Skin ADV
Martedì 22 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


In solitaria a Maderno

In solitaria a Maderno

by PierAngiola



21.05.2018 Gavardo

21.05.2018 Bione

21.05.2018 Vestone Lavenone

20.05.2018 Gavardo

20.05.2018 Bagolino

20.05.2018 Roè Volciano

20.05.2018 Villanuova s/C

21.05.2018 Anfo

21.05.2018 Vobarno

21.05.2018 Lavenone






06 Febbraio 2018, 06.06
Valsabbia
La nostra storia

I primi scioperi in Valle Sabbia

di Giuseppe Biati
Con la costituzione a Brescia nel 1881 del Consolato operaio di ispirazione repubblicano-democratica, le associazioni operaie di mestiere assumono maggiormente la fisionomia di società di resistenza in difesa degli interessi dei lavoratori...

In questo quadro si inserisce il primo sciopero avvenuto in Valle Sabbia.

Dal 21 febbraio 1884, e per quattro giorni, scendono in sciopero 200 operai delle ferriere di Odolo e di Casto: chiedono un aumento di salario e, con il pragmatismo tipico valsabbino, lo ottengono.

Passano undici anni prima che in Valle si promuova un’altra agitazione operaia e, nel frattempo, il Consolato operaio ha dato origine alla Camera del Lavoro.

Il 19 settembre 1895 scendono in sciopero, per cinque giorni, i 31 “fabbricatori di tubi” della ferriera Migliavacca di Vobarno; alla richiesta di aumenti salariali, questa volta, si accompagna la protesta contro la disciplina imposta dalla direzione dello stabilimento.
L’esito è favorevole, ma solo parzialmente: ottennero una modifica al regolamento, ma non il richiesto aumento del salario (rimasto a 5 lire giornaliere per i capi forno, 1.80 per gli operai adulti e 1.25 per i fanciulli).

Nel 1898, quando si profila una crisi ciclica dell’economia italiana, il 19 settembre entrano in sciopero per quattro giorni 296 filatori e filatrici del cotonificio Ottolini di Villanuova sul Clisi: si oppongono alla diminuzione dei salari, e trovano la solidarietà di 369 operai del cotonificio Hefti di Roè, che scendono in sciopero il 22 settembre per due giorni.
Entrambe le azioni operaie hanno una conclusione parzialmente favorevole.

L’anno 1900 vede aprirsi a Odolo una lunghissima vertenza.
105 operai di dodici officine, che fabbricano badili, vanghe, zappe e forche, scioperano per 67 giorni a partire dal 20 maggio.
Le complessive 7.035 giornate di sciopero si concludono con esito relativo.

Il 7 maggio, intanto, nel timore di una riduzione di salario, scendono in sciopero 80 operai (fra cui 30 sotto i 16 anni) del reparto “laminatoi” della fabbrica Migliavacca di Vobarno.
La loro protesta dura solo due giorni con esiti scarsamente rilevanti, ma riprende il 27 settembre, e per un solo giorno, contro la disparità nel saldo del pagamento del salario e contro la minaccia di una diminuzione delle giornate lavorative mensili, che in realtà aumentarono da 20-22 a 26-27, con un aumento della paga giornaliera da una media di 3.50 a 4.50 lire per 12 ore di lavoro.

Il primo anno del nuovo secolo, il 1901, vede l’intensificarsi nella provincia di Brescia degli scioperi operai e contadini, che raggiungono il numero di 69, tra i quali spicca quello dei 512 operai del Lanificio di Gavardo, che si astengono per sei giorni dal 5 ottobre: richiedono la diminuzione delle ore giornaliere di lavoro e ottengono una parziale riduzione.

Circa un mese prima sono scesi in sciopero 40 attaccafili del cotonificio Hefti di Roè, che ottengono un aumento di salario e la sostituzione di un tipo di macchina che si riteneva meno produttiva di altre.

Sempre nel 1902, a Vobarno, sorge l’"Associazione di Miglioramento fra Metallurgici ed Affini", il cui scopo era di sostenere i soci nelle controversie di lavoro e sussidiarli in caso di licenziamento o disoccupazione.
L' associazione è  aperta ai soli lavoratori dipendenti, definiti non più soci - come nelle società liberali - ma compagni.

Tuttavia le condizioni di lavoro permangono dure.
Il regolamento di fabbrica della Ferriera nel 1906 prevede la divisione del lavoro di 12 ore su 2 turni, diurno e notturno, con dei cambi ogni 12 ore; solo gli addetti ai forni avevano diritto di riposo tra una fornata e un'altra.

Il metodo di lavoro era molto fiscale: le assenze ingiustificate sono punite con forti ammende o in casi estremi con la sospensione del lavoro, gli straordinari sono obbligatori e il licenziamento è possibile da entrambe le parti con un preavviso di 8 giorni e senza necessità di motivazione; in caso di minacce o ubriachezza il licenziamento è immediato.

Queste condizioni di lavoro provocano ulteriori scioperi: infatti il 10 Agosto del 1907 una massa di operai (quasi tutti quelli della Ferriera vobarnese) scioperano per ottenere un aumento dei salari e la diminuzione degli orari di lavoro, con il pagamento degli straordinari oltre le 10 ore di lavoro.

Il sottoprefetto risponde allo sciopero mandando i bersaglieri e arrestando ben 7 scioperanti.

(A cura di Giuseppe Biati)

Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
11/05/2016 08:44:00
Quadro economico valsabbino Le imprese valsabbine stanno uscendo dalla crisi? Forse, certo non tutte, ma quali? L'opinione di Fausto Cassetti, sindaco di Odolo ed assessore comunitario alle attività produttive


11/05/2017 10:49:00
Picchetti alla Leali Steel Operai in agitazione a Odolo sul piazzale dell'azienda. Manca lo stipendio di novembre 2016 e sanno già non riceveranno quello di aprile. Forti preoccupazioni, ovviamente, anche per il futuro

29/05/2014 11:34:00
Iro: buone nuove per 215 Con 5 milioni di euro, Olifer ha preso il controllo della Iro di Odolo e tranquillizzato le banche. Si riparte con un piano industriale concordato con le parti sociali

01/12/2017 15:36:00
Con Ellebi lavoro ed aria pulita in casa Concessionaria in tutta la provincia di Brescia per Delphin Italia, Ellebi nei giorni scorsi ha inaugurato la sua sede vestonese ed offre nuovi posti di lavoro

03/05/2016 08:17:00
Segnali di ripresa La Valle Sabbia sembra aver reagito bene alla crisi profonda nella quale da qualche tempo è precipitata l'economia italiana. E' l'opinione di Michele Lancellotti, coordinatore Aib di zona per la Valle Sabbia ed il Garda



Altre da Valsabbia
18/05/2018

Funziona, grazie alla solidarietà di molti

A soli quattro giorni dall'inizio, grande successo per la raccolta di fondi a favore della ricostruzione della Casa delle Streghe di Casto
(3)

18/05/2018

Sorpresa: la Valle Sabbia non c'è più

Se questo è il risultato del nuovo corso lombardo, che ha affidato la promozione territoriale ad una “società istituzionale” c’è da spaventarsi (16)

18/05/2018

Alla scoperta dei sapori di Valle Trompia e Valle Sabbia

Un ricettario ricco di spunti tradizionali e rielaborazioni moderne proposte dallo chef Roberto Abbadati, dallo storico Marino Marini e dai ristoratori valligiani, frutto della prima edizione del laboratorio gastronomico delle Valli Resilienti (1)


16/05/2018

«Il passato è una terra straniera»

Il cineforum di sensibilizzazione contro il gioco d’azzardo promosso dalla Comunità montana di Valle Sabbia prosegue domani, giovedì 17 maggio, a Villanuova con una proiezione gratuita

15/05/2018

Arte e artigianato nei microcosmi montani

Giorgio Azzoni, direttore artistico del Distretto Culturale di Valle Camonica, nell’ambito del progetto Valli Resilieni, sarà ospite questo mercoledì a Casto per portare alcune esperienze significative di arte pubblica

15/05/2018

Dalla Valsabbia con 12 pullman per tifare Ducati

Valsir ha riservato una tribuna del “Circuito Enzo e Dino Ferrari” per collaboratori e famigliari in occasione della tappa di Imola del WorldSBK



14/05/2018

«La mia prima volta all'Adunata»

Un'emozione indescrivibile ed un immenso onore, poter partecipare all'Adunata Nazionale schierato nelle file della Fanfara Valchiese

14/05/2018

Autismo, testimonianze dirette

È in calendario per questo mercoledì, 16 maggio, la terza serata della rassegna “Nuvole”, il progetto che la Comunità montana, i Comuni e le associazioni del territorio hanno dedicato al delicato tema della salute mentale 

14/05/2018

Adunata a Trento, oltre l'impossibile

Anche il presidente Mattarella ieri al raduno delle Penne nere a Trento a omaggiare il centenario della fine della Grande Guerra e le attività e i valori di cui sono portatori gli Alpini (2)

14/05/2018

Un segnale concreto di solidarietà

Parte oggi un'iniziativa popolare per sostenere la ricostruzione della Casa delle Streghe. Già nelle "premesse", ha raccolto 5.250 euro, grazie anche alla Cassa Rurale disposta a versare un contributo pari al 50% di ogni donazione. Ecco l'IBAN ed ecco come funziona


Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia