Skin ADV
Mercoledì 24 Luglio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








22.07.2019 Valsabbia

22.07.2019 Treviso Bs

22.07.2019 Bagolino

22.07.2019 Capovalle

22.07.2019 Vestone

23.07.2019 Bagolino

22.07.2019 Idro

24.07.2019 Idro Valsabbia

22.07.2019 Bagolino

23.07.2019 Gavardo






14 Maggio 2019, 06.57
Valsabbia
Lettere

Emigrazione: tra percezione e realtà

di Valsabbin* Refrattar*
Alcuni dati statistici che definiscono un chiaro trend, ci hanno spinti a scrivere questo articolo che ha la sola pretesa di raccontare dal nostro punto di vista la situazione migratoria italiana

I primi dati considerati sono quelli elaborati dal centro studi Idos (organizzazione indipendente sponsorizzata tra gli altri da Unar, Caritas e Chiesa Valdese) che, nel 2017, ci dicono che se ne sono andati dall’Italia circa 285 mila cittadini.

È una cifra enorme e che si avvicina al record di emigrazione del dopoguerra, quello degli anni ‘50, quando a lasciare il Paese erano in media 294 mila Italiani l’anno.

L’altro dato è stato riportato dal direttore generale per gli Italiani all’Estero della Farnesina Luigi Maria Vignali, presentando il nuovo romanzo di Chiara Ingrao “Migrante per sempre”:
«Negli ultimi cinque o sei anni abbiamo registrato un aumento di oltre un milione di italiani negli schedari consolari», ha detto Vignali, ricordando che all’ISTAT «parlano di 115-120mila partenze all’anno».
E ha commentato: «Gli italiani che partono e che sono all’estero sono molti di più di quello che le cifre ufficiali non dicano».

Grazie ai vergognosi accordi stipulati dal governo italiano nella persona dell’ex ministro degli interni Minniti (Pd) e i vari Ras libici, che hanno portato alla creazione di veri e propri lager, gli “sbarchi” negli ultimi 2 anni sono crollati, attestandosi nel 2019 a 335 persone sbarcate al 15 marzo scorso (dati ministero degli interni).

Stime parlano di 700 mila o un milione di uomini e donne bloccati in Libia, in condizione inumane.

Un situazione che non può che metterci davanti alla realtà africana ma anche a quella italiana, di un paese che emigra e che, incapace di affrontare i propri problemi, preferisce cadere nella facile illusione che il problema sia sempre qualcun altro, sia esso l’Europa o gli altri emigranti.
Un paese che pian piano sta cadendo nella trappola della paura.

La paura che fa odiare il diverso, chi puzza come noi di fame, perché è facile e comodo prendersela con una famiglia Rom, come sta accadendo vergognosamente a Roma ed è facile seguire le campagne elettorali basate sul nulla ma condite dall’odio del diverso, che prendersela con chi queste situazione le crea se non favorisce.

E i fascisti di oggi e di allora sanno come cavalcare la paura del più debole, nella loro mediocrità sanno chi li protegge e contro chi possono andare.

Certo è molto più difficile prendersela con chi nella quotidianità sfrutta il nostro tempo chiedendoci di lavorare gratis con stage o tirocini o con stipendi da fame, chi ci fa morire sul lavoro o ci fa ammalare per risparmiare o meglio guadagnare di più, chi alla prima rata che salta ci sfratta e chi con i comportamenti clientelari e corrotti ci nega un futuro dignitoso e ci sta obbligando ad emigrare.

Non dimenticate che i vari fascisti o i leghisti quando vi trovate in queste situazioni di difficoltà non li troverete mai al vostro fianco.

Vi vogliamo invitare a chiedere a chi se n’è andato dall’Italia quali siano state le motivazioni che li hanno spinti a partire.
Noi l’abbiamo fatto e vi assicuriamo che tra le prime motivazioni, non c’è la paura del diverso, perché sanno benissimo che uscendo dai nostri paesi sono diventati loro stessi “diversi”.

Dei diversi con un grande potenziale umano da sviluppare e forse molto meno diversi di quanto una persona si possa sentire diversa qui da noi.

Chiedetelo e abbiate il coraggio di ammettere quanta mediocrità ci sia in certe scelte, scelte spesso fatte di compromessi, fatte di soldi in nero, di favori dati o ricevuti, di maggiore sicurezza a scapito della libertà e fatta di paura.

La paura che spinge a chiedere di essere protetti rafforzando i controlli delle frontiere respingendo barconi di disperati in mezzo al Mediterraneo o costruendo muri.

Perché non è alzando muri o inasprendo i controlli ai confini che si possono interrompere i flussi migratori, la gente non si è mai fermata e mai si fermerà.
Queste linee immaginarie tracciate su dei pezzi di carta chiamate confini non servono ad impedire all’umanità migrante di muoversi.

La “democratica” Ungheria di Orban ci deve essere di monito: appena è stata terminata la barriera che separa l’Ungheria dalla Serbia il parlamento ha approvato una legge speciale per innalzare le ore annue di straordinari obbligatorie da 250 a 400.
Dobbiamo davvero chiederci se quel muro, quella lunghissima rete, sia fatta per rendere impossibile l’entrata o l’uscita dall’Ungheria.

Pezzi delle nostre vite, dei nostri affetti e del nostro presente se ne stanno andando alla ricerca di un futuro fatto di dignità, uguaglianza e libertà e tanti altri pezzi di altre vite stanno arrivando intrecciando le nostre.

E noi tra questa umanità migrante e chi cade nella trappola della paura, sappiamo davvero da che parte stare.

Con Rabbia Valsabbin* Refrattar*
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID80554 - 14/05/2019 14:58:48 (bernardofreddi)
Tra 700 mila e 1 milione: dove fareste conto di metterli? Quando fossero sbattuti in una periferia degradata, senza lavoro e senza servizi, magari in dieci in una stanza, magari arruolati dalla malavita, la vostra coscienza sarebbe a posto? E pensate che se non ci fosse qualche rimedio, ci si fermerebbe a quelli? Quella che voi chiamate "paura" è semplice realismo, quello che è sempre difettato dalle vostre parti. Minniti sapeva quello che faceva e ha fatto bene a farlo, senza fare tanto il pagliaccio come Salvini. I diritti dei lavoratori - di qualsiasi etnia siano - non si tutelano distruggendo il poco che rimane dello Stato sociale per mantenere gente che non ha voglia di lavorare ma trova il tempo di fare 14 figli.


ID80560 - 15/05/2019 07:17:16 (lettore) Basito
... e stare zitti, ogni tanto, senza rispondere di pancia, ma leggendo e meditando su chi propone riflessioni argomentate dai dati e non dai “sentito dire” o peggio da una becera propaganda!La storia è piena di persone che offrono comodi capri espiatori su cui gettare le colpe... e sappiamo bene come va a finire!


ID80564 - 16/05/2019 14:08:46 (bernardofreddi)
No, capo, io non sto zitto, né quando mi insultano i fascio-leghisti, nè quando lo fanno gli orfanelli del '68 alla disperata ricerca di cause perse. Se quella sopra è una "riflessione argomentata dai dati", io sono la Lollobrigida: è solo propaganda, meno becera di quella leghista, di segno opposto, ma sempre propaganda.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
29/11/2017 16:05:00
Nascite in diminuzione in Valle Sabbia Secondo i dati Istat, nel 2016 nel territorio valsabbino ci sono state 39 nascite in meno rispetto al 2015. Vediamo qual è la situazione nei singoli Comuni

17/08/2012 11:00:00
«Nessun paradosso» «In merito all'articolo "Depurazione di Valle, il punto", sono d'obbligo alcuni chiarimenti». Una lettera di Mabellini e Seccamani.

01/05/2018 07:00:00
Arrivi e presenze, due trend in crescita I dati relativi al 2017 elaborati dalla Provincia di Brescia evidenziano come il territorio della Valle Sabbia e del lago d'Idro sia sempre più gettonato dai turisti, sia italiani che stranieri

02/05/2011 08:01:00
Anonimato o commenti firmati? Il «Punto di vista» del nostro Vaglia, oggi, è di quelli che appassionano il web da quando ci si fa informazione. Cioè da sempre.

03/04/2017 15:02:00
A.T.C. unico e i 3 giorni fissi, si o no? Voglio scrivere la mia personale opinione in merito alla scelta fatta dall’ATC Unico di Brescia di proporre alla Regione la scelta di consentire la caccia alla stanziale e alla migratoria con l'uso del cane in tre giorni fissi a settimana almeno all’inizio stagione



Altre da Valsabbia
24/07/2019

Sette volte oltre il limite

Ubriaco fradicio, un bergamasco è stato fermato dagli agenti della Locale della Valle Sabbia alla guida della sua Peugeot alle porte di Idro. Non ricordava dove stava andando
(3)

22/07/2019

Igiene alimentare, denunciato il titolare di un agriturismo

Gravi e numerose le violazioni in materia di sicurezza alimentare – ma non solo - accertate dai Carabinieri Forestali di Vobarno presso un agriturismo che apre i battenti in centro al paese, a Sabbio Chiese
(8)

21/07/2019

Movimenti... intestini

C'è voluta qualche settimana in più, rispetto a quanto era prevedibile, per confermare Flocchini nel ruolo di presidente della Comunità montana. In Assemblea un po' si è anche capito il perchè
(4)

20/07/2019

Ecco la nuova squadra

All’insegna della continuità il nuovo ciclo in Comunità montana, con Giovanmaria Flocchini ancora nel ruolo di presidente (4)

19/07/2019

Vacanza salute per i bambini Saharawi

Sono nove quest’anno i piccoli accolti dall’associazione Rio de Oro Gavardo per un periodo di vacanza e di cure in Valle Sabbia e nel bresciano

19/07/2019

L'osteoporosi

L'osteoporosi è una malattia che colpisce lo scheletro ed è caratterizzata da una riduzione della massa ossea e dal deterioramento del tessuto osseo

19/07/2019

Famiglie al Museo

Da Odolo a Bagolino, da Pertica Alta a Sabbio Chiese, una serie di iniziative organizzate dal Sistema Museale valsabbino per avvicinare adulti e bambini – e perché no, anche i turisti – al patrimonio culturale della Valle Sabbia


19/07/2019

Il Santa Maria nell'orbita Synlab

Il Poliambulatorio  Santa Maria di Vobarno entra nel circuito internazionale Synlab. I Bergomi: “Solo così possiamo garantire a migliaia di persone l’accesso a servizi sanitari sempre più all’avanguardia” (1)

19/07/2019

Lo Spaccadischi... sotto l'ombrellone

Un super weekend tra musica e spettacolo quello che ci attende in Valle Sabbia, sul Garda, in città e in provincia

18/07/2019

«Wer Bist du (chi sei tu)?»

E' stato presentato nei giorni scorsi a Casto il libro di Bruno Garzoni, comercialista valsabbino di Roè Volciano, che per una volta ai numeri ha sostituito le lettere, per indagare l'eterno tema umano: l'innamoramento
(1)

Eventi

<<Luglio 2019>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia