Skin ADV
Sabato 23 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Medusa in riva al mare a Jesolo

Medusa in riva al mare a Jesolo

di Claudia Giacomini



22.06.2018 Bagolino

22.06.2018 Vestone Anfo Lavenone

23.06.2018 Pertica Bassa

22.06.2018 Vestone

22.06.2018 Valsabbia

22.06.2018 Casto

21.06.2018 Mura

23.06.2018 Gavardo

22.06.2018 Vestone

22.06.2018 Gavardo





09 Giugno 2016, 14.20
Valsabbia
Briciole di Cultura

Case di riposo con servizi a 5 stelle e future prospettive assistenziali

di Alfredo Bonomi


L’inserto “Brescia” del “Corriere della sera” di sabato 14 maggio riporta la notizia dell’inaugurazione della “Residenza Vittoria”, una splendida casa di riposo a «cinque stelle» per 116 posti, in via Calatafimi, nell’edificio che una volta ospitava la Poliambulanza.
Si ricorda pure che la retta degli ospiti dovrebbe oscillare tra i 90 e i 150 euro al giorno (tra i 2.700 ed i 4.500 euro al mese).

A margine della notizia
vengono riportati i dati riguardanti i posti letto delle Residenze sanitarie assistite nel bresciano: sono 6.521 i posti sparsi nelle diverse strutture della provincia (esclusa la Valle Camonica) 5.260 persone sono in lista d’attesa.
C’è quindi la palese necessità di predisporre altre Rsa per far fronte a questa massiccia richiesta.

In città sono già autorizzate altre Rsa e sempre lo stesso articolo ipotizza un’altra nuova Rsa di lusso per altri 120 posti in via Flero.

Fin qui i “numeri” e la notizia, che dovrebbero portare a qualche riflessione che entri nel vivo di una problematica sociale che sembra richiamare sempre più emergenze per la nostra società, così come è strutturata e così come le “abitudini famigliari” lasciano intravedere.

Oggi la permanenza in casa di un famigliare non autosufficiente, sia esso anziano o no, è sempre più difficile.
Il venir meno del nucleo famigliare tradizionale ed una sempre più accentuata complessità sociale ed economica tendono ad impedire la prospettiva del non autosufficiente nell’ambito delle mura domestiche, circondato dalle cure e dagli affetti dei famigliari, coadiuvati da aiuti professionalizzati, secondo una programmazione che previlegi l’assistenza a domicilio a scapito di quella concentrata nelle strutture, vere “cittadelle dei più deboli”, con le loro “regie” anche economiche, con le loro burocrazie e con i loro ritmi.

Va anche detto che la tendenza imperante di far trascorrere gli ultimi anni di vita nelle Rsa è una consuetudine sociale creata dalle cosiddette “regole economiche”, imposte dai “numeri della produttività”, non certo da Dio; più semplicemente è la conseguenza di una volontà collettiva mossa da regie ben determinate.

Se questo è un dato purtroppo assodato, anche se difficilmente da ritenere ottimale, s’impongono allora alcune serie considerazioni che richiamano altrettanto seri interrogativi.
Eccone alcuni.

Come coniugare l’efficienza e l’equità
di una risposta assistenziale di fatto affidata alle Rsa con una situazione assai problematica?
Si dice che i futuri pensionati non godranno di emolumenti tali da permettere loro una vecchiaia tranquilla. Ed allora quale sarà la risposta ai bisogni emergenti della stragrande maggioranza della popolazione, certamente non ricca?

Non stridono le rette riportate nell’articolo del “Corriere”?

Non viene spontaneo chiedersi quanti sono i bresciani che possono permettersi tali rette?
Qui il discorso potrebbe farsi più complicato e severo, se affrontato con serietà e serenità.

Certamente le risposte ai bisogni dei moltissimi non può essere la costruzione di Rsa «a cinque stelle».
Più semplicemente si potrebbe intravedere una prospettiva nella quale il privato danaroso investa in cultura e nel sociale, visto non tanto e solo come «impresa economica» che deve produrre un sicuro e considerevole utile, ma come il luogo dove si possa esercitare, con ragionevole utile, quella solidarietà umana che tanto viene evocata da più parti. 
È vero, come si dice e si scrive sempre più spesso, che le ideologie sono morte, ma non dovrebbero essere morte anche le idee, la forza del pensiero e del cuore.

La ricchezza di pochi fortunati non è prodotta solo dall’ingegno individuale di una persona, anche se ricca di talenti e creativa, ma dal lavoro di molti e quindi deve avere una ricaduta più vasta in una società che voglia chiamarsi giusta e solidale.
Ben vengano quindi anche le iniziative tese a costruire Case di riposo a cinque stelle, ma sarebbe altrettanto auspicabile che ritornasse pure quella sollecitudine sociale tendente a dar risposta ai molti che anche con stipendi modesti, umilmente, senza clamori, si alzano al mattino, vanno al lavoro e ritornano stanchi a casa la sera con l’unico obiettivo di poter affrontare le necessità quotidiane.

In una società dove le diseguaglianze tendono ad aumentare in forma scandalosa, queste sembrano considerazioni ingenue.
Ma così non è.

La memoria corre a quei benemeriti valligiani, benestanti, che con il senatore Angelo Passerini, di famiglia assai ricca e prestigiosa, il 31 ottobre 1910 pensarono di costruire a Nozza un Ricovero che desse risposte adeguate ai più bisognosi, a quelli che non avevano i mezzi e le possibilità di trascorrere la vecchiaia nella propria casa. A redigere il progetto vollero la firma più prestigiosa del tempo, quella del Tagliaferri, come a dire che concepivano una “struttura di qualità”.

Erano personaggi di peso economico e sociale, di stampo cattolico, ma anche liberale, alcuni eredi del “mondo politico” zanardelliano, altri discepoli di quei cattolici che ritenevano indispensabile e doveroso, per loro che avevano i mezzi e quindi che erano più responsabili di altri del “bene sociale”, misurarsi a livello sociale con le necessità emergenti.
Eravamo agli inizi del 1900 ed ora è facile obiettare che “il mondo è cambiato”. Ma questa obiezione non può eludere una “prospettiva di civiltà” che va condivisa prima che discussa.

È una prospettiva che connota il “grado di umanità” della nostra società.
Non può essere liquidata con la solita etichetta di “buonismo”, scomodando “ragioni economiche”, troppo facilmente richiamate quando non si vuole giungere al “cuore” della questione.

Per Brescia, che è stata la città delle “opere sociali”, sono interrogativi che scomodano il quieto vivere e lo scintillio delle “vetrine umane” ben lontane dalla quotidianità sempre più difficile e precaria.
Per lo Stato invece non si tratta di riflettersi o di interrogarsi, ma di praticare doveri e responsabilità verso i cittadini.

Giugno 2016
Alfredo Bonomi

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID66702 - 09/06/2016 16:28:28 (Dru) Caro Alfredo
la dimensione sociale non può liberarsi comodamente da come va il mondo e ritenersi "ottimale" sul supporto di una sua gradita indipendenza da esso, perché se il significato del supporto è un "certo" significato, il sociale certo può in qualche tempo e per qualche ragione opporvisi, ma mai staccarsi da esso.


ID66703 - 09/06/2016 16:30:06 (Dru) il "certo"
se il mondo è incerto, questo è il certo, allora cercare riparo nel sociale è un comodo ma precario modo di garantirsi la vecchiaia, perché la garanzia è un carattere del vero e non del certo.


ID66704 - 09/06/2016 16:32:35 (Dru) il "significato"
se il significato è il non senso o la negazione dei principi, perché essi sono assolutamente incompatibili con il "divenire" del mondo, che è il non senso, difficile poi sperare che vi sia un senso proprio sulla fondazione di quel non senso.


ID66706 - 09/06/2016 16:36:44 (Dru) tu dici che muoiono le ideologie ma non muore l'idea
no! proprio sul presupposto del tramonto delle idee muoiono le ideologie. Il tramonto delle idee è il "divenire", se le cose divengono, e in quanto divengono, se le idee divengono e in quanto divengono, allora le idee non sono idee, lo sono precariamente, cioè relativamente al tempo.... pensare che muoiano le ideologi mantenendo vive le idee è sperare, ma di una speranza patetica...


ID66707 - 09/06/2016 16:46:30 (Dru) comunque
apprezzo il tuo sapore antico che coniuga così sapientemente i nuovi sapori, soprattutto quando certifichi che non è certo Dio che produce i bisogni in terra.


ID66715 - 10/06/2016 08:51:05 (Ernesto)
di sicuro andranno quelli con la pensione minima,,,ed il resto lo versera il comune,,come facevano una volta!!!!!


ID66717 - 10/06/2016 09:18:28 (ba53) ciao
Man mano leggevo l'articolo sentivo già chi ne fosse l'autore,l'amico Alfredo.Detto questo io mi chiedo il motivo di fare delle regge per "ricchi" pur sapendo delle code infinite di persone che non sono in grado di curare i propri cari non autosufficenti,quanto ci mette la regione per queste strutture?quanti trasferimenti?Non sta bene pensar male,ma spesso ci si prende!San Raffaele è l'esempio classico o sbaglio?


ID66718 - 10/06/2016 09:34:34 (ba53) no
No sig.Ernesto,non come una volta,ma come ora che chi non può pagare deve cedere le sue proprietà al comune per il giusto recupero della cifra anticipata.Certo che se le rette sono da 5 stelle la casa di proprietà è presto spesa,di solito finisce in mano a imprenditori che la ritirano alla metà del valore perchè il comune non sa che farne.


ID66721 - 10/06/2016 12:09:08 (Ernesto)
io parlavo di nullatenenti,,,,il comune si faceva partecipe a coprire la retta,,,,,almeno nel mio paese era cosi,,ora non so,,,,,e comunque di ricconi ce ne son tanti,,,,ma tantii,,,


ID66722 - 10/06/2016 12:14:36 (ubaldo) Il problema Ernesto
...almeno quello sollevato da Bonomi, non sono i ricconi, per quanti possano essere. Sono coloro che non hanno disponibilità. Alfredo Bonomi semmai ci ricorda che nessuno diventa ricco da solo, ma lo fa, con ingegno e capacità s'intende, sul lavoro di molti altri. Questo semplice concetto al tempo del Ricovero Passerini era ben chiaro in tutti, o quasi. Ora un po' meno.


ID66735 - 10/06/2016 21:01:32 (lz) Riflessioni stimolanti
Lucida e schietta analisi di un tema di grande attualità rispetto al quale manca una piena consapevolezza da parte di tanti (o tutti), per cui nella migliore delle ipotesi si procede con interventi che non rispondono alle reali e crescenti esigenze. In questo quadro che vede anche le istituzioni in difficoltà mi pare più che mai opportuno il richiamo alle persone illuminate e benestanti del passato che in Valle Sabbia come altrove (basti pensare ai tanti benefattori degli ospedali),con generosità e lungimiranza si sono impegnate per il bene sociale.Certamente non si può pensare di fare affidamento solo sulla magnanimità di qualcuno sensibile e attento a queste emergenze sociali. Cionondimeno la sollecitazione ad un impegno più diretto per chi potrebbe farlo è condivisibile, alla luce anche della considerazione che evidenzia come il raggiungimento di brillanti risultati oltre che alle capacità individuali è in una


ID66736 - 10/06/2016 21:07:50 (lz) Riflessioni stimolanti
certa misura ascrivibile anche ad altri fattori.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/04/2015 13:39:00
Colloqui artistici tra centro e periferia nelle opere di grandi pittori in Valle Sabbia Di Alfredo Bonomi


25/05/2015 07:13:00
E se il Tintoretto avesse origini valsabbine? Un’ ipotesi affascinante Chi, visitando Venezia, vuol approfondire la conoscenza della pittura veneta del 1500 non può tralasciare la visita alla Scuola Grande di San Rocco

18/04/2016 10:34:00
Un sogno per Sabbio Chiese L'ultima, in ordine di tempo, delle "briciole" di Alfredo Bonomi riguarda la "Settimana dell'ingegno creativo". Si tratta di un'idea/sogno che ben si addice alla realtà storico culturale di Sabbio Chiese


27/11/2015 09:24:00
Un futuro per le Pertiche Dopo le pagine dedicate nel 2004 alle Pertiche con il titolo "L'aria serena delle Pertiche", ora la prestigiosa rivista "Atlante bresciano" è ritornata a prendere in considerazione questo territorio con un numero bellissimo

19/05/2014 08:22:00
Briciole di cultura Come un novello Pollicino, il professor Alfredo Bonomi ha viaggiato nella storia e nella cultura della Valsabbia lasciando dietro di sè delle "briciole". Pubblicate su Vallesabbianews, sono poi diventate un libro, che verrà presentato giovedì a Vobarno




Altre da Valsabbia
23/06/2018

Lago d'Idro, acque eccellenti

Le analisi effettuate dall’ATS Brescia confermano la piena balneabilità delle acque di Eridio, Garda e Sebino, per la gioia di residenti e turisti. 17 i punti di prelievo sul lago d’Idro 

22/06/2018

«Idra» torna in servizio per l'estate

Tre corse giornaliere fino al 30 giugno, che diventeranno quattro dal 1 luglio al 31 agosto. Ecco tutti i dettagli sul servizio pubblico di navigazione del lago d’Idro per la stagione 2018 

22/06/2018

Controlli del fine settimana

Quattro veicoli senza assicurazione, 30 senza revisione e tre segnalazioni per assunzione di sostanze stupefacenti. Il “bottino” di un fine settimana di controlli

21/06/2018

Politica: personali riflessioni

Sono stato iscritto al Partito Democratico dal momento della sua nascita fino alla fine del 2014 e ne ho ricoperto l’incarico – a livello locale – di coordinatore di circolo... (8)

20/06/2018

Incarichi per il censimento della popolazione

Sono stati prorogati al 2 luglio i bandi per la selezione di figure professionali preso la Comunità montana come rilevatore e operatore di back office per il censimento permanente della popolazione 2018-2021 (5)


20/06/2018

Vivi il Garda in bus

Tante le proposte dedicate alla mobilità turistica sul Lago di Garda da Arriva, GardaMusei e Provincia all'interno del progetto "GardaLake 2018". Raggiungere il Vittoriale e il MuSa in estate ora è facile, agevole ed economico 

20/06/2018

Variante di Lavenone, pochi mesi ancora

«La Variante di Lavenone? Faccio fatica a sbilanciarmi sui tempi, quando le questioni non dipendono totalmente da noi, ma il 2019 potrebbe essere per davvero l’anno buono per veder cominciare i lavori» (10)

20/06/2018

Fra passato e futuro

Nel 2014, quando l’attuale compagine di maggioranza, civica più che politica, ha iniziato il suo percorso, per le Comunità montane c’era odore di smantellamento...



18/06/2018

Cassonetti a Ponte Caffaro

«Da tempo i cassonetti di Ponte Caffaro sono diventati la discarica dell'alta Valsabbia e del basso Trentino» ci scrive un lettore, che ci invia anche questa fotografia (4)

18/06/2018

Ricordando Andrea

Appuntamento in aula magna al Perlasca di Idro questa sera alle 20:30. Per l'occasione verrà presentato il libro di Andrea Pirlo, il 20enne di Idro vinto da un tumore a marzo


Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia