Skin ADV
Martedì 18 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    










E' passato un fulmine

E' passato un fulmine

di Gianfranco Fenoli





21 Novembre 2008, 00.00
Vestone
Mario Rigoni Stern

Il ricordo di un amico dei Vestonesi


Prendono il via da questa sera a Vestone tre serate in ricordo dello scrittore Mario Rigoni Stern, che negli anni ha intessuto stretti legami con il paese valsabbino. Ecco un ricordo di Luigi Bianchi, già sindaco di Vestone.
Ad un giovane valsabbino, che, salito ad Asiago per conoscerlo, fresco di studi e memore dell’”Historia magistra vitae”, con voce incerta gli aveva chiesto: “Ma la storia insegna qualche cosa?”, Rigoni Stern rispose senza esitare: “La storia non insegna niente”. Poi tacque un attimo. L’ormai anziano scrittore, custode di tante vicende umane, le lezioni della storia le aveva apprese e vissute sulla sua pelle e parlava con cognizione di causa.

Era nato nella Asiago distrutta dalla Strafexpedition compiuta dall’esercito austro-ungarico ed era cresciuto l√†, sui monti, fra la miseria delle famiglie contadine, decimate dei loro giovani, costrette a ricostruire case e a dissodare prati e pascoli resi aridi dal transito degli eserciti e dalla granate, partecipando da bambino a quella gara fra poveri che, per non emigrare, sopravvivevano con qualche bestia al pascolo e con il ricavato della vendita di materiali e suppellettili “recuperati” sull’Ortigara e sulle altre linee del fronte.
Erano gli anni, quelli, in cui il fascismo aveva ristretto l’emigrazione e in cui in America c’era la crisi, il denaro era poco ed allora la gente dell’Altopiano aveva capito che “...tutto quel materiale interrato – prima oggetto di morte e di distruzione – poteva diventare fonte di vita; ossia polenta, formaggio e vino”, scriveva Rigoni Stern in un breve articolo del 1953. Qualche anno dopo, al tempo della guerra con l’Etiopia, il materiale di recupero aument√≤ di prezzo e per qualcuno fu una piccola fortuna, ma ancora poco tempo e “da questo materiale, reso inoffensivo, avrebbero ricavato altro materiale offensivo per la nuova ultima grande guerra che si stava preparando”.

La guerra infatti venne, terribile, lunghissima, di dimensioni globali e Rigoni Stern, giovanotto montanaro, ma con la scuola magistrale, l’attravers√≤ tutta, casualmente inquadrato nel Battaglione Vestone: il fronte occidentale, la Grecia e l’Albania, la Russia, il ritorno e l’internamento nei Lager. Cinquanta milioni di morti, sono stati quelli contati, pi√Ļ tutti quelli che non sono stati contati.

Ed il giovane maestro, sopravvissuto, tornato a piedi dopo venti mesi di prigionia, impiegato nel ’46 come diurnista al catasto di Asiago, riprese in mano gli appunti di un diario scritto, come e quando poteva, su fogli “legati con lo spago e messi nello zaino”, riveduti gi√† nel Lager 1-B nella Polonia nord-orientale e in quello di Pr√§bichl in Stiria. Li riordin√≤ in un manoscritto e, su sollecitazione dello scultore Giovanni Paganin, li port√≤ a Milano per consegnarli direttamente ad Elio Vittorini, che nel frattempo aveva dato vita alla collana “Gettoni” per la casa editrice Einaudi.
“C’√® qualche lieve difetto, giovanotto!”, sentenzi√≤ il grande letterato. Tornato subito ad Asiago, racconta Rigoni Stern a Giorgio Sbaraini nel 1999: “Ripresi il manoscritto, comprai una grammatica e un vocabolario, riscrissi tutto dalla prima all’ultima pagina. Poi battei a macchina due pagine al giorno nell’intervallo per il pranzo che passavo su al Catasto”. E cos√¨ nacque Il sergente nella neve: dattiloscritto conservato ora presso la Biblioteca civica di Vestone.

Il bisogno di ricordare, non la guerra, ma gli involontari attori costretti ad affrontare la disumanit√† della guerra ha spinto Rigoni Stern a scrivere: per ricordare in primo luogo quelli che non sono tornati, a fronte di una stampa nazionale che nel’43 non aveva dato alcun spazio alla notizia del rientro dei superstiti dalla Russia. E come l’amico Primo Levi, conosciuto all’Einaudi, aveva scritto per testimoniare ai posteri l’Olocausto e il rientro dopo Auschwitz, allo stesso modo Rigoni Stern volle scrivere affinch√© non si dimenticassero, chiamandoli quasi per nome, gli amici rimasti fra i girasoli e sotto la neve, evidenziando sempre la grande dignit√† delle persone mandate a portare e a trovare distruzione, miseria e morte da parte dei signori delle capitali. “Quando oggi – scrive Claudio Magris – si cerca, con melliflua e strisciante regressione, travestita da professorale revisionismo, di equiparare fascismo e antifascismo, basterebbe leggere “Il sergente nella neve” per ristabilire la verit√†. Spesso sono i soldati a smascherare l’inganno della guerra”. Ma meglio ancora del commento di Magris valgono le parole di Rigoni Stern all’auditorium di Vestone, quando, nel settembre ’92, rievocando la battaglia di Kotowskj, svel√≤ ai Valsabbini con precisione storica chi “volle fare un’azione” per vedere “se anche gli Italiani sanno morire”.

Dopo Il sergente vennero altri scritti, romanzi, racconti, collaborazioni con i quotidiani “Il Giorno” e “La Stampa” per continuare a narrare l’inutile disumanit√† della guerra contrapposta alla bellezza della sua terra: la gente, i boschi, le cime; sempre con un linguaggio lineare, privo di retorica, profondo e accessibile e con saggezza antica e rassicurante fino ai premi letterari, alla laurea honoris causa e all’accoglienza fra “i classici” riconosciutagli dalla casa editrice Mondadori con la pubblicazione di una raccolta di opere significative nella collana “I Meridiani”.
“Come si sente - gli chiesero - a stare fra i grandi della letteratura?” “La letteratura √® una foresta, ci sono alberi altissimi, che superano gli altri, si chiamano Omero, Virgilio, Dante, Shakespeare, Leopardi, in questa foresta io sono un salice nano”

Mario Rigoni Stern all’inizio dell’estate “√® andato avanti”. Per lui hanno scritto parole nobili Fernando Camon, Eraldo Affinati, Ermanno Paccagnini, Claudio Magris, Andrea Zanzotto e, anni prima, i nobili colleghi del cenacolo Einaudi, fra cui Alberto Moravia, Piero Chiara e l’amico Nuto Revelli. “Considero un privilegio averlo conosciuto e aver avuto la sua amicizia” annota Claudio Magris, ed allora come si devono sentire gli alpini di Vestone, che con lui si sono seduti a tavola pi√Ļ volte, mentre alcuni hanno avuto addirittura la fortuna di poter gustare formaggio, vino e polenta, mescolata sulla stufa a legna e scodellata dalle sue mani, nella casa ai margini del bosco ad Asiago?
Rigoni Stern “√® andato avanti” ma “...ci si sente un po’ meglio sapendo che possono esistere persone come lui”. E se, salendo verso Asiago, al margine del bosco non lo si incontrer√† pi√Ļ, resteranno tuttavia con noi i suoi racconti, che continueranno a riempire le nostre case con la forza indelebile della parola scritta.

Luigi Bianchi
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
13/12/2016 16:40:00
Vestone ricorda Mario Rigoni Stern Sabato prossimo un’intera giornata per celebrare un grande uomo, un grande scrittore e un grande alpino, indimenticato cittadino onorario molto legato al paese valsabbino

16/06/2018 07:30:00
Mario Rigoni Stern e i suoi alpini Un omaggio allo scrittore di Asiago nel decimo anniversario della sua scomparsa, la mostra che sarà inaugurata oggi a Vestone con le opere di Lino Sanzeni e di altri artisti

17/06/2008 00:00:00
Addio a Mario Rigoni Stern Lo scrittore Mario Rigoni Stern, il mitico sergente del Battaglione Vestone, è morto nella sua amata Asiago (Vicenza), all'età di 86 anni.

14/06/2018 08:00:00
¬ęStorie vestonesi. Ricordi del sergente¬Ľ Sabato 16 giugno, nel decimo anniversario della scomparsa di Mario Rigoni Stern, Vestone rende omaggio al grande scrittore, cittadino onorario vestonese, con la presentazione di un libro con gli scritti per pubblicazioni e associazioni locali

17/06/2008 00:00:00
Il ¬ęSergente nella neve¬Ľ √® ¬ęandato avanti¬Ľ Non ci √® giunta improvvisa la morte di Mario Rigoni Stern, il grande scrittore che ha mantenuto dei forte legami con la Valle Sabbia, in particolare con Vestone di cui dal 1977 √® cittadino onorario ¬ęper aver cantato al mondo le gesta del Vestone¬Ľ.



Altre da Vestone
18/12/2018

Congratulations dottoressa Veronica

Congratulazioni a Veronica Saletti, di Vestone, che si è laureata a pieni voti in Scienze Politiche presso l'Università degli Studi di Milano

14/12/2018

Albertini e Fappani Caschi d'Oro 2018

Il pilota valsabbino e il suo navigatore gardesano fra i vincitori dell’Oscar di Autosprint quali vincitori per il secondo anno consecutivo del Campionato Rally WRC (3)

12/12/2018

Atlante Lessicale Bresciano

Questo giovedì 13 dicembre verrà presentato in Comunità Montana a Nozza di Vestone il progetto di Fondazione Civiltà Bresciana per promuovere la conoscenza del dialetto bresciano

07/12/2018

Insoliti incontri fa tappa a Vestone

Sar√† inaugurata questa domenica 9 dicembre presso la biblioteca di Vestone, la terza e ultima tappa della rassegna “Insoliti Incontri”, che vede ospite l’autoritratto di Fausto Pirandello


07/12/2018

Santa Barbara in salsa Valsabbina

Situato in posizione strategica, il distaccamento vestonese dei Vigili del fuoco è una risorsa preziosa per la Valle. Domenica scorsa i festeggiamenti per la Patrona

06/12/2018

Bacchetti, il sentimento della pittura

C’√® tempo fino a domenica 9 dicembre per ammirare le opere di Lorenzo Bacchetti nella mostra personale allestita nella Sala Moroni a Vestone

06/12/2018

Nuvole ha lasciato il segno

Si √® conclusa il 29 novembre in comunit√† Montana con un partecipatissimo convegno la rassegna valsabbina dedicata alla salute mentale che ha dato vita all'associazione “Fabbrica di Nuvole”

05/12/2018

Alla scoperta della stampa 3D

Il Fab-lab Valle Sabbia fa tappa venerd√¨ sera a Vestone per presentare le tecnologie della stampa tridimensionale e dell’automazione

04/12/2018

Cercasi amante del verde

La Fondazione A. Passerini di Nozza di Vestone è alla ricerca di un volontario per la cura di piante e fiori (1)


01/12/2018

Maternità? Si grazie

La filiale di Vestone di Eurointerim, questo mercoledì, ha consegnato a una mamma di Mura un assegno/premio come incentivo alla natalità per i dipendenti (1)



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia