Skin ADV
Mercoledì 21 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




19.02.2018 Valsabbia Giudicarie

20.02.2018 Vobarno Valsabbia

20.02.2018 Preseglie

20.02.2018 Barghe

20.02.2018 Vestone Gavardo Valsabbia

19.02.2018

19.02.2018 Storo

21.02.2018 Idro Vobarno Sabbio Chiese Villanuova s/C Garda

21.02.2018 Gavardo

19.02.2018 Valsabbia Garda Provincia






02 Febbraio 2018, 08.03
Valsabbia Garda Provincia
Bidoni

Maga Circe: truffa da 750 mila euro

di Salvo Mabini
Soprattutto aziende con stabilimenti nell'asse Brescia - Desenzano, ma anche alcuni imprenditori valsabbini, fra le 143 vittime della 54enne di Lesmo (MB) che prometteva prestiti agevolati per centinaia di migliaia di euro, incassandone la provvigione

Ieri mattina, gli uomini del Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria Brescia e della Tenenza di Desenzano del Garda, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari disposta dal GIP presso il Tribunale di Brescia, nei confronti di una brianzola di 54 anni residente a Lesmo (MB).

Si tratta dell’Operazione Maga Circe, svolta dalle Fiamme Gialle bresciane sotto la direzione della Procura della Repubblica di Brescia, che ha visto indagati complessivamente tre soggetti.

Gli indagati hanno creato una “finta struttura” composta da due Fondazioni create ad hoc, vere e proprie “scatole vuote” gestite direttamente dagli indagati.

In particolare:

- da un lato, la prima Fondazione - con sede a Cernusco Lombardone (LC) ed uffici operativi nel bresciano - aveva il ruolo di fingersi “indipendent assessor”, ossia di valutatore indipendente.
Più precisamente, attraverso delle figure di tutor, veniva simulata una valutazione dei progetti presentati, favorendo in particolare, quelli ispirati alla green economy.

Da rilevare le strategie ingannevoli: infatti, le istruttorie spesso si concludevano inizialmente con un giudizio negativo, invitando gli imprenditori a integrare i progetti medesimi alla luce delle indicazioni fornite dai truffatori.
Solo in seconda istanza, i progetti venivano accolti.
In questo modo, il sistema fraudolento veniva reso maggiormente “credibile”;

- dall’altro lato, la seconda Fondazione - con sede formale in Svizzera ed ufficio operativo a Vimercate (MB) - aveva il ruolo di “lender”, ossia erogatore dei finanziamenti.
Il compito di questa Fondazione era quello di fingere la messa a disposizione di denaro ai malcapitati imprenditori attraverso la stipula di contratto di mutuo.

Le Fiamme Gialle hanno sequestrato 143 finti contratti di finanziamento, tutti stipulati, per il tramite di un notaio svizzero, tra la Fondazione medesima e le società nazionali, per un ammontare complessivi di 3 miliardi e 534 milioni di euro, mai effettivamente erogati a causa di millantati “intoppi” burocratici, grazie ai quali gli indagati facevano slittare giorno dopo giorno (per tre/quattro anni) gli accrediti dei fantomatici mutui promessi.

Particolarmente ingannevoli
, altresì, le dichiarate finalità della Fondazione che si prefiggeva uno scopo solidaristico, come si legge nel suo Statuto, ovvero quello di aiutare i bambini indigenti e gli adolescenti delle aree svantaggiate del mondo.

Dunque, il meccanismo fraudolento:

- dapprima, prevedeva la valutazione dell’indipendent assessor; - in secondo luogo, la stipula del contratto da parte del lender;

- da ultimo, si concludeva con l’incasso della “commissione” pagata (inutilmente) dagli imprenditori come spese di istruttoria, compresa tra i 2.200 e i 4.400 euro.

Ad attrarre i richiedenti erano soprattutto gli importi concessi (da un minimo di 400.000 euro ad un massimo di 141 milioni di euro per ogni finanziamento), la mancata richiesta di specifiche garanzie, il favorevolissimo tasso di interesse (al massimo pari all’1%, a volte anche pari a zero).

Inoltre, le Fondazioni create ad arte dagli indagati hanno stipulato i contratti di finanziamento in totale assenza delle autorizzazioni previste dalla Banca d’Italia che impone agli intermediari finanziari l’iscrizione in apposito albo, risultando così violato l’art. 132 del Testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia, ovvero l’esercizio abusivo di attività finanziaria.

Le “commissioni” pagate dagli imprenditori, per un ammontare complessivo di circa 750.000 euro, oltre a non essere mai state dichiarate al Fisco, sono finite nelle mani degli indagati che le hanno spese per fini personali e voluttuari.

Da segnalare che circa 100.000 euro sono stati giocati dall’arrestata ai Casinò di Campione d’Italia e Sanremo.


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/08/2017 11:34:00
Ricarica truffaldina in tabaccheria Doppia truffa ai danni di altrettante tabaccherie, da parte di un 48enne. Fino a qundo lo bloccano i carabinieri e scattano le manette. Nei guai anche un complice
 


25/11/2009 07:34:00
Truffa agrituristica C'è anche un imprenditore valsabbino fra quelli pizzicati dalla Guardia di Finanza in un caso di truffa alla Comunità europea.

25/05/2013 15:32:00
«Triplicazione chimica» Ingenuità, violenza e disperazione, all'origine del curioso tentativo di truffa con tanto di fuga e rocambolesco inseguimento che a Moniga ha portato all'arresto di un 29enne nativo del Camerun

15/09/2010 08:52:00
Rezzato, la truffa dei muletti Gli agenti della Locale di Rezzato hanno recuperato due carrelli elevatori sottratti con truffa il giorno prima a Calvisano.

13/01/2018 12:20:00
Truffava il truffato: preso Con la promessa di far ottenere il rimborso per la precedente truffa, intendeva gabbare un 73enne di Soiano



Altre da Provincia
21/02/2018

Fonderie bresciane da record

L’indagine congiunturale Assofond a chiusura del 2017 ha analizzato la situazione dei comparti ghisa, non ferrosi e acciaio in termini di produzione e fatturato 

21/02/2018

«Il recupero della fucina del maglio»

Verrà presentato domani, giovedì 22 febbraio, a Brescia il volume «Il recupero della fucina del maglio. Archeologia industriale a Nuvolento» scritto da Gianfranco Cretti, che ha permesso allo storico edificio di rivivere

19/02/2018

Il credito e la cooperazione in Valle Sabbia

Dopo l’Unità, l’Italia dovette adeguarsi ai Paesi occidentali più avanzati nell’industrializzazione, come la Germania, l’Inghilterra, la Francia...


19/02/2018

«Intrigo e amore»

Tre ore di spettacolo col fiato sospeso quello andato in scena al Teatro Sociale di Brescia a cura del Teatro Stabile di Genova 

17/02/2018

La Giornata del Gatto

Anche quest’anno nella giornata di oggi, 17 febbraio, si rende omaggio ai nostri amici felini. Nel pomeriggio, in città, sarà presente un gazebo di ENPA Brescia presso cui sarà possibile informarsi sulle attività dei volontari e sostenerle

16/02/2018

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia

14/02/2018

Il problema del radon

Un gas radioattivo tanto cancerogeno da essere considerato la seconda causa di tumore al polmone dopo il fumo. Vediamo qualche dato sulle situazioni di rischio e le misure preventive nei Comuni bresciani e in particolare in quelli valsabbini

13/02/2018

Buona la prima

Iniziata bene la prima giornata di ritorno del campionato per le giovanissime del Brescia calcio femminile dove milita la vestonese Alessandra Zanaglio (1)

13/02/2018

In galleria arrivano le lampade a led

Attraverso un project financing la Provincia sostituirà le vecchie lampade con oltre 10mila led in tutte le gallerie da lei gestite, comprese quelle valsabbine. Un risparmio importante sia in bolletta che nei costi di manutenzione (7)

12/02/2018

Ubriacarsi a Carnevale

Fatti eclatanti descritti da Pino Maiolo, con gli adolescenti protagonisti, sono avvenuti a Terlano, in Alto Adige. Ma non sono molto diversi da quelli di cui ci si lamenta da tempo anche a Bagolino o a Storo. Che sta succedendo? Aggiornamento ore 20:50
(5)

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia