Skin ADV
Domenica 26 Marzo 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE



20 Luglio 2016, 11.48

BLOG - Eppur si muove

Viaggio al centro di Giunni

di Leretico
Ho già enfaticamente dichiarato in passato di ignorare di arte, insomma di sentirmi indifeso nei confronti dei messaggi pittorici...

...Ma quando ho tentato di giustificare questa mia mancanza, che mi avrebbe certamente impedito di scrivere qualcosa della mostra vestonese dedicata a Giunni, mi è stato assicurato che non sarei stato né il primo né l'ultimo a dire di arte senza averne cognizione.

Chi mi diceva queste parole di supporto era lo stesso che mi accompagnava nella visione del Giunni informale, quello che rinuncia alla drammaticità del tratto della corrente pittorica a cui nei primi anni sessanta si era ispirato, per declinare la sua espressione verso l'amore alla natura, "natura naturans" direbbe Spinoza.
Per uscire dal mio giro di visita meno ignorante di quando ero entrato, ho provato a fermarmi sull'opera che mi aveva colpito di più.

Parlo del quadro intitolato "La bora".
Lì ho ritrovato un senso che da tempo sembrava perduto in me e che forse si nascondeva indomito e indisponente nel profondo più profondo, ad aspettare che un'emozione più forte delle altre potesse scuoterlo.

Quel cielo materico dinamicamente sospeso sull'accenno delle barche sottostanti mi ha colpito, ha lasciato riemergere il sentimento perduto di un amore lontano. Come quando una rosa perde il suo primo petalo, il ricordo di quel lago e di quel cielo mi ha fatto sussultare. Se è vero che siamo solo memoria, allora il giorno che Giunni dipinse quel quadro anch'io ero presente. Anch'io sono in quel cielo e con me il mio amore perduto.

Non è facile parlare di Giunni, i suoi quadri mi hanno lasciato una malinconia e un sapore di cauta disperazione. Di ciò che sappiamo di dover lasciare.
Il suo messaggio è immortalato nella materia, resiste al tempo senza proteste, docile riempie lo spazio del detto e del contraddetto. Il segno di Giunni è voluto e io non so resistere al pensiero di essere già stato con lui.
Un'improntitudine del mio bagaglio percettivo che fa capolino sulle acque di quel tratto più intenso, di quel gesso intriso di colore e di anima.

Tutto avrei pensato tranne di poter aver questo deja-vu.
Una certezza che man mano che il tempo passava si faceva verità. "Piano con la verità" mi sono detto, sempre in agguato a rovinare la bellezza del non vero, del tentativo inutile di cercarlo senza riconoscere di esservi immerso. E sul concetto di inutilità mi sono soffermato, di quell'accusa insensata che l'arte, quella vera, porta su di sé da secoli.
Quanto utile è quell'inutile!

E così caracollando un po', tra il senso di vuoto dell'invitto inutile e la scoperta sensitiva dell'ascoso utile, mi son portato fuori, sono uscito in via Glisenti e mi son detto: "forse adesso avrò veramente il coraggio di scrivere di Giunni" è così ho fatto.

Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/03/2016 11:15:00
Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...

23/06/2014 06:18:00
Yara: il mostro è servito La madre di Massimo Giuseppe Bossetti, visti i risultati dell'analisi sul DNA del figlio, ha dichiarato che ha conosciuto Giuseppe Guerinoni, ma non carnalmente

19/08/2015 09:31:00
All’assassino piace la televisione Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno





Altre da Terza Pagina
24/03/2017

Brescia capitale della cooperazione internazionale

Un convegno e un concerto organizzato dall’Associazione Sfera Gennaro Franceschetti Onlus con il patrocinio della Santa Sede per celebrare i 50 anni dell’Enciclica Populorum Progressio, di Paolo VI e rilanciarne i contenuti

21/03/2017

Il nostro Risorgimento: volontari, salodiani, garibaldini

Prenderà il via questo giovedì a Salò un ciclo di incontri in tre serate organizzate dal gruppo archivistico dell'Asar con il patrocinio del Comune di Salò, dedicate al Risorgimento

20/03/2017

«Una classe dirigente scaricabarile»

Partecipato incontro sabato sera a Bione con Sergio Rizzo per la presentazione del suo ultimo libro “La Repubblica dei brocchi”
• Video (2)

20/03/2017

Al via un nuovo gruppo di lettura

Per gli appassionati dei libri e della lettura un’occasione di condivisione quella offerta dal nuovo gruppo di lettura organizzato dalla biblioteca comunale di Idro. Mercoledì 22 il primo appuntamento

20/03/2017

Con la partigiana Elsa

A Barbaine di Pertica Alta, impegnati in una "due giorni" di memoria e di riflessione sui valori della Resistenza, gli scout Agesci hanno incontrato la testimonianza autentica di Elsa Pelizzari

19/03/2017

Di Giuseppe Montesanto mantovano e di ciò ch'egli operò.

“Volgendo lo sguardo a quel seggio sul quale assiduo fra noi sedeva chi non è più, vi sorge il pensiero della grave perdita che fece la nostra Accademia, che fece la classe medica e la città tutta”

19/03/2017

Guido piano

Sto andando in macchina. Tra poco è la festa del papà. Alla radio ascolto la canzone di Fabio Concato… 

16/03/2017

Guerre Stellari Play

Inaugurata qualche giorno fa, la mostra a Genova fino a luglio, farà rivivere il fantastico mondo della saga di Guerre Stellari

10/03/2017

Religioni e fine vita

Nell’ultimo incontro dedicato al tema del fine vita organizzato dal gruppo “Arimortis” dell’associazione “La rosa e la spina” di Villanuova i rappresentanti di quattro religioni hanno illustrato le diverse posizioni sul tema della morte

09/03/2017

«Ricordo ancora il rombo degli aerei...»

La signora Margherita, classe 1927, fu testimone oculare del bombardamento che il 29 gennaio 1945 fece del centro storico di Gavardo un cumulo di macerie. Il suo racconto offre un prezioso spunto di riflessione

Eventi

<<Marzo 2017>>
LMMGVSD
12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia