Skin ADV
Martedì 24 Gennaio 2017
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]



 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE


Castello di Tenno

Castello di Tenno

di Eliana Lombardi



23.01.2017 Giudicarie Storo

22.01.2017 Gavardo

22.01.2017 Vobarno

22.01.2017 Muscoline

22.01.2017 Bione

23.01.2017 Anfo

22.01.2017 Barghe

23.01.2017 Vobarno

22.01.2017 Giudicarie

22.01.2017 Gavardo



01 Gennaio 2017, 09.39

Maestro John

Ci vuole un fisico bestiale

di John Comini
Chissà cosa staranno facendo adesso i miei bambini? Quasi certamente avranno svolto tutti i compiti delle vacanze...
 
Tempo fa una maestra aveva dato ai suoi studenti questi strani e bellissimi compiti: erano per l’estate, ma valgono per ogni stagione…

“Fai delle belle dormite riposanti, pisolini compresi.
Se il tempo è bello, non stare chiuso in casa, esci e gioca all’aperto.
Passa tutto il tempo possibile con i tuoi genitori: se la mamma cucina qualcosa aiutala leggendole la ricetta e allungandole qualche ingrediente; se il papà ha tempo fai delle belle passeggiate con lui, a piedi o in bicicletta.

Se hai dei nonni vicino a te fatti raccontare le storie di quando erano piccoli: sono molto divertenti e loro saranno felici di parlartene. Se ti va fai con loro il disegno di quello che hanno narrato, lo appenderemo in classe al ritorno.
La sera, prima di dormire, fatti leggere una storia o un bel libro a puntate. Se la mamma o il papà sono troppo stanchi leggi tu per loro. Non dimenticare, prima di addormentarti, qualche bella coccola.

Gioca in allegria con fratelli, sorelle, cugini e amici, ricordando di aver rispetto e pazienza.
Cerca di guardare meno TV possibile: in alternativa leggi o fai un bel disegno. Lo appenderemo in classe al ritorno.
Se hai animali domestici curali con particolare attenzione e gioca tanto con loro, hanno bisogno della tua compagnia e del tuo affetto.
Se fai un piccolo viaggio con i tuoi non giocare tutto il tempo ai videogames: guarda il paesaggio, leggi i cartelli lungo la strada e segna sul quaderno di italiano, su un taccuino o su un foglio i luoghi che visiti, magari accompagnando i nomi con un disegno delle cose che più ti hanno colpito o con una bella cartolina acquistata là. Se farai questa cosa su un foglio, poi lo appenderemo in classe.

L’ultimo giorno di vacanza, ripassa le tabelline ripetendole ad alta voce.
Inoltre controlla con cura l’astuccio e la cartella, così da tornare a scuola ordinato e pronto al lavoro in classe.”
Che brava, questa maestra Margherita! 

Certo che tra vigilia di Natale, Natale, Santo Stefano, Veglione, Capodanno, a furia di mangiare mi sa che quando torno a scuola non ci passerò dalla porta.
I panettoni sono per me un’arma letale. Il guaio è che so resistere a tutto tranne che alle tentazioni (culinarie).
Come la maestra Francesca, che dice sempre “sono una donna di facili dolciumi”. Prometto sempre a mia moglie che poi calerò…per mangiare di più!
 
Ci vuole un fisico speciale per fare quello che ti pare
perché di solito a nessuno vai bene così come sei
Tu che cercavi comprensione  ti trovi lì in competizione…
Ci vuole un fisico bestiale perché siam sempre ad incrocio
a sinistra a destra oppure dritto, il fatto è che è sempre un rischio
Ci vuole molto allenamento,  per stare dritti contro il vento…
e siamo tutti molto ignoranti, ma siamo anche un po’ insegnanti…
Ci vuole un fisico bestiale perché siam barche in mezzo al mare…
(Luca Carboni)
 
Cosa si mangia l’ultimo dell’anno? Ricordo lo spettacolo “W il parroco”, in cui recitava l’amico Tano Mora con un simpaticissimo gruppo di persone. 
Bülo dele Acli.- L’ultim del’an bisogna mangià la galina, el prim del’an el porsel!
Mitraglia.- E perché?
Bülo.- Perché la galina la pucia endré e el porsel el para avanti. O egnorant!
Mitraglia.- E anché la me mama la me fa la galina empinida.
Bülo.- L’è propis vero: chi nass cojò castig de Dio. Poer Mitraglia! Te set ruinatt apò chest’an. E chel che se fa el prim del’an, sel fa tött l’an. Me sa che anche chest’an de gnare t’en catet sö puchine!
Mitraglia.- Chi, me? Giuro che no ensema ala prima fomna che me pasa davanti (passa la perpetua) Fom la seconda alà. 
Bülo.- (ridendo a più non posso) Aiuto, aiuto! So drè a pisam adoss
Mitraglia.- Chel che se fa el prim del’an sel fa tött l’an…
 
Da un po’ di anni, a settembre, nella chiesetta di Limone, c’è l’incontro fra un gruppo di amici dell’oratorio ed alcuni curati di un tempo, adesso promossi Parroci (vedi don Flavio Saleri nella foto, circondato da tanti ragazzi che gli han sempre voluto bene).
È l’occasione per  fare tutti un piccolo viaggio indietro nel tempo, anni ’70 o poco più: Oratorio, U.S.O., Livemmo, Valledrane, Scout ecc.
Una volta si è raccontato di un ultimo dell’anno “alternativo” (o era un Natale? ah la mia memoria…), durante il quale si digiunava riflettendo sui dolori del mondo. Quando c’è stata la Messa di Mezzanotte, per la Comunione il don ha fatto passare tra noi fedeli affamati un enorme pane profumato…Non vi dico le facce e l’acquolina in bocca dell’assemblea.  

E poi si cantava lo Spiritual di De André:
Dio del cielo se mi vorrai, in mezzo agli altri uomini mi cercherai.
Dio del cielo se mi cercherai, nei campi di granoturco mi troverai.
Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle vienimi a cercare
Le chiavi del cielo non ti voglio rubare ma un attimo di gioia me lo puoi regalare
Senza di te non so più dove andare come una mosca cieca che non sa più volare
oh Dio del cielo se mi vorrai amare scendi dalle stelle vienimi a salvare…
E se ci hai regalato il pianto ed il riso noi qui sulla terra non l'abbiamo diviso…
Dio del cielo io ti aspetterò nel cielo e sulla terra io ti cercherò…”
 
In uno spettacolo fatto con tutti i bambini della scuola, intitolato “La macchina del tempo”, lo Scienziato Doc diceva: “Bambini, vi regalo questi pacchi: sono pieni di giorni, ore, minuti, secondi.  
Vi auguro un dono, un dono speciale, un dono che non si può comprare.
Vi auguro tempo, tempo per studiare, tempo per sorridere, tempo per giocare.
Vi auguro tempo per guardare e gustare, tempo per ascoltare e riflettere, tempo per stare insieme, tempo per vivere, tempo per amare…
 
Mi piace anche questa RICETTA DI CAPODANNO (è dell’anno scorso, ma va sempre bene, o no?)
Prendere 12 mesi completi. Privarli accuratamente da ogni amarezza, odio e invidia.
Tagliare ogni mese in 28-30 o 31 pezzi diversi, ma non cuocerli tutti contemporaneamente.
Prepararli un giorno per volta con i seguenti ingredienti: un pizzico di forza,
un pizzico di pazienza, un pizzico di energia.
Aggiungere a ciascuno un po' di speranza, fedeltà e gentilezza.
Mescolare bene con una parte di meditazione, una di azione e una di calma.
Condire con una presa di buon umore, un pizzichino di ironia, e 
soprattutto, un'abbondante dose di ottimismo. Mettere in un recipiente d'amore e cuocere al calore del cuore! Guarnire con un sorriso e servire.”
 
In questi giorni è giusto non dimenticare quei bambini che, anziché guardare i fuochi artificiali, sono terrorizzati dalle bombe e dalla cattiveria dei grandi.
C’è una bellissima poesia di Angelo Canossi, è molto triste, lo so. Si intitola “Èl presépio dé Giacumì” 
 
Pèr montesèl
le dò o trè gòbe
d’ön socarèl
scundìt da ‘n stras
dè caneas, (canovaccio)
e pèr pianüra
‘na sparnegada
dè segadüra;
dèl möscc secat (muschio secco)
chè fa dè prat,
e dèi sentér
facc có la sèner
e fianchegiacc
dè pi, imitàcc
con ramilì
de rosmarì.
Bombas (ovatta), farina
e brilantina
i fa dè név
i fa dè brina.
Da ‘na stradina
ön pastorèl
èl ghè fa frèssa
cól bastonsèl
a ‘na vachina,
e ghè vé dré
ön gnarilì
con sö le spale
ön bossarì. (che porta sulle spalle un agnellino)
A ‘na voltada
ghè ‘n fontanì
chè gha pèr aqua
ön spicitì,
e lé, ‘ncantada,
‘na pigurina
chè gna la bév
gnà la camina
gna la camina
gna nó la bév,
ma, a dàga apéna
öna sofiada,
la möv èl có
vèrs öna stèla
con cua d’arzènt,
vignida zó,
dré a ‘n fil dè réf, (con coda scesa lungo un filo di refe)
dal firmamènt
pèr fa dè insègna
e dè lüsur  (da lume)
a ‘na capana
dè póer pastur;
a ‘na capana
endóe nó gh’è
gnac föc gna fiama
e fa dè stüa
al re dèi Re,
a Gesü bèl,
a la so Mama,
al sò Bubà
ön bò e ‘n-asnèl.
Ma a sté Presépio
fat con pazienza
e rïerensa
da la braüra
dè ‘n gnarilì,
da le manine
dè Giacumì,
chèst-an ghè manca
chèla issé bèla
cavrina bianca
co’ la gnarèla
chè smónz èl latt  (che munge)
pèr èl Bambì.
E po’ ghè manca,
a fàl perfèt,
‘l-òm dèl baghèt   (l’uomo della cornamusa)
cól cagnulì
e chèl chè canta
la nina-nana
a la capana,
e i tré Re Magi
coi so tré pagi,
chè j-è rèstacc
en dèl cassèt
pèr ‘n’improisada
chè gh’è tocada
al nòst pütì.
Entat chè ‘l staa
pèr ültimà
èl capodòpera
dè le so ma,
èl s’è sintit
nel sang ön sfriz,
e gh’è parit
chè argù ‘l ciamès
e ghè disès:
“Vé ‘n Paradis,
vé sö anche tè,
chè volóm fa,
dènt dè domà,
ön bèl Presépio
anche sö ché.”
Ch’hia dit issé
‘l-éra ön amic,
ön aiötant
dèl Giacumì
mórt da póc dé,
ön angilì
dè quàter agn
vignit dal Ciél
a portàs dré
èl so compagn.
E ‘ncö ‘l Presépio
‘l-è lé imperfèt
sensa i Re Magi
cói pìcoi pagi,
sensa cavrina,
sensa baghèt,
sensa cagnì,
sensa nüssü
chè ghè ripét
la nina-nana
a la capana.
Sé sènt apéna
‘na cantiléna
chè fa ‘ngrimì:  (rabbrividire)
sé sènt ‘na mama
chè pianz e ciama:
“Oh Giacumì!
Oh Giacumì!”.

E siccome non voglio finire tristemente, vi racconterò una strana storia, sperando di rallegrare i cuori.
Papa Francesco, nella Messa per il suo 80° compleanno, non ha concluso l'omelia dicendo: "Un po' di umorismo aiuta ad andare avanti. Il Signore ci dia questa grazia"?

E allora eccovi “Il Racconto di Natale di San John, un evangelista apocrifo” (ho messo solo i nomi dei docenti maschi, altrimenti le maestre…) 
 
“La Sacra Famiglia era diretta a Betlemme, ma sbagliò strada e si trovò in un villaggio chiamato Goglione.
Poiché non c’era posto per loro nell’albergo, si recò presso la Scuola Primaria, un bell’edificio grande e accogliente. San Giuseppe disse: “Che bello, cara Maria, qui potremo pernottare!
E Maria si preoccupò: “Sì, questo è un albergo di lusso, c’è persino una bella palestra: speriamo che non costi caro…” 

San Giuseppe suonò il campanello e apparvero i bravi bidelli che li fecero accomodare, ma sorridendo dissero: “Ci spiace ma l’asino non può entrare, ne abbiamo già abbastanza di somari!
Allora Giuseppe parcheggiò l’asinello nel piazzale, ma gli efficienti e buoni vigili non diedero la multa.

Il maestro Angelo detto l’Angelo digitale ogni tanto svolazzava nell’aere e con un dito indicava la retta via dell’informatizzazione e delle nuove tecnologie.
Suonando la chitarra, sull’aria di una canzone alpina,  cantava: “Gloria, manchi tu nell’aria, Gloria!”
San Giuseppe chiese: “Dov’è l’oste di questa strana locanda?”

Apparve la coordinatrice, con in mano un fascio di tabelle, che in modo concitato chiese: “Siete i supplenti? Siete dell’organico potenziato? No? Dovete recuperare le ore a debito? Peccato, c’erano due ore buche dopo la ricreazione!” e corse via per le scale.

Poiché Maria era stanca, cercarono di accomodarsi in biblioteca, ma era occupata da una semi-classe, allora si diressero in aula computer, ma l’addetta disse biblicamente: “Non abbiamo più toner!
Allora si diressero vero l’aula del Progetto Stranieri, ma la maestra referente esclamò: “Siete di 1^ alfabetizzazione? No? E allora mi spiace... Ci sarebbe posto, però prima dobbiamo chiedere il contributo con i Fondi del Forte Processo Immigratorio!”
Una maestra esclamò: “Eh su, insomma! Per me potete fermarvi pure, basta che non mi facciate scrivere il verbale!

Le maestre resero disponibili le proprie aule ed i bambini offrirono le loro merendine.
Giuseppe stava per addentare una brioche, ma subito intervenne una maestra: “Spiacente, ma è severamente vietato mangiare dolci!
La responsabile RSU esclamò: “Propongo di incentivare il personale ATA per la pulizia della capanna di Betlemme e per la tenuta dell’asinello e del bue!”

Intanto una maestra veterana guardava la LIM (lavagna interattiva) e provava a scriverci sopra con il gesso, ed esclamava: “Ma come mai non le fanno più nere come una volta?”  T
rovarono poi il club esclusivo delle maestre del Sud che in coro fecero: “Giuseppe e Maria, venite accà, noi c’avemo lu sole, lu mare, lu pesce friscu. Mica come al Nord che ce sta solo la nebbia, lu friddu, la polenta e osei!

Al ché il maestro John osò dire: “E perché non siete rimaste giù al Sud?!”
Allora le belle maestre esclamarono “E perché non te ne vai in pensione e liberi un posto, anzi due visto la tua mole?
E il maestro replicò “Magari! A parte che dopo dovrò sopportare mia moglie…forse è meglio la scuola!

Sì perché dal suo castello anni prima la ministra Fornero aveva fatto strage delle pensioni e molti maestri ormai anziani erano costretti ad insegnare con una scorta di pannoloni sulla cattedra, giravano con il pappagallo sempre a portata di mano, sgridati dal bidello che gridava “Non si corre in bagno!” 

La Sacra famiglia vide alcune supplenti precarie che pregavano “Prima che il gallo canti, troveremo pure una supplenza annuale!”
Giunse la dinamica DSGA (segretaria): “Avete fatto almeno due prove di evacuazione della capanna? E’ per la sicurezza del Bambino!
E le simpatiche applicate della Segreteria all’unisono: “Maria, hai fatto domanda per il congedo di maternità? Guarda che ne hai diritto, lo sai? Giuseppe, guarda che ti diamo la password per il registro elettronico. Ce l’hai il tablet?

Giunse la Dirigente che disse: “Benvenuti nel Nostro Istituto Comprensivo. Qui siamo tutti comprensivi e insegniamo con tempi distesi!”  
Nel cielo splendeva una stella, che indicò la via maestra e poi si dileguò perché era part-time. 

Il personale Ata fece le fotocopie per annunciare a tutti la Buona Novella. Giunsero i Re Magi del Comitato di Valutazione, che dissero: “Se volete il fondo per la valorizzazione del merito, dovete dimostrare di aver eseguito tutta la procedura necessaria.”
Giunsero a frotte le maestre di Villanuova, che scattarono molti selfie da condividere su Facebook. Maria disse: “Ah Beppe, qui è meglio che andiamo, altrimenti la nostra privacy va a farsi benedire”.

E se ne scapparono dal cancello delle biciclette, seguendo alcuni genitori dell’Age che sventolavano la bandiera del Progetto Pedibus.
La Sacra Famiglia evitò così di incontrare Erode e di fare le fatidiche Prove Invalsi.
Sul tetto, nella notte stellata, stavano i maestri Angelo, Luca e John che cantavano:  “Meglio sarebbe se non ti avessi amato, sapevo il credo ed ora l’ho scordato, scordato il credo scordai l’Ave Maria, come potrò salvar l’anima mia!”
 
Auguri a chi ama e non è amato, a chi ha paura del tempo che passa, a chi non si sente apprezzato per ciò che fa, a chi non conosce il vero significato della parola amicizia, a chi non riesce a comprendere che la vita è un'opportunità unica, a chi pensa che ogni giorno sia uguale all'altro, a chi non ha amici, a chi pensa di essere ormai vecchio e inutile…
 
“Zuzu.- Guarda papà, guarda. La maestra dice che quando suona una campana un angelo mette le ali. 
Dedica lasciata sul libro ‘Le avventure di Tom Sawyer’ da Clarence, Angelo di seconda classe.- Caro George, ricorda che nessun uomo è un fallito se ha degli amici. P.S. Grazie delle ali! Con affetto, Clarence. 
(dal film La vita è meravigliosa)
 
PS.- Mia moglie si lamenta (forse a ragione), dice che scrivo articoli troppo lunghi, che devo “stringere” le parole. Da che pulpito.
L’altro giorno a ora di pranzo si è accorta che mancava il pane. “Torno subito” ed è volata via.
Io ho aspettato una mezz’oretta, quando è tornata mi ha detto che ha visto la sua amica, mi ha raccontato tutti i suoi problemi, e mentre entrava nei dettagli le ho chiesto: “Scusa se ti interrompo, e il pane?” “Ah, el pà! Me someaa che ghaies verghot da comprà!
 
Ci sentiamo la settimana prossima, a Dio piacendo.

maestro John Comini
 
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG







Aggiungi commento:

Titolo o firma:

Commento: (*) ()





Vedi anche
22/08/2013 10:14:00
Per gli ultimi compiti delle vacanze A settembre, prima dell'inizio della scuola, prenderà il via a Vallio Terme la Ludoteca settembrina per consentire ai bambini della primaria di completare i detestati compiti delle vacanze

19/06/2010 07:00:00
Vacanze coi compiti, ma senza libri I docenti della scuola media di Agnosine, venendo incontro ad una richiesta da parte dei genitori, hanno deciso di non suggerire l'acquisto di libri per l'estate.

27/11/2016 07:40:00
Un mondo migliore In una pausa tra un problema con due domande ed il disegno degli angoli con il goniometro, ho chiesto ai miei bambini: “Cos’è che vi rende felici?” 

08/11/2016 17:08:00
Sos Compiti La scuola è iniziata da qualche mese ed è tempo di compiti, verifiche; inizia la routine per tutti: bambini, adolescenti, insegnanti e genitori

25/12/2016 10:02:00
Un giorno credi Vacanze di Natale! Bambini felici, maestri felici, genitori (si spera) felici di avere in casa per molti e molti giorni i propri pargoli scatenati...




Altre da Terza Pagina
23/01/2017

Le sfide di una società multietnica

Dinanzi alla nascita di una società multietnica sorge, spesso, il dilemma se debba prevalere più “accoglienza” o più “sicurezza”. Ma come e perché si è giunti a questa drammatica alternativa: accoglienza o sicurezza… o voi o noi?

22/01/2017

La morte arriva dall'alto

Una tragedia non annunciata ha colpito un hotel sulle montagne abruzzesi... (8)

22/01/2017

Futura

“Il miracolo dei bambini”, titola la Gazzetta dello Sport parlando dei fatti dell’Hotel sul Gran Sasso. I bambini a scuola sanno tutto di quel che è successo, della tragedia ma anche della speranza, delle lacrime di disperazione e anche del pianto di gioia

20/01/2017

L'infinito

 Sempre caro mi fu quest'ermo colle...

16/01/2017

Tunì 'l pustì

Andrà in scena questo sabato 21 gennaio a Barghe lo spettacolo dedicato alla Grande Guerra che vedrà in scena la compagnia teatrale “Les Provagliens” ed il coro alpino “Rigoni Stern”

15/01/2017

Ercole e Bacco a 360°

La nuova collocazione del prezioso vaso-borraccia è il primo cambiamento di un nuovo allestimento che interesserà il Museo Archeologico della Valle Sabbia di Gavardo

10/01/2017

Apertura anche il sabato mattina

Numeri in crescita anche nel 2016 per la biblioteca comunale “Eugenio Bertuetti” di Gavardo, che dal prossimo 23 gennaio amplia l’orario di apertura

09/01/2017

Grilli, grillini, grilletti

Il grillo campestre è un insetto ortottero molto diffuso in Eurasia e nel Nord Africa. I maschi hanno sul tubercolo superiore un organo che stridula (3)

08/01/2017

Oro, incenso e birra

Ecco, i re magi sono passati (si sono trasferiti di corsa al caldo), si finiscono gli avanzi di panettone e feste finite. Prossime vacanze? Lunedì 27 e martedì 28 febbraio, per Carnevale (3)

03/01/2017

Il mondo di Mario

È aperta fino al 15 gennaio la mostra dedicata all’autore de “Il sergente nella neve”, allestita nello spazio espositivo di Via Glisenti 43 a Vestone

Eventi

<<Gennaio 2017>>
LMMGVSD
1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia