanti a un pubblico numeroso e in un certo senso inaspettato, si è aperta una mostra importante per Vestone e la Vallesabbia: "Immaginare il sacro"

Un incipit con belle parole del vice-presidente della neonata associazione "Via Gliesenti 43" Gianfausto Salvadori e del professor Vasco Prati, già Presidente della storica associazione Artisti Bresciani.
Introduzione ad un tema, indubbiamente impegnativo come quello del sacro, la cui declinazione nella mostra vestonese tocca alcuni artisti bresciani del Novecento.
Nomi importanti, fatti rivivere per il visitatore capace di ascoltare, osservando, la musica della bellezza.

In me, conoscitore vago dell'arte pittorica, viene da giustapporre la parola "sacro" alla parola "arte", poi ne cerco invece le reciproche relazioni: ne viene che "sacro" contiene la radice indoeuropea SAC-SAK-SAG che indica l'attaccare, l'aderire, l'avvincere, il portare con sé la divinità; radice unita alla radice ariana AR, che significa il mettersi in moto, il muoversi.

SAC-AR diventa SACER e poi SACRO, nell'ultima versione della lingua romanza italiana.
"Sacro" significherebbe in sintesi ciò che si muove e quindi trasforma il portatore, l'aderente alla divinità.
Uno scontro insomma, che richiama quell'immagine di "squartamento" presente in tutti i racconti fondativi delle più diverse civiltà antropologiche dell'orbe terraqueo. All'inizio c'è sempre un fratturarsi del Dio, un corpo che si fa in brani, spezzato. Una distruzione derivante da chi promuove il movimento (AR) contro l'inflessibile (SAC) che tenta di resistere.

La vita, poiché vuole essere vita, provoca la distruzione del Dio, dell'inflessibile.

E insieme provoca il sentimento dell'obbligo di restituzione: il sacrificio. Quest'ultimo è sempre un restituire ciò che si è colpevolmente tolto al Dio: sacrificare è infatti il sacrum-facere, ossia il rendere sacro ciò che, con umile pentimento, si vuole restituire a Dio.

La radice AR si trova nella parola "arte", traduzione possibile dal greco "techne". La parola "arte" implica inoltre il concetto di "poiesis", ossia di "produzione": un fare che oggettivizza l'espressione della tecnica, l'arte appunto. Ma "poiesis" è anche poesia, parola in cui si manifesta la potenza più evocativa e creativa dell'uomo.

Se dunque mettiamo a confronto la parola "arte" con la parola "sacro", ne viene l'idea di un conflitto tra l'uomo, massima espressione tecnica, artistica, e il divino, quell'immutabile inflessibile a cui è stata strappata, da cui si è guadagnata con efferatezza, la vita. Con l'arte si restituisce, si sacrifica, si rende con sofferenza a Dio ciò che gli è stato sottratto.
E così, nell'arte di "Immaginare il sacro", troviamo le due facce di questa dinamica: la sofferenza del soggetto ritratto, da un lato, nel sacrificio dell'autore, dall'altro.

Ma la mostra vestonese non è solo rivolta al sacro, è anche espressione di religiosità. Ci sono quadri bellissimi come quelli di Giovanni Tabarelli o Oscar Di Prata che manifestano pienamente tale idea.
Siamo nel religioso, non nel rapporto diretto con Dio, espresso dal sacro. Siamo nella relazione indiretta, mediata, articolata nel legame che unisce i gruppi, la comunità. È un vivere insieme lo spirito del divino, all'opposto dello spirito mistico che investe l'eremita nel suo immediato e doloroso incontrare Dio.

"Religione" è parola che viene dal latino: RE-LIGARE. Composta dalla particella RE, la quale accenna alla frequenza, e dal verbo LIGARE, tenere insieme. "Religione" è ciò che tiene insieme la comunità attraverso la frequenza, il rito.
La religione è strumento, medium, con cui la comunità parla con Dio, e Dio risponde, "rivela" attraverso il "verbum" il suo Vangelo, ossia la Verità.
Tuttavia le due diverse nature, del "sacro" e della "religione", sembrano testimoni di un'ulteriore evoluzione che parte da quella radice AR e da ciò che in essa alberga sin dall'inizio: il movimento, la trasformazione.

Persino Dante e Manzoni, nonostante abbiano sottomesso la loro "arte" alla superiore incommensurabile Rivelazione, non rifiutano il mezzo espressivo della "poiesis", della poesia, anzi ne fanno cosa straordinaria.
Non sanno che il movimento, il divenire in quanto "poiesis", l'arte come tecnica, sono destinati a distruggere definitivamente quell'Immutabile a cui, nella tradizione, si rendeva merito con il sacrificio.

La modernità che passa per ogni anfratto, con folate di fredda violenza,
entra anche in "Via Glisenti 43" e noi la sentiamo e ci aggrappiamo alla bellezza che ivi abbiamo intravisto come un faro nel buio.
Ci aggrappiamo sperando regga il peso dell'angoscia, quella sì ineluttabile, che si intravede terrea al di là del confine che ci separa dal paradiso della tecnica. Scrive Dostoevskij: "la bellezza salverà il mondo", e un po' ci crediamo, ci vogliamo credere, se passando ci soffermiamo in "Via Glisenti 43".

Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID65118 - 26/03/2016 10:02:35 (Dru) molto bene
questo scritto sancisce un passaggio fondamentale in Vallesabbianews. un oltrepassare oserei dire. Siamo così certi che il mondo vada salvato? questa la domanda che sorge dalle parole così magnificamente espresse da Leretico.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno


13/02/2018 08:56:00
La condizione del fachiro e i cercatori di merda E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico


07/03/2014 07:55:00
La democrazia dell'espulsione Si definisce paradossale quella proposizione che sembra contraddittoria, perché contro il senso comune, ma si rivela infine sorprendentemente vera

01/05/2018 08:30:00
La verità nell'era dell'imbecille Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato...



Altre da Vestone
16/07/2018

Habanero primi ai Campionati italiani

Il gruppo di ballo della scuola Spazio danza di Vestone ha conquistato la medaglia d’oro nelle danze caraibiche ai campionati

11/07/2018

Due giorni in val Formazza

La tanto attesa escursione dei giovani alpinisti del Cai Vestone raccontata nel diario di viaggio di Raffaele, uno degli accompagnatori 

10/07/2018

Bilancio di sostenibilità, anno quarto

Sabato 7 luglio Valsir, Oli e Marvon, hanno presentato la seconda edizione dei Bilanci di Sostenibilità riguardanti il biennio 2016-2017.

08/07/2018

Scontro fra moto all'incrocio

A Vestone, all’altezza del semaforo che regola l’uscita dei veicoli sulla 237 del Caffaro dalla contrada Santa Lucia, si sono scontrate due motociclette (2)

07/07/2018

Andrea arriva a 18

Tantissimi auguri  ad Andrea Martinelli, di Nozza, che oggi sabato 7 luglio compie 18 anni (1)


05/07/2018

Valle Sabbia paradiso da valorizzare

Visita istituzionale ieri in Valle Sabbia dell’assessore regionale al Turismo a Lara Magoni per cogliere le priorità e le istanze del territorio in tema di promozione turistica (5)


03/07/2018

Nuova avventura per Alessandra Zanaglio

La calciatrice di Vestone è stata ingaggiata per la prossima stagione dalla squadra della primavera del 3 Team Brescia Calcio (2)

03/07/2018

I «Dialoghi silenziosi» di Valerio Betta

L’artista di Nozza di Vestone inaugura questo giovedì 5 luglio a Quinzano d’Oglio una mostra artistica nell’ambito della rassegna “Notti di mezza estate” (1)



02/07/2018

Scuola Long C'hi, medaglie a Firenze

Per l’associazione sportiva di arti marziali altri entusiasmanti risultati quelli conseguiti all’Italian Bjj Open, Campionato Italiano Open di Jiu Jitsu brasiliano, a Firenze  (2)

02/07/2018

Ruanda e Kenya sul gradino più alto del podio

Numeri da record alla mezza maratona di corsa in montagna di Vestone. Ruanda per la prima volta nell'albo d'oro con Jean Marie Vianney Myasiro. Applausi e commozione per il campione mondiale Alessandro Rambaldini (1)

Eventi

<<Luglio 2018>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia