Skin ADV
Mercoledì 19 Febbraio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








17.02.2020 Valtenesi

18.02.2020 Sabbio Chiese Valsabbia

17.02.2020 Roè Volciano

17.02.2020 Pertica Alta

18.02.2020 Bagolino

18.02.2020 Gavardo Valsabbia

17.02.2020 Valsabbia

17.02.2020 Storo

17.02.2020 Preseglie

18.02.2020 Muscoline






16 Agosto 2019, 05.43
Valsabbia Val del Chiese Provincia
Eridio

«L'intesa è solo per poter sfruttare la risorsa idrica»

di Alex Marini
Così il Consigliere provinciale trentino Alex Marini (5Stelle), nel fare il punto ferragostiano sullo sfruttamento idrico del Chiese e del lago d'Idro, per come è visto in sede Pat e al Pirellone

A giugno noi del M5S siamo tornati a sollecitare Istituzioni ed enti territoriali riguardo alla gestione delle acque del fiume Chiese e del lago d’Idro. Lo abbiamo fatto presentando delle interrogazioni con cui chiedevamo se ci fosse la volontà di istituire un Osservatorio interregionale sul Chiese e sull’Eridio che fosse aperto alle associazioni e agli enti locali, ipotesi che fu peraltro valutata con favore già dal Ministro dell’Ambiente nel corso della precedente legislatura.

Passati 2 mesetti e sono arrivate le risposte che, lo diciamo subito, non sono soddisfacenti. Le interrogazioni erano state presentate sia dal M5S trentino (561/XVI del 6 giugno 2019 a firma dei consiglieri provinciali Alex Marini e Filippo Degasperi) che dal M5S lombardo (2400 del 17 giugno 2019 a firma del consigliere regionale Ferdinando Alberti).

Il Direttore Generale della Direzione Generale Enti Locali, Montagna e Piccoli Comuni della regione Lombardia è stato il primo a rispondere.
Il 18 luglio ha messo per iscritto che non vi è intenzione alcuna di procedere all’istituzione dell’Osservatorio ma solo “la disponibilità a fornire tutte le informazioni e i dati riguardanti la gestione del bacino idrografico e a mantenere aperta ogni forma di interlocuzione con tutti gli attori, istituzionali e non, interessati a tale tematica”.

Tradotto:non siamo disponibili a mettere in campo alcun confronto concreto che ci impegni a tenere conto delle esigenze di chi vive sul territorio ma se serve a tenervi buoni vi diciamo che in linea di principio, se ci va, potremmo anche sentirvi… ma anche no, anzi, diciamo di no che poi vi montate la testa”.

In pratica siamo di fronte alla solita risposta burocratese per dire che l’acqua è “cosa nostra” e la gestione spetta esclusivamente a specifiche categorie di utilizzatori (in Lombardia, non è un mistero per nessuno, sono gli agricoltori della bassa con le loro colture idrovore e le società interessate al business idroelettrico) che la possono utilizzare a dispetto delle comunità rivierasche e degli equilibri ecologici.

A tal fine, puntualizza l’amministrazione lombarda, è stato costituito un coordinamento operativo (permanente?) per assicurare lo sfruttamento della risorsa indipendentemente dalle situazioni di contingente emergenza o criticità, cioè l’acqua vogliono poterla ottenere quando più aggrada a lor signori e questo a prescindere dal fatto che ci siano delle situazioni che giustificano prelievi maggiori del previsto.
Pensano al fiume Chiese e al lago d’Idro come serbatoi per farsi gli affari loro e manco si premurano più di nasconderlo!

Ad agosto è, invece, arrivata la risposta dall’assessore trentino competente (!), che a sua volta ha confermato come non ci sia alcuna volontà di stabilire dei modelli inclusivi e aperti di gestione del bacino dell’Eridio e delle acque del Chiese e come non ci sia l’intenzione di tutelare l’acqua come bene comune.

Appare chiaro come si ritenga di soddisfare le richieste di sfruttare le acque per finalità irrigue senza considerare le esigenze di tutela del deflusso ecologico funzionale.
Per rendere operative le misure di prelievo idrico reclamate dagli utilizzatori di valle, il vicepresidente della Provincia di Trento Tonina, nonché assessore con competenze in materia di energia, utilizzazione delle acque pubbliche e di tutela dell’ambiente, ha specificato che è stata approvata un’apposita delibera proprio nei giorni che hanno preceduto a risposta 

(Delibera della Giunta provinciale 1181 del 1° agosto 2019 “Approvazione dell’accordo amministrativo di collaborazione tra la Provincia autonoma di Trento e la Regione Lombardia finalizzato a soddisfare le esigenze idriche del territorio lombardo per la stagione irrigua 2019 nell’ambito della gestione coordinata delle risorse idriche del bacino idrografico del fiume Chiese”).

Questo atto ha di fatto riconosciuto le aspettative della controparte lombarda fissando un corrispettivo pecuniario per lo sfruttamento delle acque e mettendo in secondo piano le esigenze di salvaguardia dell’ecosistema.

Come si vede la triste realtà del Trentino a guida leghista sottomesso ai vicini lombardi e veneti trova ogni giorno nuovi e concreti riscontri.

Alex Marini
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID81638 - 16/08/2019 10:04:44 (Filippo Grumi) prego accomodatevi
e senza i fondi necessari per far partire il contratto di fiume per il Chiese (50.000 euro all'anno per 3 anni) la regione Lomabardia dichiara apertamente che il Chiese è senza alcuna difesa, i gardesani ringraziano.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/04/2017 08:18:00
Eridio e Chiese, se ne parla a Remedello Questo martedì 4 aprile, a Remedello, Legambiente ed Amici della Terra metteranno al centro dell'attenzione le condizioni del fiume Chiese e del lago d'Idro, fra qualità e quantità d'acqua che vi scorre

07/01/2017 08:05:00
Livelli del lago, partita ancora aperta Le precipitazioni sono scarse, il lago d'Idro riesce ad ogni modo a garantire il minimo deflusso vitale al fiume Chiese. Coi lavori per le nuove opere di regolazione al via, quella dei livelli, è una partita ancora tutta da giocare

24/09/2018 10:53:00
In difesa del lago e del fiume Chiese Si terrà questo martedì sera a Idro un incontro pubblico dell'Associazione Amici della Terra Lago d'Idro Valle Sabbia per aggiornare sulle novità a tutela del lago e del fiume Chiese

25/09/2018 06:42:00
L’acqua che unisce Appuntamento questo martedì sera a Idro con gli Amici della Terra e la consueta pubblica conferenza, per fare il punto sull’azione di salvaguardia del lago d’Idro e del fiume Chiese

22/11/2017 16:05:00
«Il fiume Chiese e il suo lago d'Idro» Un convegno di alto profilo quello organizzato per questo sabato, 25 novembre, a Villanuova dall’associazione “Amici della Terra” e da Legambiente Lombardia. Al centro del dibattito il fiume Chiese e il lago d’Idro



Altre da Val del Chiese
17/02/2020

A Pieve di Bono la riunione dell'Avis comunale

Ben 243 soci e 320 donazioni nel 2019. Allo storico presidente Emiliano Facchini il distintivo dorato per le sue 60 donazioni in 30 anni di appartenenza all’associazione

16/02/2020

«Un gran signore»

E’ morto Valerio Parma. D'origini gardesane, fu segretario comunale in diversi Comuni della Valle del Chiese. Se n'è andato all'età di 88 anni

15/02/2020

Bar Gelateria affittasi

Si tratta del Caffè Gelateria Centrale che affaccia le sue vetrine su Via Garibaldi a Storo. Occasione unica da non perdere, locali liberi dalla prossima primavera

13/02/2020

Un concerto per il maestro Gino Dapreda

Questo sabato, 15 febbraio, a Condino si terrà un concerto in omaggio al musicista valligiano. Al pianoforte Luis Carlo Bertini

11/02/2020

Illustrata la nuova legge sul Comparto Turistico del Trentino

Le novità sono state analizzate e spiegate dall’assessore provinciale al Turismo Roberto Failoni in un incontro organizzato a Bondo dai Consorzi Turistici locali

10/02/2020

Condino ricorda lo schianto aereo

Nel tragico evento del 6 febbraio 1945, commemorato ieri a distanza di 75 anni, il convento dei Cappuccini andò distrutto e due frati persero la vita

10/02/2020

ST Melzani Sicurezza, salto di qualità

Buone nuove nei giorni scorsi per lo studio tecnico di Enzo Melzani, realtà affermata nel campo dell’igiene e della sicurezza sul lavoro che ora ha ottenuto l’accredito regionale come Ente Formativo

07/02/2020

Tunnel della Valvestino, Trento tira dritto

All’interrogazione del Consigliere Alex Marini riguardo alla costruzione del traforo per collegare il trentino Bondone ai bresciani Magasa e Valvestino la Provincia di Trento ha risposto confermando la volontà di procedere


06/02/2020

Cambio alla testa degli alpini di Pieve di Bono

Placido Bugna è il nuovo capogruppo delle Penne nere di Prezzo, Agrone, Strada, Por, Cologna, Praso, Bersone e Creto succede ad Andrea Scaia che stavolta sarà il suo vice


06/02/2020

«A Journey», un documentario per non dimenticare

La pellicola di Giacomo Gabrielli verrà proiettata domani – venerdì 7 febbraio – a Castel Condino nell’ambito delle iniziative per il Giorno della Memoria

Eventi

<<Febbraio 2020>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
2425262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia