Skin ADV
Venerdì 22 Febbraio 2019
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    








20.02.2019 Vobarno Provaglio VS Barghe

22.02.2019 Sabbio Chiese

21.02.2019 Serle

21.02.2019 Vestone

20.02.2019 Bagolino

22.02.2019 Bione

21.02.2019 Preseglie

20.02.2019 Serle

21.02.2019 Gavardo Valsabbia Muscoline Provincia

20.02.2019 Bagolino






08 Febbraio 2018, 15.22
Storo
La sentenza

Assolto per non aver compiuto il fatto

di Aldo Pasquazzo
Grazie a una perizia calligrafica un uomo di Storo è stato assolto con formula piena dal Tribunale di Trento

La  vicenda si trascinava da quasi tre  anni ma ieri l'altro  in tribunale a Trento il giudice Giuseppe Serao lo ha assolto per non aver compiuto il fatto.

Era fine agosto del 2015 quando un imprenditore di Storo riceve una missiva anonima, stampata a pc ma inviata all'interno di busta compilata di pugno, dal contenuto minatorio particolarmente inquietante.

L'imprenditore (già in passato scottato da un'altra vicenda) procede ad effettuare regolare denuncia-querela contro ignoti per il reato di “minaccia grave” presso i carabinieri di  Storo, cosicché  le forze dell’ordine iniziano subito le attività d'indagine disponendo, tra le altre cose, l'intervento dei RIS di Parma  per evidenziare e acquisire eventuali impronte digitali sui reperti cartacei e trasmettono infine alla Procura di Trento un fascicolo a carico di  Fabio Nascimbeni  che da questo momento diviene imputato per il reato di cui all'art.612 codice penale comma 339 (minacce aggravate).

 La Procura dispone a questo punto una perizia grafologica delle scritte apposte sulla busta contenente la lettera minatoria per accertare se le stesse fossero riconducibili alla mano del Nascimbeni. Il perito nominato giunge a sostenere che "si conferma che l'indirizzo sulla busta è stato vergato dal Nascimbeni".

Ieri l'altro alla seconda udienza è stato ascoltato il consulente grafologo di parte, Cristina Sartori, nominato dall'avvocato difensore Claudio Tasin; il consulente Sartori ha ribattuto punto dopo punto all'analisi tecnico grafologica del perito ed al termine della sua deposizione, dopo un allineamento del pubblico ministero e avvocato di parte nel richiedere l'assoluzione dell'imputato, il giudice dottor Giuseppe Serao ha sentenziato l'assoluzione con formula piena di Fabio Nascimbeni per non aver commesso il fatto a lui ascritto.

In foto: l’avvocato Tasin, la  grafologa Sartori e Nascimbeni
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID75138 - 09/02/2018 07:34:16 (roberto74) E la domanda sorge spontanea...
Chi paga questo enorme errore?????


ID75144 - 09/02/2018 14:29:07 (And75)
3 anni! 3 anni per due udienze!


ID75146 - 09/02/2018 15:23:36 (Tc) And75
Per 3 cause ci sto lavorando da piu' di 15 anni,senza contare le udienze...e pur avendo ragione,(la controparte le ha sistematicamente perse sempre),fin ora mi son dovuto,avendo ragione,sobbarcare le spese processuali...ora siamo in cassazione...speriamo di finire li...


ID75148 - 10/02/2018 01:55:44 (And75) Tc
Io 6 anni per vincere una causa assurda intentata da un mio cliente... risultato: ho vinto ma ho dovuto pagare le spese processuali perché nel frattempo lui è fallito e sparito...


ID75149 - 10/02/2018 07:34:10 (Tc) And75
esatto...ne sai qualcosa anche te...ma è inconcepibile,che in Italia,un cittadino a cui e' stata mossa una causa contro e non avendo torto,debba stare in ballo cosi tanti anni e pagarsi avendo ragione,parte delle spese processuali,anzi per aver soddisfazione,deve intentare lui una causa contro l'altra parte e pretendere il pagamento delle spese processuali dell'altra causa,insomma un giro,che fa ingrassare un po' tutti,ma il cittadino pur avendo ragione ci rimette sempre o quasi.



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
21/07/2014 10:25:00
L'assoluzione di Berlusconi L’assoluzione di Berlusconi, per non aver commesso il reato, pone nella condizione del perdente chi, pensando di essere il vincente,  credeva nella Giustizia come principio di moralità

19/06/2015 09:23:00
Morto carbonizzato in galleria, chiusa la 45 bis Nella notte un’auto è finita sotto un camion prendendo fuoco nella galleria “San Biagio” della 45 bis. Morto carbonizzato il conducente alla guida. L’incendio ha provocato danni alla galleria che rimarrà chiusa in attesa di una perizia.
Secondo aggiornamento ore 15


21/10/2010 08:28:00
Tragedia del Maniva: disposta una perizia Era il giorno buono per la sentenza, invece toccherà ad un esperto a chiarire i motivi per cui al Dosso dei Galli si è staccata la slavina.

31/03/2015 09:39:00
Arriva «Storo & 20» Cominceranno nel corso dell'estate i lavori per la costruzione di un nuovo centro ricreativo a Storo, voluto da Proloco e associaizone "Mati quadrati", in collaborazione col Comune


12/10/2018 08:37:00
In tanti al concorso Mercoledì a Storo&20 erano una sessantina alla selezione per un posto di operario comunale messo a disposizione dal comune di Storo



Altre da Storo
21/02/2019

Bachi e cavalére

Un’operazione di recupero della memoria quella che si terrà venerdì sera a Storo dove si parlerà della coltivazione dei bachi da seta, molto diffusa nelle campagne fino alla metà del secolo scorso

21/02/2019

«Prima gli italiani? No, prima gli sfruttati»

Questo sabato – 23 febbraio – a Storo il gruppo “Lavoratori senza confini” organizza un incontro per riflettere e confrontarsi sulla situazione del lavoro nei nostri paesi  (2)

20/02/2019

Storo, il Gran Carnevale in anteprima

La grande manifestazione, giunta quest'anno alla sua 52esima edizione, avrà inizio il 27 febbraio e animerà il Comune trentino fino al 9 marzo 

15/02/2019

Giovani attori protagonisti di un cortometraggio

Sarà presentato domenica a Tione il cortometraggio realizzato dall’associazione Noi del locale oratorio sotto la direzione del regista storese Giovanni Moneghini

14/02/2019

Riapre il «Peter Pan»

Nel giorno di San Valentino riapre i battenti lo storico esercizio di Storo. Dietro al bancone non più Fulvio e Antonella Grassi ma la giovane Simona Pirlo 



11/02/2019

Giovane capriolo in difficoltà

E’ stato segnalato più volte nel centro abitato di Darzo e non sarebbe in grado di riprendere la via per i boschi. Verrà portato al sicuro, lontano dalle vie del paese




04/02/2019

Gemellaggio nel segno dell'agricoltura

Sono venuti da Marano Vicentino per confrontarsi su come fare agricoltura e cooperazione. Ieri ad Agri 90 al gemellaggio erano una trentina

28/01/2019

Il ricordo degli internati militari

La prima iniziativa per il 90° delle Penne nere Storo è stata dedicata ai militari delle Giudicarie internati nei lager tedeschi, tappa di un percorso di recupero della memoria iniziato in questi ultimi anni

22/01/2019

Scritte nel sottopasso

Potrebbero essere presto identificati grazie alle telecamere di videosorveglianza i tre giovani che hanno imbrattato con dello spray blu le pareti di un sottopasso a Storo (2)

Eventi

<<Febbraio 2019>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia