Skin ADV
Venerdì 19 Gennaio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


MAGAZINE


LANDSCAPE


Salamandra

Salamandra

di Carla Dusi



17.01.2018 Sabbio Chiese

17.01.2018 Barghe

17.01.2018 Barghe

18.01.2018 Vestone Valtrompia

17.01.2018

17.01.2018 Gavardo

18.01.2018 Valsabbia

18.01.2018 Valsabbia Provincia

17.01.2018 Gavardo

18.01.2018 Gavardo






20 Luglio 2016, 11.48

BLOG - Eppur si muove

Viaggio al centro di Giunni

di Leretico
Ho già enfaticamente dichiarato in passato di ignorare di arte, insomma di sentirmi indifeso nei confronti dei messaggi pittorici...

...Ma quando ho tentato di giustificare questa mia mancanza, che mi avrebbe certamente impedito di scrivere qualcosa della mostra vestonese dedicata a Giunni, mi è stato assicurato che non sarei stato né il primo né l'ultimo a dire di arte senza averne cognizione.

Chi mi diceva queste parole di supporto era lo stesso che mi accompagnava nella visione del Giunni informale, quello che rinuncia alla drammaticità del tratto della corrente pittorica a cui nei primi anni sessanta si era ispirato, per declinare la sua espressione verso l'amore alla natura, "natura naturans" direbbe Spinoza.
Per uscire dal mio giro di visita meno ignorante di quando ero entrato, ho provato a fermarmi sull'opera che mi aveva colpito di più.

Parlo del quadro intitolato "La bora".
Lì ho ritrovato un senso che da tempo sembrava perduto in me e che forse si nascondeva indomito e indisponente nel profondo più profondo, ad aspettare che un'emozione più forte delle altre potesse scuoterlo.

Quel cielo materico dinamicamente sospeso sull'accenno delle barche sottostanti mi ha colpito, ha lasciato riemergere il sentimento perduto di un amore lontano. Come quando una rosa perde il suo primo petalo, il ricordo di quel lago e di quel cielo mi ha fatto sussultare. Se è vero che siamo solo memoria, allora il giorno che Giunni dipinse quel quadro anch'io ero presente. Anch'io sono in quel cielo e con me il mio amore perduto.

Non è facile parlare di Giunni, i suoi quadri mi hanno lasciato una malinconia e un sapore di cauta disperazione. Di ciò che sappiamo di dover lasciare.
Il suo messaggio è immortalato nella materia, resiste al tempo senza proteste, docile riempie lo spazio del detto e del contraddetto. Il segno di Giunni è voluto e io non so resistere al pensiero di essere già stato con lui.
Un'improntitudine del mio bagaglio percettivo che fa capolino sulle acque di quel tratto più intenso, di quel gesso intriso di colore e di anima.

Tutto avrei pensato tranne di poter aver questo deja-vu.
Una certezza che man mano che il tempo passava si faceva verità. "Piano con la verità" mi sono detto, sempre in agguato a rovinare la bellezza del non vero, del tentativo inutile di cercarlo senza riconoscere di esservi immerso. E sul concetto di inutilità mi sono soffermato, di quell'accusa insensata che l'arte, quella vera, porta su di sé da secoli.
Quanto utile è quell'inutile!

E così caracollando un po', tra il senso di vuoto dell'invitto inutile e la scoperta sensitiva dell'ascoso utile, mi son portato fuori, sono uscito in via Glisenti e mi son detto: "forse adesso avrò veramente il coraggio di scrivere di Giunni" è così ho fatto.

Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
02/03/2016 11:15:00
Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...

23/06/2014 06:18:00
Yara: il mostro è servito La madre di Massimo Giuseppe Bossetti, visti i risultati dell'analisi sul DNA del figlio, ha dichiarato che ha conosciuto Giuseppe Guerinoni, ma non carnalmente

19/08/2015 09:31:00
All’assassino piace la televisione Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno





Altre da Terza Pagina
18/01/2018

Oltre gli algoritmi

"L'ingranaggio opprimente della burocrazia centrale e periferica" è il titolo che il professor Alfredo Bonomi ha dato a questo suo interessante quanto inedito sfogo
(3)

17/01/2018

«Il ritorno di Freud»

Sono in programma in data 1, 8 e 15 febbraio presso la Biblioteca di Vobarno tre incontri sulla psicanalisi organizzati dalla Scuola di Psicanalisi Freudiana con il patrocinio del Comune. Ingresso libero e gratuito

13/01/2018

Il Carnevale di Livemmo

Si parla già di Carnevale. Il professor Biati ci manda questa riflessione sulla tradizione a lui più cara, quella di Livemmo, che però abbraccia anche tutte le altre


12/01/2018

Utenti e prestiti in continua crescita

Continua la crescita costante degli utenti e dei prestiti della biblioteca civica di Salò: per la prima volta superati i 20.000 prestiti

11/01/2018

«Brescia sotto le bombe»

L'esposizione, che verrà allestita in città da ottobre a novembre, abbinerà alla ricerca storica la possibilità, per i cittadini, di partecipare condividendo con la comunità fotografie, filmati e reperti del quinquennio 1940-1945

10/01/2018

La preistoria di Vallio Terme

Nell’ultimo numero degli “Annali del Museo” di Gavardo anche la ricerca dedicata al sito di culto protostorico e romano di Oriolo, posto su un piccolo dosso lungo la strada che porta sul monte Ere di Vallio

10/01/2018

«Non occorre più andare in Svizzera per morire con dignità»

Marina Ripa di Meana prima di morire ha lasciato un video-messaggio in cui ha voluto avvertire tutte le persone malate e in condizioni di estrema sofferenza che... (5)

09/01/2018

Alla scoperta di stelle e costellazioni

Si apre con una serata dedicata alle stelle e ai pianeti la mostra itinerante “Cielo, che mostra!” ospitata dalla biblioteca comunale di Vallio Terme dal 10 al 20 gennaio

09/01/2018

La vera storia di Nedo Fiano protagonista della Memoria

Il racconto di storytelling “Il coraggio di vivere, la storia vera di Nedo Fiano”, di e con Emanuele Turelli, verso i 20 mila spettatori e la data numero 100 in nove stagioni di cartellone (1)

07/01/2018

Un grande successo per il Vittoriale

Giordano Bruno Guerri, presidente della Fondazione Vittoriale degli Italiani, annuncia su Twitter che la casa – museo di D’Annunzio ha superato, nel 2017, quota 250mila visitatori

Eventi

<<Gennaio 2018>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia