Skin ADV
Mercoledì 22 Agosto 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




21.08.2018 Gavardo

20.08.2018 Garda

20.08.2018 Valtenesi

21.08.2018 Garda

20.08.2018 Bione

21.08.2018 Preseglie

21.08.2018 Villanuova s/C

20.08.2018 Sabbio Chiese Provaglio VS Barghe

20.08.2018 Agnosine

20.08.2018 Valsabbia



29 Marzo 2015, 07.37
Valsabbia Val del Chiese Garda Provincia
Lettere

Quella settimana corta

di Redazione
Egr. Direttore, Le trasmetto una lettera che Le chiedo di pubblicare in merito ad un tema parecchio dibattuto in questi giorni: la eventualità di introdurre la settimana corta nelle scuole superiori bresciane a partire dal prossimo anno scolastico


Liceo E. Fermi, Salò, 12 marzo ore 20.30.
Il preside relaziona i genitori degli alunni in merito alla riunione avvenuta nei giorni precedenti presso la sede della Provincia (o chi ne ha assorbito le competenze, ma così la individuerò per semplicità) con i dirigenti scolastici degli istituti bresciani.

In particolare viene riferito sostanzialmente che in quella riunione:
1) la Provincia ha comunicato che si passerà alla “settimana corta” (scuola dal lunedì al venerdì) già a partire dal prossimo anno scolastico, per risparmiare sui costi di gestione;
2) non vi è stato alcun dibattito, perché la decisione era già stata presa ed è stata di fatto imposta dall’alto, dicendo che le caldaie verranno spente il sabato;
3) non si è parlato delle implicazioni e dei problemi didattici che ne conseguono.

La serata prosegue con un ampio dibattito, che vede l’intervento di vari genitori e con le spiegazioni della preside (che ovviamente ringraziamo per la tempestività della comunicazione), dal quale emerge che:
1) la Provincia ha di fatto imposto la decisione dall’alto;
2) sul punto non pare esserci stata una resistenza ad oltranza da parte dei dirigenti scolastici, anzi;
3) il risparmio gestionale per luce e riscaldamento ottenibile con il sistema della settimana corta è risibile;
4) pare esserci invece la possibilità di un maggiore risparmio sulle spese del trasporto pubblico.

Qualcuno, infine, parla di 77 istituti e di un risparmio di costi valutabile nell’ordine di 1 milione di euro.
Fin qui i fatti.

Un commento mi pare d’obbligo. Per sintesi e chiarezza, procederò per punti.

- immaginiamo innanzitutto per un attimo la giornata-tipo di uno studente oggi (lunedì-sabato): ritorno a casa mediamente verso le 14 dopo 5 ore di lezione, pranzo, un momento di pausa e poi via a preparare le materie per il giorno successivo; pare un trend abbastanza equilibrato, il tempo c’è, qualche volta la voglia scarseggia ma di santi e di eroi ce n’è pochini in circolazione;

- con la “settimana corta”, nel caso di 30 ore settimanali si avrebbe la necessità di restare a scuola fino alle 14 tutti i santi giorni (in un caso) o di fare 2 ore di lezione al pomeriggio per più volte (3?) alla settimana; nel primo caso il ritorno a casa sarebbe verso le 15, nel secondo verso le 16 o le 17 (!) e con la necessità di preparare ancora più materie per il giorno successivo, che sarà uguale al precedente. Voi pensate che un ragazzo di 17 anni inizierà a studiare alle 18? E con quale entusiasmo? E con quali energie? Con quale attenzione e produttività? Figli come robot.

- Vi rendete conto di cosa significa tutto questo? Significa che si studierà meno, che si studierà peggio, che non ci sarà il tempo per assimilare le nozioni, che i docenti saranno in difficoltà e che non potranno materialmente dare i compiti per casa, che si sottrarrà ai ragazzi il già poco tempo per le attività extra-scolastiche, e si potrebbe continuare. E’ un disastro. Ed il problema sarà tanto più sentito per gli indirizzi scolastici più impegnativi. Certo, nessuno morirà, si capisce, ma sceglierlo come futuro sistema scolastico è roba da martellarsi dove non batte il sole. Vogliamo magari anche spacciarlo per il bene dei nostri figli?

- la Provincia è un ente pubblico, quindi non autoreferenziale ma a servizio del cittadino; chi prende queste decisioni, però, non è un marziano ma è una persona (o un gruppo di persone) in carne ed ossa. Voglio chiedere a queste persone:

- innanzitutto: hanno pensato a cosa significa tutto ciò per i giovani e per la loro crescita umana e culturale? Hanno pensato a cosa li stanno costringendo? Ne dubito molto;

- in realtà si tratta di un dubbio retorico: sono rimasto letteralmente basito nel sentirmi dire che durante la riunione in Provincia non si è nemmeno minimamente accennato a questi aspetti, ma ci si è limitati a recepire decisioni già prese; a parte il fatto che forse dai dirigenti scolastici una voce forte di dissenso era lecito attendersela (da chi se non da loro?), fa impressione pensare che la valutazione sia stata fatta tenendo conto unicamente (o principalmente, ma fa lo stesso) degli aspetti economici; ciò è sintomatico di una concezione efficientistica della gestione della cosa pubblica, per la quale ormai la persona è uno strumento a servizio dell’economia e non il contrario; si tratta di un errore di prospettiva gravissimo, che non intendiamo accettare supinamente. I nostri figli sono persone, non carne da macello, e nemmeno oggetti funzionali ad un’idea o ad un progetto, e valgono di più di un risparmio pur ingente;

- quali sono effettivamente i costi di gestione che verrebbero ridotti? Corrente elettrica? No, perché il numero di ore di lezione sarebbe immutato. Riscaldamento? O facciamo stare al freddo gli studenti il lunedì mattina, altrimenti il risparmio è praticamente nullo. Costi di trasporto (contributi alle agenzie di trasporto)?
Può essere, ma almeno è stata fatta una stima del risparmio ottenibile con criteri di scientificità?
Se sì, ce la mostrino, please, altrimenti non è accettabile una decisione presa sulla base di “impressioni” o di valutazioni a dir poco superficiali; non sarà magari che il “beneficio” del mancato trasporto del sabato rischia di essere vanificato dalla necessità di corse pomeridiane aggiuntive? Che oltre al danno ci siano anche le beffe: settimana corta e maggiori costi di trasporto….

- ipotizziamo per un momento (ripeto: tutta da verificare!) che la cifra sopra riportata sia veritiera; ma è stata fatta una valutazione costi-benefici?
In altre parole: siamo sicuri che un disastro didattico come quello che si vuole imporre possa valere 1 milione di €? Il buon funzionamento di un sistema di insegnamento ed apprendimento può essere messo sulla bilancia con una  cifra come questa?

- ancora, perché introdurre questa riforma in fretta e furia, senza un dibattito con il mondo della scuola?
Dov’è l’urgenza dopo secoli di scuola dal lunedì al sabato? Si vuole fare in fretta mettendo la gente di fronte al fatto compiuto, senza una analisi pubblica minimamente seria ed un confronto con le parti interessate.
Di più: durante la riunione in Provincia, mentendo, per convincerli si fa credere ai dirigenti scolastici che il risparmio energetico ottenibile spegnendo le caldaie al sabato sia consistente, tanto loro non sono in grado di confutare questa tesi….  Metodo assai poco condivisibile.

- infine: la Provincia di Brescia ha un bilancio di circa 500 milioni di € (previsionale 2014: vedi http://www.provincia.brescia.it/sites/provincia/files/allegati/documenti/4039/bilancio_2014_in_sintesi.pdf); una cifra come quella che si vuole recuperare incide per lo 0,20%; servirà a risolvere i problemi di bilancio? Possibile che, fra le sue pieghe non si possa destinare alla scuola questa cifra, peraltro non aggiuntiva?

-  questa decisione calata dall’alto, in realtà, ha dunque pochissimo a che fare con le ristrettezze economiche in cui gli enti pubblici vivono; in realtà è figlia di un preciso disegno politico che mette in terzo piano le esigenze più elementari di una fetta della popolazione bresciana, quella adolescenziale, che avrebbe invece bisogno di essere sostenuta con un progetto scolastico che consenta una frequentazione didattica serena e produttiva.
Scelta sicuramente poco democratica, viste le modalità, ma certo legittima sul piano formale trattandosi di competenze della Provincia. Così come sarà una scelta legittima quella di chi scrive, che si regolerà di conseguenza quando entrerà nel seggio elettorale.

Fabio Trevisani, Dimitri Bertelli, Rossella Alba, Elena Forni, Enrico Messina, Laura Manfredini, Camilla Mira, Angioletta Podavini, Fausta Tonni, Valter Carniel, Sergio Gaetarelli, Anna Gaetarelli, Paolo Andreis, Marialisa Cargnoni, GioBattista Speltoni, Rita Mora, Maurizio Franchini, Giulia Bossoni, Bruno Podavini, Lucia Podavini, Ana Rita Arcanjo Dos Santos, Sandro Apollonio, Caterina Vezzola, Massimo Corradini, Umberto Niboli, Chiara Apollonio, Natale Trono, Enrico Raggi, Cristiana Tonacci, Paola Barbieri, Maurizio Righetti, Simona Beltrami, Monica Rovida, Bruno Cavagnini , Ersilia Vinati, Carmela Liberio, Federica Trono, Davide Trono, Roberto Pasinetti, Fabio Verardi, Giorgio Giacomini, Remo Orio, Cristina Piovan, Paola Pellegrini, Stefano Cometti, Laura Raggi, Luca Tonoli, Sabrina Goffi, Damiano Zane, Renzo Gaffurini, Elena Bonetti, Renato Sforza, Manuela Berti , Carlo Citroni, Stefano Borghi, Claudia Cavagnini, Elena Chimini, Aldo Mortari, Olivari Giovanna, Anna Piantanida, Fabio Bianchetti, Michela Bonardi, Marina Crescimbeni, Claudio Quistini, Fabio Giovanni Cipriani, Sara Luria, Carlo Colombo, Tonelli Emma, Evelina Di Nocera, Michela Peli, Eva Zeni, Francesco Peli, Barbara Zambarda, Antonio Banalotti, Paola Fusi, Cinzia Alberti, Amedeo Migliorati, Ennio Pianatanida, Vittoria Tapini, Armando Sarasini, Giulia Sarasini, Elisa Bettini, Giuseppe Paola, Raffaella Piantanida, Stefano Zane, Danilo Baronchelli, Massimo Ruffini.

_____________________________________________________________________________________

Alcune brevi chiose finali (a mia sola cura perché successive alla ricezione della lettera da parte degli altri firmatari):

1) al Copernico di Brescia pare che circa l’85% (sic!) sia contrario alla settimana corta, tra genitori, studenti e docenti (notizia dalle lettere ai giornali comparse nei giorni scorsi);

2) al Fermi di Salò il Collegio dei Docenti ha espresso parere negativo a stragrande maggioranza sulla settimana corta; il risultato del sondaggio avvnuto fra gli studenti è il seguente: 64% contrari, 28% favorevoli, 8% astenuti; prossimamente si eseguirà sondaggio fra i genitori;

3) l'assessore Vivaldini ha dichiarato in questi giorni che non vi è nulla di deciso ma che si sta valutando; la preside del Liceo Fermi, invece, nella riunione del 12 marzo con noi genitori ha riferito che nel corso dell’incontro in Provincia la cosa era data per certa ed acquisita, e che anzi veniva di fatto imposta; qualcuno racconta balle, ed anche grosse; chi sarà? Io credo più al mio preside, non so voi;

4) a questo proposito, qualcuno ha chiesto di avere il verbale della riunione in Provincia tra l’assessore Vivaldini e i dirigenti scolastici; ebbene, in ben 13 giorni non è riuscito ad averlo.
Domanda: il verbale di riunione esiste? E se esiste, è pubblico o riservato? E per quale ragione recondita dovrebbe essere riservato?
Chi di dovere risponda; a buonsenso a me pare che debba poter essere letto da chiunque, ed a semplice richiesta! Che ci sia qualcosa da nascondere?

5) l'assessore Vivaldini ha dichiarato che la settimana corta è positiva anche perché in questo modo "ci si adegua agli standard europei".
In soldoni: lo fanno in Europa quindi facciamolo anche noi.
Obietto: pensiamo con la nostra testa e facciamolo solo se è una cosa intelligente, se è una cretinata lasciamo perdere;

6) l’assessore Vivaldini ha dichiarato di volersi confrontare solo con i dirigenti scolastici, cioè proprio con quelli che nella prima riunione paiono avere accettato tutto senza battere ciglio; non vuole invece parlare con i rappresentanti dei genitori o degli studenti; certo, questi non sono operatori che devono avere voce in capitolo…. che c’entrano loro?

Fabio Trevisani


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID56640 - 29/03/2015 08:21:46 (bernardofreddi)
Sottoscrivo pienamente: la settimana corta è una idiozia sotto tutti i punti di vista. Se questi sono i problemi dei ragazzi del liceo, mettetevi nei panni degli studenti degli istituti tecnici che di ore ne fanno 32, e spesso partono da Bagolino o Gargnano per arrivare a Vobarno. E vogliamo parlare di mio nipote, che va a Brescia e arriva a casa alle 15,30 (ci mette mezz'ora in più a viaggio di quanto ci mettevo io trent'anni fa!)?. Senza contare che già adesso è dura rimanere in classe 6 ore filate con due brevi pause, vi lascio immaginare 8; e poi: le scuole sono in grado di garantirgli una mensa decente, o dovranno andare avanti a pizzette e panini? Se ne inventino un'altra per risparmiare 1 milione: magari evitino di finanziare a pioggia iniziative di scarsa o nessuna importanza, solo perché un contributo non si nega a nessuno ...


ID56649 - 29/03/2015 13:59:14 (robvi) Bravo Bernardo...
... il problema della mensa è reale ed importante. E' stato valutato dai dirigenti scolastici ? Il problema vero è che sia gli amministratori provinciali che i dirigenti scolastici, non stanno facendo l'interesse degli utenti (studenti e genitori), ma solo i loro porci comodi. Per risparmiare un milione, sapete come si fa ? Si cancellano davvero le Provincie, ma soprattutto si smette di pagare gli stipendi ad amministratori incapaci, e poi si dimezzano i dirigenti scolastici ed i loro stipendi. Vedrete che oltre a risparmiare un milione, si avranno soldi anche per sistemare le scuole ...


ID56650 - 29/03/2015 14:03:23 (robvi) Sul trasporto,
aggiungo che tutti noi genitori ci aspettiamo che se si dovesse malauguratamente passare alla settimana corta, il costo dell'abbonamento dovrebbe calare del 17% perché non usufruiamo più di 6 giorni di trasporto, ma solo di 5. Scommettiamo invece che i geni della Provincia hanno pensato di farci pagare sempre per 6 giorni e poi trasportare i ragazzi solo per 5 ?


ID56667 - 30/03/2015 09:00:51 (bonfadino)
Bisogna unirsi tutti e fare un pò più di casino .questa decisione presa da degli idioti che dimostrano di non saper gestire le problematiche dei giovani e dei loro genitori deve essere cambiata .


ID56772 - 01/04/2015 19:28:01 (nataletrono) Natale
Concordo con quanto scritto nella lettera dal signor Trevisani.Capisco anche la rabbia dei genitori che hanno commentato aggiungendo quel tono di colore che a volte serve per rendere più incisivo un concetto che vuole essere espressione di contrarietà e sconforto.Quello che mi sento di aggiungere, da genitore, è di provare a spronare i nostri figli a sollevare il problema in modo più forte ma sempre rispettoso.Sarà il povero studente di Bagolino o di Nuvolera a subire il disagio del rientro pomeridiano piuttosto che dell'uscita alle 14:00! Avranno un'ora in meno da dedicare allo studio! Pranzeranno alle 16:00? Avranno diritto ad un'ora di riposo? A che ora inizieranno i compiti e a che ora ceneranno? Lo sport? Capisco che il sacrificio è importante ma visto che già si prospetta un domani difficile nel mondo del lavoro, non conviene forse evitare di aggiungere altri stress a quelli che la vita riserverà Loro? Attenti anche


ID56773 - 01/04/2015 19:31:30 (nataletrono) Natale
ConcludoAttenti anche all'all'alternanza Scuola Lavoro.Potrebbe nascondere un rischio di sfruttamento - forza lavoro gratuita o quasi -Grazie


ID56914 - 08/04/2015 07:09:16 (bob63) contro corrente
Il discorso scuola e' sempre complesso, ma ho l'impressione che stiate facendo congetture di ipotetici orari senza nessuna logica, se togliamo un giorno di scuola ( il sabato) togliamo 5 ore che possono essere aggiunte una a giorno, questo non vuol dire che il servizio pubblico di trasporto o mensa non debbano essere ottimizzati o "inventati", dall'altro lato vedo giovani che passano anche tutto il sabato sui libri, nemmeno i peggiori stakanovisti lo fanno, paradossalmente fosse x me, gli farei fare 8 ore al giorno a scuola, tempo che include la preparazione ( compiti ) seguiti da persone competenti e gia' coinvolte nella preparazione, se calcoliamo ore di scuola e ore di studio a casa, quante ore fanno sui libri? con l'aggiunta che a casa spesso non siamo all'altezza nell'aiutarli nelle varie problematiche.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
07/02/2016 13:11:00
«La settimana corta non risolve alcun problema» Sulla questione dell’intenzione di adottare la settimana corta per il prossimo anno scolastico per tutte le scuole superiori della Provincia, dicono la loro il Gruppo di genitori della rete Garda Valsabbia

16/04/2015 07:34:00
Settimana corta, ma scherziamo? Sull'ipotesi avanzata dalla Provincia di distribuire l'orario scolastico su cinque giorni settimanali, ci scrive Patrick Doniselli, studente all'Itis di Vobarno. La minaccia dell'occupazione


16/11/2015 07:18:00
Quale scuola vogliamo? Dopo aver sentito le critiche mosse nei confronti della settimana corta in alcune scuole della Valle mi sento in dovere di esprimere un altro punto di vista

07/05/2015 16:13:00
C'è chi dice sì Settimana lunga o corta? Dopo aver accolto l'opinione di chi vorrebbe mantenere il sabato scolastico, ecco anche quella di chi invece vedrebbe di buon occhio l'orario sui 5 giorni


09/05/2015 07:27:00
La maggioranza dice No Buonasera, mi permetto rispondere brevemente alla lettera da voi pubblicata nei giorni scorsi in merito alla settimana corta al liceo Fermi




Altre da Val del Chiese
21/08/2018

Un quarto di secolo per le penne nere di Daone

Grandi festeggimenti sabato a Daone per i primi venticinque anni di vita del gruppo degli Alpini, con concerti di coro e fanfara


20/08/2018

Lago di Ledro Running da record

Volano le iscrizioni per il giro podistico della Valle di Ledro che domenica prossim,a 26 agosto, riproporrà il suggestivo tracciato di 10 chilometri con la sfida Salemi Guidotti

20/08/2018

I 35 anni degli Alpini di Baitoni

Alla ricorrenza hanno partecipato diverse delegazioni di valle. Sabato prossimo sarà la volta della sezione Ana di Daone, che festeggerà il suo 25° anniversario 

18/08/2018

Limiti di velocità, multe salate

A Cimego, ad un bresciano alla guida di una Porsche, è stata ritirata per sei mesi la patente e sono stati comminati 829 euro di multa (7)

16/08/2018

Detenzione ai fini di spaccio

Nei guai un 19 enne di Bagolino, sorpreso a Storo dai carabinieri con l’hashish negli slip (2)

16/08/2018

Il sogno di don Luigi Festi

Se il tunnel progettato per unire Valvestino alla Valle del Chiese ha un "papà", questo è il parroco che tanto si è adoperato per rompere l'isolamento delle "terre di mezzo" fra l'Eridio e il Garda
(1)

16/08/2018

Malore in montagna, muore giovane mamma

Dopo due giorni dal malore ce l’ha colta mentre era in vacanza a Storo, è deceduta ieri al Santa Chiara di Trento Marzia Maturi, di Pelugo. Aveva 42 anni. Lascia tre figli piccoli. Donati gli organi.

14/08/2018

Ferragosto in Valle del Chiese

Tante le iniziative nei paesi trentini alla vigilia e il giorno di Ferragosto per intrattenere residenti e turisti nei caldi giorni d’agosto


14/08/2018

L'ultimo saluto al farmacista

Con la scomparsa del dottor Ivo Covi un altro pezzo importante della storia di Roncone se ne va. Oggi i funerali a Roncone e la tumulazione nel cimitero di Fondo

13/08/2018

Successo per l'Asilo Piccolissimi

Sempre molto apprezzato dalle famiglie di Storo e dintorni l’Asilo Estate Piccolissimi che ha visto la partecipazione di una cinquantina di bambini da 3 a 6 anni



Eventi

<<Agosto 2018>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia