Skin ADV
Martedì 30 Maggio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Rosa di maggio

Rosa di maggio

by Lorenza





20 Luglio 2016, 11.48

BLOG - Eppur si muove

Viaggio al centro di Giunni

di Leretico
Ho già enfaticamente dichiarato in passato di ignorare di arte, insomma di sentirmi indifeso nei confronti dei messaggi pittorici...

...Ma quando ho tentato di giustificare questa mia mancanza, che mi avrebbe certamente impedito di scrivere qualcosa della mostra vestonese dedicata a Giunni, mi è stato assicurato che non sarei stato né il primo né l'ultimo a dire di arte senza averne cognizione.

Chi mi diceva queste parole di supporto era lo stesso che mi accompagnava nella visione del Giunni informale, quello che rinuncia alla drammaticità del tratto della corrente pittorica a cui nei primi anni sessanta si era ispirato, per declinare la sua espressione verso l'amore alla natura, "natura naturans" direbbe Spinoza.
Per uscire dal mio giro di visita meno ignorante di quando ero entrato, ho provato a fermarmi sull'opera che mi aveva colpito di più.

Parlo del quadro intitolato "La bora".
Lì ho ritrovato un senso che da tempo sembrava perduto in me e che forse si nascondeva indomito e indisponente nel profondo più profondo, ad aspettare che un'emozione più forte delle altre potesse scuoterlo.

Quel cielo materico dinamicamente sospeso sull'accenno delle barche sottostanti mi ha colpito, ha lasciato riemergere il sentimento perduto di un amore lontano. Come quando una rosa perde il suo primo petalo, il ricordo di quel lago e di quel cielo mi ha fatto sussultare. Se è vero che siamo solo memoria, allora il giorno che Giunni dipinse quel quadro anch'io ero presente. Anch'io sono in quel cielo e con me il mio amore perduto.

Non è facile parlare di Giunni, i suoi quadri mi hanno lasciato una malinconia e un sapore di cauta disperazione. Di ciò che sappiamo di dover lasciare.
Il suo messaggio è immortalato nella materia, resiste al tempo senza proteste, docile riempie lo spazio del detto e del contraddetto. Il segno di Giunni è voluto e io non so resistere al pensiero di essere già stato con lui.
Un'improntitudine del mio bagaglio percettivo che fa capolino sulle acque di quel tratto più intenso, di quel gesso intriso di colore e di anima.

Tutto avrei pensato tranne di poter aver questo deja-vu.
Una certezza che man mano che il tempo passava si faceva verità. "Piano con la verità" mi sono detto, sempre in agguato a rovinare la bellezza del non vero, del tentativo inutile di cercarlo senza riconoscere di esservi immerso. E sul concetto di inutilità mi sono soffermato, di quell'accusa insensata che l'arte, quella vera, porta su di sé da secoli.
Quanto utile è quell'inutile!

E così caracollando un po', tra il senso di vuoto dell'invitto inutile e la scoperta sensitiva dell'ascoso utile, mi son portato fuori, sono uscito in via Glisenti e mi son detto: "forse adesso avrò veramente il coraggio di scrivere di Giunni" è così ho fatto.

Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/03/2016 11:15:00
Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...

23/06/2014 06:18:00
Yara: il mostro è servito La madre di Massimo Giuseppe Bossetti, visti i risultati dell'analisi sul DNA del figlio, ha dichiarato che ha conosciuto Giuseppe Guerinoni, ma non carnalmente

19/08/2015 09:31:00
All’assassino piace la televisione Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno





Altre da Terza Pagina
30/05/2017

Le «Armonie espressive» di Valerio Betta

È in corso fino al 12 giugno a Stagno Lombardo, in provincia di Cremona, la mostra personale dell’artista di Nozza

28/05/2017

Fiore di maggio

Maggio sarebbe un bellissimo mese…se non ci fosse la malvagità dell’uomo

25/05/2017

Il razzismo come forma di volontà

Siamo tutti eguali. Ma d'altronde siamo tutti diversi. Nella prima affermazione la seconda è presente. Nella seconda affermazione la prima è presente

24/05/2017

Fede, devozione e quotidianità tra museo e santuario

Questo il filo conduttore del terzo appuntamento della rassegna “La morte tra rito e tabù”, una visita guidata tematica tra il Santuario della Madonna della Rocca di Sabbio Chiese e il vicino Museo

23/05/2017

Riflessioni sulla Laudato si'

A due anni dalla sua pubblicazione, questo giovedì all’oratorio di Paitone, si terrà un incontro con don Gabriele Scalmana, incaricato diocesano alla Pastorale del creato, sull’enciclica di Papa Francesco dedicata alla “cura della casa comune”

22/05/2017

La memoria storica fotografica

Il Gruppo di Ricerca Storica Locale, nato per iniziativa dell’amministrazione comunale vobarnese, è alla ricerca di foto storiche di Vobarno per creare un Archivio Storico Fotografico

21/05/2017

Una carezza in un pugno

Perché ci sono i bulli? E soprattutto: perché un bambino o un ragazzo diventano bulli? E cosa si può fare davanti al bullismo? (1)

21/05/2017

Il sigillo del sangue

Ultimo appuntamento oggi pomeriggio al Museo della Resistenza e del Folklore valsabbino a Pertica Bassa della rassegna “La morte. Tra rito e tabù”

19/05/2017

Morte, archeologia, preistoria

Sono stati questi i temi-chiave del primo incontro del ciclo “La morte tra rito e tabù”, una serie di appuntamenti promossi dal Sistema Museale della Valle Sabbia in occasione della Festa dei Musei 2017

17/05/2017

Il cimitero «vecchio» di Bagolino, tra memorie sepolte e memorie salvate

È in calendario questo giovedì sera la presso la Casa Museo Habitar in sta terra del borgo montano valsabbio la seconda conferenza della rassegna “La morte. Tra rito e tabù” promossa dal Sistema Museale della Valle Sabbia

Eventi

<<Maggio 2017>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia