Skin ADV
Venerdì 28 Luglio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






20 Luglio 2016, 11.48

BLOG - Eppur si muove

Viaggio al centro di Giunni

di Leretico
Ho già enfaticamente dichiarato in passato di ignorare di arte, insomma di sentirmi indifeso nei confronti dei messaggi pittorici...

...Ma quando ho tentato di giustificare questa mia mancanza, che mi avrebbe certamente impedito di scrivere qualcosa della mostra vestonese dedicata a Giunni, mi è stato assicurato che non sarei stato né il primo né l'ultimo a dire di arte senza averne cognizione.

Chi mi diceva queste parole di supporto era lo stesso che mi accompagnava nella visione del Giunni informale, quello che rinuncia alla drammaticità del tratto della corrente pittorica a cui nei primi anni sessanta si era ispirato, per declinare la sua espressione verso l'amore alla natura, "natura naturans" direbbe Spinoza.
Per uscire dal mio giro di visita meno ignorante di quando ero entrato, ho provato a fermarmi sull'opera che mi aveva colpito di più.

Parlo del quadro intitolato "La bora".
Lì ho ritrovato un senso che da tempo sembrava perduto in me e che forse si nascondeva indomito e indisponente nel profondo più profondo, ad aspettare che un'emozione più forte delle altre potesse scuoterlo.

Quel cielo materico dinamicamente sospeso sull'accenno delle barche sottostanti mi ha colpito, ha lasciato riemergere il sentimento perduto di un amore lontano. Come quando una rosa perde il suo primo petalo, il ricordo di quel lago e di quel cielo mi ha fatto sussultare. Se è vero che siamo solo memoria, allora il giorno che Giunni dipinse quel quadro anch'io ero presente. Anch'io sono in quel cielo e con me il mio amore perduto.

Non è facile parlare di Giunni, i suoi quadri mi hanno lasciato una malinconia e un sapore di cauta disperazione. Di ciò che sappiamo di dover lasciare.
Il suo messaggio è immortalato nella materia, resiste al tempo senza proteste, docile riempie lo spazio del detto e del contraddetto. Il segno di Giunni è voluto e io non so resistere al pensiero di essere già stato con lui.
Un'improntitudine del mio bagaglio percettivo che fa capolino sulle acque di quel tratto più intenso, di quel gesso intriso di colore e di anima.

Tutto avrei pensato tranne di poter aver questo deja-vu.
Una certezza che man mano che il tempo passava si faceva verità. "Piano con la verità" mi sono detto, sempre in agguato a rovinare la bellezza del non vero, del tentativo inutile di cercarlo senza riconoscere di esservi immerso. E sul concetto di inutilità mi sono soffermato, di quell'accusa insensata che l'arte, quella vera, porta su di sé da secoli.
Quanto utile è quell'inutile!

E così caracollando un po', tra il senso di vuoto dell'invitto inutile e la scoperta sensitiva dell'ascoso utile, mi son portato fuori, sono uscito in via Glisenti e mi son detto: "forse adesso avrò veramente il coraggio di scrivere di Giunni" è così ho fatto.

Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/03/2016 11:15:00
Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...

23/06/2014 06:18:00
Yara: il mostro è servito La madre di Massimo Giuseppe Bossetti, visti i risultati dell'analisi sul DNA del figlio, ha dichiarato che ha conosciuto Giuseppe Guerinoni, ma non carnalmente

19/08/2015 09:31:00
All’assassino piace la televisione Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno





Altre da Terza Pagina
28/07/2017

La «Cittadinanza universale»

Da don Renato Piccini e dal latinoamericano Jacques Ramírez Gallegos questa interessante riflessione in merito ad un mondo senza muri e verso una cittadinanza universale (2)

26/07/2017

«Dipinti sull'acqua»

Da Cremona al Musa di Salò e al Vittoriale degli Italiani: la mostra diffusa “Dipinti sull’acqua: da Magnasco a de Conciliis (1720-2017)” è visitabile fino al 1 ottobre 2017

26/07/2017

Da Casto al Giappone, nel 1.500

Nei mesi scorsi, padre Sandro Carminati, missionario della Cansolata, su invito degli amici della Fondazione civiltà bresciana, ha tenuto presso la Biblioteca civica vestonese "Ugo Vaglia" una conversazione dedicata ai missionari Valsabbini in età moderna

20/07/2017

Ponte Caffaro in festa per San Giacomo

Una giornata di festa domenica prossima per la festa dell'apostolo protettore dei pellegrini e dei viandanti, con alcune iniziative culurali promosse dall'Associazione Artistica Culturale Eridio e gli Amici di San Giacomo, con il patrocinio dell'Ecomuseo della Valle del Caffaro

15/07/2017

La Madonna del Rosario ritorna a casa

Il prezioso dipinto cinquecentesco è stato ricollocato nella sua sede orginale nell’altare laterale della chiesa parrocchiale di Agnosine dopo un attento intervento di restauro (2)

14/07/2017

I martedì della Pieve

Per iniziativa del Gruppo Amici della Pieve, nel periodo estivo saranno proposte alcune iniziative culturali per turisti e residenti per valorizzare uno dei principali monumenti d'arte della Valle del Chiese, la Pieve di Santa Maria Assunta di Condino

13/07/2017

San Gervasio, senza altre parole

Un luogo del cuore sempre presente nella tradizione e negli affetti dei bagossi, che esercita anche una grande attrattiva per i turisti, affascinati dalla sua impervia ubicazione tra le rocce

09/07/2017

Quando passò il vicerè

Sulla visita in Valle Sabbia di Ranieri Giuseppe Giovanni Michele Francesco Geronimo d'Asburgo, arciduca d'Austria (Pisa, 30 settembre 1783 – Bolzano, 16 gennaio 1853), primo viceré del Lombardo-Veneto (2)

05/07/2017

Il caso Bertussi - Pankoff

Questo nuovo articolo di Guido Assoni completa quello già pubblicato dal titolo "La banda dei russi". (4)

04/07/2017

Passato e futuro di Vobarno in un libro

È stato presentato giovedì scorso presso la biblioteca di Vobarno il volume che raccoglie il lavoro di ricerca realizzato durante la Summer School di due anni fa dagli studenti dell’Università degli studi di Padova sotto la supervisione del prof. Gian Pietro Brogiolo
• Video

Eventi

<<Luglio 2017>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia