Skin ADV
Giovedì 24 Agosto 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    





Borgo di San Leo

Borgo di San Leo

di Patrizia Mora



22.08.2017 Vestone Valsabbia

23.08.2017 Mura

23.08.2017 Anfo

22.08.2017 Pertica Bassa Pertica Alta

23.08.2017 Bagolino

23.08.2017 Anfo

22.08.2017 Giudicarie

22.08.2017 Sabbio Chiese Gavardo Serle

22.08.2017 Garda

22.08.2017 Salò






25 Marzo 2008, 00.00
Vestone
Economia Valsabbina

I falsari copiano i nostri prodotti industriali


√ą una delle iatture della moderna industria: la falsificazione. Ormai si falsifica tutto. Figuriamoci se con un minimo di impegno non si possono duplicare radiatori o rubinetti, sifoni o caldaie.
√ą una delle iatture della moderna industria: la falsificazione. Ormai si falsifica tutto. Anche la Ferrari Testarossa: pare che con un trentamila euro la si possa trattare. Figuriamoci se con un minimo di impegno non si possono duplicare radiatori o rubinetti, sifoni o caldaie.

La storia dei falsi nell’industria √® un po’ che gira; e quando diciamo industria diciamo di quei prodotti che uno difficilmente si immaginerebbe falsificati: non sono le t-shirt, gli accendini, magari le scarpe. Qui siamo - ed √® la nostra storia - alla componentistica termoidraulica: caldaie, sifoni, valvole e e raccordi. E radiatori.

La vicenda l’abbiamo gi√† in parte raccontata nei giorni scorsi. All’Expocomfort, la fiera mondiale di categoria che si √® tenuta nei giorni scorsi a Milano, alcune aziende bresciane hanno visto loro produzioni copiate riuscendo a far intervenire immediatamente Carabinieri e Guardia di Finanza. Ma dietro al blitz ci sta una preparazione che vale la pena di raccontare perch√® dice di modalit√†, costi e rischi che le aziende devono sobbarcarsi per difendere i loro interessi e tutelare - come nel nostro caso - la salute dei potenziali clienti.

AIUTO, L’EST CROLLA. Tutto parte 18 mesi fa. Ad alcune imprese - fra le altre alle bresciane Fondital di Vestone e Industrie Pasotti di Prevalle-Sabbio Chiese - arrivano segnali di un crollo di mercato in alcuni Paesi dell’Est. Polonia, Romania, Bulgaria, Russia ed Ucraina non sono Paesi di poco conto. Lass√Ļ, nell’ex impero sovietico, c’√® tutto da ricostruire. E la gente, come dai noi negli Anni ’50 e ’60 - con i primi soldarelli che riesce a metter da parte si fa il bagno o si sistema la casa e quindi radiatori, rubinetti, tubi, raccordi e caldaie van via come il pane.
Com’√® che crollano questi mercati? Sono arrivati i cinesi e vendono prodotti copiati paro-paro dai nostri ad un prezzo del 30-40% in meno. E in sovrappi√Ļ gli metton su dei marchi uguali nel disegno e con forti assonanze. Se la Fondital, per dire, vende lass√Ļ caloriferi con il suo marchio Nova Florida, i cinesi l’hanno adattato in Nova Elorida. Altro modo che i cinesi hanno adottato per sfruttare il lavoro degli altri √® quello, anche pi√Ļ perfido, di marchiare i loro prodotti con il codice NF, che a noi profani dice poco, ma che √® una sorta di certificazione internazionale di qualit√†.

PARTE LA RISPOSTA. Questo il quadro sommario. Le aziende bresciane decidono la risposta. Il braccio operativo √® l’Airal, associazione che raggruppa molte delle societ√† europee produttrici di radiatori in alluminio. E da qui - dallo studio del commercialista bresciano Arrigo Bandera, che √® il riferimento dell’associazione - parte l’investigazione. Le "istruzioni" su come predisporre un possibile dossier vengono direttamente da Bruxelles, dove quelli dell’Airal sono accompagnati da due personaggi che pi√Ļ diversi non potrebbero essere ma evidentemente accomunati da buon senso e interesse a difendere le imprese bresciane: il primo √® Maurizio Zipponi (ex segretario della Fiom, deputato di Rifondazione Comunista) e da Angelo Rampinelli Rota, avvocato con solidi legami internazionali, da sempre di vocazione liberale.
Con le indicazioni di Bruxelles si allestisce la "macchina" investigativa. Si ingaggiano alcuni neolaureati e si assegna loro la missione: andare nelle 5 Nazioni ricordate sopra, setacciare bazar di periferia e grandi magazzini e acquistare radiatori in alluminio documentando tutte le operazioni con ricevute d’acquisto e fotografie.

UN DOSSIER ALTO UNA SPANNA. Il risultato è un dossier alto una spanna, nel quale sono documentate le perversioni possibili: design del prodotto copiato, confezioni e imballaggio malamente scopiazzati, loghi assonanti. Uno per uno, Nazione dopo Nazione, ingrosso dopo ingrosso: nome del negozio, località, giorno e ora, prodotto acquistato, costo, fotografia... Una spanna di perversioni pari a 550 pagine di dossier. Non solo. Portati in Italia, gran parte di questi prodotti hanno dimostrato un contenuto di amianto fuori di testa. Ma dimostrare un falso è facile solo a parole. Meglio: avere soddisfazione per un plagio è cosa complicata già di suo: figuriamoci se si tratta di produttori cinesi che vendono in Russia.

MILANO √ą UN’ECCEZIONE. In realt√† qualcosa si √® mosso, ma √® quasi un’eccezione. La storia, raccontata nei giorni scorsi, ha visto la presenza in fiera a Milano di alcuni di questi produttori. Qui la trappola √® scattata subito grazie alla intuizione di herr Kessler, ex deputato e magistrato trentino oggi Alto commissario contro la contraffazione: sfruttando il codice di autodisciplina della fiera si sono potuti sequestrare in poche ore, fare le analisi di qualit√† e sicurezza (amianto al 42% nelle guarnizioni dei radiatori), cui √® seguita l’iscrizione nel registro degli indagati degli imprenditori cinesi alla Procura della Repubblica di Milano.

DUE STRADE: SICUREZZA E DUMPING. Adesso l’Airal ha due strade da imboccare. La prima √® quella che far√† valere i rischi per la salute di questi prodotti in sede Ue. √ą una sorta di misura tampone: le guarnizioni all’amianto potranno essere, da qui in avanti, sostituite.
E poi c’√® la seconda direzione di marcia, pi√Ļ lunga e complicata, ma che tenta di andare al cuore del problema: quello dei costi. I bresciani hanno fatto due conti. Un radiatore in alluminio ha due costi fondamentali: l’alluminio (che √® una materia prima quotata e quindi con prezzi eguali in tutto il mondo) e l’energia (per gran parte frutto di petrolio e quindi anche questo con prezzi omologhi ai nostri); l’incidenza della manodopera √® l’unica vera variabile. Ma incide poco sul prodotto finale.

DALLA CINA ALL’INDIA. E allora, com’√® possibile che i cinesi vendano a quei costi? Risposta: solo perch√® hanno un incentivo del 13% all’esportazione e solo se vendono in dumping, ovvero con costi inferiori ai costi. Pratica vietatissima, ma utilizzata quando si vuol far fuori un concorrente (per un certo periodo di tempo ci perdo, ma alla fine ho tutto il mercato e a quel punto i prezzi li decider√≤ io...). L’Europa dice che la procedura anti-dumping scatta se si dimostra che i prezzi all’export sono pi√Ļ bassi di quelli praticati all’interno della Cina (nel caso nostro). Ma in Cina - altro problema - i radiatori in alluminio praticamente non vengono usati: perch√® costano e perch√®, soprattutto, l’acqua cinese √® troppo acida: li corrode. E quindi? E quindi, sempre l’Europa dice: va bene, allora fate un raffronto con un Paese analogo; verificate cio√® quanto costa in India (questo il Paese indicato) produrre caloriferi e poi faremo tutte le opportune comparazioni e vi faremo sapere. Ci vorranno due anni buoni. E non √® detto che tutto vada in porto.
All’Airal, alla Fondital e alla Pasotti fanno gli scongiuri...

Gianni Bonfadini
da Giornale di Brescia
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG








Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/03/2008 00:00:00
I cinesi copiano i radiatori valsabbini L’altro ieri, alla fiera i Milano sono stati messi sotto sequestro radiatori cinesi che fatto copiano foggia, confezionamento e nome della Nova Florida, societ√† del gruppo Fondital di Vestone.

31/12/2014 09:56:00
Fondital si espande in Russia Un investimento di circa 20 milioni di euro per il gruppo con sede a Vobarno per una nuova fabbrica per la produzione di radiatori in alluminio e caldaie a Lipetsk, a 450 km a sud di Mosca

02/02/2017 06:59:00
Sostegno di Valsabbina a ¬ęIndustria 4.0¬Ľ L’istituto bresciano ha organizzato un evento per presentare gli strumenti messi a disposizione delle imprese dalla Legge di Bilancio 2017

25/08/2014 14:14:00
Bonometti: ¬ęGli impianti industriali non sono immobili da tassare¬Ľ Il tema della fiscalit√† immobiliare, ed in particolare la tassazione dei fabbricati industriali utilizzati per lo svolgimento dell’attivit√† di impresa, sta assumendo proporzioni insostenibili

25/03/2015 07:11:00
L'economia della Riviera in et√† moderna Si √® tenuto nei giorni scorsi, ospitato nella bella Sala dei Provveditori del Comune di Sal√≤, il convegno “Le economie del lago durante l'et√† moderna”. C'era anche la scrittrice Paola Lanaro




Altre da Vestone
23/08/2017

Palma il Giovane a Nozza

Dopo aver trattato, nel precedente articolo, la rocca di Nozza, parliamo ora di un pregevole dipinto, forse poco conosciuto da parte dei valsabbini, che si trova ai piedi di tale costruzione

23/08/2017

¬ęLiquidosolido¬Ľ

Si avvia alla conclusione la rassegna espositiva "Luquidosolido" che in questo scorcio di fine agosto propone una collettiva degli artisti Luciano Vanni, Delia Lazzari e Mario Cappa, presso la sede dell'Associazione culturale "Via Glisenti 43"

22/08/2017

Rilevatore dei gas obbligatorio

Agenti del porta a porta cercano di convincere gli ingenui che è obbligatorio installare allarmi per segnalare fughe di gas. Si fanno precedere da volantini. In questi giorni sono stati segnalati a Vestone


17/08/2017

Preparate i caritì!

In occasione della manifestazione AmbientAzione,in programma sabato 26 agosto a Nozza di Vestone, sar√† proposta la seconda edizione della “Gara dei carit√¨”, una sfida goliardica per divertirsi all’aria aperta riscoprendo un gioco della tradizione vestonese

14/08/2017

Occhio alle revisioni e alle scadenze dell'assicurazione

Raffica di controlli sulle auto in transito lungo la 237 del Caffaro, nel fine settimana appena trascorso: decine gli automobilisti multati. Due le auto condotte in parco chiuso
(1)



13/08/2017

Sulle Dolomiti di Brenta

Per i ragazzi del Cai di Vestone in programma l’ambiziosa ferrata Sosat per la “punta” del gruppo avanzato e il giro di 5 rifugi per tutti gli altri. Ma l’avevo gi√† detto che il meteo aveva dato cattivo tempo per la giornata di domenica?

10/08/2017

Approvato il bilancio semestrale

Crescono ricavi, raccolta e impieghi verso la clientela. Grava sul bilancio il peso del sostegno al sistema bancario italiano

09/08/2017

Sotto sequestro

Un veicolo senza assicurazione dev'essere messo sotto sequestro. E se ciò che viene trasportato è vivo che si fa?
(3)

08/08/2017

Vigili con lo scarico... alcolico

Episodio piuttosto curioso quello in cui sono incappati gli agenti della Locale della Valle Sabbia, impegnati in un surplus di controlli estivi

05/08/2017

Non l'ha visto

Ferite non gravi, fortunatamente, per il passeggero di una Kawasaki alla quale un'auto ha "tagliato" la strada. E' successo a Vestone. Un piccolo incidente che ha allungato di molto le code già sostenute lungo la 237 del Caffaro (8)

Eventi

<<Agosto 2017>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia