Skin ADV
Giovedì 21 Giugno 2018
Utente: Password: [REGISTRATI] [RICORDAMI]


 
    




MAGAZINE


LANDSCAPE




19.06.2018 Idro

19.06.2018 Val del Chiese Storo

20.06.2018 Gavardo

20.06.2018 Idro Vestone Treviso Bs Lavenone Valsabbia

19.06.2018 Gavardo

20.06.2018 Vobarno Mura Garda

19.06.2018 Vallio Terme

21.06.2018 Mura

20.06.2018 Valsabbia

20.06.2018 Val del Chiese





14 Novembre 2017, 09.43

Calcio

Storia triste

di Luca Rota
Non andremo ai Mondiali. La prima ed unica volta accadde sessant’anni fa. Perché alla prima edizione (nel '30) non partecipammo per scelta, mentre nel ‘58 fu l’Irlanda del Nord ad estrometterci da quella di Svezia.

Ieri sera il caso ha voluto che fosse proprio la nazionale scandinava a negarci il pass per Russia 2018. È strano però come questa eliminazione, oltre ad essere estremamente amara, sia prettamente storica. Perché a voler essere pignoli, sarà addirittura la prima volta che non parteciperemo ai Mondiali con in palio la Coppa del Mondo Fifa (l’edizione del ‘70 fu l’ultima nella quale si assegnava la Coppa Rimet, poi definitivamente portata a casa dal Brasile).

Parlare della doppia sfida disputatasi sul binario Solna – Milano, oppure dell’altalenante girone di qualificazione affrontato dalla nostra nazionale, sarebbe a mio avviso ridondante. Siamo fuori per demerito generale. Punto. Questo è il frutto della non programmazione effettuata negli ultimi vent’anni. Generazioni dorate come quelle di due decenni fa non nascono come i funghi. Bisogna coltivarle. E ci vuole anche fortuna nell’averle. Ai tempi per problemi di abbondanza, restava fuori dal giro azzurro gente che ad oggi avrebbe sicuramente fatto comodo.

Ora si assisterà all’ennesima rifondazione: cambio della guida tecnica, addio di molti reduci storici e nuove facce in quel di Coverciano. Svecchiare e puntare sulle nuove leve rampanti. Non c’è altra soluzione. E aggiungo, sarebbe anche ora!

Comunque per la cronaca, siamo fuori con un autogol, dopo centottanta minuti ed appena due tiri in porta subiti (autogol compreso). Prestazione vergognosa, condita da un po’ di gioco in più rispetto all’andata, e da un assalto alla baionetta negli ultimi venti minuti, forse strappalacrime, ma fattivamente inconcludente.

Simulatori, picchiatori,
scorretti e provocatori loro. Lenti, prevedibili, molli e scarsi noi. Ecco la sintesi breve di una disfatta sportiva che si commenta da se. Perché amarezza a parte, e senza raccapezzarci su moduli, uomini e tattiche, questa non qualificazione è ahinoi storia calcistica di casa nostra. Una storia triste.
Invia a un amico Visualizza per la stampa




Commenti:

ID74126 - 14/11/2017 11:05:40 (pierdo53) molto molto triste
anche se prevedibile


ID74127 - 14/11/2017 11:06:01 (Valsabbino) La Globalizzazione ...
Fortunatamente non seguo molto il mondo del calcio, però non ci vuole un grande studio per capire che è tutto una gran "marchetta"! Attori piagnucolosi, ben pettinati, di uno spettacolo indegno. Sono fermamente convinto che una qualsiasi squadra Italiana, di Lega Pro o minore, avrebbe fatto una figura migliore! Perchè?!? Perchè quelli hanno ancora voglia di giocare a calcio! Hanno fame di vincere! Hanno voglia di... Diventare come quelli di ieri sera: ricchi, belli e con una velina alta e "buona" a fianco! E con un buon contratto con uno sponsor famoso... Punto


ID74128 - 14/11/2017 12:46:12 (Tc) valsabbino...
quoto tutto al 100%...mettiamoci anche un allenatore Sventura con un modulo improponibile e senza palle per prender in mano una nazionale di piagnuocolosi pomatati...in qualche modo rispecchia pure l'andazzo della nazione...poera Italia!


ID74130 - 14/11/2017 12:56:59 (ibisco) E' l'andazzo dell'Italia
Troppi soldi regalati a chi non li guadagna, a chi fa' disastri: politici, grandi manager, pero' tranquilli chi fa' andare male la baracca sono quei mascalzoni di pensionati a 1400 euro, blocchiamo loro la pensione e tutto si mette a posto.


ID74135 - 14/11/2017 15:26:01 (griso) L'ennesima sconfitta italiana
L'eliminazione alle qualificazioni ai mondiali di Russia 2018, rispecchia la triste situazione sociale-politica-economica


ID74136 - 14/11/2017 15:35:05 (griso) L'ennesima sconfitta italiana...
....e finanziaria dell'Italia dei giorni nostri. Speriamo almeno che questa lezione di vita possa servire a ridimensionare la triste e surreale realtà del mondo del calcio. Ventura,mper quanto mi riguarda, è semplicemente vittima di un sistema che non poteva continuare a regalare false illusioni. Che possa servire di lezione per un cambiamento radicale ed immediato, ripartiamo dal calcio se così deve essere!


ID74141 - 14/11/2017 19:55:22 (pluto)
Complimenti a Luca Rota che senza calare dall'alto verità calcistiche o moduli 4-4 Bo? ha fatto scaturire commenti condivisibili da addetti e non.


ID74144 - 14/11/2017 21:38:24 (PETER72) Un analisi che però...
affermando che "questo è il frutto della non programmazione effettuata negli ultimi vent'anni" dimentica che in mezzo a questi venti anni circa dieci anni fa eravamo tutti qui ad esultare la vittoria del quarto mondiale da parte della nazionale azzurra. Il calcio è fatto così, oggi si vince, domani si perde e comunque vada tutti poi ci ricamano sopra l'articoletto


ID74145 - 15/11/2017 06:28:47 (bernardofreddi)
D'accordo, è colpa di Ventura, di Tavecchio ecc. Ma consentitemi una domanda: cosa fumano quelli che inventano i ranking e ti mettono nello stesso girone eliminatorio Spagna e Italia, o peggio Francia, Svezia e Olanda, spalancando nel contempo autostrade a nazionali mediocri che hanno solo la fortuna di incontrare avversari inconsistenti?


ID74151 - 15/11/2017 11:58:58 (ulisse46) Ora e' il momento di cambiare
Basta soldi al business calcio e piu' soldi agli SPORT VERI. Il fallimento del calcio e' sotto gli occhi di tutti, giocatori fallosi e simulatori, tifoserie militarizzate e giri di affari milionari. BASTA!!!! Non se ne puo' piu'!!



Aggiungi commento:

Titolo o firma:

risposta a:

Commento: (*) ()





Vedi anche
24/08/2017 06:28:00
Buon Campionato! La prima è andata, ora sotto con la seconda e poi pausa (per gli impegni della Nazionale). Il calcio d'Agosto oltre al mercato, porta con sé in dote l'inizio del campionato e con esso le primissime impressioni su ciò che ci attenderà nell'anno del Mondiale

14/05/2012 09:00:00
S'infrange a Cuneo il sogno della Berretti rossoblù Gli uomini di mister Pancheri sprecano il doppio vantaggio sui piemontesi e si lasciano rimontare sino al 3-2 finale che costringe i rossoblù all'eliminazione dalle fasi finali nazionali del campionato giovanile

16/06/2018 08:03:00
Le donne al Mondiale, gli uomini in vacanza Sembra uno scherzo del destino, oppure è un segno dei tempi: chi al Mondiale c’è sempre andato (con l’unica eccezione nel ’58) non ci andrà, mentre chi non c’è andato quasi mai, ci andrà

07/06/2018 08:00:00
L'Italia del Mancio Roberto Mancini è l’uomo giusto per il rilancio della nostra nazionale? Giusto porci questo interrogativo proprio mentre l’età di mezzo del calcio italiano vede l’approdo in azzurro delle nuove generazioni, ampiamente fornite di talento e spregiudicatezza 

20/01/2013 09:50:00
Mondiale su pista per la Frapporti Grazie ai risultati che sta ottenendo ad Aguascalientes, in Messico, la partecipazione con la Nazionale al Mondiale su pista di Simona Frapporti è ben più di un'ipotesi



Altre da Sport
21/06/2018

Real Serle ai nazionali di Bellaria

Bilancio più che positivo per la squadra di calcio serlese alla sua prima stagione nel campionato Anspi a 7 giocatori, con un secondo posto ai regionali che la porta alle finali nazionali

20/06/2018

Prime giornate, prime sorprese, primi gol

Pronti, partenza, via! L’esordio di questo Mondiale russo ci pone subito davanti un particolare non da poco. Sembra che la dicotomia grandi/piccole, favorite/sfavorite, abbia abdicato lasciando il posto a partite aperte e spettacolari, senza risultati scontati o match a senso unico

20/06/2018

Sport e divertimento e con il Green Volley Bagolino

C’è tempo fino a questo mercoledì sera per iscriversi al torneo di pallavolo sull’erba 3x3 maschile, femminile e misto in programma nel fine settimana al parco Pineta

20/06/2018

Baitoni - Bondone, ha vinto Pasquale Bentivoglio

Il pilota comasco si è aggiudicato il primo posto nel tradizionale slalom automobilistico a cui hanno preso parte quest'anno ben 60 piloti 


19/06/2018

Yoga per tutti

Un modo semplice e piacevole per avvicinarsi alla disciplina e ai suoi benefici quello che propone la Polisportiva vobarnese, gratuitamente, per i prossimi quattro venerdì 

19/06/2018

Weekend di «Green Volley» a Darzo

La manifestazione sportiva si è svolta con grande successo lo scorso fine settimana al centro sportivo “Mariano Beltrami” di Darzo, come da tradizione 

19/06/2018

Troppo Precotto per l'Esti Barghe

Semifinale regionale contro i campioni in carica fatale al Volley Barghe, eliminato per il secondo anno consecutivo dal Precotto Volley

18/06/2018

Un Grande Cosenza ritorna in B

Oggi vi voglio parlare di qualcosa che sembrerebbe avere poco a che fare con la Valle Sabbia, ma che così non è. (3)

18/06/2018

Pompegnino Vertical Trail è sempre più internazionale

Alla corsa in montagna di Vobarno vincono Kenya e Ruanda: Kiyaka nella 10km e Simukeka nella 18km per la prima volta

17/06/2018

A Tabarelli la Sunset Bike

Arriva sugli sterrati della 12ª Sunset Bike la prima vittoria in carriera del giovane Leonardo Tabarelli che quest'oggi non ha avuto rivali lungo i 41km della granfondo bresciana con oltre 200 bikers provenienti da tutta Italia ai nastri di partenza

Eventi

<<Giugno 2018>>
LMMGVSD
123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930



  • Valsabbia
  • Agnosine
  • Anfo
  • Bagolino
  • Barghe
  • Bione
  • Capovalle
  • Casto
  • Gavardo
  • Idro
  • Lavenone
  • Mura
  • Odolo
  • Paitone
  • Pertica Alta
  • Pertica Bassa
  • Preseglie
  • Prevalle
  • Provaglio VS
  • Roè Volciano
  • Sabbio Chiese
  • Serle
  • Treviso Bs
  • Vallio Terme
  • Vestone
  • Villanuova s/C
  • Vobarno

  • Valtenesi
  • Muscoline
  • Garda
  • Salò
  • Val del Chiese
  • Storo
  • Provincia