Skin ADV
Venerdì 23 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




22.02.2018 Vallio Terme Giudicarie

21.02.2018 Giudicarie

21.02.2018 Idro Vobarno Sabbio Chiese Villanuova s/C Garda

22.02.2018 Valsabbia Muscoline

21.02.2018 Vobarno Valsabbia

21.02.2018 Gavardo

22.02.2018 Gavardo

21.02.2018 Preseglie

21.02.2018 Preseglie

21.02.2018 Gavardo






18 Marzo 2017, 09.49
Valsabbia

Obiettivo pensione

di Roberto Trevisani
“Istruzioni finanziarie di autodifesa” contro le lacune del sistema previdenziale
 
Anno 1990: il sig. Rossi, 57 anni, dopo aver lavorato per 35 anni nella stessa azienda è andato in pensione. Percepisce un assegno dell’80% rispetto ai suoi ultimi stipendi.
 
Anno 2050: il sig. Bianchi, 70 anni, dopo aver cambiato numerosi lavori e subito periodi di inoccupazione potrà, a breve, andare in pensione percependo un assegno del 60% rispetto ai suoi ultimi stipendi.
 
Le riforme previdenziali degli ultimi venticinque anni stanno cambiando radicalmente il futuro dei pensionati che per poter mantenere il tenore di vita conquistato, potersi permettere le cure necessarie a preservare un buono stato di salute ed eventualmente anche togliersi degli sfizi non potranno più basarsi solamente sulle risorse fornite dallo Stato. 

Senza entrare in tecnicismi, si lavorerà piu’ a lungo e con il passaggio al sistema contributivo si riceverà una pensione minore poichè non piu’ legata agli ultimi stipendi, generalmente piu’ elevati rispetto ai primi anni di attività, ma a quanto effettivamente versato alle casse previdenziali.
Per il sig. Bianchi ad esempio, con un tasso di sostituzione del 60%, cioè il rapporto tra l’importo della pensione e l’ultimo stipendio percepito, un reddito di euro millecinquecento si ridurrebbe ad un assegno di soli euro novecento. 
 
E cosa dire di un sistema sanitario pubblico sempre più bersaglio di tagli? Sarà in grado di garantirci i servizi a cui siamo oggi abituati?
La situazione non è sicuramente delle piu’ rosee, specialmente per le nuove generazioni, e probabilmente qualcuno starà iniziando ad imprecare contro i presunti colpevoli identificandoli nellla classe politica, nell’inps, in chi ha rubato, in chi percepisce pensioni d’oro, in chi è andato in pensione con diciannove anni un mese e un giorno di lavoro.
Ma tutto ciò sarebbe una magra consolazione in quanto nessuna polemica potrebbe risolvere il problema. 

Nonostante sia ormai noto che un forte cambiamento è in atto, diverse persone hanno adottato la scelta del non fare, lasciando alla collettività la risoluzione di eventuali loro future difficoltà.
Si abbia però la consapevolezza che la società potrebbe non essere in grado di intervenire in aiuto se tanti dovessero fare tale scelta.
L’opzione è a mio avviso da scartare.
 
Anche stavolta userò l’espressione ‘ma non tutto è perduto’.
Il passato non si può cambiare ma possiamo attrezzarci per la costruzione del nostro futuro. 
Se vogliamo goderci una pensione serena la miglior soluzione è iniziare a risparmiare il prima possibile. Per stabilire quanto accantonare dobbiamo analizzare il nostro stile di vita, identificare i nostri obiettivi da pensionati e quindi stimare l’importo della nostra pensione utilizzando la busta arancione o facendoci assistere dall’inps, da un caf o da un consulente finanziario.
 
Pensare al futuro non è un argomento utile solo per chi ha elevate possibilità finanziarie poichè anche piccoli importi accantonati con costanza possono fare la differenza.
A titolo di esempio investire cento euro al mese per trent’anni ipotizzando un tasso indicativo del 3% permetterebbe di ottenere un deposito finale di euro 58.800 di cui ben 22.800 di interessi.
Se potessimo addirittura iniziare ad investire per i nostri figli sin dalla loro nascita cento euro lasciando che, una volta indipendenti, continuino fino a sessant’anni potrebbe permetterebbe loro di accantonare oltre 200.000 euro di cui quasi 130.000 euro di interessi. 
Ricordiamo che Il fattore tempo sarà il nostro migliore alleato.

Le mie previsioni sul sistema previdenziale potrebbero essere troppo pessimistiche, anche se fatico a crederlo considerando la flessibilità che ci imporrà il nuovo mondo del lavoro con diversi cambi di professione e periodi di inoccupazione.
Scegliere la strada prudente ha solo il difetto di farci trovare con troppi risparmi nel caso la pensione dovesse risultare piu’ ricca delle stime fatte. Per questo enorme problema non ho rimedi se non consigliarvi di spendere o donare ai vostri cari...

E’ possibile accantonare denaro per la pensione in diversi modi alcuni dei quali prevedono dei benefici fiscali.
Se puo’ interessare che venga approfondito l’argomento in un prossimo articolo scrivetelo nei commenti oppure mandate una mail al mio studio o alla redazione di Vsn.

Roberto Trevisani

Via Quarena 145 - Gavardo (BS)
telefono 328 6457362
mail: studio@robertotrevisani.com
pagina facebook: Studio Roberto Trevisani
-----------------------------------------------

Abbiamo chiesto a Roberto Trevisani di aiutarci ad affrontare i piccoli e grandi problemi che le famiglie o le aziende possono incontrare ogni giorno in campo finanziario ed economico.
Lo potete leggere, ma anche chiamare o gli potete scrivere, ha promesso che vi risponderà.
 
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID71460 - 18/03/2017 19:15:07 (Tc) Sig Roberto...
SI,puo' interessare,vorrei approfondisse l'argomento,credo sia di interesse a tutti,per farle un esempio,per ora ho rifiutato il fondo pensionistico integrativo Cometa,avro' fatto bene o fatto male?...Ho versato per 31 anni e stando all'attuale,dovrei lavorare ancora per 11 anni e 1 mese e arrivare sotto la 60ina d'anni,ma sara' veramente cosi o dovro' aspettare fino ai 66 e 7 mesi di eta'? Un conto e' andare in pensione sotto i 60 un conto e' sotto i 70,anche perche' svolgo una mansione abbastanza pesante e se dovessi farlo per altri 20 anni,schiatterei prima senza godermi un centesimo della mia pensione.Perche' si innalza l'eta' in base anche al miglioramento della vita,ma non si guarda realmente la mansione che uno svolge,un edile 70enne non me lo vedo proprio,mentre uno dietro lo sportello si,quindi perche' non e' stato valutato anche i carichi di lavoro delle persone,per valutare l'eta' in cui e' piu' opportuno si vada in pensione?


ID71461 - 18/03/2017 19:19:11 (Tc) ...
e partendo da ora,quale sarebbe il moiglior sistema anche in ottica futura,per integrare la pensione...fondi Cometa,assicurazioni private,materasso? Cioe' non so se mi spiego...a volte e' dura anche metter via quei 100 eur al mese...si arriva in fondo e non ce n'e' piu'...senza accorgesene,in un attimo volano via...rimpiango un pò la Lira...qualche 100 o 200.000 lire riuscivo sempre a salvarli,ora con l'euro e' molto piu' arduo...Grazie.


ID71464 - 19/03/2017 16:58:51 (PETER72) Con la legge Fornero...
ormai Pensione fa rima sempre più con Illusione


ID71469 - 19/03/2017 19:38:54 (Tc) Peter72
la si puo' sempre cambiare...basterebbe un referendum,un popolo unito e che si vada a votare...purtroppo queste cose in Italia,non succederanno mai...


ID71474 - 19/03/2017 23:10:40 (PETER72) x Tc
I sogni son desideri, in questo caso viceversa


ID71478 - 19/03/2017 23:39:14 (Tc) Peter72
ti devo dar ragione ...azzo!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/11/2016 17:45:00
Lo stradino va in pensione Dopo una vita trascorsa presso la cantieristica del Comune di Storo, è giunto il tempo della pensione per Oliviero Ferretti

06/05/2015 10:40:00
Il tempo libero di zio Lucio Tantissimi auguri allo zio Lucio di Ponte Caffaro che finalmente può godersi la pensione



19/10/2015 07:03:00
Per Sandro è arrivata la pensione Tanti auguri a Sandro, di Ponte Caffaro, per la sua vita da pensionato. Gli amici gli fanno gli auguri ma...


28/06/2010 07:00:00
I 40anni della maestra Silvi Dopo quarant'anni di insegnamento va in pensione Silvana Gabrieli, mitica maestra di Ono Degno. A ringraziarla per il suo lavoro l'intero paese.

21/04/2013 10:53:00
Una stella andata in pensione Per una stella, andare in pensione, non è come avviene normalmente per noi umani. Una stella genera un fenomeno piuttosto appariscente. Ce lo segnalano Enzo e Roberto dall'Osservatorio di Torino



Altre da Valsabbia
22/02/2018

E se il ciclista ha torto?

Gli strascichi di un grave incidente avvenuto l’estate scorsa ripropongono un annoso problema: nel caso di danni provocati da un ciclista, chi paga? (3)

22/02/2018

La rocca d'Anfo cambia look

La Comunità Montana di Valle Sabbia lancia un contest per il nuovo logo del monumento; ai vincitori, oltre alla soddisfazione, anche premi in denaro. Iscrizioni entro il 13 marzo

22/02/2018

A «Golositalia» anche i prodotti delle Valli Resilienti

Al grande evento enogastronomico di Montichiari, dal 24 al 27 febbraio, saranno presenti anche latte di cavalla e nocciole, prodotti solidali “made in Valle Sabbia”

21/02/2018

Quando il «voi» diventa «noi»

Si è conclusa la stagione sciistica con la Polisportiva Vobarno, unica Polisportiva Valsabbina che include sciatori disabili, in un’esperienza ricca di soddisfazioni e portatrice di novità
(1)

20/02/2018

Perde una ruota e non se ne accorge

L’inconveniente è capitato ad un camionista di Campobasso mentre per conto di una ditta del Milanese risaliva la valle con un carico di granulati di plastica

20/02/2018

Scritte oltraggiose

Ce ne sono almeno due nella galleria Carpeneda, lungo la Variante alla 237 del Caffaro, fra le uscite di Vobarno e di Carpeneda
(7)

19/02/2018

Il credito e la cooperazione in Valle Sabbia

Dopo l’Unità, l’Italia dovette adeguarsi ai Paesi occidentali più avanzati nell’industrializzazione, come la Germania, l’Inghilterra, la Francia...


19/02/2018

Tutti in cerca di Marco

Marco Boni, 16enne di Tione, è scomparso venerdì scorso mentre si recava in palestra. Al momento lo cercano nel vicino Trentino, ma ogni ipotesi è aperta

18/02/2018

Corsi gratuiti per gli operatori dell'accoglienza

Si tratta di alcuni corsi formativi che verranno attivati in Valle Sabbia grazie al progetto Valli Resilienti promosso dalla Comunità Montana di Valle Sabbia. Iscrizioni gratuite fino ad esaurimento posti (1)

17/02/2018

Quattro Comuni ai blocchi di partenza

Tra lunedì 19 e sabato 24 febbraio, in Valle Sabbia, i Comuni di Vallio Terme, Vobarno, Paitone e Serle abbracceranno la sfida del “porta a porta”

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia