Skin ADV
Giovedì 23 Marzo 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Sale la nebbia

Sale la nebbia

di Michele Panzera



21.03.2017 Bagolino Valsabbia

22.03.2017 Vestone Valsabbia

22.03.2017 Agnosine

21.03.2017 Bione Agnosine Odolo Preseglie Valsabbia

23.03.2017 Valsabbia

21.03.2017 Bione

21.03.2017 Vobarno

22.03.2017 Valsabbia Provincia

21.03.2017 Casto

23.03.2017 Prevalle Valsabbia



23 Dicembre 2006, 00.00
Vallio Terme
Libri

I Ròc, ovvero quelli di casa Agostini


Vallio come Lubecca e il Vrenda come il Trave? Forse, ma naturalmente manca il mar Baltico e soprattutto mancano Thomas Mann e quel Nobel per la letteratura che la storia dei Buddenbrook gli fece conquistare nel 1929.

di Luigi Agostini
edito da Civiltà Bresciana
pagine 320
prezzo € 12,5
Recensione di Sergio Re

Una saga familiare sulle sponde del Vrenda

Vallio come Lubecca e il Vrenda come il Trave? Forse, ma naturalmente manca il mar Baltico e soprattutto mancano Thomas Mann e quel Nobel per la letteratura che la storia dei Buddenbrook gli fece conquistare nel 1929.
Vorrei dire anzi che la storia qui non è nemmeno abbozzata e il vero parallelo si potrebbe forse e solo costruire tra questo libro e il “noto fascicolone dalla copertina a sbalzo e dai fogli di diversa qualità” sul quale il vecchio console Johann Buddenbrook registrava meticolosamente le principali vicende della sua famiglia e che di generazione in generazione arrivò tra le mani affrante di Tony, estremo epigono del ceppo anseatico, quando nonostante la sventurata serie di sciagure e di decadimenti sociali rimase sola , ma sempre abbarbicata con incrollabile dedizione al sogno di riscatto dell’antica dignità familiare.

L’autore dei Buddenbrook bresciani, il nostro Luigi Agostini, la cui antica casata si perpetua in quel di Vallio almeno a far data dal 1853, altri non è infatti che il raccoglitore paziente di documenti miracolosamente conservati nel trapasso delle generazioni tra i vari esponenti di questa famiglia che nel soprannome “I Ròc” riecheggia non solo il nome del capostipite [Rocco Agostini], ma addirittura il più alto e nobile archetipo del Meclemburgo, i [Buddenb]Ròc.
La questione è presto detta, ciò che manca a questo libro per farne una storia, o meglio il “romanzo”, è lo scatto d’orgoglio capace di nobilitare le poche righe epistolari dei vari componenti, snocciolate senza un fondale storico e alimentate solamente dal circuito degli interessi familiari, per trasformarle in una vicenda capace di interessare anche chi non appartiene alla famiglia.

Non si tratta insomma del fatto che Mann aveva a disposizione un palcoscenico narrativo riservato alle contese dell’alta borghesia, culminate nello smacco della cessione del palazzo avito dal senatore Buddenbrook al console Hangeström, qui manca – mi sembra – la mitizzazione dei successi e il riscatto letterario di quelle piccole controversie familiari, delle avversità e dei particolarismi che altrimenti non possono risollevarsi dall’ambito angusto dell’interesse privato.
Questo per mettere a posto le cose ed avvisare il lettore di ciò che non si deve assolutamente aspettare da queste pagine: non si tratta di una storia e nemmeno di un intreccio romanzesco dove gli avvenimenti personali si srotolano sul fondale della più grande storia provinciale o nazionale.

In fondo però io credo che l’autore stesso non intendesse spacciare per storia o letteratura bresciana il lavoro che consiste invece, salvo le poche pagine di introduzione, in un variegato epistolario straordinariamente (questo sì) conservato dalle ingiurie del tempo.
Detto questo, non occorre poi cercare molto per ritrovare invece tra le pagine di questo “diario” familiare, redatto spesso con caparbia puntigliosità, i tratti che riscattano l’ambito privato e personale della simpatica storia del nonno Rocco – fondatore appunto della stirpe dei Ròc (brescianissimo scotöm della famiglia) – il quale sembra aver deliberatamente perso la diligenza sul Colle di Sant’Eusebio per poter scendere a Vallio, bussare alla porta della bellissima cugina Domenica e quindi – a tempo debito – impalmarla. Tutte le vicende dell’epistolario in fondo prendono le mosse da questo fatto e dai nipoti e pronipoti che i due hanno generosamente allevato.

Personali quindi abbiamo detto le vicende, ancorché a volte gustose, ma tra le loro pieghe allignano tuttavia alcune piccole perle di storia minore che riqualificano l’interesse di tutto lo scritto.
Dalla piccola contabilità di Angelo Agostini, seminarista a Brescia nel 1883, veniamo ad esempio a sapere che a quell’epoca una corsa in “tranvai” da Gavardo a Brescia costava 0,75 lire, che il calzolaio chiedeva la stessa cifra per la suolatura delle scarpe e che una cartolina con francobollo costava 0,30 lire.
Questi prezzi possono poi venir raffrontati con altre e successive valorizzazioni effettuate nel 1899, alla morte del capostipite e al momento di dividerne l’eredità, quando scopriamo che due sedie erano valutate una lira (come tre cartoline affrancate).
Ma dal lungo elenco di mobili ed attrezzi che la benestante famiglia ha lasciato agli eredi possiamo risalire alle abitudini, agli agi e a parecchie altre informazioni sui confort di una casa della piccola borghesia amministrativa nello scorcio del secolo XIX.
Inequivocabili ad esempio le abitudini alimentari se, oltre a mobili, cassapanche, credenze, ecc., vi era meticolosamente elencata anche una cassetta per confezionare il salame, un girarrosto e alcune graticole.

Ma la chicca di tutto il libro a mio avviso è quel tema di aritmetica che recita: tra i Comuni A. B. e C. è stato costituito un Consorzio per la costruzione d’una Strada rotabile… e prosegue snocciolando le lunghezze dei percorsi nei diversi comuni e il relativo “contingente dell’Imposta Fondiaria”, chiedendo al candidato la suddivisione dei costi per ogni compartecipe del consorzio.
Il lavoro fa parte d’una prova d’esame che il quartogenito della famiglia Agostini (Luigi) sostenne nel 1878 quando si presentò al concorso per il posto di Segretario nel Comune di Vallio.
Luigi Agostini (senior) dette sicuramente buona prova delle sue competenze, tant’è che superò brillantemente l’accertamento e venne eletto segretario presso il comune di Vallio, divenendo così – dopo il capostipite – il secondo rappresentante di una attività che diventerà pressoché tradizionale nella famiglia dei Ròc.

Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
26/10/2016 09:13:00
A Barghe con Thomas Mann Cosa c'entra la famosissima incisione del Dürer, Melancolia, densa di riferimenti esoterici come il quadrato magico, con "La montagna magica", il romanzo più famoso di Thomas Mann? Se vi interessa venite questo giovedì sera a Barghe

14/10/2016 15:05:00
Premio Nobel a Bob Dylan. Tra Hemingway e Montale... È proprio il caso di dirlo, stona un po'... L'accademia di Svezia, nel giorno in cui ci lascia un altro Premio Nobel, il grandissimo Dario Fo, assegna a Bob Dylan l'ambito riconoscimento per la Letteratura.

19/03/2017 10:38:00
Di Giuseppe Montesanto mantovano e di ciò ch’egli operò. “Volgendo lo sguardo a quel seggio sul quale assiduo fra noi sedeva chi non è più, vi sorge il pensiero della grave perdita che fece la nostra Accademia, che fece la classe medica e la città tutta”

10/10/2014 09:15:00
L'amore al tempo della Grande Guerra Sarà presentato questo sabato, 11 ottobre, a Nave il volume “Un filo d’amore tra casa e trincea”, di Luigi Agostini, edito dalla Fondazione Civiltà Bresciana per il centenario della Grande Guerra

23/06/2015 18:02:00
Cinque anni fa moriva Eros Era il 22 giugno. Il padre lo stava cercando da ore, Eros Silvestri era precipitato con l'auto nottetempo nel Vrenda di Vallio Terme, in località Calchere. Morto forse per l'urto contro le rocce, forse per annegamento




Altre da Vallio Terme
22/03/2017

Educazione finanziaria in classe

Coinvolgerà anche una decina di scuole valsabbine il progetto di educazione finanziaria “Coltiva il tuo sogno” rivolto ai bambini della scuola primaria. Per le scuole materiali didattici gratuiti e un grande concorso che mette in palio una stampante 3D

15/03/2017

Raccolta degli oli usati

Con la distribuzione del kit per la raccolta differenziata, sarà distribuito alle famiglie valliesi anche il contenitore per la raccolta degli oli usati. Sollecitati i cittadini a evitare certi errori col sistema di raccolta differenziata


14/03/2017

Gruppo Sportivo Vallio Terme, un nuovo inizio

Il nostro tour delle polisportive valsabbine ha come prima tappa il Gruppo Sportivo Vallio Terme, che si occupa di calcio, pallavolo e organizzazione di eventi sportivi. Ne parliamo con Mauro Zambelli, presidente del sodalizio

14/03/2017

Al via la riqualificazione del Centro sportivo

Prenderanno il via entro il mese di marzo i lavori di riqualificazione del centro sportivo di Vallio Terme, un progetto di oltre 600 mila euro realizzato grazie a un importante finanziamento regionale

01/03/2017

Donne per le Donne 2017

Torna l’iniziativa che nell’arco del mese di marzo coinvolgerà una rete di sette Comuni in una serie di eventi dedicati alle donne in occasione della festa dell’8 marzo

23/02/2017

Interior designer accademica

Congratulazioni ad Agnese Berno, di Vallio Terme, per il traguardo raggiunto con il superamento della tesi del 3° anno con 110 in decorazione-interior design all'Accademia di Belle Arti Santa Giulia di Brescia

21/02/2017

Appuntamento con la prevenzione

Grazie a una convenzione dell’amministrazione comunale di Vallio Terme con un laboratorio privato, ai cittadini residenti viene offerta la possibilità di effettuare le analisi cliniche a una condizione vantaggiosa

16/02/2017

7mml «Ritorno al Centro»

Questo venerdì un ultimo saluto alle Terme di Vallio prima della partenza degli equipaggi del nuovo progetto dell’associazione culturale 7milamiglialontano di Brescia, per costruire una scuola bottega in India



16/02/2017

Libro a metà prezzo con la prenotazione in anticipo

È possibile prenotare presso la biblioteca comunale valliese il libro che raccoglie le ricerche effettuate la scorsa estate dal gruppo di studenti dell’Università di Padova coordinato dal prof. Brogiolo

14/02/2017

Due anni e mezzo senza patente

E' quanto avrebbe rimediato il 60enne residente nella Valle del Vrenda che alla fine di giugno dello scorso anno aveva deliberatamente urtato un ciclista che pedalava lungo la Provinciale a Villanuova (19)

Eventi

<<Marzo 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia