25 Maggio 2020, 11.10
Valsabbia
Statistiche

COVID-19 nel mondo, quattro mesi dopo

di Germano Bonomi

Ringraziamo Germano Bonomi, convalligano di Sabbio, ricercatore al Cern e professore associato di Fisica Sperimentale all'Università di Brescia, per questo suo breve ma documentato studio col quale ci conduce con lo sguardo oltre i confini nazionali


Il 23 gennaio 2020, il governo cinese, per cercare di evitare il diffondersi di un nuovo virus, poi chiamato SARS-COV-2, ha chiuso i collegamenti con la città di Wuhan e con la provincia dell’Hubei, imponendo l’isolamento totale a circa 60 milioni di persone e sostanzialmente fermando qualsiasi attività industriale, commerciale, culturale e ludica.

A quattro mesi da quel giorno, che molto probabilmente entrerà nei libri di storia, tutti sappiamo che purtroppo la drastica misura non ha evitato che il contagio si propagasse in tutto il mondo.
Ad oggi, il COVID-19 ha causato il decesso di almeno 350.000 persone, un numero così elevato, che rende da solo la drammaticità della situazione che abbiamo vissuto e che per molti aspetti stiamo ancora vivendo.

È ancora presto per fare bilanci di qualsiasi tipo e solo fra qualche anno potremo renderci completamente conto del reale impatto di tutto ciò sulle nostre società e sulle nostre vite.
Tuttavia, possiamo confrontare, con i dati disponibili ad oggi, quale sia stato l’impatto in termini di contagiati e di deceduti nelle varie parti del mondo.
Cominciamo dai 15 stati, con una popolazione superiore ai 10 milioni di abitanti, con il numero più elevato di contagiati.


   
Spicca l’elevatissimo numero degli Stati Uniti, seguiti nell’ordine dal Brasile e dalla Russia.
Sono tutte e tre nazioni molto popolose.
Gli Stati Uniti, per esempio, hanno un numero di abitanti che è pari a circa 5.5 volte quello italiano.
Risulta quindi più logico confrontare gli stati mostrando il numero di contagiati per ogni milione di persone.



Come sappiamo bene noi in Italia, il numero di contagiati rappresenta tuttavia solo il numero di persone che, sottoposte al tampone, sono risultate positive.
Risulta difficile allora confrontare paesi diversi, dal momento che il numero di test effettuati varia molto da nazione a nazione (vedi colonna “Test per milione di abitanti” della Tab. 1).
Risultano evidenti le basse percentuali di tamponi effettuati in paesi come Brasile e India, dove di conseguenza il numero di persone positive potrebbe essere molto più elevato.

Un parametro meno influenzato dal numero di test effettuati è il numero di decessi.
Chiaramente anche in questo caso può risultare difficile confrontare paesi diversi senza essere sicuri che i metodi utilizzati per il conteggio siano omogenei.
Divergenze potrebbero essere causate da come sono stati valutati i casi in cui la morte è avvenuta per con-cause, oppure se sono stati effettuati tamponi anche post-mortem, oppure da quanti decessi siano sfuggiti alle statistiche ufficiali.



Dal momento che si tratta di vite umane è ovviamente una tristissima classifica.
Ai primi due posti ci sono USA and UK, due paesi anglosassoni, e al terzo posto troviamo l’Italia, che in questa pandemia ha pagato purtroppo un tributo enorme.



Se si tiene conto del numero di abitanti, confrontando quindi il numero di decessi per milione di abitanti, in testa c’è il Belgio, seguito dalla Spagna, dal Regno Unito e dall’Italia, praticamente appaiati, dalla Francia e dalla Svezia.
Sono tutti paesi europei.

I paesi asiatici, che sono stati colpiti per primi, per esempio la Corea del Sud, Taiwan, Hong Kong e altri stati limitrofi, si sono chiaramente dimostrati più preparati ad affrontare questa emergenza.

In questa classifica si fa notare la Svezia che è la nazione europea che non ha applicato il cosiddetto lockdown.
Se paragonata con i paesi limitrofi ha avuto in effetti un numero di decessi per numero di abitanti più elevato (395 contro i 97, 55 e 43 di Danimarca, Finlandia e Norvegia rispettivamente), ma in ogni caso minore rispetto per esempio a Italia, Francia, Spagna e UK.

Il valore dell’Italia (541 morti per milione di abitanti) è ovviamente diverso se valutato regione per regione.
La relativa tabella è riportata, per confronto, alla fine dell’articolo.

Un altro aspetto che possiamo cercare di valutare è il momento in cui nei vari stati ha avuto inizio l’epidemia, in relazione, per esempio, con l’Italia.
Come stima possiamo considerare il giorno in cui una nazione ha superato un certo numero di decessi, per esempio 100. È un valore arbitrario, ma la situazione non cambia molto se si prendono valori simili, per esempio 50 o 200.
Si tratta ovviamente di un parametro molto qualitativo, ma può dare un’indicazione di massima.



Tralasciando la Cina e i paesi limitrofi (Corea, Taiwan, Hong Kong, etc.) e considerando 0 il giorno in cui l’Italia ha avuto il 100o decesso, tutti gli altri paesi hanno avuto più tempo per sapere quello che sarebbe potuto accadere e per potersi organizzare al meglio.
In questo senso, forse, la sorte non ha giocato a nostro favore.

La pandemia da SARS-COV-2 è tutt’ora in corso. Ci sono molti paesi che stanno vivendo in questi giorni i loro momenti più difficili, come per esempio il Brasile e molti paesi dell’Africa.
Solo quando avremo tutto alle spalle potremo valutare con più oggettività come ogni singola nazione, e quindi anche l’Italia, ha affrontato e gestito l’emergenza. Ogni stato del mondo avrà in ogni caso l’opportunità, se saprà coglierla, di ripensare e di migliorare la propria società facendo buon uso dell’esperienza vissuta anche per far fronte alla difficilissima fase economica che ci attende nei prossimi anni.

Germano Bonomi

Nota: i dati si riferiscono alle statistiche disponibili al 23/05/2020.
Si è fatto riferimento ai seguenti database:
- https://github.com/CSSEGISandData/COVID-19 (Database mondiale della Johns Hopkins University)
- https://github.com/pcm-dpc/COVID-19 (Database nazionale della Protezione Civile)
- https://www.worldometers.info/coronavirus/





Vedi anche
12/04/2020 08:00:00

Due (o tre) pensieri sul coronavirus... Un’analisi “a posteriori” delle prime settimane di emergenza, a cura del prof. Germano Bonomi, valsabbino, docente di Fisica Sperimentale presso l’Università degli Studi di Brescia

16/05/2014 07:01:00

Bonomi: «Cultura, ambiente, associazionismo» Si chiama Germano Bonomi, si presenta all’insegna della continuità con “Insieme per Sabbio”, ha 44 anni, è docente e ricercatore universitario

15/11/2014 12:00:00

Un'italiana a capo del Cern La scienziata italiana Fabiola Gianotti è il nuovo Direttore Generale del Cern di Ginevra, il più importante centro al mondo per la ricerca in fisica delle particelle

12/03/2018 10:28:00

Sulle tracce dell'antimateria Spedizione valsabbina "targata" Rotary, quella avvenuta nei giorni scorsi al Cern di Ginevra. Nel ruolo di imprenditori, economisti o anche semplici curiosi, i cinquanta i soci del Rotary Valle Sabbia sono stati accompagnati in tour dal sabbiense Germano Bonomi

21/02/2015 11:22:00

Cala il reddito dei valsabbini Sono di Roè Volciano i contribuenti valsabbini che hanno dichiarato di più nell’ultima dichiarazione dei redditi secondo uno studio della Camera del lavoro di Brescia. Redditi in calo di oltre il 18% rispetto al periodo pre-crisi



Altre da Valsabbia
07/07/2020

50 anni di Regione Lombardia

Il consigliere valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Cinquantesimo sia la festa di tutti lombardi, nella certezza assoluta che ci rialzeremo più forti di prima”

07/07/2020

Derivazioni idroelettriche, in arrivo fondi per le aree montane

Anche Rsa, scuole ed enti pubblici di 11 Comuni valsabbini beneficeranno della monetizzazione dei fondi che le società idroelettriche devono alle aree interessate per lo sfruttamento delle acque

07/07/2020

Marcellina Bertolinelli nuovo presidente del Rotary Valle Sabbia

Il sodalizio per il nuovo anno sociale sarà guidato da una donna, dottore agrario e docente presso l’Università di Milano. Il presidente internazionale è Holger Knaack con il motto “Il Rotary crea opportunità”

07/07/2020

Finanziamenti regionali per un piano «a prova di emergenza»

Gli ospedali bresciani, inclusi quelli afferenti all'Asst del Garda, utilizzeranno i fondi per farsi trovare adeguatamente preparati in caso di nuove crisi sanitarie. Previsto, in primis, il potenziamento delle terapie intensive e semi intensive

07/07/2020

Cassa Rurale, i passi verso la fusione

Presentato l'assetto della nuova banca di credito cooperativo che nascerà con la fusione della Cassa Rurale Adamello nella Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella: nuova governance, un periodo di transizione di tre anni, cinque territori con altrettanti Gruppi Operativi Locali per gestire la mutualità

06/07/2020

Una federazione per la tutela del Chiese e del lago d'Idro

Le 17 associazione del “Tavolo delle associazioni che amano il fiume Chiese e il suo lago d’Idro” hanno dato vita a una federazione per meglio incidere sulle questioni ambientali del territorio: priorità il no al maxi depuratore a Gavardo e Montichiari

06/07/2020

Controlli notturni della Locale

Sanzioni per sorpassi azzardati e superamento dei limiti di velocità, tre patenti ritirate per guida in stato d’ebbrezza e una vettura sequestrata: è il bilancio di una notte di controlli della Locale della Valle Sabbia

05/07/2020

Sopralluoghi anti assembramento

Anche i Carabinieri della Compagnia di Salò hanno effettuato numerosi controlli per verificare il rispetto della normativa sul Covid-19. Dieci giorni di chiusura comminati dalla Prefettura per un bar di Ponte Caffaro

05/07/2020

Brescia e Bergamo Capitali della cultura, un'occasione anche per la valle

Un emendamento al decreto Rilancio ha già assegnato il titolo per il 2023 in abbinamento alle due città: un’occasione di rilancio non solo per i capoluoghi ma anche per le loro province

04/07/2020

In montagna con accompagnatori e guide

Anche itinerari sulle montagne bresciane e in Valsabbia e sull’Alto Garda fra le proposte di questa iniziativa promossa dalla Regione