Skin ADV
Domenica 22 Ottobre 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE




20.10.2017 Bagolino Anfo

21.10.2017 Casto Valsabbia

20.10.2017 Vobarno

22.10.2017 Roè Volciano

21.10.2017 Valsabbia

22.10.2017 Giudicarie

21.10.2017 Bagolino

22.10.2017 Vobarno

20.10.2017 Valsabbia Garda Provincia

21.10.2017 Storo






01 Ottobre 2014, 07.32

Terza pagina

Il narcisista

di Dru
Qualcuno di importante, per me, mi ha stimolato a considerare il narcisismo del nostro tempo, che ci riduce non a ciò che sentiamo di essere, ma a ciò che vorremmo per sempre essere

La società dell'immagine crea tutti i giorni dei mostri, persone che vendono la propria anima per un pugno di buoni scatti.
Alexander Lowen, psichiatra americano scomparso di recente, sostiene che il narcisismo, carattere individuale, può rendere una cultura folle.

«Nella introduzione al suo saggio 'Il narcisismo, l’identità rinnegata' Lowen definisce il narcisismo una patologia che si connota come l’estremizzazione di anteporre carriera, ricchezza materiale, frenesia produttiva, ricerca del successo professionale a tutti i costi, sacrificando su questo altare sentimenti, relazioni autentiche, accettazione del limite.»

Ora, se il folle è colui che ha perso il contatto con la propria realtà culturale, è difficile pensare che una cultura sia folle, folle è appunto l'individuo che ha perso il contatto con tale cultura.
Invece per Lowen queste due dimensioni, quella individuale o particolare del narcisista e quella universale della cultura si corrispondono e l'una modella l'altra.

Lowen in quel saggio dice che
:
«il narcisismo altro non è che un eccessivo investimento sulla propria immagine, a spese del “sé”.
I narcisisti sono più preoccupati di come appaiono che non di cosa sentono, richiudendo in sé i sentimenti, le emozioni, vendendole come “punti deboli”, e considerando autentica minaccia tutto ciò che mette in discussione la propria immagine e il proprio equilibrio.
La proliferazione delle cose materiali diventa la misura del progresso del vivere, l’uomo viene messo in contrapposizione con la donna, il dipendente al datore di lavoro, individuo alla comunità.
Quando la ricchezza occupa una posizione più alta della saggezza, quando la notorietà è più ammirata della dignità, quando il successo è più ammirato del rispetto di sé, vuol dire che la cultura stessa sopravvaluta l’immagine e deve quindi essere ritenuta “narcisista”.

Se questa era la patologia che ha “infettato” (ed era già ben visibile) negli anni ottanta la cultura del nostro tempo, ciò ha anche fatto sì che noi oggi non la riconosciamo più come tale. Il comportamento individuale narcisistico altro non è che la perfetta coerenza (e non già la distonia) con il modello culturale, dal che paradossalmente è “anormale” l’individuo “non narcisista”.
Il narcisismo dell’individuo corrisponde a quello della cultura. Noi modelliamo la cultura secondo la nostra immagine e a nostra volta siamo modellati dalla cultura.»

Quest'analisi sul narcisismo proietta, all'interno della cultura, una dinamica di interscambio, riducendo a normali certi atteggiamenti ritenuti un tempo folli da una cultura spinta a seguire questi contenuti e non intenta a cancellarli, ma perché?

Da un punto di vista filosofico questo si spiega con la dynamis, o capacità di esser o di non essere, di produrre o di non produrre, appartenendo anche all'essenza dell'Eros platonico, che è la potenza di condurre al di fuori della caverna l'uomo dell'ignoranza e dell'impotenza, rendendolo immortale.

L'immagine per il narcisista assume in sé tutta la potenza necessaria, come quell'aspetto sempre salvo e sempre nuovo che respinge via ciò che è inutile e vecchio, come volontà di possedere il più possibile e magari per sempre ciò che non permane immutabilmente, ma che è crescita infinita della capacità di produrre.

La domanda che il mio interlocutore mi poneva
è questa: può essere folle una cultura.
Certo che se la follia definita sopra fosse quel comportamento che allontana  da sé i paradigmi di una cultura, allora la risposta sarebbe negativa, no, non può una cultura essere folle.
Ma una cultura e la cultura in genere è folle perché vuole l'impossibile, questa é la follia, la follia é volere l'impossibile.

Rispondo a questo punto che certo una cultura può essere folle.

L'immagine ha fatto diventare altro le cose vecchie, le ha fatte diventare cose nuove, annientandole in quanto vecchie.
L'immagine ha annientato anche la morte e il dolore.
L'immagine annienta la morte e il dolore ma non sa che l'essenza della morte e del dolore é la fede nell'annientamento delle cose.

L'immagine del narcisista "che chiede trionfante alla morte dove sia il suo pungiglione, parla con quel pungiglione conficcato nella lingua".


Invia a un amico Visualizza per la stampa






Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/08/2014 07:38:00
La memoria e il divenire che la rinnova, lo Storico come un infelice che vuole fermare il tempo


16/04/2014 08:00:00
L'ultimo dei trovatori 2 di 3 Il giorno dopo, attrezzato di tutto punto, iniziai la faticosa salita. Era una bella giornata di sole, tiepida e luminosa.

31/10/2012 08:18:00
Alea iacta est La nuova rubrica terza pagina cerca un approccio coi lettori attraverso un'informazione che si accompagna a conoscenza e ragionamento, in un ardito tentativo pedagogico di crescita culturale.

20/11/2014 07:00:00
I nove comandamenti e il grande assente In questi tempi difficili si avverte il bisogno di un elemento fondamentale per la nostra esistenza. Esso, da qualche tempo, è latitante...

15/04/2014 08:03:00
L'ultimo dei trovatori 1 di 3 Se non fossi salito sul Monte forse quel giorno non mi sarei trovato lì, su quella panchina del Parco dei Fiori della città di Cantessa...





Altre da Terza Pagina
22/10/2017

Mani sporche

Comodo è il click col quale aprire il mondo attraverso un browser, che in fondo ci trasporta (però nell’immediato) dove il libro è stato già...

22/10/2017

Caporetto, cent'anni dopo

Da cent'anni la dolorosa disfatta di Caporetto continua a rappresentare la sconfitta militare più bruciante della nostra storia contemporanea.

19/10/2017

La preghiera del Cardinal Montini Giovanni Battista

Il 19 ottobre 2014 Paolo VI, al secolo Giovanni Battista Montini, con grande ritardo a mio giudizio, è stato proclamato beato da papa Francesco

18/10/2017

«Incontri nel chiostro», saper leggere il libro del mondo

Prende il via questo venerdì 20 ottobre presso il salone del chiostro della chiesa di Santa Maria a Gavardo, una rassegna dedicata alla politica, all’economia, alle relazioni organizzata dal Circolo Acli Medio Chiese in collaborazione con l'erigenda Unità pastorale di Gavardo

16/10/2017

«Fedi in gioco», un viaggio nelle religioni

Vi proponiamo l’interessante riflessione introduttiva di Nicola Bianco Speroni alla rassegna cinematografica sul dialogo interreligioso presentata ad Agnosine nelle scorse settimane

15/10/2017

Una guida per i più piccoli

Questo lunedì 16 ottobre alle 20,30 verrà presentata ufficialmente la guida che accompagna i bambini, soprattutto quelli dai 4 ai 7 anni, alla scoperta del Museo archeologico della Valle Sabbia di Gavardo

14/10/2017

Il cielo visto dall'osservatorio di Cima Rest

Sarà inaugurata questo sabato pomeriggio a Gavardo la mostra itinerante dedicata all’astronomia che toccherà poi le biblioteche della Valle Sabbia e del Garda, coinvolgendo i bambini della primaria


13/10/2017

Le «Ligaturae» di Elena Niboli

Sarà inaugurata questo sabato 14 ottobre a Meano di Corzano una mostra collettiva d’arte nella quale saranno presenti anche le opere dell'artista di Idro (1)

13/10/2017

Il pane di domani, dacci oggi

In uno dei miei quotidiani viaggi in treno, da Brescia a Milano e ritorno, un giorno mi trovai a disquisire sui perché della vita, sulla religione, sui novissimi, sulle molteplici visioni filosofiche, politiche, sociali, ecc., con un pretino...

10/10/2017

Tutto ciò che è detto è detto da qualcuno

Questo qualcuno è un osservatore. L’osservatore si guarda intorno e osserva. Osserva e descrive (3)

Eventi

<<Ottobre 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia