Skin ADV
Mercoledì 21 Febbraio 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    

MAGAZINE


LANDSCAPE






15 Novembre 2017, 06.14

Blog - Figurine di provincia

Uomo (non identificato) di fascia

di Luca Rota
Stagione 2001-2002. Tra i nuovi approdi nella massima Serie, un quartiere di Verona, il Chievo. Quattro quattro due solido, tanta corsa, concretezza e pochi nomi noti...

Difesa solida e versatile, attacco standard per i tempi, centrocampo tutto fatica e gioco, fasce veloci dai piedi buoni ed intercambiabili.
Destra o a sinistra fa poca differenza. Spesso mister Del Neri li inverte per mandare in confusione le marcature avversarie.

Da una parte il mancino Manfredini, treccine alla Gullit e maglia numero sedici.
Dall’altra la numero quindici e un nome scritto sopra: Eriberto. Proviene dal Bologna, dove non ha pienamente convinto.

Brasiliano tutto corsa e poca tattica, si danna l’anima e spesso segna pure. Qualcuno li soprannomina le “frecce nere”. Al primo anno in A, il Chievo (poi ribattezzato “Miracolo Chievo”) arriva quinto e va in Coppa Uefa.
Eriberto impressiona maggiormente, sembra fatto su misura per gli schemi dell’allenatore friulano. Accade così che sul giocatore piomba l’interesse della Lazio.

Trattativa semplice a primo acchito,
ma nemmeno il tempo di esultare che subito arriva il colpo di scena. Eriberto dichiara di chiamarsi Luciano Siqueira, di tre anni più vecchio rispetto a quelli dichiarati sulla sua carta d’identità (‘79). Ha barato ai tempi del provino col Palmeiras, dove per limiti di età sarebbe stato scartato.
Confessa dice, per amore del figlio, perché soffre sapendo che non potrà mai portare il suo cognome. Il gesto è coraggioso e senza precedenti. Eriberto, o per meglio dire Luciano, viene severamente punito con una robusta ammenda e sei mesi di squalifica.

Nonostante si pensi ad una carriera finita, ecco che succede un alto colpo di scena.

A squalifica terminata, arriva l’offerta e il conseguente approdo a Milano, sponda Inter, dove Hectro Cuper è alla disperata ricerca di ali per decollare verso lidi importanti.
Sulle fasce di San Siro però, Luciano non sembra essere ai livelli di Eriberto, e dopo sole cinque partite all’attivo in nerazzurro, ritorna a in quel Chievo dove ancora i suoi compagni fanno fatica a capire quale sia la sua vera identità. Favola finita? Inutile dirlo, no.

Dieci stagioni consecutive (tra A e B), record di presenze secondo soltanto all’intramontabile Pellissier, corsa e sostanza inesauribili su quella fascia destra che lo vede ancora padrone e sempre operaio.
Una grande presenza la sua nella mediana clivense, dove gioca anche da interno, e che gli vale l’offerta di rinnovo a trentasette anni suonati.
Offerta che però declina, decidendo di ritornare in Brasile, da dove quasi vent’anni prima era partito Eriberto, per ritornarvi Luciano.

Ad oggi è ancora in Italia, dove studia da allenatore, lui che è stato uomo di fascia veloce ed intraprendente, sia che si trattasse di puntare il fondo, sia tagliare verso l’area o addirittura tornare in ripiego.
Uno di quelli come quasi non ne esistono più, vuoi perché il calcio è cambiato, vuoi perché oggi si punta molto su caratteristiche diverse nell’interpretazione del ruolo.

Ma di Luciano (fu Eriberto) credo si ricorderanno in tanti, sia per la storia personale, sia perché uno dei più forti uomini di fascia che la provincia calcistica e l’intera serie A abbiano mai visto.

Luca Rota
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID74166 - 15/11/2017 20:47:19 (delirio) BEI RICORDI
A proposito di Chievo Verona voglio ricordare che molti anni faal comunale di Vobarno (campionato serie D girone B 1977-78)il Chievo Verona è stato battuto per 4 a 2 dalla squadra di casa. Forza Vobarno



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

24/01/2018 09:00:00
L'uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato Quella di oggi è la storia di una figurina molto particolare, una meteora transitata per i campi della serie A, che ricordiamo non tanto per ciò che ha fatto, ma per quello che “non avrebbe dovuto fare” 

22/05/2017 17:15:00
Dalla Nuova Valsabbia al Chievo Verona Il portiere dei Giovanissimi della squadra valsabbina nella prossima stagione vestirà la maglia numero 1 del Chievo Verona Under 16

01/12/2017 09:00:00
Esuli (del pallone) Di loro ricordiamo quelli “famosi”, o che magari hanno avuto carriere più gloriose. Molti non sono noti ai più, e di certo non stiamo parlando di emigranti “standard”, quelli in cerca di un futuro migliore in terre lontane...

03/11/2017 13:37:00
L'uomo della trequarti Anni Novanta, primi anni Novanta. I gloriosi Anni Novanta del calcio italiano...



Altre da Blog - Figurine di provincia
05/02/2018

Il collezionista di casacche

La figurina di questa settimana possiede una carta d’identità (calcistica) assai variegata

24/01/2018

L'uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato

Quella di oggi è la storia di una figurina molto particolare, una meteora transitata per i campi della serie A, che ricordiamo non tanto per ciò che ha fatto, ma per quello che “non avrebbe dovuto fare” 

14/01/2018

Il principe cadetto

C’è chi in seconda fila brilla ed in prima s’eclissa. Forse questa massima di Voltaire sintetizza in pieno la carriera della figurina in questione

06/01/2018

Working class player

Ci sono storie così vere che sembrano scritte apposta per coinvolgere il lettore. Quando invece scopriamo che sono realmente accadute, allora lì comprendiamo che dietro a ciò che vediamo si nascondono sacrificio e sofferenza, nonostante i lauti contratti e le vite da sogno (1)

31/12/2017

Non un «uno» qualunque

Palermo-Milano solo andata. Non è il titolo del celebre film di Claudio Fragrasso, ma la sintesi dell’adolescenza calcistica di Massimo Taibi

17/12/2017

Il ritardatario

Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

11/12/2017

Numero 5

Eugenio Corini nasce sia calcisticamente che fisicamente in quel di Brescia, a Bagnolo Mella, dove esordisce alla fine degli anni Ottanta. Del numero di maglia poco gli importa; lui gioca, e lo fa anche piuttosto bene… 

01/12/2017

Esuli (del pallone)

Di loro ricordiamo quelli “famosi”, o che magari hanno avuto carriere più gloriose. Molti non sono noti ai più, e di certo non stiamo parlando di emigranti “standard”, quelli in cerca di un futuro migliore in terre lontane...

22/11/2017

Senza categoria

Quando le categorie non contano. Potrebbe essere questo lo spot riguardante la “figurina” di questa settimana. Sì, perché fare quello che ha fatto lui, non è roba da tutti, né di bassa categoria. Al massimo di un’altra categoria!

03/11/2017

L'uomo della trequarti

Anni Novanta, primi anni Novanta. I gloriosi Anni Novanta del calcio italiano...

Eventi

<<Febbraio 2018>>
LMMGVSD
1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Giudicarie
  • Storo
  • Provincia