Skin ADV
Venerdì 28 Luglio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    






29 Dicembre 2016, 08.42
Valsabbia
Pagine di storia

Il rame nella storia e qualche curiosità

di Guido Assoni
Sfogliando vecchie pagine del quotidiano di politica ed economia “La Provincia di Brescia” mi è capitato di leggere un interessante brano sull’utilizzazione del rame nell’antichità e a Brescia in particolare

 
Siccome è un tema a me caro in quanto mio padre, mio nonno e il mio bisnonno esercitavano l’attività di ramai, prima a Sarezzo e poi a Lavenone, ho pensato di approfondire l’argomento.

Devo anche confessare che il linguaggio aulico, elaborato retoricamente e a livello lessicale, caratteristico dell’ottocento e della prima metà del secolo scorso, riscontrato nel citato articolo di giornale, mi ha sempre appassionato, come del resto i termini ricercati, eleganti, derivanti dall’antichità e difficilmente riscontrabili nella nostra quotidianità.

Comincerei con una citazione dall’Odissea di Omero (libro I, traduzione di Ippolito Pindemonte).
Con nave io giunsi e remiganti, fendendo le salate onde, vêr gente d’altro linguaggio, e a Temesa recando ferro brunito per temprato rame, ch’io ne trarrò”.
A quei tempi, non esistendo la moneta, gli scambi si facevano in natura.

Gli storici, negli ultimi tempi si sono accalorati cercando di dare una location a questa fantomatica Temesa.
Dapprima si parlava di Temesa degli Abruzzi, senonchè è stata appurata l’inesistenza, nella zona e fin dall’antichità, di giacimenti di minerali.
Altri studiosi hanno identificato la Temesa omerica nella Tamasso di Cipro notoriamente ricca di giacimenti di rame.

Anche questa ipotesi è risultata poco attendibile, infatti lo stesso Omero ci viene in aiuto parlando di “gente d’altro linguaggio” (trad. I. Pindemonte), o “gente di strana lingua” (trad. P. Maspero) o ancora più esplicitamente “verso genti straniere” (trad. G.A. Privitera).

E’ risaputo infatti che i Greci consideravano popoli stranieri le genti che non parlavano la lingua greca e, altrettanto notorio, che l’isola di Cipro fosse abitata da etnie di lingua greca.

Ecco dunque farsi largo la terza ipotesi, senz’altro la più suggestiva e verosimile, secondo la quale trattasi di una storica città calabrese misteriosamente scomparsa.
Alcuni la collocano nella Sila Greca sul versante ionico, zona tra l’altro ricca di miniere di rame argento e galena (minerale di piombo) altri ancora la localizzano invece sul versante tirrenico presso la foce del fiume Savuto.

Dopo queste digressioni, torniamo a parlare del rame, ovvero del “cuprum” come lo chiamavano gli antichi latini e da cui deriva il simbolo chimico “CU” dell’elemento.

Secondo Omero ed Esiodo le armi degli eroi erano anticamente di rame, magari indurito per mezzo dello stagno.
Lucrezio nelle sue descrizioni, parte più da lontano affermando come, da principio, le armi dell’uomo fossero le proprie mani, le unghie e i denti per poi armarsi di pietre, di rami d’albero e utilizzare il fuoco, il rame e quindi il ferro.

L’antico geografo greco Pausania il Periegeta asserì di aver visto nel Tempio di Minerva a Faselide, una lancia che, secondo tradizione, sarebbe appartenuta ad Achille e le cui estremità erano di rame.
Pure di rame erano gli scudi dei sacerdoti Salìì di Roma.

Tito Livio attestava come,  sotto il regno di Servio Tullio, i soldati romani fossero totalmente coperti di rame.
Molto probabilmente si riferiva alla lorica a squame il cui notevole peso inficiava l’agilità e la scioltezza del guerriero romano.

Sulla prora dei vascelli impiegati a seguire il nemico dopo la battaglia navale, venivano collocate delle grandi trombe di rame ovvero dei veri e propri sifoni tramite i quali si lanciava il fuoco contro il nemico.

Teniamo anche presente che nelle tombe degli aborigeni americani venne trovato il rame e non già il ferro e che, agli inizi del 1800 vennero rinvenuti nel bresciano e nel bellunese i famosi paalstab, antiche asce di rame ad ali.
Gli antichi latini utilizzavano il cuprum commisto allo zinco, vedasi a proposito “l’aes grave”, la prima moneta romana o associato allo stagno (aes, ahes randus).

Rinomate le miniere campane e bergamasche, quest’ultime celebrate da Plinio nel “Bergamantium agro”.
Famose le armature che venivano realizzate a Clusone e negli antichi sobborghi di Fabriciano e Pompiliano: ”Mille dabant Romœtoraces anthenos”, mentre veniva privilegiato il rame campano per gli utensili da cucina. “Palma campano aere perhibatur, utensilibus vasis probatissimo”

Nei secoli scorsi era rilevante anche l’attività dei ramai di Brescia
dal momento che nel centro della città v’era il corso dei parolocc. 
Le caldere fabbricate dai ramai bresciani e bergamaschi erano rinomate anche in Toscana.

Fino al 1500 erano famosi i fonditori Risetti di San Bartolomeo le cui tradizioni vennero poi mantenute dai Maggi, fonditori di campane.
Altra specialità antica era la fabbrica, a Bienno in Valcamonica,  delle squille e dei tine-tinnabuli per le guidaiuole dei pastori e dei mandriani.
 

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/06/2016 09:27:00
La strage di Rovetta Una delle pagine più nere dell’immediato dopoguerra

29/06/2015 07:43:00
Il maglio del rame e i sapori di una volta La fucina del rame sul torrente Abbioccolo era una delle strutture dedite alla lavorazione del ferro censite a Lavenone dal Catasto Lombardo Veneto del 1852

28/03/2016 11:10:00
Giuseppe Verginella e Giorgio Robustelli. Una tragica amicizia La storia di un personaggio geniale, audace e dirompente. Triestino d'origine, fece il capopartigiano nel bresciano


06/11/2012 23:16:00
Ladri di rame Un po' alla volta sottraeva all'azienda in cui lavorava dei manufatti di rame, con l'obiettivo di rivenderli. L'hanno fermato i Carabinieri

14/06/2017 09:53:00
Renzo Bonomi, artista del rame All’interno dell’azienda di famiglia, nella zona industriale di Preseglie, Renzo si occupa di artigianato artistico. La sua grande passione, la lavorazione del rame, è un sapiente mix di tecniche antiche e moderne



Altre da Valsabbia
28/07/2017

Bestiame sano per un latte migliore

Il Caseificio Sociale Valsabbino di Sabbio Chiese, che riunisce la maggioranza dei produttori di latte della Valle Sabbia, ha avviato una campagna di "sanificazione" del bestiame. Donini: «Per noi si tratta di un investimento»

27/07/2017

«Jiffy», lo scambio di denaro facile come un Sms

Attivo presso la Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella il nuovo servizio per lo scambio di denaro tra privati tramite cellulare

27/07/2017

Dove va la Valle Sabbia?

Fra le cronicità dell'economia montana e i punti di forza dettati dalla caparbietà tipica dei valligiani, la Valsabbia sta uscendo dalla crisi. Di prospettive si è parlato ieri a Nozza. VIDEO

26/07/2017

Testimoni di Geova al Congresso annuale con «perseveranza»

Saranno centinaia i Testimoni di Geova della Valle Sabbia che dal 28 al 30 luglio si recheranno al Congresso annuale del 2017 che si terrà a Verona presso l’“Agsm Forum” sul tema “Non ti arrendere

26/07/2017

Da Casto al Giappone, nel 1.500

Nei mesi scorsi, padre Sandro Carminati, missionario della Cansolata, su invito degli amici della Fondazione civiltà bresciana, ha tenuto presso la Biblioteca civica vestonese "Ugo Vaglia" una conversazione dedicata ai missionari Valsabbini in età moderna

26/07/2017

Quale futuro per l'economia della valle?

Se ne parlerà questo pomeriggio a partire dalle 17 nella sala dell’Assemblea della Comunità montana, col presidente comunitario Giovanmaria Flocchini, l’assessore regionale Mauro Parolini e i rappresentanti di settore

25/07/2017

Il vaccino dell'ignoranza

Da qualche mese una furente polemica riempie le pagine dei giornali e alimenta altrettanto accese discussioni popolari sul valore dell’obbligo di vaccinazione delle persone tra zero e sedici anni, per poter accedere alle scuole (44)

25/07/2017

«Prendete delle decisioni»

Sull'ospedale Gavardo, ma più in generale sulla medicina territoriale in Valsabbia, interviene il consigliere rogionale valsabbino Gianantonio Girelli: «E' tempo che l'assessorato si assuma le sue responsabilità e prenda delle decisioni»

25/07/2017

«Riforma sanitaria in alto mare»

Nell’incontro promosso venerdì sera a Gavardo dal Pd della Valle Sabbia sono state evidenziate le lacune della riforma sanitaria lombarda e i forti ritardi nell’attuazione della stessa

25/07/2017

Veloce e affidabile

Bertoli Costruzioni spa, sede a Sabbio Chiese, si occupa di edilizia industriale e nel settore civile. Alle sue spalle ci sono più di 70 anni di esperienza 

Eventi

<<Luglio 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia