Skin ADV
Giovedì 21 Marzo 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








20.03.2019 Villanuova s/C

20.03.2019 Sabbio Chiese

19.03.2019 Vobarno

19.03.2019 Vobarno

19.03.2019 Vestone

21.03.2019 Gavardo

20.03.2019 Storo

19.03.2019 Gavardo

19.03.2019 Preseglie

19.03.2019 Pertica Bassa Casto Pertica Alta






23 Novembre 2007, 00.00
Treviso Bs
Storia

La peste a Treviso Bresciano - seconda parte


Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.
Attraversare la Valle dei Morti a Treviso Bresciano equivale ad esplorare il fondovalle a tratti paludoso sul quale si affaccia il paese, guardando verso i monti che lo separano da Provaglio.
Con la consapevolezza del buio, della paura, del disgusto misto a terrore che deve aver sopraffatto le semplici anime montanare che hanno visto pi√Ļ volte falcidiati dalla peste i propri cari gli amici e conoscenti, in un crescendo che ha ridotto pi√Ļ volte l’abitato a poche famiglie sopravvissute.
Sono trascorsi i secoli, il tempo ha creato in s√© altre selezioni e scelte rispetto all’andamento demografico del paese. Resta testimoniato nel libro di Don Sandro Gorni quello che fu la peste nelle due ondate pi√Ļ poderose che il tempo ricordi: nel 1577-8 e quella di manzoniana memoria del 1630.
(seconda parte di quattro Рla prima è stata pubblicata il 15/11/07)


-----la peste del 1630
Ecco adesso come don Sandro Gorni ci descrive la peste del 1630
“Nel settembre del 1629 i Lanzichenecchi, attraversando territori gi√† colpiti dal morbo, calavano in Lombardia portando seco i terribili germi del contagio. Alla met√† dello stesso mese, esso infuriava in Lecco e nel territorio…Da Palazzolo giungeva il 13 febbraio del 1630 la notizia della morte in sospetto di peste di due donne.
Il 9 marzo si verificavano altri casi, seguiti da altri ancora. “Il contagio si dilata, le paure della peste sono divise coll’altra, dell’orde alemanne…Intanto la peste va pullulando per le terre del bresciano, sparsavi dai soldati, alimentata dall’incuria di chi ormai tra guerra e miasmi non sapeva trovar bandolo a qualche provvedimento. Ma le morti in citt√† si moltiplicarono… Le grosse terre piantano lazzaretti, intimano quarantene, vietano i transiti, mettono guardie, cancelli e steccati…tutto √® pieno di paura e di sospetto…Anche il pane mancava agli stipati e la fame si aggiunse alla guerra e alla pestilenza”.

Il terribile morbo “divamp√≤ spaventosamente, e nel breve spazio di tre mesi fece tale strage che al nob. Antonio Ducco…pareva incredibile che Brescia si fosse cambiata in modo, che sede d’ogni delizia e volutt√†, in uno stato di indigenza miserabilissima e quasi in un deserto si fosse conversa”.
Il numero dei morti cresceva continuamente e sul finire di luglio toccava le punte pi√Ļ alte. Il tempo sereno, accompagnato da una grande calura, aveva favorito lo svilupparsi del contagio.
Da agosto fortunatamente il morbo incominciò a perdere la propria virulenza ed alla fine di ottobre 1630, si poteva dire che esso, se pur continuava ad infierire nel territorio, era totalmente cessato in città. A Treviso Bresciano il nefasto morbo arrivò nel luglio 1630; si sviluppò grandemente nei mesi di Luglio e agosto; soltanto nel mese di settembre si affievolì e poi ebbe termine.

Alessandro Manzoni ritrasse e descrisse mirabilmente quelle scene di desolazione, di orrore e di morte nel celeberrimo romanzo “I Promessi Sposi”. Quando una persona era contagiata, nella febbre e nei bubboni constatava la certezza della presenza della peste; soltanto chi era forte fisicamente poteva sperare di vincere la malattia e di poter cos√¨ sopravvivere.
Evidentemente chi era contagiato veniva portato via dalla famiglia atterrita e sgomenta; oppure di sua spontanea volont√† si allontanava da casa per salvare i propri cari, in un atto supremo e sublime d’amore, oppure intervenivano gli incaricati del comune (i monatti).

L’autorit√† ecclesiastica era rappresentata dal rettore Don Pietro de Salis di Giovanni, fratello di Don Antonio, di lui predecessore nel parrocchiato a Treviso Bresciano: era nativo di Gazzane di Volciano,ed aveva come collaboratore Don Pietro Dusini, di Vestone.
Probabilmente il rettore si era prodigato a visitare gli appestati. La morte lo colse nell’ottobre del 1630, quasi sicuramente colpito dalla peste”.

(-continua)
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/12/2007 00:00:00
La peste a Treviso Bresciano - quarta parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

29/11/2007 00:00:00
La peste a Treviso Bresciano - terza parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

15/11/2007 00:00:00
La peste a Treviso Bresciano - prima parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

23/01/2012 07:33:00
La peste a Treviso La peste di manzoniana memoria, quella che con i lanzichenecchi entrò in Lombardia nel 1630 a Treviso Bresciano fece strage di almeno 1000 morti?

13/06/2018 08:36:00
Anche ad Anfo e Treviso Bresciano La “bomba d’acqua ha colpito nella notte anche ad Anfo. Ieri a Treviso Bresciano sono state chiuse una decina di strade secondarie



Altre da Treviso Bs
23/02/2019

Dottoressa Emma

Tantissime congratulazioni a Emma Bontempi, di Treviso Bresciano, che ieri ha conseguito la laurea magistrale in Scienze religiose presso l’Universit√† Cattolica del Sacro Cuore di Brescia (1)

25/01/2019

¬ęLa guerra sul tetto¬Ľ, da Idro al Forte di Valledrane

Questo il percorso dell’escursione organizzata dal CAI di Sal√≤ per questa domenica, 27 gennaio. Questa sera – venerd√¨ – in sede un incontro propedeutico con la proiezione di fotografie e filmati¬†

27/12/2018

I presepi da opere d'arte

Anche quest’anno Treviso Bresciano si trasforma in una pinacoteca a cielo aperto, con la rassegna “√ą nato per Noi – Presepi di quadri famosi ispirati alla nativit√†”, visitabile fino al 6 gennaio negli angoli pi√Ļ suggestivi del paese

14/12/2018

Poste rilancia nei piccoli Comuni

Anche una rappresentanza di amministratori valsabbini a Roma per l’incontro di Poste Italiane per presentare nuovi servizi nei Comuni sotto i 5 mila abitanti (2)

13/12/2018

A Treviso Bresciano in scena il ¬ęBorgo di Natale¬Ľ

La fortunata iniziativa torna lungo le vie del piccolo borgo valsabbino questo sabato, 15 dicembre, con tante attivit√† natalizie, musica, gastronomia tipica e molto altro¬†• VIDEO

15/11/2018

Marta, dottoressa con lode

Tante congratulazioni a Marta Filosi di Treviso Bresciano che ieri, 14 novembre, si è laureata in Lingue e Culture per il Turismo e il Commercio Internazionale con 110 e lode (1)

14/11/2018

Boschi disastrati, come intervenire?

Se la normale gestione di un bosco è già di per sè complicata, figuriamoci quando centinaia di ettari di territorio sono stati sconquassati come è avvenuto nei giorni scorsi. Come fare? Ce lo dice l'esperto


09/11/2018

Non solo Bagolino

A subire pesantemente i danni del maltempo che si è scatenato una decina di giorni fa lungo la Valle, anche altri boschi e altre strade

08/11/2018

Nei guai in alta valle cacciatori vobarnesi e di Lumezzane

Fra le prede, cacciata contro le regole, anche una giovane femmina di capriolo
(28)

29/10/2018

Scuole chiuse? Ecco quali

Ecco le scuole che siamo certi saranno chiuse questo martedì in Valle Sabbia. Per le altre non abbiamo ricevuto comunicazione alcuna

Eventi

<<Marzo 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia