Skin ADV
Sabato 15 Dicembre 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    


MAGAZINE


LANDSCAPE




13.12.2018 Vobarno

15.12.2018 Barghe

15.12.2018 Idro

13.12.2018 Sabbio Chiese

14.12.2018 Vestone Salò

15.12.2018 Idro Valsabbia

14.12.2018 Barghe Odolo Treviso Bs Mura Capovalle Paitone Valsabbia

13.12.2018 Salò

13.12.2018 Agnosine

15.12.2018 Roè Volciano






18 Dicembre 2012, 07.41

Terza pagina

Paradiso terrestre

di Leretico
Mi è capitato recentemente di leggere un bellissimo racconto di Alberto Savinio intitolato "Paradiso terrestre" inserito nella raccolta di racconti intitolata Tutta la vita (1946)...

Il protagonista √® un certo Didaco, un tipo che non passa inosservato. Per una simpatia che gli veniva dall’infanzia per le cose che si “conservano” nel tempo, svilupp√≤ una passione per la “costruzione della conservazione”.
Già da qui cominciò a formarsi nella mia mente un paragone micidiale con il Cavaliere dei nostri tempi. Un non so che di foga mi prese nella lettura, per scoprire se questa similitudine venisse confermata nel prosieguo del racconto.
 
In pratica, nel nostro Didaco Cavaliere, “l’idea della conservazione delle cose si era talmente radicata e sviluppata” che non avrebbe potuto scegliere tra le professioni che quella dell’imbalsamatore. Cominci√≤ la sua ascesa nell’olimpo degli imbalsamatori con gli animali, quelli tanto amati dai rispettivi padroni che, alla loro morte, chiedevano alla sua arte di conservarne il ricordo.
 
Aveva studiato bene come fare: aveva letto con sacrale attenzione Erodoto che descriveva sapientemente i tre modi usati dagli Egizi per mummificare i morti.
Negli anni si era talmente specializzato che cominci√≤ a desiderare di “costruire la conservazione” di animali giovani, per mantenere nel tempo la loro bellezza, piuttosto che ridursi a creare collezioni di animali deformati dalla vecchiezza e dalla malattia.
Il mito della giovinezza, dell’immagine a tutti i costi, lo prendeva di tale passione che non si accorgeva delle reazioni basite dei propri vicini, dei propri amici.
 
La mia curiosità a questo punto era al massimo livello.
Quando Didaco Cavaliere fu abbastanza ricco da non avere pi√Ļ problemi di spese, costru√¨, in una specie di serra, il suo paradiso terrestre, riempiendolo di animali e piante perfettamente imbalsamati.
Scelse, allo scopo, giovani non per forza intelligenti, ma piacenti.
 
Volete un elenco? C’erano Angelino e Mariastella, Mara e Alessandra, Ignazio e Maurizio, questi ultimi della vecchia guardia ma giovani dentro.
Forse Ignazio, con il suo pizzetto luciferino, non era nel posto giusto, ma qualche errore lo concediamo pure a Didaco Cavaliere.
Insieme a questi aveva imbalsamato anche l’albero del bene e del male con tanto di serpente tentatore di nome Gianfranco.
 
Il maggior diletto di Didaco Cavaliere era passeggiare fra quegli immobili animali che lo guardavano “con innocenti occhi di vetro”.
Nei gesti e nella pacatezza dei toni aveva assunto un che di divino tanto che qualcuno lo chiamò una volta Padreterno, e da quel momento fu per tutti Padreterno.
Definitivamente, la mia intuizione iniziale si fece certezza.
 
Il finale del racconto è molto particolare: Didaco sposò una giovanissima donna di nome Teresina, a lui piacevano fresche.
Decise, ispirato dall’amore che gli "dittava" dentro, di cambiare nome alla giovane consorte e di chiamarla Eva.
Assunse qualche tempo dopo un assistente che volle per la stessa ispirazione chiamare Adamo.
 
Un giorno, assentatosi per un intervento di imbalsamazione a domicilio, rientrato di notte e prima del previsto, scopr√¨ Adamo ed Eva nudi e inequivocabilmente addormentati sotto l’albero del bene e del male.
In quei frangenti non perse la calma, nessun atto inconsulto. Con lucida e creativa freddezza trasformò i due giovani amanti nel capolavoro della sua vita. Gli iniettò un potente anestetico e li imbalsamò con somma cura.
Il suo paradiso terrestre acquisiva finalmente i propri Adamo ed Eva.
 
Ora, è facile associare metaforicamente ad Adamo un focoso e giovane leader di sinistra, e ad Eva la nostra cara e amata Italia, ma il giovane focoso ha perso le primarie quindi il mio finale non viene bene.
Resta per√≤ il fatto che tutti e due sono stati imbalsamati per sempre e in fondo mi dispiace pi√Ļ per Eva che per Adamo.
 
Leretico
 
- Immagine: La cacciata dal paradiso di Alberto Savinio, 1929
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID25963 - 18/12/2012 09:21:59 (Dru) e il naufragar m'è dolce
Ogni volont√† √® volont√† che vuole l'impossibile come √® quella del Cavaliere che ha mostrato pi√Ļ di tutti di esserne dotato in questo paese di mammoni. Semplicemente volere che una cosa sia altro da s√© √® l'impossibile e come rendere possibile l'impossibile? contraddittorio appunto non √®, come per ogni cosa d'altronde controvertibile, l'impossibile √® incontrovertibile.Ineluttabile ed ineludibile il divenire delle cose e il fluire nel loro apparire e scomparire, neanche la volont√† di berlusconi pu√≤ su tutto ci√≤.


ID25964 - 18/12/2012 11:07:12 (Aldo Vaglia)
L'Eden e' uno stato d'animo. " ...dovete avere, disse Candido al turco, una vasta e magnifica terra. Ho soltanto 20 jugeri, li coltivo coi miei figli; il lavoro allontana da noi tre grandi mali: la noia il vizio e il bisogno... Mi pare che il buon vecchio abbia destino migliore di quello dei sei Re con i quali abbiamo avuto l'onore di cenare. Le grandezze, disse Pangloss, sono pericolose secondo tutti i filosofi..." (Voltaire)


ID25969 - 18/12/2012 13:26:10 (sonia.c) nel mandragolo di luigi santucci..
un medico eccentrico ,trova il modo di imbalsamare le persone da vive, perch√® possano in eterno fermare il tempo per loro pi√Ļ felice,incuranti, del mondo vero che cambia intorno a loro..ecco! i sopra citati sarebbero felici e non farebbero pi√Ļ danno..saluti!


ID25974 - 18/12/2012 15:11:09 (sonia.c) effettivamente.. il cavaliere e la sua corte..
sono già imbalsamati da vivi.. e eva si stà svegliando..



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
15/04/2018 09:19:00
Che domenica ¬ębestiale¬Ľ Una passeggiata sulla Via Romana, la strada che collega Gavardo a Villanuova. √ą un paradiso terrestre, che ti fa dimenticare le cattiverie dei potenti

09/11/2010 07:00:00
Arriva il digitale terrestre Parte venerd√¨ dall’alta valle la rivoluzione “all digital” della televisione in Valle Sabbia. Entro il 26 il passaggio definitivo al digitale terrestre.

03/02/2010 12:00:00
Da maggio il digitale terrestre Inizierà a maggio per concludersi definitivamente a settembre il passaggio dalla televisione analogica al digitale terrestre.

19/06/2009 11:00:00
Festa per i 15 anni del rifugio “Paradiso” Domenica gli alpini di Casto danno appuntamento in localit√† Regassina per la tradizionale festa al loro rifugio “Paradiso” che quest’anno festeggia il 15¬į anno di vita.

21/03/2013 09:00:00
Rugby E' irrefrenabile: deve chiamarmi e dirmi come è finita: mi telefona e mi dice se hanno vinto o perso. Io che attendo l'ora in cui la partita verrà trasmessa in differita sul digitale terrestre, non posso nemmeno godermi la sorpresa del risultato.




Altre da Terza Pagina
13/12/2018

Un incontro sulla storia della ¬ęMagnifica Patria¬Ľ

La conferenza in programma a Sal√≤ questa sera – gioved√¨ 13 dicembre – rientra nel progetto “Storia di Sal√≤ e dintorni” promosso da Ateneo di Sal√≤ onlus

12/12/2018

Atlante Lessicale Bresciano

Questo giovedì 13 dicembre verrà presentato in Comunità Montana a Nozza di Vestone il progetto di Fondazione Civiltà Bresciana per promuovere la conoscenza del dialetto bresciano

07/12/2018

Insoliti incontri fa tappa a Vestone

Sar√† inaugurata questa domenica 9 dicembre presso la biblioteca di Vestone, la terza e ultima tappa della rassegna “Insoliti Incontri”, che vede ospite l’autoritratto di Fausto Pirandello

06/12/2018

Bacchetti, il sentimento della pittura

C’√® tempo fino a domenica 9 dicembre per ammirare le opere di Lorenzo Bacchetti nella mostra personale allestita nella Sala Moroni a Vestone

06/12/2018

¬ęLa voce potente della poesia¬Ľ

Il piccolo festival poetico promosso dall’associazione “La rosa e la spina” si conclude questa domenica, 9 dicembre, con un reading dei poeti che hanno dedicato i loro scritti al tema del cambiamento¬†

05/12/2018

Migranti di oggi e di ieri (4)

Nel 1881, venne pubblicata una denuncia, poi sfociata in una conferenza a Parigi sulla “tratta delle bianche”...

02/12/2018

Dedicato a san Giovanni Battista Piamarta

Sar√† inaugurato questo luned√¨ 3 dicembre alle 15.30 il Museo Piamarta, presso l’Istituto Artigianelli di Brescia, alla presenza del cardinale Dominique Mamberti, prefetto del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica

30/11/2018

Migranti di oggi e di ieri (3)

Eravamo visti come la feccia del pianeta! In Louisiana i figli degli italiani non potevano andare alla scuola dei bianchi... (5)

30/11/2018

¬ęA cuore scalzo¬Ľ

Il primo dei due appuntamenti del Festival della Poesia dell’associazione “La rosa e la spina” - in programma questa domenica, 2 dicembre – √® una rappresentazione dedicata alla figura della poetessa Antonia Pozzi¬†

28/11/2018

San Paolo VI, uomo moderno: lavoro e promozione umana

Questo giovedì sera un incontro organizzato dalle Acli provinciali di Brescia, in collaborazione con il Circolo Acli e la parrocchia di Villanuova per conoscere e approfondire il pensiero e il magistero di Papa Montini sui temi del lavoro e dello sviluppo

Eventi

<<Dicembre 2018>>
LMMGVSD
12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Ro√® Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Sal√≤
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia