Skin ADV
Giovedì 21 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






La piccola vedetta

La piccola vedetta

by Miriam



20.02.2019 Vobarno Provaglio VS Barghe

19.02.2019 Gavardo

19.02.2019 Idro

19.02.2019 Bagolino

19.02.2019 Sabbio Chiese

19.02.2019 Bagolino

19.02.2019 Gavardo Valsabbia Garda

21.02.2019 Serle

20.02.2019 Bagolino

21.02.2019 Vestone






09 Ottobre 2018, 06.34
Valsabbia
Lettere

Morire avvelenati: non si può

di Corrado Morettini
Nel territorio bresciano si lotta tra la vita e la morte, ma pochi sembrano rendersi conto della gravità dell'epidemia di polmonite che ha colpito centinaia di residenti nell'ultimo mese

La vita e la morte si intrecciano anche nei campi dove l'uomo si avvelena spargendo fanghi tossici in modo illegale per colture energivore come ad esempio il “trinciato”, che è il “combustibile” per la produzione del biogas.

Non siamo più capaci di coltivare.

Lo spettro della morte lo incontri negli angoli bui delle campagne di Montichiari, Calcinato, Vighizzolo, dove ancora ci si chiede, a distanza di un anno, come mai tanti bambini un giorno anziché correre sui prati dell'asilo, sono finiti sui letti di un ospedale.

La provincia di Brescia detiene il triste primato delle discariche, una terra avvelenata da oltre quarant'anni, anche dalla mafia.
La stessa Provincia, intesa come ente, che ancora autorizza la discarica Castella 2 a Rezzato grida vergogna e vendetta.
Di questo abbiamo paura tutti. Di questa politica abbiamo paura tutti.

Ma non dobbiamo avere paura di gridare la nostra indignazione
, la nostra preoccupazione.

Non a caso, per fortuna, in questi ultimi anni sono nati molti comitati ambientalisti, e ne nasceranno ancora sempre di più, che raggruppano comunità che sono stufe ed esasperate di vivere violentate nell'aria che respirano e nell'acqua che bevono da attività produttive controproducenti per la salute pubblica e per l'ambiente.

A differenza di qualche anno fa, dove la tendenza era quella del “fatelo dove volete ma non a casa mia”, adesso si comincia a capire che ad esempio un centro commerciale costruito a 5 km da casa tua può stravolgere la vita della tua comunità.

Facevo l'esempio della monocoltura perchè essa è un meccanismo che provoca l'estinzione della biodiversità, delle specie arboree, e anche delle specie ittiche.
Una sorta di "globalizzazione" delle specie.

Faccio notare che è dal 2011 che nel Garda non ci sono più immissioni di anguille perchè diventerebbero troppo tossiche, e le poche rimaste si estingueranno.
Nel 1980 si pescavano 1400 q.li di Alborelle (aole) all'anno nel Lago di Garda. Oggi si arriva forse a 4 q.li. Un'ecatombe.

Queste acque che servono per noi cittadini, per l'agricoltura, per le centrali idroelettriche, per il turismo, di queste acque ormai non c'è ne più a sufficienza.

Questo suolo, il suo consumo per costruire strade, aprire nuove cave, nuove costruzioni, ha un effetto devastante per la pianura padana, per la sua rete idrica sotterranea, per le sue falde acquifere.

Questa aria sempre più inquinata, dal traffico, dalle fabbriche ,dagli inceneritori, dagli sversamenti di fanghi e letame sui campi agricoli.

Ecco che la voce dei cittadini diventa importante, non più spettatori passivi delle scelte politiche di fronte all'uso di denaro pubblico e di fronte al disinteresse generale delle autorità verso i problemi ambientali.

Questi comitati sono lo strumento di interdizione necessario di fronte alla pessima gestione politica delle risorse naturali.

Sono anche un modo per dire che
quando l'amministrazione pubblica parla di infrastrutture, di tav, di autostrade, di gallerie, di sfruttamenti idrici lacuali, deve anche avere un'idea di come pensa di sviluppare l'economia del futuro, che modello di sviluppo delle attività commerciali vuole raggiungere; deve dire se queste sono connesse al modo in cui noi cittadini vogliamo vivere, se sono connesse ad un recupero del benessere dell'ambiente sempre più devastato.

Bisogna cambiare questo sistema di approccio
alle opere pubbliche dove dietro di esse c'è la pressione del costruttore, della società di consulenza, di progettazione, di un mondo economico che vive sull'attività di sfruttamento delle risorse naturali.

Questo contrasto che noi cittadini facciamo attraverso i comitati è importantissimo, ma lo dobbiamo fare con attenzione perché stiamo ragionando in controtendenza, contro la semplificazione, contro la soluzione immediata.

Non c'è una soluzione immediata a questi problemi ambientali, c'è la necessità di valutarli, affrontarli con un supporto popolare, anche legale.

Abbiamo bisogno di avanzare proposte, di indicare soluzioni, di premere l'amministrazione pubblica affinché diventi più responsabile.

Non abbiamo bisogno di trovare un capro espiatorio di fronte ad un danno ambientale così grande come quello che sta accadendo lungo il fiume Chiese. Abbiamo bisogno di comportamenti responsabili in cui la politica on deve più giocarci.

Non accettiamo più di vedere ed ascoltare un presidente di Provincia che la prima cosa che fa vi da ragione, salvo poi, continuare ad autorizzare escavazioni, discariche, continuare a far finta di non vedere quei trattori che buttano i fanghi che sono sempre gli stessi e continuano la loro attività indisturbati.

Siamo dentro un circolo vizioso estremamente negativo e abbiamo bisogno di risposte trasparenti e soluzioni accettabili, dalle forze politiche.

Ad esempio in Francia, in Germania, ci sono autorità di bacino che gestiscono l'acqua dall'inizio alla fine.In Italia questo non succede.
In Olanda ci sono grandi opere pubbliche da fare ma non partono perchè ancora non si è valutato il loro impatto ambientale.

Qui in Italia invece la facile risorsa politica è fare un centro commerciale, come sta succedendo tra Bergamo e Brescia, il quarto, mentre negli Stati Uniti il 25% dei centri commerciali sta chiudendo, loro sono già alle commerce.
Noi invece no, continuiamo a far girare camion su camion e polveri sottili alle stelle.

In Italia la grande opera è fare una nuova autostrada, perché qualcuno ci vuole convincere che lo sviluppo passa di lì, ci dicono che la BreBeMi è importante perché noi diventeremo il corridoio dei TIR, il corridoio di emissioni in atmosfera di pm10 e CO2 e questo è il nostro sviluppo progettato.

E' ormai un mese che è scoppiata l'epidemia di polmonite nel bresciano, continuano ad aumentare i ricoveri, ma passati i primi giorni di interesse mediatico, ora ascolti le tv locali, oppure leggi i quotidiani locali e hai la sensazione che la cosa è diventata una normalità.

Ma come facciamo a pensare che sia normale tutto questo!?
Dobbiamo pensare che anche i media stanno dalla parte di chi gioca sporco?

Non è possibile accettare di ammalarsi, avvelenarsi e non sapere di che cosa, un epidemia di cui non si è ancora trovata una causa certa. E sulle tv locali si da spazio invece a cosa ne pensa la gente dell'inizio dei saldi e come vive la giornata nei centri commerciali.

Anche di questo dobbiamo avere paura. Della disinformazione programmata.

Abbiamo un'emergenza grave nel territorio bresciano, la gente si ammala e muore, e dall'altra parte c'è un mondo economico che deve andare avanti, produrre, senza fermarsi, calpestando alcuni principi basilari della vita sociale come la salute e la sicurezza .

Si vogliono espropriare prepotentemente terreni per la TAV, terreni dove se ciò avverrà le falde acquifere corrono il rischio di subire mutamenti non ancora studiati e che possono cambiare per sempre abitudini dei residenti e morfologia del territorio così come lo abbiamo sempre conosciuto.

Come possiamo accettare un progetto come la TAV, vecchio di 15 anni, programmato per un flusso di treni merci che non passeranno mai.
Un po' come il progetto del mega collettore del Garda dove Garda Uno ci dice che se oggi siamo in 110000 abitanti serviti, se il potenziale depuratore di Peschiera oggi sostiene un servizio di 225000 abitanti, nel 2030, cioè fra solo 12 anni, ci dice che saremo intorno al Garda in ben 670000 abitanti!, non vi sembra un po' gonfiato? un pochino solo eh....

Tornando alla TAV, il volume di merci che viaggiano su ferrovia sono calate di molto, tanto che la Francia si è detta già disposta a congelare il progetto perchè non ci sono più aspettative di profitto.
A cosa serve la TAV?, per arrivare 15 minuti prima a Venezia? E chi potrà permettersela? Il 10% dei viaggiatori, non sarà di certo accessibile, anche come fermate, a studenti e pendolari.

Ma di quali progetti si sta parlando? Di progetti inutili, dannosi, finanziati con i nostri soldi.
Meglio sistemare e potenziare la rete ferroviaria esistente, che è più che sufficiente!

Abbiamo davanti uno scoglio enorme,
un grande iceberg, perché ancora tante sono le cose nascoste ai nostri occhi, quello di costringere la politica ad affrontare le questioni ambientali non più come una cosa di scarsa rilevanza.
Tutti quelli che si mettono a sorridere quando gli si dice che c'è un problema di cambiamento climatico, devono scomparire! Questo mutamento climatico c'è, e lo si percepisce tutti i giorni.

Questo fiume Chiese, ma anche il fiume Mella, come il lago di Garda, di Iseo, d'Idro, stanno diventando delle fogne e noi non dobbiamo e non vogliamo morire avvelenati ed asfissiati.

Non dobbiamo avere paura di gridare la nostra indignazione, perché se stiamo zitti moriamo ogni giorno, poco per volta, ogni volta che abbassiamo la testa.

Corrado Morettini

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID77824 - 09/10/2018 09:14:33 (MORETTI.1975) Eccoli, ci siamo...
Tutto cose belle, caste, pure, limpide. La natura amica e via di seguito. Ecco la versione grillina dei verdi, che sono spariti in tutta europa. Ecco la versione grillina di valle sabbia. Poi li vediamo al governo e, dopo aver raccolto voti, per anni, con temi come quelli di questo articolo, ILVA, dove veramente si muore d'inquinamento, prosegue le sue attività con il 98% di approvazione dei lavoratori. Ma certo la colpa è di Calenda, di Renzi, di Berlusconi ecc. La stupidità, invece, è quella di chi crede a tante balle! Moriamo ogni giorno, scrive drammaticamente il Sig. Adriano: è proprio uno schifo che negli ultimi 50 anni abbiamo guadagnato 14 anni in più di vita. E' proprio uno schifo: meglio morire prima e sani.


ID77825 - 09/10/2018 09:33:49 (PippoGavardo) Tutto fa brodo
Un bell'Excursus su vari temi, dall'inquinamento ambientale alla "polmonite da inquinamento", passando dal Garda al Chiese...Peccato che, come va di monda, non sia citata nessuna fonte.So, solo che dei pochi temi che CONOSCO ma che invito a verificare, che sono state scritte delle panzanate.Ad inizio anno è stata approvata una legge il Lombardia per la regolamentazione della pesca (benchè quella all'aola è da tempo vietata), quindi c'è l'interesse politico sul tema, che comunque è meno drammatico di quanto si voglia far credere.Lamopante inoltre che i numerosi casi di polmonite, probabilmente dati da Legionella o comunque da un BATTERIO, niente hanno a che fare con l'inquinamento ma dalla probabile mal gestione di impianti di condizionamento o torri di raffreddamento industriali. Tante volte a causa della visione "social" del meno disinfetto meglio è...E il discorso para-economico?La provincia di Brescia è la PRIMA provincia industriale


ID77828 - 09/10/2018 13:38:16 (olati) olati
E arrivata l'apocalisse col suo Messia..Sia lode a Lui olati


ID77830 - 09/10/2018 14:22:06 (Filippo Grumi) meno drammatico?
la pesca alle anguille sul lago di garda è vietata perchè le anguille sono piene di diossina e pcb, però la situazione non è grave, basta crederci. http://www.bresciaoggi.it/territori/garda/il-garda-sta-perdendo-le-sue-ultime-anguille-1.6727335


ID77831 - 09/10/2018 14:52:02 (ariatredici) Avanti così senza regole!!
Quello che conta sono i bisogni dell' uomo con tutte le sue convenienze ed i suoi capricci! Il mondo è stato creato per essere al suo infinito servizio! Mondo da sfruttare, calpestare, deturpare in nome del denaro, del potere e del delirio di onnipotenza! Noooo! L' uomo non è proprietario nemmeno del più piccolo granello di questa terra!!!!L' Uomo ha il dovere di custodirla per poterla consegnare alle future generazioni così come lui l' ha ricevuta!!! La politica deve tassativamente essere al servizio comune!! Quando si mettono al primo posto denaro e potere le conseguenze sono inevitabili per tutti!


ID77835 - 09/10/2018 18:13:20 (Filippo Grumi) meno drammatico?
solo il 10% dei casi di polmonite legato alla legionella "forse" delle torri di raffreddamento, però la situazione non è grave....e quello che parla è un medico...http://www.bresciatoday.it/attualita/epidemia-di-polmonite-a-brescia.html


ID77843 - 09/10/2018 22:10:36 (skyrunner968) 12 anni
caro Moretti, se lo dice il Segretario Generale dell'ONU, come ha fatto oggi, le va bene? Nel testo del sig.Corrado non vedo nessuna appartenenza politica, come invece vuole dare lei,e poi che discorsi sono sull'aspettativa di vita: chi le dice che sarebbero stati anche 25 se non ci fosse questo inquinamento?!. Mi sa che lei commenta e giudica solo per provocare.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
23/02/2016 07:45:00
Storo: dati preoccupanti per l'ambiente In una lettera il punto di vista del Comitato "Bene comune" di Storo sulle questioni ambientali che affliggono l'area, fra terra, aria e suolo. Il Comitato chiede un confronto con l'Amministrazione comunale


04/09/2018 11:07:00
Un ambiente di qualità
Il territorio delle Valli Resilienti, a differenza di quello provinciale, è caratterizzato da una buona qualità sia dell’aria che dell’acqua, elementi imprescindibili per la salvaguardia ambientale dell’area


02/12/2017 09:20:00
Arpa, se ci sei batti un colpo Sono 134 le firme di cittadini in calce ad una richiesta ad Arpa, perché si intervenga analizzando l’aria attorno alle Fonderia Mora di Gavardo. Analoga richiesta era stata avanzata un paio di fa anche da Legambiente e Gaia


14/04/2010 10:52:00
Qualità dell'aria: «Meglio agire che monitorare» Il sindaco di Prevalle Amilcare Ziglioli ci chiede spazio per dire la sua sulle affermazioni della minoranza consiliare da noi riportate lunedì. Pubblichiamo volentieri.

27/07/2016 10:30:00
Indagine Ispra, limitare la cementificazione Il rapporto dell’Istituto superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale evidenzia i “costi occulti” derivanti dal consumo di suolo che causa l’impermeabilizzazione del terreno. I dati per i Comuni della Valle Sabbia



Altre da Valsabbia
21/02/2019

Sviluppo locale, pubblicati i primi bandi

Sono attivi da ieri, 20 febbraio, i primi bandi di finanziamento in attuazione del Piano di Sviluppo Locale 2014-2020 del GAL GardaValsabbia2020 

21/02/2019

Doppio depuratore, lo sconcerto dei comitati ambientalisti

Il comitato gavardese Gaia e Muscoline&Ambiente esprimono sgomento per quanto emerso nella riunione svoltasi sabato scorso presso la sede della Comunità del Garda, ribadendo la proposta di una separazione tra depurazione e scarico dei reflui depurati
(3)

20/02/2019

Emodinamica a Gavardo, fra annunci e promesse

All’annuncio del direttore generale dell’Asst del Garda sull’impossibilità di avere il servizio al nosocomio gavardese, risponde il consigliere regionale della Lega Massardi: “La partita non è chiusa” (2)

19/02/2019

«Il Chiese va risanato, no al doppio depuratore nel fiume»

Anche il consigliere regionale Ferdinando Alberti prende posizione sulla questione depuratore del Garda ribandendo il no al doppio impianto nel Chiese: “Ogni energia e risorsa devono essere utilizzate per il risanamento ed occorre evitare altri impatti sul fiume” (9)

18/02/2019

Massardi: «Alghisi convochi subito il tavolo tecnico»

Il consigliere regionale valsabbino della Lega chiede al presidente della Provincia di convocare con urgenza il tavolo tecnico, come previsto dall'incontro in Regione, per trovare una soluzione condivisa
(1)



18/02/2019

Per la Comunità del Garda il depuratore a Gavardo e Montichiari

Nell’assemblea di sabato dei Comuni gardesani ribadita la scelta “tecnica” di due depuratori nei comuni sull’asse del Chiese per i reflui dei paesi del lago (10)


18/02/2019

Come si amministra un Comune

C’è tempo fino a giovedì 21 febbraio per iscriversi al corso “ABC, Amministrare il Bene Comune” organizzato dalle Acli provinciali in collaborazione con le Acli della Valle Sabbia

16/02/2019

Un film western nel Savallese

Si intitola “Il sangue del cielo” e sarà girato a marzo tra Casto e Mura. Script e regista un giovane cineasta di Briale, studente dell’accademia Laba di Brescia 

16/02/2019

InEurope, con la Cassa Rurale

Daniele Tramontana, originario di Ponte Caffaro, è oggi in partenza per Marsiglia. Parteciperà ad un progetto di volontariato europeo

16/02/2019

Legalità e Impresa

E' iniziata in Valle Sabbia nella sede vobarnese di Fondital la serie di incontri programmati da Aib in collaborazione col Comandante provinciale della Guardia di Finanza colonnello Salvatore Russo

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia