Skin ADV
Martedì 17 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    



 



16.10.2017 Agnosine

15.10.2017 Vestone

16.10.2017 Prevalle Valtenesi

16.10.2017 Vobarno Valsabbia

16.10.2017 Bagolino

15.10.2017 Barghe Preseglie

15.10.2017 Prevalle

15.10.2017 Gavardo

15.10.2017 Muscoline

15.10.2017 Preseglie






06 Luglio 2015, 11.13
Valsabbia
Storia di Vallesabbia

La Contro rivoluzione e qualche curiosità sul Riccobelli

di Guido Assoni
Sono tre le pubblicazioni, le cui ultime edizioni o ristampe sono facilmente reperibili nelle biblioteche del comprensorio, che ci forniscono un’accurata narrazione sugli avvenimenti del 1797 in Valle Sabbia

Eccole:
- “Memorie storiche della Provincia di Brescia e particolarmente della Valle Sabbia e Trompia dal 1796 al 1815 del Dottor fisico Pietro Riccobelll” – Pietro Riccobelli – 1847;
- “Storia della Valle Sabbia” – Ugo Vaglia – 1964;
- “Col fuoco e col saccheggio sottomessa – 1797: fatti e personaggi  dell’insorgenza di Valle Sabbia e Riviera” – Fabrizio Galvagni 1997.

A questi capisaldi della letteratura storica valsabbina, bisogna aggiugere diverse testimonianze, diari, memorie storiche, autobiografie, studi tra i quali citerei le cronache di Francesco Girelli da Provaglio, della famiglia Grisetti di Salò, di Don Angelo Stefani da Magasa di Valvestino, Pietro Zani da Prato e altre opere di valenza storica di Federico Odorici da Trebiolo di Volciano (Storie Bresciane vol. X), Fausto Lechi (Il miraggio della libertà, in Storia di Brescia, vol IV. Dalla Repubblica Bresciana ai giorni nostri 1797-1963) e Alessandro Augusto Monti della Corte (Viva San Marco!).

La diretta partecipazione dell’autore alle vicende sofferte durante il periodo Napoleonico, l’aver assemblato i propri appunti con le testimonianze di altri valsabbini, lo stile pacato dell’esposizione, rendono le “Memorie” del Riccobelli un’autorevole fonte documentaria circa gli eventi politici e militari dal 1796 al 1814 avvenuti in Valle Sabbia.

Leggendo attentamente la narrazione emergono alcune curiosità se non addirittura contraddizioni.

Teniamo presente che il Dott. Pietro Riccobelli, nato nel 1773 a Bione e morto a Vestone nel 1856, fu testimonio oculare di ben tre dominazioni, quella della Repubblica di San Marco, l’occupazione Napoleonica ed il governo dell’imperatore d’Austria, Francesco I.
Ebbe anche modo di assistere alle prime reazioni al nuovo governo austriaco in cui si distinsero, in Valle, nobili figure patriottiche come Silvio Moretti da Comero e G. Battista Passerini da Casto.

Mise insieme i suoi appunti diversi anni dopo il verificarsi degli eventi, (probabilmente nei mesi immediatamente precedenti alla pubblicazione avvenuta nel 1847) ed inconsciamente questi suoi appunti subirono quella rilettura storica postuma che ne snaturò, in alcuni casi, la serena obiettività.

Di questa circostanza ne fa menzione il Prof. Fabrizio Galvagni nel suo citato libro “Col fuoco e col saccheggio sottomessa”, rimarcando con pastello rosso un passo del Riccobelli ricco di retorica e di emozione dovute al senno di poi “Io vidi quell’uomo straordinario passare la mattina del 17 agosto col suo seguito per Vestone”.

Non si trattava ancora dell’Imperatore, ma bensì di un giovane ambizioso generale comandante in capo dell’Armata d’Italia.
Tanto per dirla con l’Alfieri che, ai tempi, definiva l’esercito francese “La canaglia miserevole della Linguadoca e di Provenza sotto il comando di un generale scalzo”.

Anche il Prof. Ugo Vaglia ne “La Storia della Valle Sabbia”, ove dedica due capitoli agli eventi del biennio 1796-1797 attingendo in gran parte dalle “Memorie” del Riccobelli, rimarca la rilettura dei movimenti del generale Bonaparte alla luce degli avvenimenti successivi.
Non è del tutto convinto, lo storico di Idro, circa la precisione cronologica della successione dei movimenti di Napoleone da Odolo a Lavenone ad Anfo e quindi ancora a Lavenone per il pernottamento ospite di Gerardini Gio. Maria, famiglia più potente del luogo insieme ai Roberti.

Il Vaglia infatti candidamente affermaAlcuni sollevano dubbi sulla notizia del Riccobelli asserendo che Napoleone in quei giorni trovavasi altrove”.
Naturalmente, da grande e umile ricercatore storico, il Vaglia, i dubbi li aveva lui.

E cosa dire ancora della ricerca del Prof. Alfredo Bonomi, memoria storica della Valle, che, nella prefazione della ristampa anastatica delle “Memorie” del Riccobelli fa notare come nella prima stesura manoscritta, la narrazione si chiudesse con un elegia all’imperatore Francesco I: “…il cielo benignamente accolse i prieghi dei buoni e noi finalmente passammo sotto il sospirato dominio della Serenissima Casa d’Austria, regnando uno dei più gloriosi monarchi, Francesco I, e sotto un governamento di giustizia, di clemenza, di pace”.

Ad ogni buon conto riporto la stesura definitiva del testo: “…il cielo benignamente accolse i prieghi dei buoni e noi finalmente passammo a quella pace politica che predispone le nazioni a meritevole prosperità”.
Ricordo che nel “Libro d’Oro” del Consiglio Patrizio Bresciano, compilato all’epoca di S.M.I.R.A. Francesco I, si trova più volte la frase “mancava d’età al tempo della rivoluzione avvenuta nel 1797”.

Infine, a parte una reiterata citazione di una guerra che vide coinvolto il territorio lombardo nel 1735 e della quale non trovo traccia negli annali di storia, il punto in cui il Riccobelli mi lascia perplesso è il suo atteggiamento in merito al governo provvisorio della Repubblica bresciana, attesa la sua predisposizione alle rivendicazione del popolo valligiano.

Nell’immediatezza della vittoria degli insorti valsabbini in soccorso dei salodiani contro le truppe della neo proclamata Repubblica bresciana, il Riccobelli fu incaricato, dal Consiglio generale di Nozza, di stilare un proclama da diffondere a Brescia allo scopo di raccogliere nuove e numerose adesioni al partito di San Marco in modo tale che i cittadini facessero causa comune con i valligiani.
In qualità di Segretario del Sindaco generale Antonio Turrini da Livemmo, dovette, il 03 aprile 1797, marciare per Salò alla testa di 1200 valsabbini accorsi a difendere ancora una volta i rivieraschi che temevano, questa volta senza fondamento, una controffensiva del governo rivoluzionario di Brescia, duramente provato dai cruenti scontri del 31 marzo 1797.

In quei giorni il Riccobelli doveva disfarsi di alcuni proclami, che si trovò in tasca, emanati dal governo sovrano di Brescia e che clandestinamente pervenivano a Odolo ove esercitava la professione di medico supplente.
La giustificazione del Riccobelli, ovvero che tali proclami fossero destinati ad un suo non identificato paziente di Odolo che se li faceva mandare per mera curiosità, non è affatto soddisfacente.

Infatti Ugo Da Como nel suo libro “La Repubblica Bresciana” riporta testualmente: “Un valligiano di criterio, venuto a Brescia, senza entusiasmi, il Riccobelli, dovette scrivere che gli parvero ragioni di gloria gli ordinamenti dei cittadini, che s’erano creati una esistenza costituzionale, indipendente, che avrebbe potuto sopravvivere. Brescia gli sembra un “nuovo mondo”, anzi un sogno “per la giovialità”, per la bella tenuta e l’aria marziale della guardia nazionale, per il fervore di moto o di propaganda”.

Infine vorrei citare il volumetto del Prof. Fabrizio Galvagni, un’opera organica e completa di trattazione delle vicende politico-militari che si sono verificate sul territorio valsabbino e sulla riviera di Salò nel periodo storico che stiamo trattando.
A lui va il merito di essere riuscito con precisione metodologica e cronologica ad assemblare una serie disomogenea di testimonianze, di relazioni anche di segno diametralmente opposto, reperite non senza difficoltà nelle varie fondazioni e archivi o biblioteche storiche.
Ha così creato un piacevole ed omogeneo testo lasciando al lettore di trarre le proprie conclusioni dopo aver consultato diverse trattazioni dello stesso argomento che, per una ragione o per l’altra non sono sempre improntate ad obiettività di giudizio.

Guido Assoni
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/03/2015 09:10:00
Unità d'Italia: cosa accadeva in Valle Sabbia Mentre i moti rivoluzionari si diffondevano in Italia a macchia d'olio, in Vallesabbia ci si preparava alla rivolta contro gli austriaci

02/12/2014 12:17:00
Il commercio in Valle Sabbia In epoca veneta, la Valle Sabbia seppe inserirsi da protagonista nel circuito produttivo e commerciale che collegava il territorio bresciano al vicino Trentino. Andò peggio con Napoleone


31/05/2016 16:18:00
«Quando una famiglia ci tiene» Accoglienza familiare, affido, affido diurno o part-time… per ogni storia una storia diversa. Da oggi anche sotto l’egida della Comunità montana di Valle Sabbia

09/07/2015 07:04:00
Un Centro studi sulla Brigata Perlasca L’Istituto superiore della Valle Sabbia a fare da supporto logistico, i cultori di storia a fornire direttive, passione conoscitiva e studio

28/09/2014 07:39:00
Tra Vestone e Casto pulsò il “cuore politico” della Valle Sabbia per più di 100 anni. E ora? A partire dal periodo risorgimentale la Valle Sabbia...



Altre da Valsabbia
16/10/2017

Avis'Got Talent

È un progetto rivolto ai giovani e alle scuole quello pensato dall’Avis valsabbino, inserito in SocialValsability, il concorso ideato ed organizzato da Banca Valsabbina per sostenere le associazioni

16/10/2017

Buon compleanno

50 anni di Marvon, 30 di Valsir e 25 di Oli. Il patron Andrea Niboli, con la sua grande famiglia, sabato scorso ha festeggiato alla grande

14/10/2017

Il cielo visto dall'osservatorio di Cima Rest

Sarà inaugurata questo sabato pomeriggio a Gavardo la mostra itinerante dedicata all’astronomia che toccherà poi le biblioteche della Valle Sabbia e del Garda, coinvolgendo i bambini della primaria


14/10/2017

Brescia - Giudicarie, per ora è no alla ferrovia

Non ha trovato consenso nella giunta trentina il progetto, rilanciato dal consigliere provinciale Degasperi, di un collegamento ferroviario fra Trento e Brescia attraverso la Valle Sabbia e le Giudicarie (8)

12/10/2017

Percorsi formativi: 80 mila euro dalla Rurale

La Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella investe nella realizzazione di progetti in ambito formativo, culturale e sociale e per investimenti materiali. Il termine di presentazione per enti ed associazioni è fissato per il 6 novembre


12/10/2017

Appuntamenti del weekend

Ricco programma di eventi, spettacoli e concerti per questo fine settimana in Valle Sabbia, sul Garda, a Brescia e in provincia

12/10/2017

Gestire ambienti di gioco, ecco come

Ellegi Service propone un corso per gestori di sale da gioco e locali con apparecchiature per il gioco d'azzardo. Una formazione obbligatoria per legge, la stessa che prevede onerose sanzioni per chi non vi partecipa


11/10/2017

Alzheimer: più autonomia e meno farmaci? Si può

Fondazione Passerini e Gruppo di ricerca geriatrica di Brescia insieme, da più di un anno, per tentare di dare delle risposte al dramma che vivono ospiti e famiglie quando vengono colpiti dalle malattie della memoria


11/10/2017

In Lapponia con Area Viaggi

Dal 10 al 14 dicembre Babbo Natale ti aspetta. E col programma "Classic" di 4 giorni e 3 notti c'è la possibilità di partire anche il 7 e il 14 dicembre. Una proposta di Area Viaggi


10/10/2017

Rischio alluvioni, qual è la situazione in Valle Sabbia?

Secondo i dati dell'Ispra sono quattro i Comuni valsabbini a maggior rischio di alluvioni, per un totale stimato di 3882 abitanti residenti in zone potenzialmente rischiose

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia