Skin ADV
Martedì 17 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 



16.10.2017 Agnosine

16.10.2017 Prevalle Valtenesi

15.10.2017 Vestone

16.10.2017 Vobarno Valsabbia

16.10.2017 Bagolino

15.10.2017 Barghe Preseglie

16.10.2017 Roè Volciano

15.10.2017 Prevalle

15.10.2017 Gavardo

15.10.2017 Muscoline






10 Aprile 2017, 15.04
Valsabbia Giudicarie Garda Valtenesi
Genitori & Figli

Il coraggio di educare

di Giuseppe Maiolo
Li incontro quasi ogni giorno ormai, andando nelle scuole e parlando con loro di Internet, dei social, delle attività che si fanno e dei rischi che si possono correre in rete...

Sono i nativi digitali che io chiamo i pollicini, perché ad una velocità impressionante per me, tardivo digitale, messaggiano e chattano ovunque si trovino. 
Sanno tutto, o quasi, di quello che si può fare in Internet e conoscono bene cosa è necessario evitare e quello che può essere pericoloso. Gli pongo delle questioni e mi rispondono. 

Espongo  loro i mie dubbi tecnologici e mi danno indicazioni, spesso consigli azzeccati. 
Parliamo dei Social e delle chat, della necessità di stare attenti a non postare dati personali, foto, messaggi offensivi e tutti in genere mostrano di sapere come comportarsi.
Se chiedi loro cos’è il bullismo e il cyberbullismo, ti dicono esattamente cos’è magari a partire da esperienze personali che hanno fatto un po’ tutti prima o poi. 

Ma allora mi chiedo: come mai continuano a cadere nella rete dei malintenzionati che abilmente li attraggono con le strategie più pervasive di adescamento che oggi chiamiamo child grooming? 

Mi domando perché continuano a postare foto personali in pose particolari o per quale motivo bambini e ragazzini continuano ad essere vittime di cyberbulli.
Mi chiedo soprattutto perché aumentano i bulli e le bulle on line che minacciano e diffamano, che offendono e ridicolizzano? Eppure sono informati e apparentemente consapevoli delle cose positive e di quelle negative che si possono fare. 

Penso che quello che non conoscono sono i limiti.
Non sanno quando e dove ci si deve fermare prima che sia troppo tardi. Non hanno strumenti per autoregolarsi e contenere le passioni che in ogni momento si possono sprigionare in rete.
Anzi non hanno nel loro apparato cognitivo un nome utile a definire quello che provano, una parola di significato che serva per dirti che sentono dolore o rabbia, paura o gioia.

Sentono, o meglio percepiscono, solo l’adrenalina che entra in circolo di colpo e senza preavviso, che eccita tutto il corpo e ti fa provare qualcosa che permette di vincere la noia, senza peraltro averne mai fatto una reale esperienza.
Viceversa la rifuggono perché noi come “tardivi digitali” non gliela abbiamo mai consentita, subissandoli di impegni e di cose da fare. 

E poi mi vien da dire che noi adulti, educatori e genitori, non ci siamo presi il tempo e la voglia di educarli a conoscere le emozioni, esprimerle e chiamarle per nome senza doverle trasformare in tante faccine stucchevoli.
Abbiamo dato, a dismisura, importanza al piano cognitivo trascurando quel nascosto territorio della vita interiore che aziona comportamenti e risposte reali che di solito utilizziamo anche nel mondo virtuale.

Penso che ci si debba riprendere il coraggio di educare i bambini e gli adolescenti al senso del limite, dicendo loro con chiarezza dove stanno i confini, e noi per primi rispettarli.
Il coraggio di educare con i fatti e non con le parole. Non si tratta di “predicare” ma di osservare noi prima di tutto le regole base del comportamento on line come ad esempio non postare in rete tutte le loro foto, di non spettegolare nei gruppi di whatsapp e rispettare le posizioni e i sentimenti altrui.
Serve il coraggio della coerenza e della condivisione reale.

Giuseppe Maiolo
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/03/2014 08:00:00
Internet, opportunità e rischi Tre incontri rivolti ai genitori nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte" di Prevalle, per conoscere meglio la rete e i rischi a cui possono andare incontro i loro figli

28/03/2014 07:00:00
Educare al tempo di Internet Prendono il via questa sera a Villanuova sul Clisi le conferenze della serie “Genitori in forma(zione)”, con un primo incontro dedicato al rischi della rete a cura del prof. Giuseppe Maiolo, curatore della rassegna


21/03/2016 08:50:00
Prostituzione minorile Sono emerse nei giorni scorsi azioni di adescamento on line di minori. Solo in questi casi si parla dei rischi che corrono i minori sulla rete. Cosa fanno e cosa devono fare gli adulti di riferimento?


10/06/2014 08:37:00
Educare al tempo di internet, a Idro Sarà recuperata questo giovedì 12 giugno alle 20.30 la quarta serata formativa rivolta ai genitori, per il ciclo organizzato dall’Amministrazione comunale di Idro

17/11/2015 09:50:00
Adolescenti intrappolati nella rete È dedicato al tema adolescenti e internet, fra rischi e opportunità, l’incontro di giovedì sera all’oratorio di Villanuova rivolto a insegnanti, educatori e genitori



Altre da Giudicarie
14/10/2017

Brescia - Giudicarie, per ora è no alla ferrovia

Non ha trovato consenso nella giunta trentina il progetto, rilanciato dal consigliere provinciale Degasperi, di un collegamento ferroviario fra Trento e Brescia attraverso la Valle Sabbia e le Giudicarie (8)

13/10/2017

Castagne, produzione da record

Quest’anno la produzione di castagne ha superato le più rosee aspettative dei coltivatori. Il prezzo, per le più pregiate, varia da 4 a 6 euro al kg

12/10/2017

Percorsi formativi: 80 mila euro dalla Rurale

La Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella investe nella realizzazione di progetti in ambito formativo, culturale e sociale e per investimenti materiali. Il termine di presentazione per enti ed associazioni è fissato per il 6 novembre


09/10/2017

Vince la «macafagna» di Cimego

Applauditissimi i valsabbini con la «tiragna», secondi ex equo con la «carbonera» di Storo e con quella di Condino, con quest'ultima che vince il voto popolare


07/10/2017

Disgrazia sui monti di Storo

Cercava funghi ed ha trovato la morte, scivolando per una cinquantina di metri in un canalone. Si tratta di Lia Pedrini, una 62enne di Castenedolo

06/10/2017

Coi Ciciurti alla conquista dell'oro storese

Ci sarà anche una squadra valsabbina, quest’anno alla disfida dei “Polenter” che si giocherà questo fine settimana a Storo (3)

05/10/2017

A Storo è tempo di festival della polenta

Torna questa domenica, 8 ottobre, a Storo la tradizionale sfida all’ultimo colpo di trisa tra i gruppi di “polenter”. Nove le polente in gara

29/09/2017

Spazzacamini, attrezzature moderne in chiave sicurezza

Dalle Giudicarie alla Valsabbia, dove si usano ancora camini e stufe a legna per riscaldarsi, il lavoro dello spazzacamino ha preso piede

26/09/2017

Alpini, fra impegno e ricordo

Il tradizionale raduno di San Maurizio delle Penne nere di Storo ha richiamato anche stavolta tanti Alpini. Il gruppo sta lavorando ad un nuovo monumento

26/09/2017

Periplo del lago col Cai

A proporre una giornata attorno al lago d'Idro, come già fanno ogni mese i Camminatori del Lago, per questa domenica primo ottobre è il Cai delle sezioni di Storo, Daone e Pieve di Bono


Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia