Skin ADV
Sabato 23 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


Medusa in riva al mare a Jesolo

Medusa in riva al mare a Jesolo

di Claudia Giacomini



22.06.2018 Bagolino

23.06.2018 Pertica Bassa

22.06.2018 Vestone Anfo Lavenone

23.06.2018 Gavardo

22.06.2018 Vestone

22.06.2018 Valsabbia

23.06.2018 Barghe

22.06.2018 Casto

21.06.2018 Mura

22.06.2018 Vestone





15 Novembre 2007, 00.00
Treviso Bs
Storia

La peste a Treviso Bresciano - prima parte


Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.
Attraversare la Valle dei Morti a Treviso Bresciano equivale ad esplorare il fondovalle a tratti paludoso sul quale si affaccia il paese, guardando verso i monti che lo separano da Provaglio. Con la consapevolezza del buio, della paura, del disgusto misto a terrore che deve aver sopraffatto le semplici anime montanare che hanno visto più volte falcidiati dalla peste i propri cari gli amici e conoscenti, in un crescendo che ha ridotto più volte l’abitato a poche famiglie sopravvissute. Sono trascorsi i secoli, il tempo ha creato in sé altre selezioni e scelte rispetto all’andamento demografico del paese. Resta testimoniato nel libro di Don Sandro Gorni quello che fu la peste nelle due ondate più poderose che il tempo ricordi: nel 1577-8 e quella di manzoniana memoria del 1630.
(prima parte di quattro)

La peste di San Carlo
“La peste è un terribile flagello, che nei secoli passati ha colpito spesso le popolazioni, seminando ovunque morte, desolazione, dolore, miseria. Le cause sono da ricercare prevalentemente nella scarsità della alimentazione, nelle quasi inesistenti condizioni igieniche sanitarie, nell’assoluta mancanza di medicinali per combattere la infezione e vincere così il contagio.
E’ un vero flagello, che a tratti ha dominato la vita bresciana, devastando la città e i paesi, spopolando la campagna e la montagna.

Anche il nostro territorio è stato colpito più volte; per ragioni di spazio ci limitiamo ad accennare alle pesti propagatesi a Treviso Bresciano prima del 1630; mentre daremo maggior risalto a quella del 1630 "di manzoniana memoria". Nel paese è ben presente nei ricordi degli anziani e pure per la Santella dei Morti e per la Valle dei Morti: costruzioni e località che fanno esplicito riferimento al terribile contagio sviluppatosi in mezzo a noi nell'estate del 1630.
Prima di tale data si era diffusa nel 1312, nel 1449, nel 1450 e ancora di frequente in quei decenni.

La peste del 1577-8, detta di S. Carlo, non risparmiò il paese, come non risparmiò il resto del territorio bresciano. Fu detta di S. Carlo, in quanto in quel tempo S. Carlo Borromeo era Arcivescovo di Milano, Cardinale e Metropolita della Lombardia. La sua missione lo portò a compiere la visita pastorale nelle parrocchie bresciane. Inoltre venne detta “peste di S. Carlo” in quanto il porporato fu in prima linea nell’impegno a curare gli appestati e ad alleviare le sofferenze del popolo lombardo.
La pestilenza, che nel 1576 aveva fatto la sua comparsa nella nostra provincia, desolando Iseo, scoppiava l’anno dopo con inaudita violenza a Brescia. S. Carlo Borromeo inviava fra Paolo Bellintani a dirigere con ferma disciplina il Lazzaretto. La peste era stata portata da Trento da un mercante cremonese; nell’agosto se ne manifestava un focolaio in città a S. Faustino.

Dopo una apparente remissione, di cui taluno approfittò per abbandonarsi a deplorevoli bagordi, il contagio riprese, diffondendosi in provincia, benchè la città fosse stata “bandita”. Vani furono i rimedi e le misure di difesa, perché il morbo continuò a spargere morte e desolazione fino all’inizio dell’inverno. “Come stupide si aggiravano le genti: era un popol che attonito e smarrito lasciava libero il corso alla piena di un male contro cui non voleva resistere”.
Le perdite di vite umane, senza considerare quelle materiali, si aggirarono sui 10 mila morti in città, e nelle stesse proporzioni furono le vittime della provincia, compreso il territorio della Valle Sabbia.

Nella nostra parrocchia a quel tempo non era ancora iniziato il libro con la registrazione dei defunti, secondo le disposizioni del Concilio di Trento. Soltanto più tardi, purtroppo, i Rettori di Treviso Bresciano sentirono il dovere di provvedere alla bisogna; siamo però nel 1663, a cura di Don Lodovico Turri nativo di Bione, nominato a 38 anni nel 1663, e morto il 26 maggio 1706”.
Il calo demografico a Treviso Bresciano fu di circa 50 persone, che certamente sono morte a causa del terribile contagio della peste detta "di S. Carlo”.

(-continua)
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
08/12/2007 00:00:00
La peste a Treviso Bresciano - quarta parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

29/11/2007 00:00:00
La peste a Treviso Bresciano - terza parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

23/11/2007 00:00:00
La peste a Treviso Bresciano - seconda parte Un male oscuro che periodicamente falcidiava intere comunità. Questa era la peste. Così era anche a Treviso Bresciano, dove alcune tristi vicissitudini sono state narrate da don Sandro Gorni.
Un racconto che abbiamo diviso in quattro puntate.

23/01/2012 07:33:00
La peste a Treviso La peste di manzoniana memoria, quella che con i lanzichenecchi entrò in Lombardia nel 1630 a Treviso Bresciano fece strage di almeno 1000 morti?

13/06/2018 08:36:00
Anche ad Anfo e Treviso Bresciano La “bomba d’acqua ha colpito nella notte anche ad Anfo. Ieri a Treviso Bresciano sono state chiuse una decina di strade secondarie



Altre da Treviso Bs
20/06/2018

Variante di Lavenone, pochi mesi ancora

«La Variante di Lavenone? Faccio fatica a sbilanciarmi sui tempi, quando le questioni non dipendono totalmente da noi, ma il 2019 potrebbe essere per davvero l’anno buono per veder cominciare i lavori» (10)

14/06/2018

Coda velenosa

Dopo la bomba d'acqua del martedì mattina, ancora violenti temporali sulla Valle Sabbia, dove si fanno i conti con i danni


13/06/2018

Anche ad Anfo e Treviso Bresciano

La “bomba d’acqua ha colpito nella notte anche ad Anfo. Ieri a Treviso Bresciano sono state chiuse una decina di strade secondarie

12/06/2018

Treviso Bresciano, un ambiente «green»

Il piccolo paese valsabbino, grazie al suo territorio in gran parte montano, vanta il più basso indice di consumo del suolo tra le Valli Resilienti 


29/04/2018

I 90 anni di Letizia, esercente dal 1958

Proprio oggi, domenica 29 aprile, Letizia Ceruti compie 90 anni. Lei e il marito Francesco aprirono, nel 1958, la prima macelleria di Treviso Bresciano

20/04/2018

«Non sparate sul postino»

Il Gruppo Teatrale RìDÒ in collaborazione con l'associazione Rio de Oro presenta la brillante commedia di Derek Benfield, che andrà in scena domani, 21 aprile, a Treviso Bresciano

17/04/2018

Un mese di chiusura

A causa di una serie di lavori programmati, rimarrà chiusa a Treviso Bresciano la Sp 56 fra il bivio di Rondaione e il Cavallino della Fobbia


12/04/2018

Avviso pubblico dal Comune di Treviso Bresciano

Pubblichiamo a norma di legge un avviso pubblico del Comune di Treviso Bresciano che ha per oggetto l'avvio del procedimento di Variante al Piano delle Regole del vigente Pgt, unitamente alla verifica di assoggetabilità alla Vas



21/03/2018

Beccaccia che passione

Appuntamento numero due per la XIII edizione del trofeo “Regina del Bosco”. In contemporanea in nove località e la Valle Sabbia fa il pieno: a Bione, Odolo, Paitone, Serle e Treviso Bresciano

01/03/2018

Otto nuovi Comuni ai blocchi di partenza

Tra questo giovedì 1 e sabato 10 marzo, in Valle Sabbia, proseguirà il percorso del “porta a porta” (1)

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia