Skin ADV
Martedì 23 Maggio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Papaveri sopra Crone

Papaveri sopra Crone

di Simonetta Lombardi



22.05.2017 Salò

22.05.2017 Provincia

21.05.2017 Provincia

22.05.2017 Idro Vestone Casto Roè Volciano

22.05.2017 Mura

22.05.2017 Muscoline Valtenesi

21.05.2017 Vestone Serle

21.05.2017 Barghe Villanuova s/C

21.05.2017 Valsabbia Giudicarie Storo

22.05.2017 Storo






21 Febbraio 2017, 08.03
Valsabbia
Blog - Glocal

Profughi: modello camuno anche in Valle Sabbia?

di Valerio Corradi
La recente proposta della Prefettura di Brescia ai comuni valsabbini insiste sull’opportunità di riproporre il modello d’accoglienza della Valle Camonica. Ma quali sono i capisaldi del sistema camuno? E può davvero essere replicato in Valle Sabbia?
 
Era l’estate del 2011 quando, direttamente da Lampedusa, arrivarono a Monte Campione (1800 m slm), in Valle Camonica, un centinaio di richiedenti asilo.
Vennero collocati in un residence solitamente utilizzato nei mesi invernali per accogliere turisti.
La loro presenza suscitò reazioni di ogni segno alimentando polemiche, sia per la collocazione logistica, sia per l’oggettiva impossibilità di coinvolgerli in attività sociali o lavorative.

Nei mesi successivi, nel territorio camuno, le tensioni aumentarono a causa di criticità analoghe generate da altri casi problematici di accoglienza.
A fronte di queste esperienze, si avvertì l’esigenza di un ripensamento dell’accoglienza a livello dell’intera valle Camonica che venne concretamente avviato dalla Cooperativa sociale K-Pax di Breno e dalla Caritas di Valle Camonica.

Alla base di questo ripensamento è stato messo un assunto molto chiaro: concentrare un numero elevato di migranti in un’unica struttura moltiplica i problemi, carica “costi” e oneri solo su una comunità locale, complica l’integrazione e rischia di generare forme di ghettizzazione.

Molto meglio optare per un’accoglienza diffusa
nella quale ogni centro (compresi i comuni più piccoli) possa fare la propria parte mettendo a disposizione, anche tramite soggetti privati che ne facciano richiesta, alloggi in grado di ospitare un numero contenuto di persone (da 2 a 5 posti).
Questo ha comportato l’esclusione dall’elenco delle potenziali strutture ospitanti degli alberghi e dei tradizionali centri di accoglienza e l’inserimento di alloggi di privati utilizzati però in collegamento con progetti d’inserimento sociale.

Contestualmente si è passati dai centri di accoglienza straordinaria (Cas) al più strutturato sistema Sprar.
Ha così preso forma il progetto “La valle accogliente” che consente oggi di gestire l’accoglienza dei richiedenti asilo (140 i posti previsti) tramite una estesa rete di micro-accoglienza basata sulla collaborazione tra 30 comuni (sui 41 di tutta la Valle Camonica), la Comunità Montana, gli Uffici della Prefettura di Brescia e le organizzazioni non profit sparse sul territorio.

Punto qualificante del progetto
è la comprensione delle esigenze sia dei migranti sia della popolazione locale.
A questo proposito, dei 35 euro che vengono destinati per coprire i costi di ciascun migrante, più dell’80% rimane sul territorio ed è destinato al pagamento dell’affitto degli appartamenti, all’acquisto di cibo e beni di prima necessità nei negozi locali e a ricompensare l’operatore sociale che segue i migranti, ad esempio negli obbligatori corsi di alfabetizzazione o in quelli di formazione al lavoro a fianco di artigiani locali.

Il progetto, così configurato, sembra aver minimizzato le tensioni sociali
e aver generato un ritorno economico per la comunità ospitante favorendo, inoltre, la diffusione di una prassi di accoglienza non assistenzialistica ma incentrata sul coinvolgimento attivo dei migranti nel loro progetto di integrazione lavorativa e sociale.

Ma il modello camuno può davvero essere replicato in tutta la Valle Sabbia?
E al limite, quali correttivi possono essere introdotti per generare opportunità e reali vantaggi a livello locale anche per i piccoli comuni?
Esistono concrete alternative? Il dibattito in corso nei/tra i comuni della valle dovrà fornire delle risposte responsabili e pragmatiche a questi interrogativi.
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID71155 - 21/02/2017 16:19:27 (sonia.c) se si vuole..
si può. se si vuole fare bene ,si può "fare" e fare "bene". qualcuno ha il "coraggio" di lamentarsi delle cose fatte bene? che cosa hanno portato le cose fatte sotto la spinta del "cattivismo"? dove sono le soluzioni "intelligentemente pratiche" del "cattivismo"? semplicemente:non esistono.


ID71163 - 21/02/2017 20:29:40 (ba53) ok
Brava Sonia,sono pienamente d'accordo con lei!


ID71170 - 21/02/2017 21:22:37 (PETER72)
Se per cattivismo si intende essere contrari al fatto che in paesi di cinquecento abitanti siano presenti tra i cinquanta e i cento profughi che per tutto il giorno scorrazzano nullafacenti per le vie curiosando qua e là alla ricerca magari di porte o finestre incautamente lasciate aperte delle quali poi magari approfittare con il calare dell'oscurità... una soluzione intelligentemente pratica può essere che certi buonisti solo di chiacchera spalanchino il proprio salotto all'accoglienza... Considerando invece che il 99 percento di queste persone non sono profughi politici ma solo dei giovani migranti economici e l'attuale situazione economica italiana non consente certo di assorbire le loro richieste, valutarne il respingimento e contrastare chi favorisce l'immigrazione clandestina può essere forse più sensato


ID71172 - 22/02/2017 00:16:13 (sonia.c) grazie peter..
un post cattivista,pieno di pregiudizi e luoghi comuni (apri il TUO salotto agli italiani tè? e che cavolo c'entra con il fatto che li si disprezzi? disprezzi un povero italiano tu? no? SOLO perchè è italiano,o perchè sei convinto che nessuno debba essere disprezzato in base a pregiudizi classisti e religiosi?) dove il razzismo è tutto condensato in quel "lasciarli scorrazzare ", l'insinuazione che siano delinquenti e nel "disumanizzarli". sono PERSONE. con il loro bagaglio di vissuto che NON conosciamo. che può essere buono o cattivo,come chiunque di NOI. trattare le persone con la dignità che meritano,NON vuol dire favorire nessuna immigrazione clandestina! è solo gestire con civiltà-umanità situazioni estreme che in questo momento storico stiamo vivendo. se credi di avere risposto con argomentazioni "logiche" ,mi spiace:neanche UNA.


ID71173 - 22/02/2017 08:41:02 (sonia.c) il "cattivismo" ,non è un modello che funzia o vincente..
soprattutto sulla lunga distanza. non funzia a nessun livello e non solo per i profughi. è la resa,la sconfitta,l'incapacità che trova una scorciatoia che si traveste da "buonsenso" ,dimostrando ,palesemente,di non averlo. è la chiusura che imprigiona ,in primis,chi vuole scappare dai !mostri" (presunti o reali) e dai problemi. da cosa viene "sconfessato" il cattivismo? ma dal "buonismo funzionante"! da cosa si vede la malafede del cattivismo? dal rifiuto a priori della REALTà funzionante! se ci riesce UNO (persona,istituzione,associazione ecc. )"casca l'asino" sulle incompetenze (pratiche e emotive) di chi non ci riesce.nesuno è obbligato ad aprire la sua casa a nessuno! di nessun colore! per questo viene in soccorso lo stato sociale.come ,sempre lo stesso,sopperisce a tutto ciò che il singolo non fà! non ti porti certamente a casa ,neanche il "drogato storico" del tuo paese ,no? uno stato che funziona,deve funzionare a tutto tondo!


ID71175 - 22/02/2017 20:50:39 (PETER72)
Io so solo che sul traffico clandestino di questi poveri migranti in cerca di una vita migliore esistono organizzazioni criminali che lucrano e con quello che ricavano dalla tratta di queste persone magari finanziano il terrorismo... é forse cattivo chiedere che questo traffico di esseri umani sia contrastato? So solo che ci sono cooperative e associazioni che lucrano a spalle di questi migranti buttandoli a decine in container in condizioni miserevoli... é forse cattivo chiedere che chi specula su queste cose venga perseguito? So solo che tanti falsi buonisti che invocano l'accoglienza in realtà sfruttano queste persone facendoli lavorare in nero a condizioni economiche da quarto mondo... é cattivo chiedere che chi sfrutta questa povera gente venga punito?...


ID71176 - 22/02/2017 20:52:26 (PETER72)
...So solo che il sottoscritto e tanti come lui magari rischiano la pelle ogni giorno sulla strada perché non si asfalta, non si cambia la segnaletica, non si investe in infrastrutture, questo perché tante risorse vengono destinate all'accoglienza di questi migranti economici che cercano fortuna in un paese che non riesce ormai a garantire la fortuna a buona parte dei suoi cittadini disoccupati... é cattivo chiedere che i flussi migratori vengano regolamentati e si respinga chi cerca solamente un lavoro che in Italia non c'è neanche per gli italiani? So solo che tanti democratici buonisti solo di chiacchera e purtroppo anche molto di interesse acclamano l'accoglienza, ma nelle piazze dei vari paesi non mettono mai piede e se ne guardano bene dal farlo perché sono troppo impegnati a godersi i propri privilegi ai tavoli di ristoranti alla moda o in esclusivi campi da golf



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
04/03/2017 17:37:00
Perché è opportuno un progetto comune In merito alla proposta del prefetto di Brescia di istituire in Valle Sabbia un "Sprar" per l'accoglienza dei richiedenti asilo, sulla quale i sindaci hanno cominciato a confrontarsi, interviene Ernesto Cadenelli

06/04/2017 09:53:00
La «clausola di salvaguardia» funziona Almeno per Roè Volciano, uno dei pochi paesi valsabbini che ha accettato di costituire un Sprar per l'accoglienza dei profughi secondo i dettami della Prefettura

19/03/2017 08:25:00
Divisi i sindaci valsabbini Pochi giorni ancora, poi la Valsabbia dovrà rispondere alla proposta del prefetto sulla formulazione di un progetto Sprar: già si sa che tutte le municipalità non saranno coinvolte

18/03/2017 08:17:00
Treviso dice «no» Pochi i votanti, ma l'esito della consultazione popolare è chiaro: Treviso Bresciano ha scelto di non aderire allo "Sprar di valle" 

02/03/2017 07:07:00
Lo Sprar divide i sindaci valsabbini Questo mercoledì, per la prima volta, i sindaci valsabbini si sono riuniti nella Casa della Valle per parlare di accoglienza dei richiedenti asilo. Con loro il prefetto. VIDEO



Altre da Valsabbia
21/05/2017

Cassa Rurale, un anno di svolta

Approvato il bilancio 2016 che registra un utile di 1 milione 114 mila euro, migliori indici di solidità patrimoniale e l’adesione alla nuova capogruppo Cassa Centrale Banca

20/05/2017

2016, anno della svolta in Valle Sabbia

I dati diffusi nei giorni scorsi dall’Ufficio Turismo della Provincia di Brescia, confermano l’inversione di tendenza delle presenze turistiche nella zona della Valle Sabbia e del lago d’Idro

20/05/2017

85 mila euro di generosità

Tale la cifra raccolta dai gruppi della “Monte Suello” e destinata all’Ana nazionale per quattro progetti di ricostruzione a favore dei terremotati del centro Italia

19/05/2017

Barbiani alla prova del nove

Mancano ormai pochi giorni: il prossimo 28 maggio, infatti, il Trofeo Motoestate è pronto a scendere in pista sul circuito della Franciacorta. Fra i migliori anche il "nostro" Nicolò Barbiani, pilota bresciano di origini vobarnesi

19/05/2017

Assemblea generale

L'appuntamento con l'Assemblea generale della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella è per questo sabato, 20 maggio alle ore 20 al Palacongressi di Andalo e al Polivalente di Darzo, collegati fra loro in teleconferenza

18/05/2017

Ancora senza paga, nonostante le promesse

Giovedì scorso, 11 maggio, gli operai della Leali Steel si erano astenuti per otto ore dal lavoro: saltato il salario dello scorso novembre, sapevano già che non avrebbero preso nemmeno le spettanze per aprile


16/05/2017

Rinnovo pdr: difficoltà in Fondital

Tensioni alla Fondital dove il 18 maggio i lavoratori si riuniranno in assemblea per discutere le ultime novità in merito al rinnovo del premio di risultato

15/05/2017

Esperienza di lavoro all'estero, con Interlabor

La Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella da il via alla 4^ Edizione del progetto Interlabor. che offre 18 opportunità di stage all'estero per giovani fra i 20 e i 32 anni. Adesioni entro luglio. (1)

15/05/2017

Cibo sano e movimento, ma come

"Se fossimo in grado di fornire a ciascuno la giusta dose di nutrimento ed esercizio fisico, né in difetto né in eccesso, avremmo trovato la strada per la salute"

Eventi

<<Maggio 2017>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia