Skin ADV
Lunedì 18 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








16.02.2019

16.02.2019 Casto Mura Valsabbia

17.02.2019 Pertica Bassa Pertica Alta

17.02.2019 Agnosine

16.02.2019 Garda

16.02.2019 Bione

16.02.2019 Vobarno Valsabbia

16.02.2019 Vallio Terme

16.02.2019 Bagolino Valsabbia

16.02.2019 Serle






06 Marzo 2018, 06.39
Valsabbia
Briciole

Strada o tratturo?

di Alfredo Bonomi
Via di comunicazione importantissima perchè univa Brescia all'Impero, la "Strada delle Coste" meriterebbe maggior attenzione. Ce ne parla il professor Alfredo Bonomi

Per molti secoli i valligiani che si recavano a Brescia, o che dalla città ritornavano nelle Valli Trompia e Sabbia, transitavano dall’antica “Porta Pile”, una delle storiche porte delle mura della città, ora Porta Trento.
Qui aveva pure inizio la strada “storica” per la Valle Sabbia, per il Trentino, e quindi anche per le terre dell’Impero.

Era chiamata pure “via regia”, proprio per la sua importanza “internazionale”; più comunemente era nota con il nome, e lo è ancora, di “Strada delle Coste” perché, dopo l’abitato di Nave, con diversi tornanti si alzava sino al Passo di S.Eusebio, dove un antico ospizio riservava spazi per il riposo e per la preghiera ai commercianti, ai pellegrini, ed in generale a quanti percorrevano la strada.

Lasciando il colle, la strada si abbassava progressivamente, sino a giungere nel “cuore” della Valle Sabbia, con tappa obbligata alla “Casa d’Odolo” prima di raggiungere diversi paesi e di inoltrarsi nella trentina Val Giudicaria.

Lungo la strada, fondamentale per i commerci e gli “scambi umani” della Valle Sabbia, seguendo lo schema tipico e collaudato da secoli delle altre importanti strade italiane, erano ubicati servizi di ristoro, vale a dire osterie, che fungevano da albergo, con ampi spazi per la sosta dei cavalli e per i depositi delle merci.
Erano luoghi pubblici protetti da normative comuni e con una tipologia edilizia consolidata e consigliata dalle autorità preposte alla materia.

Si presentavano con uno schema semplice, ma assai funzionale.
La facciata rivolta verso la strada aveva un ampio porticato, generalmente a tre arcate, utilissimo come riparo dalle intemperie e luogo di sosta.
Al piano terra si aprivano ampi ambienti per depositarvi le merci trasportate, per far riposare i cavalli e l’osteria per gli uomini.
Al primo piano erano posizionate le stanze per chi voleva pernottare.
Uno schema quindi “alberghiero” ben studiato.

Sulla “Strada delle Coste”,
dopo l’antichissimo ospizio del Colle, di S.Eusebio, luogo di sosta e anche di preghiera, le “Case” cioè le osterie-albergo, erano posizionate a Odolo (Casa d’Odolo), a Barghe, dove la “Strada delle Coste” incrociava quella del fondovalle proveniente dal Pedemonte e dal Lago di Garda, a Mocenigo di Vestone ed a Idro (Casa d’Idro).

Di queste antiche “Case” ne sopravvivono ora solamente due: quella di Odolo, seppur incastonata in costruzioni più recenti che ne mortificano in parte l’aspetto, presenta integra la facciata; quella di Idro perfettamente conservata.

Questo piccolo “volo storico” si rende utile per ricordare l’importanza di questa strada per la Valle Sabbia.
Con l’industrializzazione è stata, ed in parte lo è ancora, l’arteria che ha visto transitare migliaia di mezzi pesanti per il trasporto del “tondino” di Odolo.
Anche oggi è fondamentale per il trasporto delle merci, per gli studenti che si recano agli Istituti scolastici di Brescia, per il commercio, per coloro che si spostano dalla Valle verso la città e viceversa.

Purtroppo lo stato attuale del manto d’asfalto, specialmente in alcuni tratti, è così malmesso da far sembrare la “Strada delle Coste” ad un tratturo. E questo non solo per l’inclemenza del tempo.

I tratturi avevano, ed hanno ancora, un ruolo prezioso per la pastorizia perché su di essi si spostavano migliaia di pecore, seguendo percorsi millenari protetti da apposite normative.
Le pecore però non camminano sulle ruote. Sulla “Strada delle Coste” transitano invece uomini su mezzi con ruote (oggi si dice “su gomma”).
Viene allora da chiedersi se non sia un po’ troppo pensare che risulti normale avere una strada importante di collegamento, in uno stato così miserevole.

L’impressione che si ricava, quando si transita su questa strada, non è quella di un’arteria che collega centri importanti, ma quella di una sconnessione continua, pari quasi a quella di una strada di campagna.
A voler essere sinceri, ad uno sguardo obiettivo, non sembra di andare verso una valle produttiva venendo da Brescia, ma verso una valle secondaria.

Credo proprio che non servano idee rivoluzionarie per mantenere decorose e transitabili le strade importanti, ma solo normali attenzioni.
O nell’ora della “fiera delle parole” è sperare troppo?
Penso proprio di no.

Alfredo Bonomi

.in foto: la Casa d'Idro.


Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75442 - 06/03/2018 07:42:52 (Brace) Grazie Prof. Bonomi
Sempre interessanti e mai banali gli scritti del Prof. Bonomi. Un piacere leggerli per conoscere cose e fatti della nostra amata terra di Valle Sabbia e delle nostre genti


ID75454 - 06/03/2018 14:50:29 (bernardofreddi)
Spero che il prof. Bonomi un giorno o l'altro raccolga tutte le "pagine sparse" che ha dedicato alla storia (anzi, alla Storia) della nostra terra.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/10/2016 07:57:00
Strade intercomunali Fra Casto e Bione, da Treviso Bresciano alla Fobbia, da Carpeneda a Teglie... Ogni anno si interviene sulla viabilità "minore" valsabbina, da considerare tale solo per la misura della carreggiata

10/12/2017 16:36:00
Incidente e neve Lunghe code lungo la 237 del Caffaro in territorio trentino, esattamente a Condino, per un incidente fra la rotonda e il distributore. Intanto continua a nevicare e le strade, anche se "salate" e "sabbiate" sono estremamente pericolose


26/01/2012 07:18:00
Viabilità «minore» Da quasi vent'anni Provincia, Comunità montana e Comuni, fanno fronte unito per mantenere in efficienza le strade intercomunali

27/12/2010 08:00:00
Strade come gruviera Dopo la neve e il gelo le strade statali, provinciali e comunali sono piene di buche, che possono causare (come già accaduto) degli incidenti.

25/12/2009 07:00:00
Tre cantieri per le strade di montagna Sono tre i progetti di sistemazione delle strade di montagna finanziati dalla Provincia alla Comunità montana di Valle Sabbia.



Altre da Valsabbia
16/02/2019

Un film western nel Savallese

Si intitola “Il sangue del cielo” e sarà girato a marzo tra Casto e Mura. Script e regista un giovane cineasta di Briale, studente dell’accademia Laba di Brescia 

16/02/2019

InEurope, con la Cassa Rurale

Daniele Tramontana, originario di Ponte Caffaro, è oggi in partenza per Marsiglia. Parteciperà ad un progetto di volontariato europeo

16/02/2019

Legalità e Impresa

E' iniziata in Valle Sabbia nella sede vobarnese di Fondital la serie di incontri programmati da Aib in collaborazione col Comandante provinciale della Guardia di Finanza colonnello Salvatore Russo

15/02/2019

Appuntamenti del weekend

Ecco una selezione di eventi, concerti, spettacoli in cartellone questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e provincia



13/02/2019

Brucia bene la legna, non bruciarti la salute

Il caminetto, il suo calore, il suo proiettare luci e bagliori confortevoli sono un vero piacere, ma…
VIDEO



13/02/2019

Assolto perché il fatto non sussiste

Dopo circa 8 mesi di udienze e poco meno di sette ore di camera di consiglio, lunedì il Tribunale di Ferrara ha assolto Spartaco Gafforini, ex direttore generale di Banca Valsabbina

13/02/2019

Meno business e più amore per l'ambiente

Vorrei con la presente rispondere almeno in parte al sig. Sindaco di Salò e a quanto da lui dichiarato nella lettera pubblicata dal Giornale di Brescia, che mi ha lasciato alquanto perplesso ed amareggiato... (5)

13/02/2019

Ecco il progetto del tunnel fra Maderno e Vobarno

Il documento siglato dal leghista Cristian Cristoforetti e dal Centrodestra in minoranza a Toscolano Maderno, per ora è una “proposta di fattibilità” che fra i tanti benefici ridurrebbe anche il rischio di sviluppare il cancro (27)

12/02/2019

Due presentazioni per «Storie da suonatori»

Il libro che racconta la tradizione musicale del carnevale di Bagolino e Ponte Caffaro sarà presentato questo mercoledì a Brescia, nell’ambito di una rassegna di Aab, e venerdì in Comunità montana

11/02/2019

Due piccioni con una fava

Un tunnel di sette chilometri fra Maderno e Vobarno. Porterebbe via dal lago sia i reflui fognari sia il traffico della 45Bis. E’ l’uovo di Colombo “targato” Centrodestra in minoranza a Toscolano Maderno
(16)

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia