Skin ADV
Martedì 24 Gennaio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    


Castello di Tenno

Castello di Tenno

di Eliana Lombardi



23.01.2017 Giudicarie Storo

22.01.2017 Gavardo

22.01.2017 Vobarno

22.01.2017 Muscoline

22.01.2017 Bione

23.01.2017 Anfo

22.01.2017 Barghe

23.01.2017 Vobarno

22.01.2017 Giudicarie

22.01.2017 Gavardo



29 Dicembre 2016, 08.42
Valsabbia
Pagine di storia

Il rame nella storia e qualche curiosità

di Guido Assoni
Sfogliando vecchie pagine del quotidiano di politica ed economia “La Provincia di Brescia” mi è capitato di leggere un interessante brano sull’utilizzazione del rame nell’antichità e a Brescia in particolare

 
Siccome è un tema a me caro in quanto mio padre, mio nonno e il mio bisnonno esercitavano l’attività di ramai, prima a Sarezzo e poi a Lavenone, ho pensato di approfondire l’argomento.

Devo anche confessare che il linguaggio aulico, elaborato retoricamente e a livello lessicale, caratteristico dell’ottocento e della prima metà del secolo scorso, riscontrato nel citato articolo di giornale, mi ha sempre appassionato, come del resto i termini ricercati, eleganti, derivanti dall’antichità e difficilmente riscontrabili nella nostra quotidianità.

Comincerei con una citazione dall’Odissea di Omero (libro I, traduzione di Ippolito Pindemonte).
Con nave io giunsi e remiganti, fendendo le salate onde, vêr gente d’altro linguaggio, e a Temesa recando ferro brunito per temprato rame, ch’io ne trarrò”.
A quei tempi, non esistendo la moneta, gli scambi si facevano in natura.

Gli storici, negli ultimi tempi si sono accalorati cercando di dare una location a questa fantomatica Temesa.
Dapprima si parlava di Temesa degli Abruzzi, senonchè è stata appurata l’inesistenza, nella zona e fin dall’antichità, di giacimenti di minerali.
Altri studiosi hanno identificato la Temesa omerica nella Tamasso di Cipro notoriamente ricca di giacimenti di rame.

Anche questa ipotesi è risultata poco attendibile, infatti lo stesso Omero ci viene in aiuto parlando di “gente d’altro linguaggio” (trad. I. Pindemonte), o “gente di strana lingua” (trad. P. Maspero) o ancora più esplicitamente “verso genti straniere” (trad. G.A. Privitera).

E’ risaputo infatti che i Greci consideravano popoli stranieri le genti che non parlavano la lingua greca e, altrettanto notorio, che l’isola di Cipro fosse abitata da etnie di lingua greca.

Ecco dunque farsi largo la terza ipotesi, senz’altro la più suggestiva e verosimile, secondo la quale trattasi di una storica città calabrese misteriosamente scomparsa.
Alcuni la collocano nella Sila Greca sul versante ionico, zona tra l’altro ricca di miniere di rame argento e galena (minerale di piombo) altri ancora la localizzano invece sul versante tirrenico presso la foce del fiume Savuto.

Dopo queste digressioni, torniamo a parlare del rame, ovvero del “cuprum” come lo chiamavano gli antichi latini e da cui deriva il simbolo chimico “CU” dell’elemento.

Secondo Omero ed Esiodo le armi degli eroi erano anticamente di rame, magari indurito per mezzo dello stagno.
Lucrezio nelle sue descrizioni, parte più da lontano affermando come, da principio, le armi dell’uomo fossero le proprie mani, le unghie e i denti per poi armarsi di pietre, di rami d’albero e utilizzare il fuoco, il rame e quindi il ferro.

L’antico geografo greco Pausania il Periegeta asserì di aver visto nel Tempio di Minerva a Faselide, una lancia che, secondo tradizione, sarebbe appartenuta ad Achille e le cui estremità erano di rame.
Pure di rame erano gli scudi dei sacerdoti Salìì di Roma.

Tito Livio attestava come,  sotto il regno di Servio Tullio, i soldati romani fossero totalmente coperti di rame.
Molto probabilmente si riferiva alla lorica a squame il cui notevole peso inficiava l’agilità e la scioltezza del guerriero romano.

Sulla prora dei vascelli impiegati a seguire il nemico dopo la battaglia navale, venivano collocate delle grandi trombe di rame ovvero dei veri e propri sifoni tramite i quali si lanciava il fuoco contro il nemico.

Teniamo anche presente che nelle tombe degli aborigeni americani venne trovato il rame e non già il ferro e che, agli inizi del 1800 vennero rinvenuti nel bresciano e nel bellunese i famosi paalstab, antiche asce di rame ad ali.
Gli antichi latini utilizzavano il cuprum commisto allo zinco, vedasi a proposito “l’aes grave”, la prima moneta romana o associato allo stagno (aes, ahes randus).

Rinomate le miniere campane e bergamasche, quest’ultime celebrate da Plinio nel “Bergamantium agro”.
Famose le armature che venivano realizzate a Clusone e negli antichi sobborghi di Fabriciano e Pompiliano: ”Mille dabant Romœtoraces anthenos”, mentre veniva privilegiato il rame campano per gli utensili da cucina. “Palma campano aere perhibatur, utensilibus vasis probatissimo”

Nei secoli scorsi era rilevante anche l’attività dei ramai di Brescia
dal momento che nel centro della città v’era il corso dei parolocc. 
Le caldere fabbricate dai ramai bresciani e bergamaschi erano rinomate anche in Toscana.

Fino al 1500 erano famosi i fonditori Risetti di San Bartolomeo le cui tradizioni vennero poi mantenute dai Maggi, fonditori di campane.
Altra specialità antica era la fabbrica, a Bienno in Valcamonica,  delle squille e dei tine-tinnabuli per le guidaiuole dei pastori e dei mandriani.
 

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/06/2016 09:27:00
La strage di Rovetta Una delle pagine più nere dell’immediato dopoguerra

29/06/2015 07:43:00
Il maglio del rame e i sapori di una volta La fucina del rame sul torrente Abbioccolo era una delle strutture dedite alla lavorazione del ferro censite a Lavenone dal Catasto Lombardo Veneto del 1852

28/03/2016 11:10:00
Giuseppe Verginella e Giorgio Robustelli. Una tragica amicizia La storia di un personaggio geniale, audace e dirompente. Triestino d'origine, fece il capopartigiano nel bresciano


06/11/2012 23:16:00
Ladri di rame Un po' alla volta sottraeva all'azienda in cui lavorava dei manufatti di rame, con l'obiettivo di rivenderli. L'hanno fermato i Carabinieri

19/11/2013 07:58:00
La ballata dei vigliacchi «Qualche tempo fa è stato pubblicato su queste pagine un mio articolo dal titolo “Flagelli d’Italia”. Ebbene: c'è dell'altro...»



Altre da Valsabbia
23/01/2017

La «religione» dei consumi

Quanti sono i supermercati e gli ipermercati della provincia di Brescia? La diffusione di centri per la grande distribuzione commerciale è un fenomeno che tocca solo il bresciano? Quali sono i risvolti socio-culturali? (4)

22/01/2017

La Valle Sabbia si presenta al «Battisti»

Il marketing del territorio spiegato agli studenti dell'Istituto tecnico commerciale di Salò, con lezioni aperte al pubblico tenute da amministratori locali e membri dei sodalizi valsabbini

21/01/2017

Residenti stranieri in calo

Diminuisce il numero di cittadini stranieri residenti nei Comuni della Valle Sabbia, un trend che prosegue dagli anni della crisi

21/01/2017

Penne nere sempre in allerta

Anche gli alpini della “Monte Suello” sono stati mobilitati per l'emergenza neve nelle zone terremotate del centro Italia: una presenza, quella delle Penne nere, costante dopo il sisma (1)

20/01/2017

C'è anche il Soccorso Alpino

Ci sono anche i tecnici della Valle Sabbia fra gli uomini del Soccorso Alpino e Speleologico impegnati nei soccorsi agli abitanti delle zone terremotate, ora anche bloccati nella neve (1)



20/01/2017

Cresce la rete valsabbina della videosorveglianza

Ad Agnosine 16 nuove telecamere. E c'è anche il servizio "targa scanner"

19/01/2017

Principio di territorialità

Girelli: «Urge una riorganizzazione che offra pari diritti anche ai pazienti dell'Alto Garda e della Valle Sabbia» (1)

19/01/2017

Urgente l'emodinamica a Gavardo

A Milano in udienza alla commissione Sanità gli amministratori valsabbini e gardesani: sul tavolo la rete delle strutture sanitarie ed in particolare il reparto di emodinamica atteso a Gavardo



17/01/2017

Dei costi e dei benefici

Sotto la lente dei 5Stelle, con un'interrogazione a risposta scritta del consigliere provinciale per Trento Filippo Degasperi, il tunnel che dovrebbe unire Valvestino e Bondone, ma anche le decisioni prese in merito all'utilizzo sull'Eridio dei Fondi ex-Odi (7)

17/01/2017

Previdenti sì, investitori forse

Ci proteggiamo non investendo… ma forse un'altra soluzione c’è

Eventi

<<Gennaio 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia