Skin ADV
Martedì 28 Gennaio 2020
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Cigno al porticciolo di Desenzano

Cigno al porticciolo di Desenzano

di Gianfranco Fenoli



27.01.2020 Bagolino

27.01.2020 Vobarno Sabbio Chiese Bagolino Gavardo Valsabbia Muscoline Provincia

26.01.2020 Gavardo

26.01.2020 Bione Agnosine Valsabbia

27.01.2020 Gavardo

27.01.2020 Bagolino Valsabbia Valtrompia Provincia

28.01.2020 Bagolino

26.01.2020 Bagolino

28.01.2020 Gavardo Prevalle Provincia

27.01.2020 Sabbio Chiese






11 Dicembre 2019, 08.56

Terza Pagina

Si avvicina il Natale...

di Giuseppe Biati
Si avvicina il Natale e sicuramente il popolo italico inizierà a porre il problema “esistenziale” della presenza a scuola del Presepio o del canto “Tu scendi dalle stelle” e, più avanti, verso Pasqua, del Crocifisso!

L’avvallo verrà anche dato da alcuni politici, avvezzi a brandire crocifissi e rosari per procacciarsi qualche voto dalle platee più sprovvedute.
Io, da ex Preside, posso esporre il mio pensiero e la mia riflessione  in questo senso.

Presepio, canto “Tu scendi dalle stelle”, Crocifisso, ancorché nelle aule scolastiche, sono da portare nel cuore, nella fatica di ogni giorno, nel tentativo difficile di instaurare rapporti di pace, di giustizia e di solidarietà.
L’averli in scuola come segno può essere importante o meno, a seconda che si possa o si riesca a vivere sotto i loro sguardi la compassione e la speranza in reciproco, dialogico e fecondo rapporto tra le persone.

Anche nella Repubblica laica e non confessionale, il Presepio, il Crocifisso e anche il canto “Tu scendi dalle stelle” (così impudentemente evocato e cantato negli anni addietro da politici da strapazzo) diventano un invito alla memoria, a considerare la nostra storia segnata da sempre dalla loro presenza.

I Benedettini, e anche gli Umiliati (nel Bresciano), hanno costruito intorno alla Croce, al Presepio (nel senso della natalità di un Dio fattosi uomo) l’ethos e l’economia dei paesi nei quali viviamo e nel passare dei secoli tutto ciò si è consolidato diventando memoria, tempio e custodia di ciò che è più sacro nella modernità.

Questo diciamo volendo tracciare in “quei segni”
i confini di una “patria” che da oriente si apre incommensurabilmente all’infinito, fino ad abbracciare ogni uomo, in ogni tempo,  in ogni luogo, in ogni circostanza.
Questo il significato di quel “Puer natus in Betlehem” che lascia insieme attoniti e aperti alla speranza, alla speranza umana e cristiana insieme.

Ma se è così, allora non proclamiamo parole che suonano paura e minaccia, davanti al moderno presepio di Pastori profughi (come il Bimbo – profugo - che vanno ad adorare), poichè di paura trasuda, dietro la tronfia baldanza, chi si crede “padrone a casa propria” ed è soltanto “fittavolo”.

Perché qui sta il problema: l’illusione di essere signori della terra e per dirlo a se stessi, per farsi coraggio, ci si appella al Cielo, senza sapere che “stolto, questa notte stessa ti sarà chiesta la resa della tua anima!”

Quanta acqua dovrà ancora passare sotto i ponti dei fiumi “padani”, per capire che il Presepio o la Croce non sono tracotanza, non sono imposizione, non sono paura?
Quanta ne dovrà ricevere quel Mediterraneo, tragico scenario del moderno e attuale presepio, dove per capanna vi è un barcone?

E se Papa Francesco (forte è il collegamento al Presepio) ci ha chiamati e ci chiama ad un incontro di fede nell’unico Dio Altissimo anche con i fratelli dell’Islam, perché lasciarci invischiare in trappole di curtensi ed esclusivi confini?

Forse è necessario purificare il cuore e rendere trasparente il nostro occhio: sentiremmo e vedremmo allora quanto sono banali e inutili tante questioni di principio che sono soltanto miserevoli difese di un egoismo di etnia o, peggio ancora, il penoso tentativo di procacciare voti a qualche sprovveduto!

Questo vuol essere il mio Augurio natalizio, a tutti!

Giuseppe Biati


Invia a un amico Visualizza per la stampa








Vedi anche
17/12/2014 07:00:00
Fu San Francesco l'inventore del presepe Fu realizzato nel 1223 da San Francesco a Greccio, un paesino vicino ad Assisi, egli volle rappresentare la scena della natività affinchè tutti, anche i più umili, capissero il significato profondo di quell'evento


18/01/2007 00:00:00
Profanato il crocefisso degli alpini Oltraggiato il crocefisso degli alpini di Casto che non nascondo rabbia e disappunto.

02/05/2013 07:00:00
Il significato delle cose Il significato delle cose conduce gli uomini ad agire sulle medesime. Se noi "crediamo" o "diamo" o "siamo" un significato di ogni cosa che "crediamo", "facciamo" o "siamo", quel significato conduce le nostre azioni, tutte

15/12/2015 14:04:00
Danneggiato il presepe dei pompieri Al presepe dei Vigili del fuoco allestito sul lungolago di Salò in fondo a via Vittorio Emanuele (zona Tip-Tap), hanno rubato il temporizzatore e strappato il cavo del salvavita


10/12/2014 07:15:00
Col presepe… sulle 23 Il grande presepe del gavardese Borgo del Quadrel, quest’anno prende le sembianze della centralissima Piazza Zanardelli. Lo scorso anno i visitatori sono stati circa 20 mila




Altre da Politica e Territorio
28/01/2020

I Gioielli sotto casa

Da giovedì 30 gennaio su Cremona1 TV quattro puntate dedicate alle bellezze della Valle Sabbia, nell’ambito dei progetti di promozione turistica dell’Agenzia territoriale per il turismo e della Comunità montana

28/01/2020

Un'eredità per la «Bertella»

Grazie al generoso lascito testamentario di un’ex ospite la Casa di Riposo comunale di Sabbio Chiese potrà essere sottoposta, previa approvazione della Sovrintendenza, ad alcuni lavori di ampliamento e miglioramento


27/01/2020

Una Via Crucis attraverso i lager per non dimenticare

Mercoledì 29 gennaio alle ore 20.30, presso il Centro Pastorale Parrocchiale di Vobarno, verrà messa in scena LA VIA CRUCIS DEI LAGER.

27/01/2020

Comuni sotto infrazione

Ci sono anche alcuni Comuni valsabbini e limitrofi a rischio multe per infrazioni relative alla rete idrica, dei quali uno messo in mora e 7 per cui sono state aperte le procedure per il ricorso


24/01/2020

Borgo Chiese, Paolo Baldracchi va in pensione

In servizio da ben 32 anni, a fine mese il segretario lascia l’incarico. All’inizio del suo operato in Comune erano presenti solo quattro dipendenti; oggi sono 22

24/01/2020

A Desenzano con Adelmo Cervi

Fra gli ospiti del raduno delle sardine gardesane e valsabbine atteso a Desenzano per questa domenica alle 17, ci sarà anche Adelmo Cervi, figlio di Aldo, uno dei sette famosi fratelli

23/01/2020

Gianluigi Paragone apre «Bione incontra»

Sarà il senatore appena espulso dal Movimento 5 Stelle il protagonista del primo incontro di questo venerdì 24 gennaio della rassegna organizzata dall'associazione Biùcultura

23/01/2020

Contributi per la sicurezza delle scuole

Finanziati da un bando del Ministero dell’Istruzione ben 15 edifici scolastici al fine di prevenire i fenomeni di crollo di solai e controsoffitti. In graduatoria anche il Battisti di Salò


22/01/2020

A Desenzano con Mediterranea e... con la sveglia

Domenica 26, fra i presenti in piazza con le sardine Lago di Garda e Salò, che coinvolgono anche quelle della Valle Sabbia, ci saranno Fabrizio Gatti e Donatella Albini


22/01/2020

Mozioni consegnate al Prefetto

I primi cittadini di Gavardo, Muscoline, Prevalle e Montichiari hanno consegnato le mozioni approvate da numerosi consigli comunali dell’asta del Chiese contro il progetto dei due maxi depuratori e lanciano un invito ai colleghi del Garda


Eventi

<<Gennaio 2020>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia