08 Dicembre 2007, 00.00
Treviso Bs
Storia

La peste a Treviso Bresciano - quarta parte

Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

Attraversare la Valle dei Morti a Treviso Bresciano equivale ad esplorare il fondovalle a tratti paludoso sul quale si affaccia il paese, guardando verso i monti che lo separano da Provaglio. Con la consapevolezza del buio, della paura, del disgusto misto a terrore che deve aver sopraffatto le semplici anime montanare che hanno visto più volte falcidiati dalla peste i propri cari gli amici e conoscenti, in un crescendo che ha ridotto più volte l’abitato a poche famiglie sopravvissute. Sono trascorsi i secoli, il tempo ha creato in sé altre selezioni e scelte rispetto all’andamento demografico del paese. Resta testimoniato nel libro di Don Sandro Gorni quello che fu la peste nelle due ondate più poderose che il tempo ricordi: nel 1577-8 e quella di manzoniana memoria del 1630.
(quarta parte di quattro – le altre sono state pubblicate nei giorni 15/11/07, 22/11/07 e 29/11/07)


------- la santella dei morti
Difficile sapere quanti morti ci furono a Treviso Bresciano, sembra abbastanza credibile la fonte che riporta che nella tomba finirono circa 1000 corpi e che si contassero sopravvissute circa 300 anime. Una strage considerato che anche i sopravvissuti avranno portato con sé per il resto della loro vita conseguenze fisiche e psicologiche che si saranno riversate ancora per parecchi anni nel tessuto culturale del paesello.
Ecco come continua il racconto di Don Sandro per spiegare la santella dei morti
“Il paese in quei terribili frangenti si sarà certamente rivolto alla preghiera, alla invocazione della Madonna delle Pertiche e dei Santi; e spesso nei momenti di maggior pericolo il popolo, il clero e le autorità civili si trovavano insieme per fare un voto pubblico a Dio. A questo voto pubblico si deve sicuramente la processione che si snodava dalla parrocchiale di S. Martino nell’ultima domenica di Luglio, e si portava mestamente, recitando il Rosario, i salmi del “Miserere” e del De profundis” e invocando con mesti canti la salvezza eterna dei sepolti nella Valle dei Morti: la processione terminava sempre sul prato “faègol”, con la solenne predica sulla morte, sulla salvezza dell’anima, sui misteri dei novissimi.

La devozione del popolo è sempre stata forte ed integra; per questo Don Giovanni Ragni, arciprete dal 1919 al 1929, volle edificare una santella in località Faègol: la Santella dei Morti. Venne dedicata alla Madonna del Carmelo, ivi rappresentata nell’atto di salvare le anime immerse nei torrenti del Purgatorio.
Si era nell’anno 1922 e nell’ultima domenica di luglio avvenne l’inaugurazione della Santella ad opera di Don Pietro Santi, appositamente invitato. Calde e suadenti le sue parole, e la predica infervorò i numerosi presenti al dovere di una vita santa e pure all’impegno di suffragare le anime dei trapassati. Ancor oggi in luglio rinnoviamo questa antica tradizione, anche se con alcuni cambiamenti, ma la sostanza rimane.

Inoltre il popolo è devoto dei morti di peste del 1630 e alla loro intercessione spesso è ricorso, specialmente nei periodi di gravi siccità; sono accorsi alla Santella dei morti a chiedere acqua copiosa per i campi e le messi assetate. Sempre, a memoria d’uomo, i trevigiani vennero esauditi e spesso, partiti a cielo sereno col sole dardeggiante sul capo, sono tornati a casa bagnati copiosamente per l’improvviso ma non inaspettato temporale.
Oggi la Santella si presenta ben tenuta e abbellita, soprattutto per il restauro avvenuto nel 1984 ad opera di alcuni volontari; sempre mani pietose e devote depongono una preghiera, un lume, un fiore!”.
(fine)


Aggiungi commento:
Vedi anche
29/11/2007 00:00:00

La peste a Treviso Bresciano - terza parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

23/11/2007 00:00:00

La peste a Treviso Bresciano - seconda parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

15/11/2007 00:00:00

La peste a Treviso Bresciano - prima parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

23/01/2012 07:33:00

La peste a Treviso La peste di manzoniana memoria, quella che con i lanzichenecchi entrò in Lombardia nel 1630 a Treviso Bresciano fece strage di almeno 1000 morti?

13/06/2018 08:36:00

Anche ad Anfo e Treviso Bresciano La “bomba d’acqua ha colpito nella notte anche ad Anfo. Ieri a Treviso Bresciano sono state chiuse una decina di strade secondarie



Altre da Treviso Bs
07/05/2020

Consiglio record a Treviso Bresciano

Duecentonovantaquattro accessi. Tanti quelli registrati sulla pagina ufficiale facebook del Comune di Treviso Bresciano per la diretta del Consiglio comunale

06/05/2020

L'Unità pastorale sul web

È quella di Santa Maria ad Undas che raggruppa le parrocchie di Anfo, Capovalle, Idro e Treviso Bresciano che ha sfruttato gli strumenti online per mantenere i contatti con i fedeli durante questo periodo di distanziamento forzato

19/04/2020

Per Liliana e Giovanni nozze di diamante+

Un giorno speciale oggi per Giovanni e Liliana di Treviso Bresciano, che festeggiano il loro 62° anniversario di matrimonio: classe '33 la sposa, classe '29 lo sposo, dissero il loro sì nel lontano 19 aprile 1958

13/04/2020

Mascherine sartoriali

A Treviso Bresciano l’impegno per il contenimento della pandemia denominata Covid-19 passa anche attraverso le mani delle sarte del piccolo comune valsabbino.

10/02/2020

Le fiamme sopra Treviso

Un “barec” distrutto e un uomo ustionato, pare in modo non particolarmente grave, è l’epilogo di un incendio che si è scatenato nel tardo pomeriggio di ieri sopra l’abitato di Vico, frazione di Treviso Bresciano

09/02/2020

Incendio a Treviso Bresciano, distrutto un fienile

Il fuoco al fienile della Coca, sopra l’abitato del paese, sarebbe stato appiccato da ragazzini che giocavano nelle vicinanze. Fortunatamente le fiamme non hanno raggiunto la vicina pineta

30/12/2019

Fra appalti e sorprese

Vincono la gara al massimo ribasso poi quando hanno incassato a sufficienza svaniscono. E i lavori pubblici restano al palo, per la disperazione di sindaci e cittadini. E' successo anche in Valsabbia, a Capovalle e a Treviso Bresciano

28/12/2019

Arriva la Stella, si illuminano i presepi

Ad illuminare il percorso dei presepi di Bagolino, nella giornata di Santo Stefano è arrivata anche la Stella di Sabbio Chiese e di Treviso Bresciano, portando questa antica tradizione nel borgo montano valsabbino, dove non è conosciuta

25/12/2019

«È nato per noi», a Treviso Bresciano i presepi artistici

Fino al 6 gennaio nel piccolo paese valsabbino si potranno ammirare i presepi di quadri famosi ispirati alla Natività, nel 25° anniversario della rassegna. Tanti anche gli eventi “collaterali”

20/12/2019

Scambio di auguri in piazza a Vico

Musica, vin brulè e delizie culinarie in piazza, a Treviso Bresciano, per scambiarsi gli auguri di Buon Natale. L’appuntamento è per domani, sabato 21 dicembre