19 Agosto 2014, 07.08
Val del Chiese Storo
Giudicarie

Ai «Pelà» il tagliere della Scontrada

di Elisa Pasquazzo

Settantotto punti sono valsi ai "Pelà" la vittoria alla "Scontrada 2014", l'edizione del Palio d'agosto che ha divertito persone a migliaia in quel di Storo


A detenere il prestigioso “tagliere“ (un metro e mezzo di diametro con incisioni da artisti locali) erano quelli di Spenigol, vincitori dello scorso anno. A malincuore hanno dovuto consegnarlo ai protagonisti 2014 il cui rione (Pelà) comprendente le vie Papaleoni, Battisti, Del Grano e Saletto. Saranno loro a tenerselo per i prossimi dodici mesi.

«Siamo felici e orgogliosi di aver conquistato per la terza volta (1997, 2012 e 2014) il simbolo del paese» dicevano a gara da poco conclusa Pierangelo Zontini, Ivan Nascimbeni ed il capo contrada Claudio Cassinelli.
Dietro di loro si sono piazzate nell’ordine le contrade Prael, Palas, Mezzavilla, Spenigol e Cà Rossa.

La coreografia nel suo insieme era già bella da qualche giorno considerato che facciate e muri perimetrali di Storo risultavano addobbati dei rispettivi colori: Spenigol azzurro, Mezzavilla arancio, Prael verde, Palas giallo, Pelà bianco e di rosso la Cà Rossa.

«Da qualche anno a questa parte a Storo la giornata del Ferragosto - ha detto la vicesindaco Giusy Tonini nel corso del cerimoniale di premiazione - risulta animata dalla tradizionale “Scontrada”, anche se stavolta a causa del maltempo la rimpatriata cantonale è slittata di due giorni.
Una competizione a carattere ludico che vede a confronto i diversi rioni impegnati in una serie di giochi e attività di vario genere».

Molto sportivamente i rionali di Spenigol (peraltro vincitori di ben tre edizioni 86, 2010 e 2013), hanno accettato di fare un passo indietro, considerato che all’interno della compagine blu questa volta il grande assente era il compianto contradaiolo Silvietto Moneghini, deceduto ad inizio anno mentre recuperava legna nei pressi del podere Lomoro & Ferrari in zona Cà Rossa.

Proprio nel 2013 i fratelli Silvietto & Salvatore Moneghini avevano fatto l’effettiva differenza, accumulando un bel po' di punti nel segare tronchi sotto la bandiera dei spenigolèr.

«Dopo i consensi riscontrati nel 2009 abbiamo convenuto di formare un gruppo denominato “Comitato Scontrade” composto dai rappresentanti dei diversi rioni al fine di garantire un’organizzazione adeguata all’evento e la proposta di giochi e sfide sempre nuove ed entusiasmanti» diceva a fine manifestazione Nicola Zontini, numero uno dell’associazione affiancato da Davide Canetti, Mirko Giovanelli e Luca Comai.

Tra i giochi il contenitore comprendeva “La Bicilumacona”, il tradizionale gioco del “Fazzoletto“ in sostituzione del tiro alla fune ed il “Canestro spigoloso”.
Rimanevano, pur innovati, il gioco della “Staffetta Bislacca”, il temuto “Percorso Militare” e “Lo Sci della Cultura.

Il Palio è un momento di convivialità e di allegria
, si vive un certo antagonismo di campanile, ma allo stesso tempo la popolazione storese si unisce e persegue le sue tradizioni.
Questo è ciò che scorre nella realtà quotidiana dei "coquadre".



Aggiungi commento:
Vedi anche
15/08/2015 06:00

A Storo va in scena la «Scontrada di Ferragosto» Questo pomeriggio a Storo il Palio dell’Assunta, con i sei rioni impegnati a contendersi a suon di sfide il prestigioso “tagliere”

17/08/2015 10:30

Ex aequo al Palio dell'Assunta Stavolta a prevalere nel Palio dell’Assunta a Storo sono risultate in maniera ex aequo le Contrade Cà Rossa e Palas

16/08/2018 09:55

La Scontrada 2018 a Mezzavilla Il Palio delle contrade di Storo del giorno dell'Assunta va stavolta alla contrada di Mezzavilla premiata con il tradizionale e prestigioso tagliere

17/08/2016 09:03

Ai rionali di Prael la Scontrada 2016 L’ambito tagliere del palio delle contrade di Storo è andato quest’anno alla contrada di Prael, che hanno superato all’ultima prova i concorrenti di Palas

30/06/2016 17:50

Ai Lanzi di Storo il Palio di San Vigilio Per la terza volta consecutiva l’associazione Lebrac di Storo ha vinto l’ambito riconoscimento assegnato alle Feste Vigiliane di Trento come miglior gruppo storico



Altre da Storo
11/09/2020

Porte aperte all'Auditorium «Herman Zontini»

Questa sera – venerdì 11 settembre – dalle 18 alle 20 sarà possibile visitare dall'interno l'Auditorium di Storo, tanto atteso dalla popolazione

05/09/2020

Un primo passo per la collaborazione

Questo sabato al Grilli al via la collaborazione tra le due storiche rivali storise, Settaurense e Calcio Chiese, per il comparto “primi calci”

04/09/2020

Il Circolo «dei Voi» riapre in sicurezza

A partire da domani – 5 settembre – il Circolo pensionati di Storo riapre dopo mesi di chiusura forzata, con un nuovo regolamento dettato dalle norme anti Covid

01/09/2020

Istituto comprensivo del Chiese, cambio al vertice

Il dirigente scolastico Fabrizio Pizzini ha raggiunto l’età della pensione; gli succede il professor Romeo Collini, al suo primo incarico come dirigente

01/09/2020

L'ultimo saluto all'ex direttore

È morto Renzo Marini primo direttore di banca a Darzo. Questo martedì mattina la funzione funebre presso il cimitero locale

24/08/2020

Storo, viabilità modificata per lavori

Da oggi – 24 agosto – al 4 settembre il transito a Storo sarà modificato per l'esecuzione di lavori alla rete del gas

21/08/2020

Deviazioni per lavori in corso

A causa dei lavori di metanizzazione all’altezza di Cà Rossa sarà modificata la viabilità della zona con inevitabili allungamenti

21/08/2020

Bandi per le associazioni

Cassa Rurale Giudicarie Valsabbia Paganella e Cassa Rurale Adamello: 140.000 euro a favore delle associazioni del territorio per il sostegno di investimenti materiali e progetti in ambito formativo culturale e sociale

20/08/2020

Malore in passeggiata

Una ragazzina di 10 anni è stata soccorsa e poi caricata sull’eliambulanza per un ricovero al Maria del Carmine di Rovereto. Non è grave

19/08/2020

Monetine come nella fontana di Trevi

Sono quelle che turisti e passanti lasciano come simbolo di buon auspicio nella bella fontana in granito nel centro di Storo, ma c’è chi fa man bassa e se le porta via