Skin ADV
Lunedì 26 Giugno 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Il Chiese a Barghe

Il Chiese a Barghe

di Simonetta Lombardi

[Barghe]


24.06.2017 Odolo

25.06.2017 Odolo

24.06.2017 Mura

25.06.2017 Anfo Lavenone

24.06.2017 Casto

25.06.2017 Pertica Bassa

25.06.2017 Roè Volciano

25.06.2017 Vestone

24.06.2017 Vestone

25.06.2017 Vestone






10 Aprile 2017, 15.04
Valsabbia Giudicarie Garda Valtenesi
Genitori & Figli

Il coraggio di educare

di Giuseppe Maiolo
Li incontro quasi ogni giorno ormai, andando nelle scuole e parlando con loro di Internet, dei social, delle attività che si fanno e dei rischi che si possono correre in rete...

Sono i nativi digitali che io chiamo i pollicini, perché ad una velocità impressionante per me, tardivo digitale, messaggiano e chattano ovunque si trovino. 
Sanno tutto, o quasi, di quello che si può fare in Internet e conoscono bene cosa è necessario evitare e quello che può essere pericoloso. Gli pongo delle questioni e mi rispondono. 

Espongo  loro i mie dubbi tecnologici e mi danno indicazioni, spesso consigli azzeccati. 
Parliamo dei Social e delle chat, della necessità di stare attenti a non postare dati personali, foto, messaggi offensivi e tutti in genere mostrano di sapere come comportarsi.
Se chiedi loro cos’è il bullismo e il cyberbullismo, ti dicono esattamente cos’è magari a partire da esperienze personali che hanno fatto un po’ tutti prima o poi. 

Ma allora mi chiedo: come mai continuano a cadere nella rete dei malintenzionati che abilmente li attraggono con le strategie più pervasive di adescamento che oggi chiamiamo child grooming? 

Mi domando perché continuano a postare foto personali in pose particolari o per quale motivo bambini e ragazzini continuano ad essere vittime di cyberbulli.
Mi chiedo soprattutto perché aumentano i bulli e le bulle on line che minacciano e diffamano, che offendono e ridicolizzano? Eppure sono informati e apparentemente consapevoli delle cose positive e di quelle negative che si possono fare. 

Penso che quello che non conoscono sono i limiti.
Non sanno quando e dove ci si deve fermare prima che sia troppo tardi. Non hanno strumenti per autoregolarsi e contenere le passioni che in ogni momento si possono sprigionare in rete.
Anzi non hanno nel loro apparato cognitivo un nome utile a definire quello che provano, una parola di significato che serva per dirti che sentono dolore o rabbia, paura o gioia.

Sentono, o meglio percepiscono, solo l’adrenalina che entra in circolo di colpo e senza preavviso, che eccita tutto il corpo e ti fa provare qualcosa che permette di vincere la noia, senza peraltro averne mai fatto una reale esperienza.
Viceversa la rifuggono perché noi come “tardivi digitali” non gliela abbiamo mai consentita, subissandoli di impegni e di cose da fare. 

E poi mi vien da dire che noi adulti, educatori e genitori, non ci siamo presi il tempo e la voglia di educarli a conoscere le emozioni, esprimerle e chiamarle per nome senza doverle trasformare in tante faccine stucchevoli.
Abbiamo dato, a dismisura, importanza al piano cognitivo trascurando quel nascosto territorio della vita interiore che aziona comportamenti e risposte reali che di solito utilizziamo anche nel mondo virtuale.

Penso che ci si debba riprendere il coraggio di educare i bambini e gli adolescenti al senso del limite, dicendo loro con chiarezza dove stanno i confini, e noi per primi rispettarli.
Il coraggio di educare con i fatti e non con le parole. Non si tratta di “predicare” ma di osservare noi prima di tutto le regole base del comportamento on line come ad esempio non postare in rete tutte le loro foto, di non spettegolare nei gruppi di whatsapp e rispettare le posizioni e i sentimenti altrui.
Serve il coraggio della coerenza e della condivisione reale.

Giuseppe Maiolo
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/03/2014 08:00:00
Internet, opportunità e rischi Tre incontri rivolti ai genitori nell’ambito del progetto "Biblioteca a regola d'arte" di Prevalle, per conoscere meglio la rete e i rischi a cui possono andare incontro i loro figli

28/03/2014 07:00:00
Educare al tempo di Internet Prendono il via questa sera a Villanuova sul Clisi le conferenze della serie “Genitori in forma(zione)”, con un primo incontro dedicato al rischi della rete a cura del prof. Giuseppe Maiolo, curatore della rassegna


21/03/2016 08:50:00
Prostituzione minorile Sono emerse nei giorni scorsi azioni di adescamento on line di minori. Solo in questi casi si parla dei rischi che corrono i minori sulla rete. Cosa fanno e cosa devono fare gli adulti di riferimento?


10/06/2014 08:37:00
Educare al tempo di internet, a Idro Sarà recuperata questo giovedì 12 giugno alle 20.30 la quarta serata formativa rivolta ai genitori, per il ciclo organizzato dall’Amministrazione comunale di Idro

17/11/2015 09:50:00
Adolescenti intrappolati nella rete È dedicato al tema adolescenti e internet, fra rischi e opportunità, l’incontro di giovedì sera all’oratorio di Villanuova rivolto a insegnanti, educatori e genitori



Altre da Valsabbia
25/06/2017

In montagna con le Penne nere

Dopo l’ottima prova dello scorso anno, la Sezione di Salò dell’Ana darà il via questo lunedì 26 giugno alla seconda edizione del Campo Scuola presso il rifugio sezionale di Campèi de Sima.

23/06/2017

Innovazione e sviluppo, Valsabbina c'è

Banca Valsabbina ha siglato un accordo con il fondo europeo per gli investimenti: plafond da 50 milioni di euro per sostenere le imprese italiane innovative

23/06/2017

Gpl in rete

Sicura, comoda e sostenibile: allacciarsi alla rete di distribuzione del Gpl di Unareti anche in Valsabbia conviene. Un servizio affidabile e che presenta numerosi vantaggi. (3)

22/06/2017

Che «s_passo» di Rocca!

Prendono il via domenica 25 giugno le visite guidate rivolte a bambini e famiglie, nell’ambito del progetto di valorizzazione turistica della Rocca d'Anfo che vede coinvolto il Sistema Museale della Valle Sabbia in collaborazione con la coop. La Melagrana

22/06/2017

Aziende di Valle

Valter Paoli, Flavio Gnecchi e Giorgio Bontempi, per i prossimo tre anni, saranno alla guida delle tre società pubbliche Valsabbine, sotto l'egida della Comunità montana. Si parte da una solida realtà per affrontare importanti sfide


20/06/2017

Camminata della Salute

In occasione dell’Avis Summer Camp, in programma domenica 25 giugno a Barghe, sarà proposta anche una passeggiata per promuovere uno stile di vita sano

19/06/2017

Ducati a Misano... con Valsir

La corsa Superbike, disputata sul circuito intitolato a Simoncelli, è stato un evento unico che ha visto la Ducati salire sul gradino più alto del podio. Porta fortuna Valsir che era lì con i suoi affezionati clienti

19/06/2017

Operatore macchine movimento terra cercasi

Opportunità lavorativa interessante nel campo dei cantieri edili, soprattutto in ambito industriale, quella offerta da un'impresa valsabbina di costruzioni

19/06/2017

Volteggi valsabbini per lo Schiaccianoci di Montichiari

Anche  quest’anno Alkimia Ballet  Scuola professionale di danza con  sedi a Sabbio Chiese e Gavardo, si appresta a portare in scena il suo spettacolo di fine anno

17/06/2017

Tuffi sicuri, controllate le acque dei laghi

Il monitoraggio delle acque nelle principali spiagge dedicate alla balneazione sui tre maggiori laghi bresciani evidenziano costanti miglioramenti: 17 le spiagge controllate sull'Eridio, 55 sul Benaco e 26 sul Sebino (1)

Eventi

<<Giugno 2017>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia