01 Novembre 2017, 10.15
Valsabbia
Blog - Glocal

Buona e cattiva accoglienza

di Valerio Corradi

L’articolato progetto Sprar illustrato il 19 ottobre a Serle, promosso dal Comune e da attori della cooperazione sociale, fornisce l’occasione per riflettere su come fare “buona accoglienza”


Nell’opinione pubblica e sul piano politico, nei mesi scorsi, hanno suscitato accesi dibattiti alcuni casi di mala-gestione dei richiedenti asilo in provincia di Brescia.

Si pensi solo alle accuse di truffa allo Stato mosse ad alcuni imprenditori del settore, al caso di sovraffollamento della palazzina di via Bocchi a Brescia, e alla situazione critica di alcuni Centri di accoglienza straordinaria (Cas).

Si è ormai profilata una situazione nella quale l’urgenza di ridistribuire sul territorio i richiedenti asilo porta a optare per soluzioni “tampone” e di emergenza appoggiandosi alle strutture più disparate (Hotel, B&B, abitazioni private, residence, edifici pubblici in disuso, ecc.) e spesso ad affidarsi a soggetti fino a poco tempo prima estranei al campo dell’assistenza sociale.

Sotto il profilo gestionale, c’è poi da aggiungere che l’accoglienza si limita, a volte, a meri adempimenti formali connessi alla erogazione di servizi di alloggio, di pulizia, di pasti e di specifici beni.

La presenza di attori dalla limitata competenza da una parte e l’abbassamento della qualità degli interventi dall’altra, rischiano di gettare ombre sull’accoglienza in quanto tale, rinforzando una sua negativa rappresentazione solo in termini di “business” o di “spreco” di risorse pubbliche.

Serve allora puntare in maniera decisa sulla “buona accoglienza” fatta di trasparenza negli affidamenti, di oculata gestione dei finanziamenti e di garanzie per il rispetto degli standard di qualità dei servizi erogati.

Lontano dai riflettori, da tempo, alcune realtà del terzo settore anche valsabbino stanno promuovendo progetti che vanno in questa direzione, superando le criticità tipiche di strutture ripiegate su sé stesse e non in grado (per volontà o per limiti) di avviare collaborazioni col territorio e di sviluppare progetti d’inserimento sociale con positive ricadute per le comunità locali.

In questo quadro, è auspicabile che i futuri progetti pubblici di accoglienza sappiano premiare maggiormente le partnership sociali formate da realtà cooperative di comprovata esperienza e competenza e dai forti legami col territorio.


Commenti:
ID73984 - 02/11/2017 17:41:27 - (bob63) -

Caro Valerio,il problema immigrazione non funziona all'origine , figuriamoci alla fine del percorso,tutto un magna magna, sappiamo benissimo che l'80-90% di questi richiedenti asilo sono migranti economici dato che vengono da paesi non in guerra (buon x loro) e senza far la parte delle tre scimmie, bisognerebbe avere l'onestà di rimandarli a casa x poter accogliere e dare una vita dignitosa a chi veramente puo' definirsi profugo e richiedere regolare richiesta di asilo politico e distribuito in tutta Europa, x il resto sono tutte chiacchere inutili, e quale comprovata esperienza e competenza possono avere le cooperative locali x risolvere un marasma simile,marasma creato sicuramente x gestire risorse enormi senza nessun controllo, e dei profughi.. chi se ne frega, quelli a Anfo (x esempio) che futuro ha dato lo Stato?e in ogni caso potresti essere piu' specifico di quali progetti parli, ne sarei curioso, ulteriori servizi?

ID73985 - 02/11/2017 18:47:03 - (sonio.a) -

Ma perch gli iscritti e simpatizzanti pd non attuano la cosiddetta accoglienza diffusa ospitando nelle loro dimore questi presunti profughi?naturalmente vitto e alloggio fino a che non siano autosufficienti naturalmente!diano l'esempio loro...senno sono solo chiacchere!

ID73996 - 04/11/2017 16:59:01 - (Tc) - ...

i nostri pensionati frugano negli scarti dei mercati qualcosa da mettere sotto le dentiere se ne hanno e certi profughi/immigrati(online e' pieno di video in merito...) si lamentano del cibo,del perche'non hanno wi-fi e sigarette e dell'accoglienza in genere...vale proprio la pena allora accogliere?...

Aggiungi commento:
Vedi anche
15/12/2017 14:50:00

Senza prospettive Dei 23.573 richiedenti asilo e rifugiati in Lombardia, 2742 sono ospitati nelle strutture di accoglienza bresciane. Vediamo qual è la situazione in Valle Sabbia e quali sono le problematiche principali dell’integrazione

19/04/2017 14:48:00

Il Decreto Minniti è una soluzione? Negli scorsi giorni il Parlamento ha dato il primo via libera al Decreto Minniti sull’immigrazione. Il provvedimento intende rispondere a delle esplicite richieste della Commissione europea di un’azione più efficace sui rimpatri e nella gestione dei richiedenti asilo

26/09/2017 15:00:00

Chi accoglie e chi no Il tema dell’accoglienza dei richiedenti asilo nel bresciano è oggetto, in questi giorni, di decisioni e accordi importanti. Cosa ne pensano i Comuni della Valle Sabbia?

18/03/2018 08:26:00

No allo Sprar: l’accoglienza a Salò L’accoglienza è da anni un argomento spinoso in Italia e non solo, che divide politici e cittadini in un dibattito sempiterno

03/09/2016 14:37:00

Protezione internazionale Venti richiedenti asilo politico da ieri, venerdì, sono ospitati in una struttura privata di via Panoramica, a Serle. Il sindaco: «Ne parleremo coi cittadini in assemblea, martedì 13 settembre»



Altre da Valsabbia
11/07/2020

Lo Spaccadischi sotto l'ombrellone

Ecco gli appuntamenti di questo fine settimana tra Valle Sabbia, Garda e provincia

10/07/2020

Acque&Terre Festival, il cartellone completo

Svelato il programma completo della rassegna estiva di oncerti, spettacoli, incontri tra fiume, colline e lago: 11 appuntamenti fra luglio e agosto in 8 paesi

09/07/2020

Anziani e disabili soli, l'appello: «Permettete ai parenti le visite»

Il gruppo “Connettere Salute” lancia un appello tramite lettera aperta indirizzata ai vertici della Regione Lombardia per chiedere l'immediata revisione della delibera di giunta che tuttora impedisce ai familiari di fare visita agli ospiti delle strutture

09/07/2020

«Ciak in Lombardia», la Regione sul set

L'assessore regionale al Turismo Lara Magoni introduce un bando per selezionare progetti audiovisivi che valorizzino l'immagine della Lombardia che si rialza dopo l'emergenza coronavirus. Iscrizioni aperte dal 15 luglio

09/07/2020

Svelata la ricerca del 2018

Dopo ben due anni di mistero lo studio sul depuratore del Garda redatto nel 2018 dall'Università di Brescia su commissione di Acque Bresciane è stato reso pubblico. Il commento del sindaco di Montichiari Marco Togni

09/07/2020

Comitato Gaia, una petizione online per fermare il progetto

Lanciata su Change.org all'inizio della settimana, la petizione del Comitato ambientalista di Gavardo ha già raccolto diverse centinaia di firme per bloccare il progetto del maxi depuratore del Garda sul fiume Chiese

08/07/2020

Consorzio Medio Chiese contrario al depuratore

Sollecitati dal sindaco di Montichiari Marco Togni, i responsabili del Consorzio hanno affermato di non aver mai condiviso il progetto, ma di aver solo fornito i dati idrogeologici richiesti. Acque Bresciane: “Un equivoco lessicale”

08/07/2020

Sanità, Girelli: «Un voto che vale una sfiducia a Gallera»

Approvata in consiglio regionale una mozione del Pd con primo firmatario il consigliere regionale valsabbino del Pd che chiede trasparenza sui fondi pubblici dati ai privati

08/07/2020

L'arte in Valle Sabbia: valutazioni critiche e nuove prospettive

Quarta e ultima puntata della serie dedicata all’arte e cultura nel bresciano a cura di Giovanni Baronchelli stavolta dedicata all’ambito artistico valsabbino moderno e contemporaneo
• VIDEO

07/07/2020

50 anni di Regione Lombardia

Il consigliere valsabbino della Lega Floriano Massardi: “Cinquantesimo sia la festa di tutti lombardi, nella certezza assoluta che ci rialzeremo più forti di prima”