Skin ADV
Mercoledì 20 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




MAGAZINE


LANDSCAPE




18.06.2018 Vestone

18.06.2018 Sabbio Chiese Bagolino Valsabbia

19.06.2018 Idro

19.06.2018 Val del Chiese Storo

18.06.2018 Capovalle

19.06.2018 Gavardo

18.06.2018 Bagolino Valsabbia Val del Chiese

18.06.2018 Idro Valsabbia

18.06.2018 Vobarno

19.06.2018 Vallio Terme





15 Novembre 2017, 06.14

Blog - Figurine di provincia

Uomo (non identificato) di fascia

di Luca Rota
Stagione 2001-2002. Tra i nuovi approdi nella massima Serie, un quartiere di Verona, il Chievo. Quattro quattro due solido, tanta corsa, concretezza e pochi nomi noti...

Difesa solida e versatile, attacco standard per i tempi, centrocampo tutto fatica e gioco, fasce veloci dai piedi buoni ed intercambiabili.
Destra o a sinistra fa poca differenza. Spesso mister Del Neri li inverte per mandare in confusione le marcature avversarie.

Da una parte il mancino Manfredini, treccine alla Gullit e maglia numero sedici.
Dall’altra la numero quindici e un nome scritto sopra: Eriberto. Proviene dal Bologna, dove non ha pienamente convinto.

Brasiliano tutto corsa e poca tattica, si danna l’anima e spesso segna pure. Qualcuno li soprannomina le “frecce nere”. Al primo anno in A, il Chievo (poi ribattezzato “Miracolo Chievo”) arriva quinto e va in Coppa Uefa.
Eriberto impressiona maggiormente, sembra fatto su misura per gli schemi dell’allenatore friulano. Accade così che sul giocatore piomba l’interesse della Lazio.

Trattativa semplice a primo acchito,
ma nemmeno il tempo di esultare che subito arriva il colpo di scena. Eriberto dichiara di chiamarsi Luciano Siqueira, di tre anni più vecchio rispetto a quelli dichiarati sulla sua carta d’identità (‘79). Ha barato ai tempi del provino col Palmeiras, dove per limiti di età sarebbe stato scartato.
Confessa dice, per amore del figlio, perché soffre sapendo che non potrà mai portare il suo cognome. Il gesto è coraggioso e senza precedenti. Eriberto, o per meglio dire Luciano, viene severamente punito con una robusta ammenda e sei mesi di squalifica.

Nonostante si pensi ad una carriera finita, ecco che succede un alto colpo di scena.

A squalifica terminata, arriva l’offerta e il conseguente approdo a Milano, sponda Inter, dove Hectro Cuper è alla disperata ricerca di ali per decollare verso lidi importanti.
Sulle fasce di San Siro però, Luciano non sembra essere ai livelli di Eriberto, e dopo sole cinque partite all’attivo in nerazzurro, ritorna a in quel Chievo dove ancora i suoi compagni fanno fatica a capire quale sia la sua vera identità. Favola finita? Inutile dirlo, no.

Dieci stagioni consecutive (tra A e B), record di presenze secondo soltanto all’intramontabile Pellissier, corsa e sostanza inesauribili su quella fascia destra che lo vede ancora padrone e sempre operaio.
Una grande presenza la sua nella mediana clivense, dove gioca anche da interno, e che gli vale l’offerta di rinnovo a trentasette anni suonati.
Offerta che però declina, decidendo di ritornare in Brasile, da dove quasi vent’anni prima era partito Eriberto, per ritornarvi Luciano.

Ad oggi è ancora in Italia, dove studia da allenatore, lui che è stato uomo di fascia veloce ed intraprendente, sia che si trattasse di puntare il fondo, sia tagliare verso l’area o addirittura tornare in ripiego.
Uno di quelli come quasi non ne esistono più, vuoi perché il calcio è cambiato, vuoi perché oggi si punta molto su caratteristiche diverse nell’interpretazione del ruolo.

Ma di Luciano (fu Eriberto) credo si ricorderanno in tanti, sia per la storia personale, sia perché uno dei più forti uomini di fascia che la provincia calcistica e l’intera serie A abbiano mai visto.

Luca Rota
Invia a un amico Visualizza per la stampa

TAG





Commenti:

ID74166 - 15/11/2017 20:47:19 (delirio) BEI RICORDI
A proposito di Chievo Verona voglio ricordare che molti anni faal comunale di Vobarno (campionato serie D girone B 1977-78)il Chievo Verona è stato battuto per 4 a 2 dalla squadra di casa. Forza Vobarno



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
17/12/2017 16:15:00
Il ritardatario Da piccolo sfogliando l’album delle figurine, arrivato nella sezione dedicata alla Serie B, subito risaltavano ai miei occhi due nomi...

22/05/2017 17:15:00
Dalla Nuova Valsabbia al Chievo Verona Il portiere dei Giovanissimi della squadra valsabbina nella prossima stagione vestirà la maglia numero 1 del Chievo Verona Under 16

24/01/2018 09:00:00
L'uomo sbagliato al posto sbagliato, nel momento sbagliato Quella di oggi è la storia di una figurina molto particolare, una meteora transitata per i campi della serie A, che ricordiamo non tanto per ciò che ha fatto, ma per quello che “non avrebbe dovuto fare” 

04/06/2018 09:25:00
Il dandy Classe, talento, grinta, dribbling e corsa. Aggiungici la voglia di emergere e una sicurezza nei propri mezzi da fare invidia ai più grandi, ed ecco servito il giusto mix: Gianluigi Lentini 

19/04/2018 07:00:00
Le petit Zidane Classe, eleganza, movimenti e giocate da predestinato. Un trequartista. Mourad Meghni la Francia la lascia giovanissimo, direzione Emilia, dove conosce la serie A vestendo il rossoblu bolognese



Altre da Sport
20/06/2018

Prime giornate, prime sorprese, primi gol

Pronti, partenza, via! L’esordio di questo Mondiale russo ci pone subito davanti un particolare non da poco. Sembra che la dicotomia grandi/piccole, favorite/sfavorite, abbia abdicato lasciando il posto a partite aperte e spettacolari, senza risultati scontati o match a senso unico

20/06/2018

Sport e divertimento e con il Green Volley Bagolino

C’è tempo fino a questo mercoledì sera per iscriversi al torneo di pallavolo sull’erba 3x3 maschile, femminile e misto in programma nel fine settimana al parco Pineta

20/06/2018

Baitoni - Bondone, ha vinto Pasquale Bentivoglio

Il pilota comasco si è aggiudicato il primo posto nel tradizionale slalom automobilistico a cui hanno preso parte quest'anno ben 60 piloti 


19/06/2018

Yoga per tutti

Un modo semplice e piacevole per avvicinarsi alla disciplina e ai suoi benefici quello che propone la Polisportiva vobarnese, gratuitamente, per i prossimi quattro venerdì 

19/06/2018

Weekend di «Green Volley» a Darzo

La manifestazione sportiva si è svolta con grande successo lo scorso fine settimana al centro sportivo “Mariano Beltrami” di Darzo, come da tradizione 

19/06/2018

Troppo Precotto per l'Esti Barghe

Semifinale regionale contro i campioni in carica fatale al Volley Barghe, eliminato per il secondo anno consecutivo dal Precotto Volley

18/06/2018

Un Grande Cosenza ritorna in B

Oggi vi voglio parlare di qualcosa che sembrerebbe avere poco a che fare con la Valle Sabbia, ma che così non è. (3)

18/06/2018

Pompegnino Vertical Trail è sempre più internazionale

Alla corsa in montagna di Vobarno vincono Kenya e Ruanda: Kiyaka nella 10km e Simukeka nella 18km per la prima volta

17/06/2018

A Tabarelli la Sunset Bike

Arriva sugli sterrati della 12ª Sunset Bike la prima vittoria in carriera del giovane Leonardo Tabarelli che quest'oggi non ha avuto rivali lungo i 41km della granfondo bresciana con oltre 200 bikers provenienti da tutta Italia ai nastri di partenza

17/06/2018

Il Catania "argentino"

C’è un filo conduttore che lega il Catania alla serie in A, sin dal suo ritorno nel 2006 fino alla retrocessione del 2014


Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia