Skin ADV
Domenica 22 Gennaio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    


Castello di Tenno

Castello di Tenno

di Eliana Lombardi



20.01.2017 Valsabbia

20.01.2017 Agnosine Valsabbia

21.01.2017 Bione Roè Volciano

21.01.2017 Muscoline

21.01.2017 Odolo Valtrompia

21.01.2017 Sabbio Chiese Prevalle

20.01.2017 Vestone

21.01.2017 Prevalle Salò Valsabbia Garda

20.01.2017 Gavardo Villanuova s/C Roè Volciano

20.01.2017 Storo



27 Dicembre 2016, 08.09
Valsabbia Giudicarie
Eridio

Grazie ad un emendamento dei 5Stelle

di Val.
Anche il Consiglio provinciale di Trento è d'accordo: Gilmozzi «i livelli del lago dovranno avere un'escursione contenuta: lo vogliamo noi, lo vuole la Lombardia»
 
Pur emendato, l'ordine del giorno proposto dai 5Stelle trentini, discusso in aula dal consigliere Filippo Degasperi ed approvato dal Consiglio provinciale trentino, mette un po' di chiarezza sull'accordo siglato da poco fra Regione Lombardia, Provincia di Brescia e di Trento sull'utilizzo dei fondi per i Comuni di confine (ex Odi).

All'interno di quel documento, qualcuno aveva intravisto la presenza di una regola che riporterebbe l'escursione dei livelli del lago ai 3, 25 metri di qualche anno fa.

Questa interpretazione però è stata smentita dall'assessore Mauro Gilmozzi.
Gilmozzi nel video afferma infatti che dopo i lavori per le nuove opere di regolazione del lago, ci sarà una fase in cui verrà individuata una nuova regola di gestione dei livelli.
In questa fase il Trentino sarà determinato a contenere l'escursione nei limiti attuali, gli unici che da una parte garantiscono il minimo vitale al fiume Chiese e dall'altra evitano l'inondazione dei territori trentini.






Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID70327 - 27/12/2016 18:51:21 (Dru) Qualcuno mi disse ancora in tempi non sospetti
Che il fioco dei liveloi lo avrebbe vinto il trentino e non le associazioni varie ambientaliste e non..


ID70337 - 28/12/2016 00:05:23 (blb)
francamente la cosa sta diventando una farsa. Dovrebbero spiegare come mai nell'accordo tra trento- Brescia -Regione Lombardia si dice esplicitamente che la regolazione dopo le opere sara' di di 3,25 mt ... e questo e' richiamato anche nella convenzione attuativa che andra' ad erogare i fondi ai comuni. Mi auguro che i testi vengano cambiati prima di essere sottoscritti... allora si che sara' una buona notizia


ID70338 - 28/12/2016 00:38:52 (blb)
scusate ma Degasperi dice eplicitamete che se le previsioni dell'accordo venissero applicate integralmente avremmo un'escursione di 3,25 mt sulle coste del lago. Gilmozzi non corregge Degasperi sul testo ma afferma in contraddizione con quanto scritto nell'accordo che si impegna a fare un nuovo accordo per la regolazione. Per il momento "scripta manent".. ed e' in contrasto con il "verba" espresso in consiglio dall'assesore Gilmozzi


ID70339 - 28/12/2016 00:50:16 (blb)
quanto all'emendamento approvato sui livelli mi sembra una vittoria di Pirro. E' risaputo ed e' scritto chiaro anche nell'accordo di programma del 2008 che durante i lavori l'escursione sara' 1,30 partendo dal deflusso vitale a 367,2 (questo anche per via dell'imposizione del RID). Il nocciolo della questione sono i livelli dopo le opere.. Per il momento l'accordo siglato tra Trento-Brescia-regione Lombardia prevede escursioni post opere a 3,25 mt e questo Ahinoi deve essere accettato dai soggetti che usufruiranno dei fondi(ODI) collegati all'accordo (tra i quali il comune di Idro).


ID70340 - 28/12/2016 00:56:48 (blb) quindi
scusa Ubaldo ma l'interpretazione non e' stata smentita da Gilmozzi... e non poteva esserlo visto che il testo dell'accordo parla chiaro... Non e' che qualcuno (come affermi) ha intravisto la presenza di una regola. Essa c'e'e non e' stata smentita....


ID70341 - 28/12/2016 01:44:16 (blb) questo e' estratto dall'accordo in questione
B.2.1. Provincia Autonoma di Trento e Regione Lombardia concordano sullemodalità di regolazione del lago d’Idro derivanti dalla sperimentazione attuatanel periodo 1992-2001 da parte del Ministero dei LL.PP. tramite l’Autorità di bacinodel Fiume Po e confluite nel “Regolamento per la gestione coordinata del lagod'Idro e dei serbatoi dell'Alto Chiese - Edizione 21 Marzo 2002” allegato alladeliberazione della Giunta Regionale della Regione Lombardia n. VII/9297 del 7giugno 2002;


ID70342 - 28/12/2016 01:45:07 (blb) e ancora:
B.3.2. Gli Enti sottoscrittori prendono atto che, dopo la conclusione degli interventidi messa in sicurezza delle opere di regolazione direttamente interferenti con ilivelli idrici del lago d’Idro, trovano nuovamente applicazione le condizioni stabilitenel “Regolamento per la gestione coordinata del lago d'Idro e dei serbatoidell'Alto Chiese - Edizione 21 Marzo 2002” allegato alla deliberazione della GiuntaRegionale della Regione Lombardia n. VII/9297 del 7 giugno 2002 (“Regolamento2002”).


ID70343 - 28/12/2016 01:46:41 (blb) penso
che non ci sia bisogno di interpretazioni ... e a maggior ragione di smentite....


ID70344 - 28/12/2016 08:17:22 (ubaldo) x blb
Visto che mi tiri in ballo... Quel che è scritto è scritto. Ma a mio parere è miope rimanere fermi lì. Ed è evidente da anni ormai, più di dieci, che l'escursione di 3 metri e passa non potrà mai essere ripristinata sul lago d'Idro se non per "vere" esigenze di sicurezza. Il livello del lago dovrà essere necessariamente regolato fra il minimo deflusso vitale per il fiume Chiese, come impone la normativa alla quale nessuna regola potrà derogare, e un massimo che non allaghi i territori della Piana del Caffaro. Quindi al massimo un metro e mezzo. I dieci anni (e passa) trascorsi abbeverando comunque la Bassa (anche in anni particolarmente siccitosi) e producendo comunque energia elettrica, con un metro e poco più di lago, stanno lì a dimostrarlo.


ID70345 - 28/12/2016 08:25:36 (ubaldo) x blb ancora
Ad ogni modo mi pare che ci resti poco ormai da discutere: l'accordo col Trentino c'è, le opere si faranno. Non penso che vecchi e nuovi ricorsi possano cambiare questa prospettiva. Ci resta quindi solo di andare a vedere cosa succederà dopo. Resto convinto che con l'unità di intenti da parte dei Comuni rivieraschi il lago ne sarebbe uscito meglio e che ci sia ancora spazio per marciare uniti (ora anche col Trentino) in quella direzione. Del resto io ero fra coloro che (all'interno degli Amici della Terra) aveva suggerito, all'indomani dell'accordo di programma del 2008, di rimanere a fianco dei Comuni perchè quell'accordo (che conteneva luci ed ombre) venisse rispettato anche nelle parti che interessavano il lago. Mi sono trovato in minoranza e da allora sto a guardare. E non è stato un bello spettacolo.


ID70346 - 28/12/2016 08:48:13 (Baldo degli ubaldi)
Concordo in pieno con Ubaldo. Mi lascia un pò perplesso l'intera situazione. Province e Regione firmano questo accordo per avere il 3,25 dopo le opere , poi la provincia di trento ritratta dicendo che si deciderà più avanti e che addirittura la Regione Lombardia non vuole il 3,25. Allora perchè inserire la regola dei 3,25 all'interno dell'accordo? se c'erano "luci ed ombre" nell'accordo del 2008 in questo nuovo la luce si è spenta


ID70347 - 28/12/2016 09:08:42 (Dru)
dividi et impera


ID70355 - 28/12/2016 22:15:24 (blb) x ubaldo
chiedo scusa se ti ho tirato in ballo... ma era secondo me doverosa la precisazione sui contenuti dell'accordo. condivido quanto tu dici sul fatto che si può sperare in una regola futura a 1,3 mt teniamo presente pero' che le opere cosi come progettate potrebbero consentire un minimo vitale sotto i 367,2 permettendo escursioni maggiori di 1,5 mt senza dover per forza allagare Caffaro e le sponde trentine.


ID70356 - 28/12/2016 22:22:32 (blb)
si tenga anche presente che in questi anni l'abbeveraggio delle campagne mantenendo l'1,30 di escursione e' stato possibile con costosi rilasci dai bacini Trentini... non so quanto sia ancor disposta Regione Lombardia dopo le opere a pagare l'acqua a Trento.


ID70357 - 28/12/2016 22:31:03 (blb)
arrivati all'angolo in questa situazione non essendo stati capaci in questi anni di ottenere una regola durevole dopo le opere di 1,3 mt .. e' il caso di non discutere e prendere quello che ci viene concesso con i fondi ODI. L'importante che tutti siano a conoscenza di cosa si sta firmando di cosa otteniamo e soprattutto di cosa si sta perdendo. Chi firma si prenda la responsabilità di quello che fa.....



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/01/2017 13:38:00
Dei costi e dei benefici Sotto la lente dei 5Stelle, con un'interrogazione a risposta scritta del consigliere provinciale per Trento Filippo Degasperi, il tunnel che dovrebbe unire Valvestino e Bondone, ma anche le decisioni prese in merito all'utilizzo sull'Eridio dei Fondi ex-Odi

07/01/2017 08:05:00
Livelli del lago, partita ancora aperta Le precipitazioni sono scarse, il lago d'Idro riesce ad ogni modo a garantire il minimo deflusso vitale al fiume Chiese. Coi lavori per le nuove opere di regolazione al via, quella dei livelli, è una partita ancora tutta da giocare

08/06/2016 16:58:00
Troppa acqua per il lago d'Idro Dovrebbe essere regolato fra i 367,20 e i 368,50 metri sul livello del mare. Invece le acque del lago continuano a salire. Come mai?


11/09/2014 07:00:00
«Vogliamo un Consiglio per parlarne» Le interrogazioni della minoranza risalgono a giugno, ma nel Consiglio convocato per l’8 di settembre non ce n’era traccia

01/07/2015 07:11:00
Acque trentine per l'agricoltura lombarda E' stato sottoscritto ieri a Trento un accordo sull'utilizzo delle acque del Chiese, che prevede maggiore disponibilità dei bacini a monte del lago d'Idro. Scongiurati così danni economici per l'agricoltura e livelli troppo ballerini per il lago




Altre da Valsabbia
21/01/2017

Residenti stranieri in calo

Diminuisce il numero di cittadini stranieri residenti nei Comuni della Valle Sabbia, un trend che prosegue dagli anni della crisi

21/01/2017

Penne nere sempre in allerta

Anche gli alpini della “Monte Suello” sono stati mobilitati per l'emergenza neve nelle zone terremotate del centro Italia: una presenza, quella delle Penne nere, costante dopo il sisma (1)

20/01/2017

C'è anche il Soccorso Alpino

Ci sono anche i tecnici della Valle Sabbia fra gli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico impegnati nei soccorsi agli abitanti delle zone terremotate, ora anche bloccati nella neve (1)

20/01/2017

Cresce la rete valsabbina della videosorveglianza

Ad Agnosine 16 nuove telecamere. E c'è anche il servizio "targa scanner"



19/01/2017

Principio di territorialità

Girelli: «Urge una riorganizzazione che offra pari diritti anche ai pazienti dell'Alto Garda e della Valle Sabbia» (1)

19/01/2017

Urgente l'emodinamica a Gavardo

A Milano in udienza alla commissione Sanità gli amministratori valsabbini e gardesani: sul tavolo la rete delle strutture sanitarie ed in particolare il reparto di emodinamica atteso a Gavardo

17/01/2017

Dei costi e dei benefici

Sotto la lente dei 5Stelle, con un'interrogazione a risposta scritta del consigliere provinciale per Trento Filippo Degasperi, il tunnel che dovrebbe unire Valvestino e Bondone, ma anche le decisioni prese in merito all'utilizzo sull'Eridio dei Fondi ex-Odi (7)



17/01/2017

Previdenti sì, investitori forse

Ci proteggiamo non investendo… ma forse un'altra soluzione c’è

16/01/2017

Speciale Inverno: i bambini e la febbre

La febbre del bambino è il principale motivo di allarme per i genitori e ricorso a consulenza medica. Vediamo un po' come si manifesta e come bisogna comportarsi, tenendo conto che la febbre può essere un prezioso alleato (1)

14/01/2017

Valle Sabbia patria del ciclismo

In tutta la valle si contano una ventina di società dedicate allo sport dei pedali, con un paese che vanta il primato di ospitarne più della metà


Eventi

<<Gennaio 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia