Skin ADV
Domenica 27 Maggio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

 
 

MAGAZINE


LANDSCAPE






19 Agosto 2014, 13.12

Eppur si muove

Non ci resta che andare a Rimini

di Leretico
Il conte zio, anonimo e malefico di mazoniana memoria, ben si presta a rappreesntare la realtà odierna, in questa interpretazione che ne dà il nostrro Leretico

Se non fosse un capitolo del romanzo più famoso d’Italia, quel romanzo che un tempo si leggeva da giovani, con noia infinita, e adesso malauguratamente non si legge più, se appunto il capitolo XIX de “ I Promessi Sposi” non fosse stato scritto come è stato scritto, si potrebbe ben pensare di poterlo scrivere a rappresentazione della realtà quotidiana.

Perché tutti i giorni quel capitolo, come molti altri de “I Promessi Sposi”, si svolge nel reale, rivive puntualmente nei giorni del ventunesimo secolo.
Il capitolo XIX è quello del Conte zio e del Padre provinciale, ed è storia di tutti i giorni perché nel disegno manzoniano questi due figuri senza nome, com’era pure l’Innominato, rappresentano il peggio della società italiana del Seicento.

Da una lato il Conte zio, uomo influente che gode di credito presso le istituzioni senza avere nessuna particolare funzione, e dall’altro la pusillanimità di un Padre provinciale che per quieto vivere e per un presunto senso di rispetto verso le istituzioni, si fa artefice di una ingiustizia: il trasferimento a Rimini di Padre Cristoforo.

La storia la conosciamo: Il Conte Attilio chiese aiuto al Conte zio perché il cugino Don Rodrigo avesse mano libera nei confronti di Lucia, poi in effetti rapita dal suo rifugio conventuale con l’inganno di Gertrude, monaca di Monza.
Colpiscono invero i modi è l’intelletto di queste due figure che più volte mi hanno ricordato, passando leopardianamente sulle “sudate carte” del capitolo XIX, quanto sia deleteria la capacità di influenza nelle società in cui il potere legale è solo un vuoto simulacro della democrazia e della giustizia, in nome del mantenimento di privilegi e prebende, sempre attraverso abusi.
E questo in senso generale.

Nel senso invece particolare, e qui parlo del Conte zio, quelle pagine mi ricordano quelle persone che avendo guadagnato, non certo per merito, un piccolo o grande potere, lo usano per sé stessi, preoccupati solo di mantenerlo.

Scrive il Manzoni, presentando la figura del Conte zio nel capitolo XVIII:
Un parlare ambiguo, un tacere significativo, un restare a mezzo, uno stringer d’occhi che esprimeva: non posso parlare; un lusingare senza promettere; un minacciare in cerimonia, tutto era diretto a quel fine; e tutto, più o meno, tornava in pro. A segno che fino un: Io non posso niente in questo affare, detto talvolta per la pura verità, ma detto in modo che non gli era creduto, serviva ad accrescere il concetto, e quindi la realtà, del suo potere: come quelle scatole che si vedono ancora in qualche bottega di speziale, con su certe parole arabe: e dentro non c’è nulla. Ma servono a mantenere il credito alla bottega”.

Insomma dentro la metaforica scatola dell’animo
del Conte zio c’è il nulla (e Dru direbbe la contraddizione) eppure quel suo non rispondere, quel suo “lusingare senza promettere” viene preso per segno di potenza e di potere, cosa reale e concretissima in un mondo di pessimi personaggi come l’avvocato Azzeccagarbugli o il Padre provinciale: anonimi quanto vuoti di spirito e di valori.

La pochezza d’intelligenza del Conte zio
si manifesta nella palese manipolazione che subisce da parte di suo nipote Conte Attilio, il quale raggiunge i suoi scopi facendo leva sul falso senso dell’onore della famiglia che tanto preme al Conte zio, quell’onore che si traduce in fondo nel suo potere di influenza:

“Immagino” dice il Conte “che questo frate non sappia che Rodrigo è mio nipote
”.
Il Conte Attilio risponde:
Se lo sa! Anzi questo è quel che gli mette più il diavolo addosso” e più avanti “… e che lui se la ride dei grandi e dei politici: e che il cordone di San Francesco tiene legate anche le spade”.

Ecco dunque in scena la manipolazione dell’imbecille, che si crede ed è creduto grande quando invece rivela ogni momento di essere una scatola vuota, il nulla in grado di produrre solo malvagità. Mettendola come Shakespeare: il debole Otello pronto per gelosia a soffocare l’amata Desdemona, perché incapace di capire quali fossero i veri intenti di Jago.

Ma la cattiveria nulla potrebbe se il Conte zio non fosse circondato da pusillanimi, ossia persone che scambiano la prudenza per viltà, chiamano tatto ciò che invece e solo egoismo.
Il disegno di Rodrigo e Attilio non si realizzerebbe senza la pochezza del Padre provinciale, il quale invece di reagire difendendo il suo sottoposto Padre Cristoforo, cede alla minaccia di conseguenze ulteriori e non ben definite nei confronti del suo convento che malauguratamente ospita Padre Cristoforo.

Il puntiglio del Conte zio ottiene soddisfazione, Padre Cristoforo viene mandato a Rimini.
E noi lettori amaramente sappiamo quanti padri provinciali conosciamo e determinano i nostri destini.
Quanti personaggi che invece di far valere, per dignità e per giustizia, il proprio ruolo si riducono a farsi mezzo di malvagità e ingiustizia pur di mantenere un farisaico ma premiante equilibrio.

Ma più di tutti sappiamo quanti personaggi vuoti, come il Conte zio, quante nullità sono in grado solo di pensare il male e realizzarlo perché non in grado di riconoscere la loro inadeguatezza, la loro insipienza, la loro dappocaggine.
Scatole vuote al servizio dell’ingiustizia.
E noi, che a tutto questo assistiamo, anche noi saremo costretti a cambiar convento, ad andarcene a Rimini, senza avere purtroppo la speranza nella Provvidenza, la vera protagonista dei “Promessi sposi”.

Leretico

Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID48722 - 19/08/2014 18:56:08 (Dru) Caro Leretico
È tutto drammaticamente verosimile, anche la fine di padre Cristoforo.Di sciocchi che si credono di non esserlo è pieno il mondo, significa solo che il mondo è pieno di pecore che si credono leoni, il verosimile appunto.


ID48726 - 19/08/2014 21:33:00 (Aldo Vaglia)
E' tutto drammaticamente vero e attuale; un mondo fatto di Don Abbondio e di Don Rodrigo, il prepotente e il pusillanime con tutto un codazzo di farisei e pochi eroi destinati a finire a Rimini. (Tutto sommato nemmeno un brutto esilio)


ID48755 - 20/08/2014 18:34:14 (Leonardo10)
Complimenti sig.Leretico, lei intelligentemente illumina due figure tipiche della nostra società. Mi permetto però di dissentire sul fatto che noi tutti conosciamo padri provinciali e Conte zio, perché a mio avviso queste figure esistono proprio perché non le riconosciamo e quindi non riusciamo a vedere la loro pochezza. Solo quando una luce li illumina ne cogliamo il vuoto.


ID48760 - 20/08/2014 20:48:43 (Dru) sono d'accordo
con Leonardo10


ID48860 - 25/08/2014 18:10:47 (bobdylan)
Interessante la riflessione propostaci da Leretico e molto attuale pur prendendo spunto da un autore considerato da molti,a torto, obsoleto.Purtroppo noi conosciamo bene questi padri provinciali e conte zio ,ma la pigrizia ed una sonnolenta accettazione di tutto ciò che ci viene propostoci impediscono di reagire.Non dobbiamo andare a Rimini,ma essere vigili ed attivi.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
28/05/2016 13:11:00
Davigo e la fidanzata del prete Piercamillo Davigo, ma soprattutto una giustizia ritenuta giusta solo perchè segue pedissequamente delle procedure, nel mirino oggi de Leretico


13/02/2018 08:56:00
La condizione del fachiro e i cercatori di merda E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico


10/03/2015 07:33:00
Sesso o amore? Mi chiedevo in questi giorni come si potesse rispondere a quella nervosa affermazione del senso comune che, preannunciata da uno stringere a pugno le dita di entrambe le mani a mo’ di mungitura aerea, così recita: “Ma in pratica?”

19/04/2016 07:49:00
Verità e giustizia Senza verità non può esserci giustizia. Già, la verità, ma quale?
Da Regeni agli antichi Greci e ritorno


01/04/2014 07:25:00
Due cretini sempre utili La recente notizia che i servizi segreti erano implicati nel rapimento Moro sin dal 16 marzo 1978 ha  riacceso le polemiche sull'identità degli individui in sella alla Honda blu che spararono ad Alessandro Marini quella mattina in Via Fani.



Altre da Eppur si muove
01/05/2018

La verità nell'era dell'imbecille

Un termine inglese, “fake news” si aggira come un fantasma tra le notizie quotidiane. È lì, quasi ogni giorno, ma sembra passare inosservato... (6)

16/04/2018

Le eleganti giravolte dell'eterno gattopardismo italico

Rileggendo le pagine del “Corriere della Sera” che uscirono nell’imminenza delle elezioni del 1976 sembra di rivedere l’esito delle elezioni dello scorso 4 marzo 2018 (2)

13/02/2018

La condizione del fachiro e i cercatori di merda

E' utilissimo per concimare, lo sterco. Bisogna però vedere cosa si intende far crescere. Gustosissimo (si fa per dire) questo "Eppur di muove" del nostro Leretico
(15)

25/01/2018

La memoria di un giorno

Gennaio è un mese freddo, spoglio, in un certo senso triste. La tristezza e la ricerca di un po’ di calore sono il malinconico sentire che ci prende durante i giorni più freddi del primo mese dell’anno... (1)

10/01/2018

«Non occorre più andare in Svizzera per morire con dignità»

Marina Ripa di Meana prima di morire ha lasciato un video-messaggio in cui ha voluto avvertire tutte le persone malate e in condizioni di estrema sofferenza che... (6)

13/11/2017

La quadratura dell'imbecille trasfigurato

Prima di cominciare sono costretto a scusarmi con il lettore perché parlerò di imbecilli. Il caso di Roberto Spada... e altri (4)

11/09/2017

Il senso della vita... da cani

C’è un manipolo di incontinenti verbali che si è scatenato negli ultimi anni in difesa degli animali... (24)

25/07/2017

Il vaccino dell'ignoranza

Da qualche mese una furente polemica riempie le pagine dei giornali e alimenta altrettanto accese discussioni popolari sul valore dell’obbligo di vaccinazione delle persone tra zero e sedici anni, per poter accedere alle scuole (53)

03/07/2017

Il senso del limite

Per comprendere cosa sia il senso del limite bisogna prima sapere cosa sia il "limite" (4)

27/04/2017

Quando la Fotografia è identità

Mi sono avvicinato nelle ultime settimane al mondo della fotografia. L'ho fatto frequentando un corso a Vestone organizzato dall'Associazione "Fotoclub 8 marzo"... (4)

Eventi

<<Maggio 2018>>
LMMGVSD
123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia