Skin ADV
Domenica 28 Maggio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






17 Agosto 2016, 09.32

BLOG - Eppur si muove

Platone, Facebook e il mago Atlante

di Leretico
Vi sarà capitato, di ritorno al reale da un vago e fuggevole pensiero, viaggiando in treno o in metropolitana, di notare quante persone sono intente ad armeggiare con il proprio telefonino o cellulare, oggi detto smartphone

Se qualche anno fa aveste arrischiato una improbabile conversazione con un altro viaggiatore, oggi quella conversazione così umana, in quei luoghi tradizionalmente sociali, avreste riguardo a proporla.
Qualora tentaste ugualmente, colti da affetto per la italica tradizione del colloquio gioviale, ricevereste al massimo qualche mugugno scocciato, di chi è stato distolto dalla propria adorazione, se non addirittura verreste minacciati da un'occhiata affilatissima quale si riserva solo ai discoli in fondo alla chiesa, che osano disturbare la santissima celebrazione.

Non è che chi scrive sia anti-tecnologico, anzi. Ma, a dir la verità, questo spettacolo non si manifesta solo durante viaggi in treno o in metropolitana.
Si rimane infatti sempre più colpiti da quanto sia diffuso e continuo l'atteggiamento, non solo in Italia, di concentrazione, estraniazione, isolamento a cui si assoggettano le genti di inizio millennio pur di rimanere collegati, connessi, incatenati a internet.
Metropolitane cinesi o pullman brasiliani, aeroporti francesi o teatri giapponesi, il comportamento è sempre quello: il telefonino è la finestra su un altro mondo, evidentemente più attraente di questo.

Le persone vivono ormai in simbiosi con il proprio telefonino e il solo dimenticarlo a casa, oppure per qualche tempo in luogo lontano dal proprio raggio d'azione, genera loro ansia se non crisi di astinenza.
Il bisogno di essere in comunicazione continua è più forte della fame e della sete. La necessità di accedere al mondo di internet, al castello incantato di Facebook, o di Instagram, di Snapchat o di Tumblr, è irresistibile.

Whatsup ci accompagna in ogni luogo e Telegram fa da supporto ai nostri momenti tristi.
Twitter ci serve per carpire l'ultima sparata dell'opinion leader di turno. Se "cinguetta", invece di prenderlo per pazzo perché si crede un uccello, lo applaudiamo per la grande capacità comunicativa o per la greve intelligenza di riporto, un riporto non sempre azzeccato.
Ognuno è quello che è, e dà quello che sa dare.

Sono sicuro che il cosiddetto "web" è pieno anche di microsocial sconosciuti, per adepti settari o per inguaribili solitari in cerca di compagnia, per guardoni, nani e ballerine, pronti a chissà cosa pur di "condividere" il loro mondo interiore, la loro vita.
Insomma un mondo, specchio di questo in cui viviamo, che a furia di "condivisione" comincia a sostituirsi piano piano a quello che finora abbiamo creduto reale.

Provate ad osservare meglio, i gesti, le posture, le reazioni facciali di quelli che viaggiano con voi: vedrete una tale dedizione, un totale asservimento al mezzo hi-tech che vi sembreranno essere veramente vittime di un incantesimo. E di un incantesimo certamente si tratta.

Platone, intorno al V secolo avanti Cristo, con la sua "teoria delle idee" aveva già posto le basi teologico-ontologiche di ciò in cui crediamo oggi, e soprattutto di ciò che accettiamo del mondo Social che così tanto ci attrae.
Potremmo dire infatti che gli smartphone, finestre tecnologiche mobili, siano punti di accesso al "vero" mondo, quello incantato del web, totalmente nuovo, altro, relazionale, valoriale, eccezionale dunque "vero" appunto.

Filosofo dalle spalle larghe, Platone, mentre gareggiava al "pancrazio" (lotta greca mista a pugilato), forse per un colpo più forte ricevuto da un avversario, forse per l'innata ricerca del bello e del bene che era in lui, fors'anche perché influenzato da Socrate, cominciò a vagheggiare di un "mondo delle idee" posto nell'iperuranio soprasensibile (ossia oltre Urano).
Un mondo dimenticato ma percepibile con l'intelletto (nous), il mondo delle "forme", traduzione dal greco di "idee", vero oggetto della conoscenza.

Il filosofo, nel dialogo Fedro, spiegò che dopo la morte dei corpi, le anime immortali in essi contenute ne fuoriescono e diventano delle specie di cocchi alati che seguono ordinati i carri degli Dei.
Mentre così avanzano in processione tra le nuvole, alcune di esse riescono a scorgere, attraverso uno squarcio momentaneo tra i nembi, le idee, le forme.
Quando poi le anime in processione cadono nuovamente nei corpi, reincarnandosi, dimenticano quanto hanno potuto vedere delle idee, del vero mondo; credono dunque solo ai sensi, portatori dell'inganno che le convince a identificare il mondo sensibile con la realtà.
Compito del filosofo è di riportare all'anima la memoria del mondo delle idee, attraverso il dialogo e la persuasione.

Ecco perché il mondo del web ci parla suadente, ci invita a partecipare, a "esserci", a essere visibile, a ricevere dei "like" di approvazione.
Ci persuade facendo leva sulla nostra cultura così grandemente influenzata da Platone, cerca di farci "ricordare" che il nostro vero "io" è in Facebook o in uno degli altri mondi Social; il nostro io non è più qui, non è mai stato qui. E poi come possiamo chiamarlo "qui" se il vero è sempre stato "lì"?

Come minimo si rischia la confusione, ma il reale è qui o è lì?
Ed è questa, la confusione, che regna sovrana in molti, troppi, soprattutto in quelli che si aggirano sinistramente, giorno e notte, a caccia di Pokemon come pecoroni in libertà.
Non abbiate paura, di solito non mordono, dovrebbero essere innocui, ma non cercate di svegliarli, la loro è solo confusione. Potrebbero guarire, se solo volessero. Avrebbero però bisogno di un fidato amico, un cavaliere, un grande.

Avete mai visto un data-center? Google ne possiede uno immenso. Trovate su YouTube un video che lo descrive. Sembra un castello incantato.
Al suo interno scorrono leggiadre acque di raffreddamento. Ognuno di questi colossi del web come Facebook, Instagram, Snapchat, possiede un enorme data-center dove ha racchiuso le nostre immagini, le nostre conversazioni, i nostri video "live", quella che crediamo la nostra vera vita, la nostra anima. La tiene prigioniera dentro quelle mura incantate insieme ai nostri desideri più intimi.

E noi avremmo bisogno di quell'Astolfo così ben narrato da Ludovico Ariosto nel suo "Orlando furioso", che ci liberi dal mago Atlante che così astutamente ci tiene prigionieri nel suo castello. Orlando vi si dibatte credendo di salvare Angelica, Ruggiero illuso di trovare la sua Bradamante. Come loro, vagano confusi anche Ferraù, Brandimarte, il re Gradasso e il re Sacripante.
Chi ha perduto la donna, chi la cavalcatura.

Tutti prigionieri dei loro desideri, quindi prigionieri non solo di Atlante ma anche di loro stessi.
Ruggiero arriva nel castello dalle porte d'oro seguendo un gigante che vi aveva condotto con la forza la sua amata "et altri cavalieri/ vi ritrovò, ch'andavano alto e basso,/ né men facean di lui vani sentieri;/ e si ramaricavan del malvagio/ invisibil signor di quel palagio".

Ma ecco arrivare Astolfo, anche lui attratto con un trucco dal mago furbacchione. Conosceva, Astolfo, di codesti incantesimi e come uscirne, perché possedeva il libro regalatogli dalla fata Logistilla che spiegava come affrontarli.
Seguendo il libro cercò di sollevare la soglia del "palagio" che immantinente avrebbe dovuto sparire, ma i suoi amici non lo riconobbero e incominciarono ad attaccarlo.

Il mago Atlante era ricorso ad un ultimo incantesimo
: far apparire Astolfo come quell'avversario, tanto con rabbia inseguito, che aveva condotto ciascuno dei cavalieri nel castello. Ma Astolfo aveva un altro strumento magico a sua disposizione: un corno che suonò senza indugi, "e di distrugger quello incanto vago,/ di ciò che vi trovò, fece fracasso,/ come gli mostra il libro che far debbia;/ e si sciolse il palazzo in fumo e in nebbia".

Astolfo suonò il suo corno magico e salvò infine i suoi amici, mentre noi sappiamo che, oggi come nel Cinquecento di Ariosto, è scritto nei libri il modo per salvare le nostre anime e quelle dei nostri amici dai maghi furbacchioni del web.

Leretico
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID67737 - 17/08/2016 10:12:15 (Dru)
O dai furbacchione che scrivono per esser letti. In quanto strumento, internet o i libri sono la nostra vera anima. Bella poesia.


ID67763 - 19/08/2016 23:18:14 (Dru)
Una delle critiche più comuni mosse a Severino è il considerare il suo pensiero come alieno alla concretezza della vita e ai problemi umani. Ma – sostiene Ines Testoni, che all’Università di Padova dirige un master sulla gestione del terrore della morte e un corso di alta formazione contro il sociale mafioso sulla base della riflessione severiniana – si tratta di un grande fraintendimento: “Ciò che non è stato capito è che il tema dell’eternità (e la sua negazione) è fondamentale per comprendere l’azione umana, in quanto essa è sempre orientata da teorie che definiscono lo stare nel mondo oltre il mondo. Poiché esse differiscono tra loro e il loro potere dipende dalla capacità di imporsi, saper riconoscere quando e perché una prevalga sulle altre è alla base di qualsiasi possibilità di risolvere la violenza per costruire una democrazia autentica –



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
19/08/2015 09:31:00
All’assassino piace la televisione Quando ho saputo che uno dei presunti assassini dei coniugi Seramondi era comparso in un intervista televisiva, ho fatto immediatamente un parallelo con il delitto di Sara Scazzi, l’adolescente uccisa dalla cugina Sabrina per rivalità amorosa in quel di Avetrana in provincia di Taranto

19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno


07/03/2014 07:55:00
La democrazia dell'espulsione Si definisce paradossale quella proposizione che sembra contraddittoria, perché contro il senso comune, ma si rivela infine sorprendentemente vera

28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


02/03/2016 11:15:00
Vendola e il paradiso della tecnica Chi avrebbe mai immaginato che Nichi Vendola sarebbe diventato padre? Eppure il suo desiderio era già da tempo dichiarato. Lui ne aveva già parlato, sommessamente, ma nessuno veramente credeva alla sua realizzazione...



Altre da Eppur si muove
27/04/2017

Quando la Fotografia è identità

Mi sono avvicinato nelle ultime settimane al mondo della fotografia. L'ho fatto frequentando un corso a Vestone organizzato dall'Associazione "Fotoclub 8 marzo"... (4)

27/03/2017

Hasta la victoria siempre

Quando ho letto che D'Alema ha dato a Renzi dell'arrogante, sbattendo la porta del PD e aprendo quella di Mdp, ho cominciato a pensare che il famoso proverbio che mette in scena il bue e l'asino abbia un fondo di verità filosofica (8)

13/02/2017

Fenomenologia del mediocre post-moderno

C'é una corrispondenza indicibile, tra la mediocrità dei cretini e l'immoralità dei potenti (1)

22/01/2017

La morte arriva dall'alto

Una tragedia non annunciata ha colpito un hotel sulle montagne abruzzesi... (8)

01/01/2017

Roma a «cinque stalle»

Che Roma fosse una città difficile da amministrare lo sapevano tutti. Lo sapeva Veltroni e lo sapeva Alemanno, lo sapeva Marino e tutti quelli che hanno varcato la soglia del Campidoglio negli ultimi vent'anni (80)

22/11/2016

Trump e la vera antipolitica

Impresentabile e forse proprio per questo supervotato dagli americani. E in Europa? Leretico prova a comparare le due realtà e ne vien fuori un quadro a dir poco inquietante (14)

27/09/2016

Via i terroni del nord

Democrazia diretta come ricetta di governo? A quale prezzo? Davvero pericolosa la pietanza, se si aggiungono difficoltà economiche e malcontento popolare. Gli esempi non mancano certo.
Di Leretico (163)

27/08/2016

Contro i sacerdoti severiniani

Rispondo all’articolo “Sull'etica, sua forma attuale e sua concretezza” comparso sul giornale il 4 agosto 2016 perché in esso vengo chiamato in causa (84)

08/08/2016

Perché consiglio il metodo antistronzi

Robert Sutton ha scritto un agile libretto intitolato "Il metodo antistronzi - Come creare un ambiente di lavoro più civile e produttivo e sopravvivere se il tuo non lo è" (Elliot - 2007) (12)

03/08/2016

Conferenza delle Alpi: trampolino per il futuro valsabbino.

Una decina di giorni fa - organizzato da Valle Futura in collaborazione con Vallesabbianews - ha avuto luogo al Polivalente di Idro un incontro in cui si è parlato della Conferenza delle Alpi. VIDEO
(2)

Eventi

<<Maggio 2017>>
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia