08 Febbraio 2017, 10.34
Valsabbia
Lutti

In ricordo di Velo

di Marisa Viviani

È trascorsa soltanto una settimana dalla scomparsa di Avelino Busi, il Maestro Campanaro di San Gallo, e già lo si è ricordato nel modo più consono, vale a dire con il suono delle sue campane


Domenica scorsa infatti alcuni amici campanari che avevano condiviso con lui la passione per l'antica arte campanaria, si sono ritrovati al termine della messa per suonare in suo ricordo e per riprendere la consuetudine della scuola campanaria avviata dal Maestro per non disperdere la tradizione del suono manuale delle campane.

Era iniziata alcuni anni fa quell'avventura che Avelino Busi aveva definito "Scuola Campanaria", in seguito denominata "Scuola Campanari Unità Pastorale S.Arcangelo Tadini", con l'ambizione di trasmettere ai giovani la tecnica, i saperi, ma soprattutto la passione per l'arte campanaria. E due dei suoi giovani domenica c'erano a suonare le campane secondo gli insegnamenti del loro Maestro, insieme ai vecchi, ai quali ora veniva trasmessa la responsabilità di portare avanti l'eredità di Avelino. La scuola campanaria doveva riprendere la sua attività, dopo il periodo di incertezza dell'ultimo anno per i problemi di salute del Maestro.

Le premesse sono buone, per l'impegno dei campanari a continuare l'attività, anzi a potenziarla. Così, sotto con le corde, anche se con qualche incertezza, perché l'emozione causata dalla perdita del Maestro può disorientare.

- Dai, fom el tink, sito e atenti, dai: quarta, seconda, prima, tersa, quinta... beh, ghè ignìt apéna mès tink, gom de fal mei.-
Suonare le campane non è un giochetto superficiale, bisogna concentrarsi, seguire i comandi di chi dirige la suonata, sentire movimento della campana attraverso la corda; e ascoltare il suono che proviene dalla cella campanaria, nel campanile di San Gallo infatti si suona a terra, le campane sono poste molto in alto e soltanto con l'esperienza e nel silenzio si riesce a coglierne il suono.

Giulio e Luca, i campanari esperti, Giorgio e Alessio gli allievi, Sergio che dirigeva con emozione dissimulata, perché doveva sostituire la figura autorevole del fratello Avelino.

- Adesso ricordiamo il campanaro che è andato via.- L'ultima suonata in ricordo di Avelino chiude sbrigativamente il concerto, c'è un groppo che non riguarda le corde, ma che impedisce di proseguire le suonate di saluto, di commiato, di onore per il Maestro Campanaro.
C'era tutto San Gallo e non solo al suo funerale; Avelino era stimato da tutti ed ha lasciato un vuoto nella sua comunità che già si avverte, ed ancor più sarà in futuro, perché  non era soltanto un campanaro, ma anche poeta dialettale, organista, appassionato di storia locale, uomo legato alla sua terra e alle sue tradizioni.

Così è stato ricordato Avelino Busi, “Velo” per gli amici e per tutto il suo paese.
                           
Nelle foto di Luciano Saia:
. Il M° Campanaro Avelino Busi
. Sergio, Giulio, Luca, Giorgio e Alessio suonano per il Maestro Avelino



Aggiungi commento:
Vedi anche
06/04/2015 07:52:00

Piccoli campanari crescono Hanno suonato le campane anche il giorno di Pasqua, i piccoli campanari di San Gallo. Si chiamano Chiara, Angelo, Marco, Nicola e Andrea

20/04/2020 10:18:00

Incendio tra Castello e San Gallo Ai Vigili del Fuoco e alla Protezione Civile ci sono volute quasi tre ore, ieri pomeriggio, per domare le fiamme divampate nel bosco tra Castello di Serle e San Gallo di Botticino

25/12/2019 07:00:00

Rivivere la Natività nella quotidianità A San Gallo di Botticino il Museo Etnografico diventa presepio vivente. Appuntamento con la sacra rappresentazione del “Castelliere ai Cap” nei pomeriggi del 25 e 26 dicembre e 1, 5 e 6 gennaio

02/01/2015 15:21:00

Il Museo Etnografico diventa presepio vivente A San Gallo di Botticino rivive la Natività nella quotidianità della vita sociale, domestica o lavorativa d’altri tempi

16/11/2006 00:00:00

Da San Gallo sarà più facile andare a Serle Lavori in corso sul tratto di strada che da Botticino Sera porta a Serle passando per la frazione di San Gallo, che sarà oggetto nelle prossime settimane di un intervento di manutenzione straordinaria.



Altre da Valsabbia
12/07/2020

Dopo la tempesta, la conta dei danni

Anche in bassa e media Valle Sabbia la furia del nubifragio di ieri pomeriggio è stata devastante. A Serle il vento ha scoperchiato due abitazioni; allagato anche stavolta il sottopasso della 45bis a Prevalle

12/07/2020

«Gli infiniti mondi», una nuova stagione al Teatro Sociale

E' stata presentata ieri – venerdì -al Teatro Sociale la stagione 2020/2021 del CTB di Brescia, che vedrà protagonisti di una proposta di alto livello culturale i maggiori nomi del teatro nazionale

11/07/2020

Nubifragio, i danni di vento e grandine

La violenta tempesta che si è abbattuta nel bresciano oggi pomeriggio ha provocato numerosi danni, alcuni anche in Valle Sabbia

11/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Ecco gli appuntamenti di questo fine settimana tra Valle Sabbia, Garda e provincia

10/07/2020

Acque&Terre Festival, il cartellone completo

Svelato il programma completo della rassegna estiva di oncerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago: 11 appuntamenti fra luglio e agosto in 8 paesi

09/07/2020

Anziani e disabili soli, l'appello: «Permettete ai parenti le visite»

Il gruppo “Connettere Salute” lancia un appello tramite lettera aperta indirizzata ai vertici della Regione Lombardia per chiedere l'immediata revisione della delibera di giunta che tuttora impedisce ai familiari di fare visita agli ospiti delle strutture

09/07/2020

«Ciak in Lombardia», la Regione sul set

L'assessore regionale al Turismo Lara Magoni introduce un bando per selezionare progetti audiovisivi che valorizzino l'immagine della Lombardia che si rialza dopo l'emergenza coronavirus. Iscrizioni aperte dal 15 luglio

09/07/2020

Svelata la ricerca del 2018

Dopo ben due anni di mistero lo studio sul depuratore del Garda redatto nel 2018 dall'Università di Brescia su commissione di Acque Bresciane è stato reso pubblico. Il commento del sindaco di Montichiari Marco Togni

09/07/2020

Comitato Gaia, una petizione online per fermare il progetto

Lanciata su Change.org all'inizio della settimana, la petizione del Comitato ambientalista di Gavardo ha già raccolto diverse centinaia di firme per bloccare il progetto del maxi depuratore del Garda sul fiume Chiese

08/07/2020

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore

Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”