Skin ADV
Mercoledì 19 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








Giulietta e Romeo

Giulietta e Romeo

di Graziella Martinelli





10 Ottobre 2016, 09.53
Val del Chiese Storo
Festival della Polenta

La migliore è la Carbonera di Condino

di Aldo Pasquazzo
Nemmeno il tempo uggioso, con la leggera pioggia che a tratti è caduta su Storo, ha limitato il grande successo di pubblico al secondo Festival della Polenta della valle del Chiese
. Migliaia le presenze registrate, soprattutto di ospiti di fuori Provincia, a conferma dell'ottimo lavoro di promozione svolto nelle ultime settimane. E sono state 1.500 le tesserine vendute dagli organizzatori della Pro Loco M2 per consentire gli assaggi delle otto polente in gara. "Dati lusinghieri perché nettamente superiori a quelli della prima edizione" commentano con soddisfazione Nicola Zontini e Matteo Bonomini, anima e cuore della Pro Loco di Storo M2, promotrice dell'evento con l'amministrazione Comunale, il Consorzio Turistico Valle del Chiese e la Coop Agri90.

L'accesa competizione all'ultima Trisa ha premiato quest'anno la polenta Carbonera di Condino riuscita a prevalere sulle due regine dell'edizione 2015: la Macafana di Cimego e la Carbonera di Storo. Ed è stata una vittoria conquistata sul filo di lana, con un solo punto di scarto. Sono stati 72 per Condino e 71 per Cimego (63 per Storo) i punti assegnati dalla giuria tecnica composta dai giornalisti gastronomi Edoardo Raspelli (presidente), Angelo Carrillo, Giuseppe Casagrande, Gianmichele Portieri e Sara Colonna, dall'imprenditore Giampietro Comolli, dal sindaco di Storo Luca Turinelli e dal vicepresidente del Consiglio provinciale di Trento Walter Viola.

Serrato anche il confronto nel voto popolare, espresso cioè da chi ha assaggiato le otto polente in gara. Stavolta si è invertito il voto dello scorso anno: a prevalere è stata la Macafana di Cimego sulla Carbonera di casa, ovvero dei polenter di Storo. Al terzo posto – a conferma della sua piacevolezza – c'è la Carbonera di Condino. Novità voluta quest'anno dagli organizzatori è stato il riconoscimento per la migliore polenta di patate. Anche in questo caso la vittoria è stata assegnata dalla giuria tecnica con uno scarto minimo. Il Trofeo è andato ai polenter di Strada (61 punti) davanti alla Valle di Ledro (59,5) e a Praso (57).

In gara nel secondo Festival della Polenta di Storo vi erano anche le polente Carbonera di Brione e Cucia di Bondo, che come prevede il regolamento sono state classificate a ex equo ai piedi del podio. E' stata grande festa animata dalle presenze anche di Giorgio Butterini (presidente della Comunità di Valle e promotore del contenitore Trentino Food Festival che raggruppa i principali otto eventi gastronomici del Chiese e delle Giudicarie), del vicepresidente del Bim Luca Mezzi, dell'assessore Tiziano Mellarini, del sen. Franco Panizza, dei consiglieri provinciali Mario Tonina, Chiara Avanzo e Luca Giuliani, e gli assessori Loretta Cavalli e Stefania Giacometti, quest'ultima impegnata in prima linea nel Comitato organizzatore. E poi migliaia di persone che nel tardo pomeriggio hanno potuto assaggiare la castagne della valle.

A Condino è stato consegnato il Trofeo in legno ideato da Giovanni Moneghini e realizzato dallo scultore locale Mario Brugnoni di Storo. Propone in maniera simbolico le pannocchie del nostrano di Storo e il classico paiolo per la cottura della polenta. E' un trofeo perenne che anno dopo anno – come avviene con i grandi trofei internazionali - recherà sul basamento i nomi dei paesi vincitori che avranno diritto a custodirlo sino all'edizione successiva. Il gruppo missionario ha vinto il Concorso degli spaventapasseri con il lavoro "Spaventapasseri missionario custode del Cibo".

Con il pubblico ad animare l'evento ospitato nel Trentino occidentale, tra il Lago d'Idro e le Dolomiti di Brenta, sono state quattro differenti polente della valle del Chiese: Carbonera (cucinata tradizionalmente con Salame e Burro), Macafana (Burro, Spressa e Cicoria selvatica), Cucia (Burro e Formaggio di monte fuso) e di patate (con Cipolla e Formaggio). Fuori gara vi erano poi altre due polente: quella con la farina gialla di Storo Agri 90 e il formaggio Gorgonzola cucinata dal Circolo pensionati del Voi in e la Concepì (farina gialla di Storo più panna e salame) preparata dal Gruppo Missionario in piazza dell'Unità d'Italia. Non è stata proposta la nuovissima Polenta delle Strie che sarà il piatto forte del Mercatino di Natale che si aprirà il prossimo tre dicembre a Cimego.

Ad aprire il secondo Festival della Polenta è stato il convegno "L'Oro di Storo, recupero della Storia. Un'esperienza nazionale" che nel tardo pomeriggio di sabato ha riunito nella sala conferenze di Agri90 la docente universitaria di Padova Margherita Lucchin, la rappresentante della Fondazione Mach Mina Venturelli, il presidente del Museo degli Usi e Costumi della Gente Trentina Giovanni Kezich e l'assessore alla Cultura e Cooperazione Tiziano Mellarini. Un incontro molto partecipato che ha fornito alcune precise indicazioni sulla genesi del Nostrano di Storo sia in tempi antichi (si valuta che l'arrivo del granoturco nella Valle del Chiese risalga al 1657) sia più recenti con l'avvio dell'utilizzo dell'attuale Nostrano verso la fine dell'800. Poi momenti bui con l'arrivo del granoturco di produzione ibrida. Solo negli ultimi 25 anni l'inizio del percorso anche culturale che ha portato al ritorno del Nostrano di Storo grazie al lavoro di pungolo, di stimolo e di ricerca, promosso dalla Famiglia Cooperativa, da Esat, dall'Università di Padova e da Agri90 (con Vigilio Giovanelli). Sino ai fasti di oggi, con la produzione passata da 300 a 11.000 quintali e una redditività che pone l'Oro di Storo ai vertici nazionali. Un aspetto capace di garantire occupazione e un interessante integrazione del reddito come ha sottolineato l'assessore Mellarini.
Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
25/09/2015 09:12:00
A Storo nasce il Festival della polenta Domenica 11 ottobre esperti polentèr provenienti dai paesi della Valle del Chiese si sfiderano a base di polenta tradizionale, carbonera, macafana e quella insolita di patate. Venerdì sera una tavola rotonda su produzione agricola e promozione turistica

07/10/2016 09:41:00
A Storo sfida fra polenter Sarà una sfida all'ultimo colpo di trisa quella in programma domenica 9 ottobre a Storo nel secondo Festival della Polenta, che vedrà il confronto pubblico tra quattro differenti specialità gastronomiche locali per la conquista del titolo di Polenta Regina della valle del Chiese 2016

01/10/2018 09:45:00
Il trionfo dei polentèr di Storo I maestri della polenta storese hanno vinto questo 4° Festival della Polenta facendo onore alla loro consolidata tradizione. Brave anche le compaesane “Amiche delle Pellegrine”, vincitrici del concorso per i migliori Spaventapasseri 

11/12/2018 10:40:00
Storesi e «polentèr» a Pisa Nel fine settimana dell'Immacolata le degustazioni di polenta carbonera di Storo, servite con stoviglie ecologiche e biodegradabili, hanno conquistato Pisa e i pisani 

07/10/2015 09:35:00
Il festival della polenta Storo in fermento per la prima edizione del “Festival della polenta”, un evento gastronomico che domenica 11 ottobre chiuderà la manifestazione “Saperi e sapori nostrani”



Altre da Storo
19/12/2018

L'organo torna a risplendere e a suonare

Sabato sera l’inaugurazione del restauro dell’organo della chiesa parrocchiale di San Floriano di Storo

19/12/2018

Luca Mezzi si dimette

L'ingegnere lascia non solo la vice presidenza dell'ente Bim del Chiese, ma anche ogni altra carica consiliare. In Consiglio comunale gli subentrerà Francesco Giacomolli 

18/12/2018

Luca Mezzi lascia la maggioranza

Il consigliere, oltre a lasciare il gruppo di maggioranza del consiglio comunale di Storo, ha rimesso nelle mani del sindaco la delega del Bim di Chiese dove era vicepresidente (1)

11/12/2018

Storesi e «polentèr» a Pisa

Nel fine settimana dell'Immacolata le degustazioni di polenta carbonera di Storo, servite con stoviglie ecologiche e biodegradabili, hanno conquistato Pisa e i pisani 


07/12/2018

Addio alla decana di Storo

Si è spenta la nonna di Storo che solo due settimane fa era stata festeggiata per i suoi 100 anni. Già oggi venerdì i funerali

03/12/2018

Vigili del fuoco, la prevenzione dà buoni frutti

Sono 38 i volontari in forza ai Vigili del fuoco di Storo. Nel corso del 2018 incidenti e incendi risultano in calo.

30/11/2018

Le verdure sparite

Brutta sorpresa per i proprietari di un appezzamento di terreno coltivato nella periferia sud di Storo a cui hanno sottratto le verze pronte per la tavola

30/11/2018

Porte aperte all'azienda agricola «Giacomolli»

A Rondasine i coniugi Giovanni Giacomolli e Sandra Galante portano avanti con orgoglio la cultura contadina di famiglia. Domenica scorsa una giornata aperta a famigliari e amici 

29/11/2018

Principio di rogo

Ad andare a fuoco il sottotetto di una casa Itea in via Trento. Registrati diversi danni, ma fortunatamente non ci sono stati né ustionati né feriti 


29/11/2018

«Insieme Noi», al centro le persone

Oltre 1300 i soci che hanno partecipato al nuovo evento della Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella



Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia